Cultura

Storia della Via Crucis al Colosseo

Questo 2022, il Vaticano ha annunciato che a distanza di due anni dalla sospensione dovuta alla pandemia, il Papa avrebbe presieduto nuovamente la celebrazione della Via Crucis nel Colosseo a Roma. Difatti sia nel 2020 che nel 2021 questa devozione è stata celebrata in Piazza San Pietro e in maniera molto ridotta.

Maria José Atienza·20 de abril de 2022·Tiempo de lectura: 2 minutos
via crucis coliseo

Testo originale del articolo in spagnolo qui
Traduzione: Lino Bertuzzi

La tradizione della Via Crucis a Roma affonda le sue radici nel diciottesimo secolo, quando un gruppo di fedeli iniziò a radunarsi attorno al missionario francescano Leonardo da Porto Maurizio nel convento di San Bonaventura, sul Palatino, la domenica di primo mattino,  per pregare la Via Crucis.

Questo sacerdote è stato uno dei grandi promotori della devozione alla Via Crucis, mosso dal fervore che questa pratica di pietà suscitava in coloro che la praticavano. A questo missionario francescano, infatti, è attribuita la creazione di oltre mezzo migliaio di Via Crucis, nella sola Italia. Leonardo da Porto chiese a papa Benedetto XIV il permesso di formare una confraternita e organizzare la Via Crucis nell’Anfiteatro Flavio per unire a queste preghiere una serie di meditazioni sulla Passione di Gesù. Il Papa accettò e incaricò la creazione dell’associazione al cardinale vicario Giovanni Antonio Guadagni. Nel frattempo, il Papa  ordinò il restauro delle quattordici edicole che già si trovavano intorno all’arena. 

L’autorizzazione fu concessa il 13 dicembre 1749 e, dopo pochi mesi, iniziarono i lavori per la costruzione delle quattordici stazioni della Via Crucis all’interno del Colosseo. 

Il Colosseo era stato un luogo di venerazione sin dal V secolo, al cui interno era stata eretta nel XV secolo la Cappella della Pietà. Infatti, nei decenni precedenti, il Colosseo aveva ospitato rappresentazioni sacre, e papa Clemente X lo aveva consacrato alla memoria della Passione. Tuttavia, quando è arrivata la richiesta di Leonardo da Porto Maurizio, il monumento era da tempo in disuso e in condizioni abbastanza deplorevoli.

La nuova Arciconfraternita degli Amanti di Gesù e Maria sul Calvario fu eretta il 17 dicembre 1750 e dieci giorni dopo furono benedette le edicole e la croce del Colosseo. Da quel momento l’Arciconfraternita ha eseguito il rito della Via Crucis ogni venerdì e domenica, in vari anniversari e durante la Settimana Santa, percorrendo la Via Sacra fino all’Anfiteatro Flavio. Per circa 100 anni, la pratica della Via Crucis nel Colosseo ha avuto una grande partecipazione di fedeli.Tuttavia declinò quando la croce fu rimossa nel 1874 a causa del ritrovamento di edifici nella zona inferiore.

Nel 1926 la croce sarebbe poi tornata nel suolo del circo. La grande Croce dell’Arciconfraternita degli Amanti di Gesù e Maria del Calvario si trova nella chiesa di San Gregorio Magno dei Muratori dal 1937. Nel 1959 san Giovanni XXIII restaurò il rito della Via Crucis nel Colosseo, e poco dopo san Paolo VI avrebbe ripetuto questo pio esercizio. Da allora, i Papi successivi hanno pregato pubblicamente questa Via Crucis al tramonto del Venerdì Santo insieme a centinaia di fedeli che, ogni anno, ricordano e meditano la passione del Signore insieme alle antiche e moderne sofferenze dell’Umanità sulla sabbia del l’anfiteatro

Leer más
Colabora
¿Quieres noticias independientes, veraces y relevantes?

Querido lector, Omnes informa con rigor y profundidad sobre la actualidad religiosa. Hacemos un trabajo de investigación que permita al lector adquirir criterio sobre los acontecimientos y las historias que suceden en el ámbito católico y la iglesia. Tenemos a firmas estrellas y corresponsales en Roma que nos ayudan a que la información de fondo sobresalga sobre el ruido mediático, con distancia ideológica e independencia.

Te necesitamos para afrontar los nuevos retos de un panorama mediático cambiante y una realidad que exige reflexión, necesitamos tu apoyo.

Colabora
Más en Omnes
Newsletter La Brújula Déjanos tu mail y recibe todas las semanas la actualidad curada con una mirada católica