Teologia del XX secolo

Sertillanges e la sintesi cristiana

Antonin-Dalmace Sertillanges (1863-1948) è stato un grande studioso di San Tommaso e un testimone attento dello stato del pensiero contemporaneo. Ha lasciato un'opera ampia e coerente e un libro meraviglioso sulla vita intellettuale. 

Juan Luis Lorda-7 luglio 2020-Tempo di lettura: 7 minuti

Sertillanges, illustre domenicano, morì all'età di 84 anni il 26 luglio 1948. Né la data, all'inizio dell'estate, né le circostanze, né tantomeno l'anno, erano il momento migliore per morire. Poche persone ne hanno sentito parlare. E non sono stati scritti quasi necrologi o ricordi personali, a parte quelli della sua compagna nell'ordine che fungeva da segretaria, Marie Dominique Moos, da cui proviene quasi tutto ciò che sappiamo su di lui.

Nacque a Clermont-Ferrand (1863), di fronte alla casa di Pascal (sul quale scrisse un saggio), in una famiglia molto osservante. All'esame di maturità è stato un allievo attento e distratto allo stesso tempo. Ha raccontato a Moos che gli piaceva scrivere poesie durante le lezioni di matematica e risolvere problemi durante le lezioni di letteratura. Ma già eccelleva come oratore. Sarebbe stata una delle sue grandi vocazioni, insieme alla vita intellettuale, all'insegnamento e alla vita religiosa, in cui tutto sarebbe confluito.

Vocazione e formazione

Nel 1883 entrò nel noviziato domenicano e si recò a Belmonte (Cuenca), dove si erano stabiliti dopo l'espulsione dalla Francia nel 1880. Nel 1885 si trasferisce a Corbara, in Corsica. Lì studiò teologia, fu ordinato (1888) e iniziò a insegnare (1890-1893). Nel 1893 è stato assegnato a Parigi, come primo segretario della neonata associazione Rassegna tomista.

Iniziò quindi a scrivere articoli in modo sistematico (più di 700 nella sua vita). Dal 1900 al 1922 è stato titolare della cattedra di morale filosofica presso l'Institut Catholique di Parigi. Questo ha dato origine a numerosi corsi, conferenze e saggi e a molte pubblicazioni.

Ha lasciato un'opera immensa, specializzata nel pensiero di San Tommaso d'Aquino, ma con molte ramificazioni. In un famoso commento francese alla Summa (La Revue des Jeunes) trattava le questioni di Dio e della morale. Questo gli fornirà la base per diversi saggi: uno su Dio e il pensiero moderno, un altro sulla morale di San Tommaso e un ultimo, voluminoso saggio sul problema del male. Inoltre, vanno ricordati, tra gli altri, i suoi due volumi sul pensiero di San Tommaso d'Aquino, altri due sul pensiero di San Paolo. Cristianesimo e filosofieE naturalmente, Vita intellettualeun vero classico.

Sebbene non sfugga del tutto al tono apologetico dell'epoca, aveva una seria preoccupazione per il dialogo con il pensiero, la cultura e la scienza moderni, ed era molto informato (e aveva una memoria prodigiosa). Questo lo rende originale e profondo.

Il sermone del 1917 e la "pace francese".

Le vite a volte hanno momenti di grande intensità. Nel 1917 la Francia era in guerra con la Germania e l'Austria (1914-1918). I francesi erano indignati per quella che vedevano come un'ulteriore aggressione da parte dei loro fastidiosi vicini e volevano porvi fine una volta per tutte. Il 1° agosto 1917, Papa Benedetto XV (1914-1922) inviò una lettera ai governi affinché ponessero fine all'inutile massacro raggiungendo accordi. Era una proposta coraggiosa e saggia, ma nelle fiamme del momento fu accolta male. Soprattutto in Francia, da parte del governo laicista, ma anche di molti patrioti cattolici.

In queste circostanze, è stato chiesto a Sertillanges di parlare. A 53 anni, era un oratore abituale nei forum parigini. Sertillanges, che in precedenza aveva difeso il Papa, fece un discorso sfumato alla Madelaine di Parigi, dicendo al Papa che i suoi figli francesi pensavano solo alla "pace francese" (il titolo dell'omelia), cioè alla vittoria. Di sfuggita, ha anche affermato che si tratta di una questione politica e quindi aperta alle opinioni. Il governo lo ha apprezzato e si è congratulato (privatamente) con diversi vescovi.

