Teologia del XX secolo

Jean Mouroux e il significato cristiano dell'uomo (1943)

L'opera di Jean Mouroux Il senso cristiano dell'uomoLa presentazione originale e panoramica dell'immagine cristiana dell'essere umano è stata una svolta importante, e ha contribuito a Gaudium et spese rimane rilevante e interessante.

Juan Luis Lorda-20 ottobre 2021-Tempo di lettura: 8 minuti
Il seminario dove Mouroux si è formato e ha insegnato, a Digione.

Jean Mouroux ha firmato la prefazione di questo libro a Digione il 3 ottobre 1943. Probabilmente lo fece nel seminario dove si formò, insegnò per molti anni (1928-1967) e morì (1973). Praticamente tutta la sua vita è stata dedicata al seminario, tranne un baccellierato di due anni a Lione, che lo ha arricchito molto perché ha incontrato De Lubac e ha instaurato un rapporto duraturo. Infatti, questo libro, come altri suoi, è stato pubblicato nella collana Teologia (Aubier) che era diretta dai gesuiti di Fourvière, con il numero 6. È stato tradotto in spagnolo e ripubblicato da Palabra (Madrid 2001), edizione che utilizziamo. 

Anche la data merita attenzione, perché nel 1943 la Francia era occupata dalle truppe tedesche e in piena guerra mondiale. Ma Jean Mouroux, come De Lubac e altri, era convinto che il rimedio più profondo a quella terribile crisi fosse il rinnovamento cristiano. E questo gli ha dato il coraggio di lavorare. 

Un lavoro coerente

Dalla sua posizione di professore di seminario in una città "di provincia" (come si dice ancora a Parigi), è stato in grado di creare un corpo consistente di opere. Sceglieva bene le sue letture e cercava le migliori (anche su consiglio di De Lubac), preparava molto bene le sue lezioni e scriveva con grande stile e una sorprendente capacità di sintesi. Al lavoro duro e perseverante ha unito un indubbio talento teologico e un profondo amore per il Signore, che traspare dalle sue opere.

Il senso cristiano dell'uomo è il primo e più importante degli otto libri che ha scritto. Ma anche altri sono "importanti" perché trattano temi centrali, sono stati molto letti e continuano a ispirare: Io credo in te. Struttura personale della fede (1949), Esperienza cristiana (1952), Il mistero del tempo (1962) y Libertà cristiana (1968), che sviluppa temi già trattati in Il senso cristiano della parola

Il senso cristiano dell'uomo (1943)

La prima cosa che si può dire di questo libro è che non esisteva nulla di simile in precedenza. È un'idea cristiana inedita e felice dell'essere umano. Ha un doppio merito: integra molto materiale che potremmo definire "personalistico", che allora stava emergendo, e gli conferisce un ordine naturale. 

È stato un vero salto di qualità e non ha perso interesse. Quando è stato messo insieme Gaudium et spesIl libro, che intendeva descrivere l'idea cristiana dell'essere umano, era il più completo libro di riferimento. Infatti, fu chiamato a collaborare, anche se la sua salute già debole gli permise solo un breve soggiorno a Roma (1965). 

"Intorno a noi c'è la convinzione che il cristianesimo sia una dottrina estranea all'uomo e ai suoi problemi, impotente di fronte alla sua tragica condizione, disinteressata alla sua miseria e alla sua grandezza. Le pagine che seguono vogliono mostrare che il mistero cristiano nasce unicamente dall'amicizia divina con l'uomo, che spiega perfettamente la sua miseria e la sua grandezza, che è in grado di curare le sue ferite e di salvarlo divinizzandolo". (p. 21). 

Si compone di dieci capitoli, suddivisi in tre parti: valori temporali (I), valori carnali (II) e valori spirituali (III). Valori temporali si riferisce all'inserimento dell'essere umano nel temporale (anche nella città temporale e nel mondo umano) e al suo posto in un universo meraviglioso che è una creazione divina. Valori carnali (anche se in spagnolo si preferisce tradurre con "corporeo") sono i valori del proprio corpo con le sue grandezze e le sue miserie, e con il fatto mirabile e definitivo dell'Incarnazione. In Valori spiritualiIl libro, che copre tre dimensioni dello spirito umano: essere una persona (un essere personale), avere la libertà (con le sue miserie e le sue grandezze) e realizzarsi nell'amore (con la perfezione della carità). Un'architettura meravigliosa.

Valori temporali 

La prima cosa che colpisce è la positiva consapevolezza di Mouroux del temporale come luogo di realizzazione della vocazione umana: "Qual è l'atteggiamento del cristiano di fronte a questa meravigliosa realtà? La risposta sembra molto semplice: accettazione gioiosa e collaborazione entusiasta". (32)... il che non significa ingenuo, proprio perché il cristiano sa che esiste il peccato. È un amore "positivo" (34), "orientato" (37) con il giusto ordine di valori e, con l'aiuto di Dio, "Redentore (42). Il cristiano dovrebbe cercare di guardare alle cose di questo mondo "con occhi puri, usarli con volontà retta e reindirizzarli a Dio attraverso l'adorazione e il ringraziamento". (43). 

