Vaticano

I diritti umani dipendono da valori universali

Monsignor Paul Richard Gallagher, segretario vaticano per i Rapporti con gli Stati, ha invitato le Nazioni Unite a "riscoprire il fondamento dei diritti umani, per attuarli in modo autentico".

David Fernández Alonso-24 febbraio 2021-Tempo di lettura: 4 minuti

Monsignor Gallagher ha lanciato questo appello in un videomessaggio durante la 46ª sessione del Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite (UNHRC), iniziata lunedì 22 febbraio a Ginevra, in Svizzera. La sessione di quattro settimane, tenuta virtualmente a causa dell'emergenza sanitaria, è iniziata con una prima sessione di tre giorni, in cui i capi di Stato e i dignitari in rappresentanza di vari Paesi e regioni si rivolgeranno virtualmente al Consiglio.

"La pandemia di Covid-19 ha colpito ogni aspetto della vita, causando la perdita di molte persone e mettendo in discussione i nostri sistemi economici, sociali e sanitari". Allo stesso tempo, "ha anche messo in discussione il nostro impegno per la protezione e la promozione dei diritti umani universali, affermando al contempo la loro rilevanza".

Come ci dice Papa Francesco in Fratelli tutti, "riconoscendo la dignità di ogni persona umana, possiamo contribuire alla rinascita di un'aspirazione universale alla fraternità".

Ogni persona è dotata di dignità

L'arcivescovo ha ricordato che il preambolo della Dichiarazione universale dei diritti dell'uomo dichiara che "il riconoscimento della dignità intrinseca e dei diritti uguali e inalienabili di tutti i membri della famiglia umana è il fondamento della libertà, della giustizia e della pace nel mondo". La Carta delle Nazioni Unite afferma anche la sua "fede nei diritti umani fondamentali, nella dignità e nel valore della persona umana, nell'uguaglianza dei diritti degli uomini e delle donne e delle nazioni grandi e piccole".

Gallagher ha sottolineato che questi due documenti riconoscono una verità oggettiva: ogni persona umana è innatamente e universalmente dotata di dignità umana. Questa verità "non è condizionata da tempo, luogo, cultura o contesto". Tuttavia, questo impegno "è più facile da pronunciare che da realizzare e praticare". Ha lamentato che questi obiettivi "sono ancora lontani dall'essere riconosciuti, rispettati, protetti e promossi in tutte le situazioni".

I diritti vanno di pari passo con i valori universali

Monsignor Gallagher ha affermato che la vera promozione dei diritti umani fondamentali dipende dalla logica di fondo da cui derivano. Ha quindi avvertito che qualsiasi pratica o sistema che tratti i diritti in modo astratto - distaccato da valori universali preesistenti - rischia di minare la loro ragion d'essere, e quindi "le istituzioni per i diritti umani diventano suscettibili alle mode, alle visioni o alle ideologie prevalenti".

L'arcivescovo ha sottolineato che "in questo contesto di diritti privi di valori, i sistemi possono imporre obblighi o sanzioni che non sono mai stati previsti dagli Stati parte, che possono contraddire i valori che dovrebbero promuovere". Il segretario ha aggiunto che potrebbero persino "osare creare i cosiddetti 'nuovi' diritti che mancano di un fondamento oggettivo, allontanandosi così dal loro scopo di servire la dignità umana".

La vita, il bene prima dei diritti

Illustrando l'inscindibilità di diritti e valori con l'esempio del diritto alla vita, mons. Gallagher ha apprezzato il fatto che il suo contenuto sia stato "progressivamente ampliato per includere la lotta contro gli atti di tortura, le sparizioni forzate e la pena di morte; e la protezione degli anziani, dei migranti, dei bambini e della maternità".

Ha affermato che questi progressi sono estensioni ragionevoli del diritto alla vita perché mantengono la loro base fondamentale nel bene intrinseco della vita, e anche perché "la vita, prima di essere un diritto, è prima di tutto un bene da valorizzare e proteggere".

Limitazione dei diritti umani con misure anti-video?

Mons. Paul Gallagher ha sottolineato che, di fronte all'attuale pandemia di Covid-19, alcune misure attuate dalle autorità pubbliche per garantire la salute pubblica violano il libero esercizio dei diritti umani.

"Qualsiasi limitazione all'esercizio dei diritti umani per la protezione della salute pubblica deve derivare da una situazione di stretta necessità", ha dichiarato Gallagher, aggiungendo che "un certo numero di persone, che si trovano in situazioni di vulnerabilità - come gli anziani, i migranti, i rifugiati, le popolazioni indigene, gli sfollati interni e i bambini - sono stati colpiti in modo sproporzionato dalla crisi attuale".

Pertanto, ha insistito, qualsiasi limitazione imposta in una situazione di emergenza "deve essere proporzionata alla situazione, applicata in modo non discriminatorio e utilizzata solo quando non sono disponibili altri mezzi".

Impegno globale per la libertà religiosa

Nella stessa ottica, ha fatto riferimento all'urgenza di proteggere il diritto alla libertà di pensiero, coscienza e religione, osservando in particolare che "le credenze religiose e l'espressione di tali credenze costituiscono il nucleo della dignità della persona umana nella sua coscienza".

Ha sottolineato che la risposta globale alla pandemia di covidio-19 rivela che "questa solida concezione della libertà religiosa si sta erodendo". Gallagher ha affermato che "la libertà di religione protegge anche la sua testimonianza ed espressione pubblica, sia a livello individuale che collettivo, in pubblico e in privato, nelle forme di culto, osservanza e insegnamento", come riconosciuto da numerosi strumenti dei diritti umani.

Pertanto, per rispettare il valore intrinseco di questo diritto, mons. Gallagher raccomanda che le autorità politiche si impegnino con i leader religiosi, nonché con i leader delle organizzazioni basate sulla fede e della società civile impegnate nella promozione della libertà di religione e di coscienza.

Fraternità umana e multilateralismo

Infine, Gallagher ha osservato che la crisi attuale ci offre un'opportunità unica per affrontare il multilateralismo "come espressione di un rinnovato senso di responsabilità globale, di una solidarietà basata sulla giustizia e sul raggiungimento della pace e dell'unità all'interno della famiglia umana, che è il piano di Dio per il mondo".

Ha ricordato l'invito di Papa Francesco a Fratelli tutti a riconoscere la dignità di ogni persona umana per promuovere la fratellanza universale e ha incoraggiato la volontà di andare oltre ciò che ci divide per combattere efficacemente le conseguenze delle varie crisi.

Per saperne di più
In collaborazione con
Volete notizie indipendenti, veritiere e pertinenti?

Caro lettore, Omnes riferisce con rigore e profondità sull'attualità religiosa. Facciamo un lavoro di inchiesta che permette al lettore di acquisire criteri sugli eventi e le storie che accadono in ambito cattolico e nella Chiesa. Abbiamo firme stellari e corrispondenti a Roma che ci aiutano a far emergere l'informazione di fondo dal rumore mediatico, con distanza ideologica e indipendenza.

Abbiamo bisogno di voi per affrontare le nuove sfide di un panorama mediatico in evoluzione e di una realtà che richiede riflessione, abbiamo bisogno del vostro sostegno.

In collaborazione con
Newsletter La Brújula Lasciateci la vostra e-mail e riceverete ogni settimana le ultime notizie curate con un punto di vista cattolico.