Come è noto, la vittoria finale ("francese") fu costosa per tutti e lasciò l'Europa in una situazione disastrosa. Nel 1918, il discorso di Sertillanges (e il suo grande valore) lo rese il primo ecclesiastico a essere nominato membro dell'Istituto francese (Accademia delle Scienze Morali). Ma la Santa Sede mostrò il suo rammarico nei confronti dell'ordine domenicano e, durante il pontificato di Pio XI (1922-1939), fu allontanato dall'insegnamento pubblico. Trascorse un anno a Gerusalemme, un altro in Olanda e il resto nel nuovo convento di Le Saulchoir in Belgio, dove insegnò, ad esempio, a Congar (1930-1932). Gestì la sua situazione prolungata con obbedienza ed eleganza e scrisse molto. Nel 1939, Pio XII revocò le sanzioni ed egli tornò a Parigi, l'anno in cui iniziò la Seconda Guerra Mondiale. In seguito, continuò a insegnare all'Istituto Cattolico e a scrivere fino alla fine.

L'impatto della verità cristiana

L'opera di Sertillanges è interessante come autorevole espositore del pensiero di San Tommaso. Anche le questioni di frontiera della verità cristiana, come la questione del male o dell'anima, in un ambiente culturale sempre più materialista. Ha fatto una critica notevole di alcuni approcci medici, con grande senso e apertura mentale, che è ancora preziosa. E ha avuto a che fare con Bergson, scrivendo saggi e conversazioni con lui.

Inoltre, essendo molto istruito, sviluppò un'idea generale della posizione storica del pensiero cristiano nella filosofia occidentale nel suo complesso. Era ben consapevole dei contributi della rivelazione e del prima e dopo che essa ha fatto parte della storia del pensiero. Tutto questo doveva essere preso in considerazione nel dibattito sulla "filosofia cristiana", che ebbe una vasta eco in Francia negli anni Trenta e in seguito.

Cristianesimo e filosofie

Cristianesimo e filosofie è un'opera di maturità e una preziosa sintesi, in due volumi. Nella prima, passa in rassegna la storia del pensiero cristiano, nell'ordine promesso dal sottotitolo: il fermento evangelico, l'elaborazione nei secoli, la sintesi tomistica.

Inizia avvertendo che il cristianesimo non è una filosofia nel senso moderno di una sintesi astratta, ma un modo di vivere e, in questo senso, una saggezza. Ne descrive le caratteristiche e le novità, su Dio, la creazione, la struttura dell'essere umano, le caratteristiche della persona e della vita morale e sociale. Poi si occupa del "recupero del passato", ovvero dell'assorbimento dei principi ebraici e della filosofia greca. Egli ripercorre la "nuova elaborazione" di questo materiale da parte dei Padri della Chiesa. E conclude con "La sintesi tomistica", che è una panoramica intelligente, che include alla fine le inevitabili "lacune del sistema", soprattutto in relazione ai cambiamenti nella concezione del mondo, che richiedono sviluppi coerenti.

Il secondo volume è un'indagine sulla storia successiva della filosofia occidentale. Sertillanges sostiene (all'inizio del primo volume) che quanto di più prezioso c'è nella filosofia moderna è dovuto alla fecondazione cristiana, che ha recuperato anche il meglio della filosofia antica. Nonostante questa chiara posizione, egli tratta con benevolenza e discernimento, prima, la decadenza scolastica e la "rivoluzione cartesiana", con la sua posterità. Studia l'empirismo inglese e francese (Hobbes, Locke, Hume, Condillac), Kant e i suoi successori (idealismo tedesco). Si sofferma sul rinnovamento spiritualista in Francia (Ravaison, Boutroux, Gratry, Blondel, Bergson), uno dei capitoli più interessanti. Dedica inoltre un capitolo al "neo-spiritualismo tedesco", dove passa in rassegna, tra gli altri, Husserl, Heidegger e Scheler.

Ha l'interesse di essere una storia con un senso di giudizio ponderato, costruttivo e cristiano, e che, come raccomanda nel suo libro sulla vita intellettuale, piuttosto che confrontarsi, preferisce sommare ciò che è prezioso, pur presentando le obiezioni che gli sembrano appropriate. Conclude parlando di ciò che, secondo lui, è necessario per una rinascita tomistica.

La prima cosa da fare è distinguere metodicamente la filosofia dalla teologia; il pensatore cristiano deve verificare la portata del proprio pensiero con le proprie forze, senza mescolare i due campi; solo così può entrare in dialogo. La seconda cosa è rifiutare il logicismo che è stato la malattia della scolastica. La terza cosa è avere una cultura scientifica e un senso storico perché, sebbene la verità sia senza tempo, ha un'espressione e un contesto temporale, e anche una storia di come è stata raggiunta, che è molto utile conoscere. "C'è una condizione, dice alla fine, per questa fecondità, [...] ed è che lo studio sia fatto in uno spirito di interiorità dottrinale e non in uno spirito meramente documentario o aneddotico. Lo storico puro tende a svuotare il sistema di ogni interesse propriamente filosofico. Il filosofo puro tende a fissarlo e a immobilizzarlo [...]. Il filosofo-storico rispetta la vita, vi entra e la incoraggia. Invita il sistema ad avere nuove fioriture e frutti". E così spera in una rinascita della sintesi cristiana.