Da parte sua, l'universo è "un libro immenso, vitale e inesauribile dove le cose si manifestano a noi e dove esse manifestano Dio a noi". (48). L'essere umano forma con la natura un insieme organico e, allo stesso tempo, "Solo lui può con piena coscienza, con conoscenza e amore, portare il mondo a Dio, dandogli gloria". (51). Ma questo viene fatto nel "tragica ambiguità". (52) che il peccato ha inserito nel rapporto dell'uomo con la natura. L'ultimo punto riguarda la "Perfezionamento del mondo attraverso l'azione cristiana", e parallelamente al capitolo 3 della prima parte di Gaudium et spes (1965).

Valori "carnali 

Sin dall'inizio, è necessario partire da "La dignità del corpocreato da Dio. Ma "Pochi argomenti causano più incomprensioni, anche tra i cristiani [...]. Di lui si possono dire le cose più contraddittorie". (73). Si propone di studiare la grandezza e la miseria del corpo umano. "mostrando che Cristo è venuto per guarire la loro miseria ed esaltare la loro dignità". (73). Certamente, lo schema grandezza-miseria è un'eco evidente della Pensieri di Pascal. 

Il corpo, in positivo, è lo strumento dell'anima, il mezzo con cui essa si esprime e si comunica, e forma con esso la pienezza della persona, che non può essere concepita senza di esso. E questo è il significato cristiano della resurrezione finale del corpo, anticipata in Cristo, primizia, promessa e mezzo.

Certamente, l'impronta del peccato produce disfunzioni, che si esprimono in resistenze, difficoltà nella vita spirituale e nelle relazioni: "Anche il corpo è un velo. È opaco. Due anime non possono mai capirsi direttamente. (98). E si solleva il conflitto tra la carne e lo spirito: "Il corpo, oltre a essere resistente e opaco, è un materiale pericoloso". (102). Il corpo e lo spirito sono destinati a vivere in unità, ma per natura sono anche in contrasto e in guerra a causa del peccato: "Il corpo umano non è più quello previsto da Dio. È un corpo ferito e sconfitto come l'uomo stesso". (114). Queste curiose disfunzioni, naturali e dovute al peccato, si manifestano soprattutto nell'affettività. Ma, nell'economia della salvezza, la stessa situazione insoddisfacente, segno del peccato, diventa un itinerario di salvezza, dando un nuovo significato alla miseria corporea.

Incarnandosi, il Signore mostra il valore del corpo e il suo destino. "Nel suo rapporto con Cristo, il corpo umano - mistero di dignità e di miseria - trova la sua spiegazione definitiva e la sua totale perfezione. Il corpo è stato creato per essere assunto dalla Parola di Dio". (119). Il Corpo di Cristo diventa, da un lato, una rivelazione di Dio, un mezzo di espressione che ci raggiunge nel nostro linguaggio e al nostro livello. E, d'altra parte, diventa un mezzo di redenzione. Non solo nella croce, ma in tutta l'attività umana del Signore. 

"Trent'anni di vita mortale offerti in una volta sola per la salvezza del mondo. Così, tutte le attività svolte per mezzo del corpo costituiscono l'inizio della Redenzione. Il lavoro di un falegname durante la vita nascosta, l'evangelizzazione dei poveri con la sua predicazione [...]. Preghiera sulle strade...". (126-127).

La redenzione di Cristo del nostro corpo inizia con il Battesimo: "D'ora in poi il corpo purificato, unto e segnato con la croce, è consacrato a Dio come dimora santa, come strumento prezioso, come compagno dell'anima evangelizzata e inizialmente convertita [...]. Questa consacrazione è così reale che contaminare direttamente il corpo con l'impurità è una profanazione speciale". (133). C'è un percorso di purificazione e di identificazione con Cristo (anche nel corpo e nel dolore) che dura tutta la vita. E conduce alla nostra resurrezione finale in Lui. 

Valori spirituali

La terza parte, con i suoi cinque capitoli, è la più ampia e occupa quasi la metà del libro. Con un bel capitolo dedicato alla persona e ai suoi aspetti: spirito incarnato, sussistente in sé e, allo stesso tempo, aperto alla realtà e agli altri, persona intesa come vocazione verso Dio, ma nel mondo. Studia anche "la persona nella sua relazione con il primo e il secondo Adamo".Perché la vita cristiana consiste in quel viaggio dall'uno all'altro, dalla situazione di creato e decaduto a quella di redento e realizzato in Cristo. 

Seguono due capitoli consistenti dedicati alla libertà umana. La prima studia la libertà come l'atto più caratteristico dello spirito umano, con la sua implicazione di intelligenza e volontà. Con un senso ultimo di felicità e realizzazione umana che il cristiano sa essere in Dio. E con le limitazioni che si manifestano nella vita reale, tra malattie e condizionamenti di ogni tipo. 

