Artículos

Il cardinale Parolin spiega come rendere coese le società di fronte alla polarizzazione

Il discorso del Segretario di Stato della Santa Sede, cardinale Parolin, alla Conferenza Internazionale sulle Società Coese (CIEC) offre diversi spunti per evitare la polarizzazione.

Antonino Piccione·14 de septiembre de 2022·Tiempo de lectura: 2 minutos

Testo originale del articolo in spagnolo qui

Solidarietà significa superare le conseguenze disastrose dell’egoismo per cedere il passo al valore dei gesti di ascolto. In questo senso, la solidarietà è un mezzo per fare la storia”. È questo uno dei passaggi chiave del discorso che il cardinale Pietro Parolin, Segretario di Stato della Santa Sede, ha pronunciato a distanza alla Conferenza internazionale sulle società di coesione (ICCS), che si è aperta oggi a Singapore.

Una società è  coesa, ha detto, se persegue l’obiettivo di formare individui capaci di relazionarsi tra loro e di trascendere l’individualismo dell’io per abbracciare la diversità del noi. Secondo Parolin, per raggiungere l’obiettivo di una società coesa e solidale, dobbiamo essere promotori e corresponsabili della solidarietà; costruire la solidarietà puntando sul talento, l’impegno e la leadership dei giovani; solidarietà per creare città accoglienti, cioè “ricche di umanità e ospitali, nella misura in cui siamo capaci di prendersi cura e ascoltare chi è nel bisogno; e se siamo in grado di impegnarci in modo costruttivo e cooperativo per il bene di tutti”.

Il cardinale ha anche insistito sulla necessità di riconoscere i problemi degli altri e sull’importanza della vicinanza e della generosità quando si è coinvolti nella cura del prossimo. In questo modo, la solidarietà lascerà il segno nella storia.

Dalla polarizzazione alla coesione

Queste sono le chiavi per affrontare i fattori di rischio di una società coesa, in cui la coesione va oltre l’armonia razziale e religiosa, e comprende anche migrazione e multiculturalismo, disuguaglianza sociale ed economica, divario digitale e relazioni intergenerazionali. Questi problemi influenzano la tenacità e la solidarietà tra individui e comunità, secondo la professoressa Lily Kong, presidente della Singapore Management University.

La Conferenza è organizzata presso il Raffles City Convention Center dalla Scuola di Studi Internazionali S. Rajaratnam e con il sostegno del Ministero della Cultura, Comunità e Gioventù del Paese asiatico. Sotto lo slogan «Secure Identities, Connected Communities» (Identità sicure, comunità connesse) questo evento di tre giorni, inaugurato dal Presidente di Singapore, Halimah Yacob, riunisce più di 800 delegati provenienti da più di 40 paesi attorno a tre pilastri fondamentali: fede, identità e coesione. 

Sessioni previste

Sono state programmate tre sessioni plenarie: la prima è dedicata a «Come la fede può colmare le divisioni», con l’obiettivo di indagare le ragioni dell’aumento e del perdurare della polarizzazione sociale dovuta a convinzioni ideologiche o religiose. Promuovere la pace e il dialogo interreligioso. La seconda sessione plenaria è incentrata su “Come sfruttare la diversità per il bene comune”. L’idea è di puntare su strumenti e concetti per comprendere un mondo segnato dalla «super diversità», cioè dall’esistenza di società molto complesse ed eterogenee, con la speranza di favorire legami autentici, anche da posizioni e letture diverse, per il bene comune.

Infine, c’è la sessione sul “Come la tecnologia può essere utilizzata per promuovere la fiducia reciproca”: le piattaforme digitali possono creare camere di risonanza per scopi divisivi, a scapito della coesione sociale. L’obiettivo è mostrare come le piattaforme online possano essere fari di coesione e speranza, piuttosto che vettori di divisione e odio.

El autorAntonino Piccione

Colabora
¿Quieres noticias independientes, veraces y relevantes?

Querido lector, Omnes informa con rigor y profundidad sobre la actualidad religiosa. Hacemos un trabajo de investigación que permita al lector adquirir criterio sobre los acontecimientos y las historias que suceden en el ámbito católico y la iglesia. Tenemos a firmas estrellas y corresponsales en Roma que nos ayudan a que la información de fondo sobresalga sobre el ruido mediático, con distancia ideológica e independencia.

Te necesitamos para afrontar los nuevos retos de un panorama mediático cambiante y una realidad que exige reflexión, necesitamos tu apoyo.

Colabora
Más en Omnes
Newsletter La Brújula Déjanos tu mail y recibe todas las semanas la actualidad curada con una mirada católica