L'idea della creazione

L'idea di creazione e il suo riflesso nella filosofia (1945) è un bellissimo saggio e anche un'opera della maturità, una sintesi della sintesi. Si completa con L'universo e l'anima (1965), una pubblicazione composta da vari scritti redatti dal suo segretario.

Sertillanges è forse meno brillante e sintetico di altri (Gilson, Tresmontant) che hanno affrontato la novità dell'idea cristiana di creazione e le sue implicazioni per la riflessione sull'ordine degli esseri e sull'idea stessa di Dio, separato dal mondo, dal tempo e dallo spazio. E delle relazioni di dipendenza e autonomia tra il Creatore e le sue creature. Ma contiene analisi più dettagliate.

Il saggio inizia con un'analisi del significato di un inizio assoluto delle cose e del tempo. Spiega come l'origine nel tempo, oggi postulata dalla scienza moderna, non fosse percepita dalla scienza antica, ma che, a rigore, rimane indimostrabile, poiché non si può assicurare un inizio assoluto (senza nulla prima). Tratta della creazione e della provvidenza. E la creazione e l'evoluzione. E del miracolo della creazione. E del male.

Colpisce in particolare il peso con cui affronta il tema dell'evoluzione, con analisi ancora valide, perché era perfettamente consapevole dei limiti entro i quali opera ogni campo del sapere: teologia, filosofia e scienze. "Ogni nascita è un fatto biologico e allo stesso tempo un fatto di creazione: non c'è motivo per cui non debba essere lo stesso per la specie. L'unica differenza è che qui, invece di una ripetizione, c'è un'innovazione, un'invenzione [...]. E l'incontro di questi due fatti: un'invenzione biologica che ha il carattere di una spontaneità naturale e un'attività trascendente la natura con il nome di creazione, questo incontro, dico, risponde a una legge provvidenziale [...]. L'unità della creazione non è una parola vana. È una simbiosi, e vedere questa simbiosi nella durata, così come nell'estensione e nella permanenza, significa accettare l'evoluzione". (cap. 8).

Vita intellettuale

La prefazione alla quarta edizione francese di Vita intellettuale racconta come Sertillanges abbia scritto questo classico durante un soggiorno estivo di due mesi in campagna (1920). Descrive lo stile di vita intellettuale che lui stesso ha vissuto. Si ispira ai consigli di San Tommaso d'Aquino, ma anche a quelli dell'oratoriano Alphonse Gratry (1805-1872), grande pensatore cristiano e autore di alcune delle opere più importanti del suo tempo. "consigli per la condotta dello spirito".con il titolo Le fonti (Fonti), il cui primo capitolo tratta di "sul silenzio e il lavoro del mattino".. Gratry ha influenzato parecchi temi su Sertillanges: le fonti della conoscenza di Dio, il male, l'anima...

Il saggio di Sertillanges è più lungo e completo. Si occupa di tutto, dall'organizzazione generale della vita all'organizzazione della memoria e dei file di appunti, con consigli indimenticabili. Inizia descrivendo la vocazione intellettuale e termina descrivendo cosa è un lavoratore cristiano e cosa comporta il lavoro intellettuale nella maturità umana.

Lo stile non è solo un'esigenza sintattica o grammaticale, è un'esigenza di spirito: umiltà e amore per la verità, carità verso gli altri, purezza d'intenzione, superamento dell'egoismo, sforzo di sintesi con il desiderio di aggiungere e non di dividere. "Cercare l'approvazione del pubblico significa privare il pubblico di una forza su cui contava [non farsi dire ciò che già sa] [...]. Cercare l'approvazione di Dio. Meditate la verità per voi stessi e per gli altri. [...] Alla nostra scrivania e in quella solitudine dove Dio parla al cuore, ascolteremo come un bambino ascolta e scriveremo come un bambino parla". (cap. VIII). "Sarebbe auspicabile che la nostra vita fosse una fiamma senza fumo, senza sprechi e senza impurità. Non è possibile, ma anche ciò che è nei limiti del possibile ha la sua bellezza e i suoi frutti sono belli e gustosi". (cap. IX).

Newsletter La Brújula Lasciateci la vostra e-mail e riceverete ogni settimana le ultime notizie curate con un punto di vista cattolico.
Banner pubblicitari
Banner pubblicitari