Su questa descrizione più o meno fenomenologica, la fede cristiana, oltre a mostrare chiaramente il significato di libertà, scopre il suo stato di schiavitù, essendo vincolata dal peccato e bisognosa di grazia. Non viene impedito di fare le cose più normali e "terrene", ma proprio per poter amare Dio e il prossimo come è nostra vocazione. Ha bisogno della grazia e così viene data la libertà cristiana, così splendidamente illustrata da Sant'Agostino. Questi temi saranno approfonditi nel suo libro del 1968 (Libertà cristiana). 

Ma la persona e la sua libertà sarebbero vanificate se non ci fosse un'altra dimensione, anch'essa illuminata dalla fede cristiana: l'amore. Studia dapprima il "Il senso cristiano dell'amoreche può essere rivolto a Dio (amore fontale e origine di ogni vero amore), agli altri e anche essere amore "nuziale", con caratteristiche proprie che la fede illumina. 

Il capitolo sulla carità chiude questa terza parte: "Vorremmo dare uno sguardo al mistero della carità. E per farlo, scoprire e ripensare i suoi tratti essenziali, così come ci vengono presentati dalla parola di Dio, che è amore". (395).

Si manifesta innanzitutto come dono assoluto (donazione di sé), atto di servizio e di obbedienza, e di sacrificio; che, dopo Dio, si realizza nell'autentico amore fraterno. Inoltre, "La carità è sia un amore di desiderio che un amore di donazione [...]. Sarebbe un attacco alla condizione della creatura voler eliminare l'indigenza radicale che il desiderio genera o la dignità sostanziale che il dono di sé fornisce. Sarebbe, allo stesso tempo, essere infedeli alle esigenze di questa vocazione soprannaturale che ci chiama a possedere Dio e a donarci a Lui". (331).

Res sacra homo

Questo è il titolo della conclusione: "Più ci addentriamo nell'uomo, più ci si rivela come un essere paradossale, misterioso e, per dirla tutta, sacro, poiché i suoi paradossi e misteri interiori si basano sempre su una nuova relazione con Dio". (339). È molto importante preservare il senso di "sacro", sottolinea Mouroux, ancora nell'incertezza dell'esito della Seconda Guerra Mondiale. L'uomo è un "mistero", "immerso nella carne, ma strutturato dallo spirito; incline alla materia e, allo stesso tempo, attratto da Dio". (340). "Gioca la sua avventura tra i gorghi della carne e del mondo. Questo è il dramma che viviamo tutti". (341). "L'essenza dell'essere umano è la sua relazione con Dio, quindi la sua vocazione". (342). 

Caduti, alterati e redenti. Con una concupiscenza, ma anche con un richiamo alla Verità e all'Amore. Sacra per la sua origine e il suo destino in Dio, sacra per la sua salvezza in Lui. La sua caduta non è tanto grave nell'aspetto materiale o carnale, quanto in quello spirituale, nella sua lontananza da Dio. Ecco perché, in una cultura materialista, forse non si nota tanto ciò che manca quando la sua dignità si riduce a esistere nel temporale. 

Per contro, c'è la meraviglia della vita cristiana nella Trinità. Esiste quindi una triplice dignità dell'uomo attraverso la sua somiglianza con Dio (immagine), la sua vocazione a incontrarlo e la sua figliolanza. "Comprendiamo, dunque, lo stretto rapporto tra l'umano e il sacro, poiché il sacro non è altro che l'appellativo più nobile e la verità più profonda dell'umano". (347). E questa piena verità dell'essere umano e della sua vocazione si è manifestata soprattutto in Maria. E incoraggia il meglio di noi. 

In Spagna, il professor Juan Alonso ha dedicato particolare attenzione a Mouroux, ha scritto il prologo del libro sopra citato e ha diversi studi che si possono trovare online. In questa serie dedichiamo anche un articolo generale a Mouroux: Jean Mouroux o Teologia del Seminario.

Per saperne di più
In collaborazione con
Volete notizie indipendenti, veritiere e pertinenti?

Caro lettore, Omnes riferisce con rigore e profondità sull'attualità religiosa. Facciamo un lavoro di inchiesta che permette al lettore di acquisire criteri sugli eventi e le storie che accadono in ambito cattolico e nella Chiesa. Abbiamo firme stellari e corrispondenti a Roma che ci aiutano a far emergere l'informazione di fondo dal rumore mediatico, con distanza ideologica e indipendenza.

Abbiamo bisogno di voi per affrontare le nuove sfide di un panorama mediatico in evoluzione e di una realtà che richiede riflessione, abbiamo bisogno del vostro sostegno.

In collaborazione con
Newsletter La Brújula Lasciateci la vostra e-mail e riceverete ogni settimana le ultime notizie curate con un punto di vista cattolico.