Spagna

Torreciudad: l'Opus Dei spiega la situazione attuale

L'Opus Dei ha pubblicato informazioni dettagliate sulla situazione attuale del santuario di Torreciudad. Spiega la sua proposta alla diocesi di Barbastro-Monzón di trasformare questo sito mariano in un santuario diocesano ed esprime la sua disponibilità a chiarire la situazione in un procedimento civile, se la diocesi lo decide.

Maria José Atienza-2 marzo 2024-Tempo di lettura: 5 minuti
torreciudad_mikel pando

Il santuario mariano di Torreciudad è la terza destinazione turistica dell'Aragona e dal 1975, quando è stato completato il nuovo santuario, le numerose visite, celebrazioni e attività hanno avuto un impatto cruciale sullo sviluppo economico e sociale dell'ambiente locale. 

La nomina di un nuovo rettore per il santuario nel luglio 2023 da parte del vescovo di Barbastro-Monzón, monsignor Angel Pérez Pueyo, ha portato a una situazione complicata per i rapporti tra l'Opus Dei, promotore del nuovo santuario, della ristrutturazione dell'edicola e dell'immagine della Vergine Maria e di una devozione con radici antiche, e la diocesi stessa.

Le divergenze di opinione sulla capacità di decidere sulla gestione pastorale del santuario e sulle condizioni di custodia del santuario e dell'immagine hanno dato luogo a iniziative da entrambe le parti, anche giudiziarie, e a numerose speculazioni. L'Opus Dei ha ora pubblicato sul suo sito web una sintesi completa della situazione attuale, così come percepita dalla Prelatura.

Di chi è Torreciudad?

Fin dall'inizio, il nuovo santuario di Torreciudad ha avuto lo status di "oratorio semipubblico", secondo queste informazioni. È stato così eretto con l'approvazione del vescovo della diocesi, poiché secondo i criteri di entrambe le parti si trattava di una figura appropriata secondo le norme canoniche in vigore all'epoca. Il nuovo tempio è di proprietà della Fondazione canonica "Nuestra Señora de los Ángeles de Torreciudad", ed è stato costruito negli anni '70 del XX secolo con le donazioni di molte persone, incoraggiate dall'Opus Dei.

All'interno si venera l'immagine della Vergine di Nostra Signora degli Angeli di Torreciudad. Questa immagine (e l'antico eremo) è di proprietà della diocesi: sebbene il 24 settembre 1962 il vescovo abbia acconsentito alla sua cessione perpetua tramite un contratto enfiteutico a un'entità civile promossa dall'Opus Dei (all'epoca era Inmobiliaria General Castellana, S.A., poi succeduta da Desarrollo Social y Cultural, S.A.), questo dato non implica un cambio di proprietà. Alla firma dell'accordo partecipò anche l'Opus Dei, a cui sarebbe stata affidata la promozione degli obiettivi dell'accordo: mantenere e sviluppare il culto di Santa María.

Sessant'anni dopo, il visitatore di Torreciudad può facilmente constatare come la devozione alla Madonna degli Angeli si sia diffusa e radicata. Da allora, e in conformità con l'accordo, tutti i lavori e i costi sono stati assunti dall'Opus Dei.

Le differenze tra la diocesi di Barbastro e l'Opus Dei

Secondo l'Opus Dei, nel 2020 la stessa Prelatura ha chiesto alla diocesi di Barbastro-Monzón di aggiornare alcuni dettagli del quadro giuridico di Torreciudad per adattarlo alle nuove impostazioni del Codice di diritto canonico approvato nel 1983.

Nell'ambito di questi colloqui sono sorti dei contrasti, poiché la diocesi di Barbastro-Monzón ha espresso l'opinione che l'accordo originario del 1962 non avesse validità giuridica, e nel luglio 2023 ha proceduto alla nomina di un rettore diverso da quello che svolgeva questa funzione per conto dell'Opus Dei.

Nel corso del "braccio di ferro" che ne è seguito, l'Opus Dei ha presentato alla diocesi la sua proposta per l'erezione di Torreciudad a santuario diocesano ed eventuali nuovi statuti. La diocesi la sta studiando. Sempre in quel periodo, l'ente responsabile della custodia dell'immagine e dell'eremo è stato convocato per un atto di conciliazione con la diocesi il 3 ottobre, e l'Opus Dei ha ricevuto una convocazione simile per il 20 dicembre. Tuttavia, ha deciso di non partecipare, in base all'esistenza di colloqui con la diocesi sull'argomento in discussione.

La decisione di avviare o meno un procedimento civile spetterebbe alla diocesi. L'Opus Dei afferma che non percepirebbe negativamente un tale passo, ma lo vedrebbe "come un'opportunità per una sentenza civile sulla questione".

Chi è il rettore valido?

Al momento, la situazione di Torreciudad è ancora uguale a quella precedente in termini legali. Tuttavia, non c'è accordo su chi svolga validamente la responsabilità di rettore.

Quando il vescovo Pérez-Pueyo ha dichiarato vacante il posto e ha nominato un sacerdote diocesano, l'Opus Dei lo ha esortato a revocare la nomina e, di fronte al suo rifiuto, ha presentato un ricorso alla Santa Sede, che non è ancora stato risolto. In pratica, la Prelatura continua a considerare il rettore valido prima della decisione unilaterale della diocesi, mentre il sacerdote nominato dal vescovo, José Mairal, celebra abitualmente la Messa ogni settimana nel santuario e, come ha accertato Omnes, viene trattato con deferenza dai sacerdoti dell'Opus Dei, che continuano a occuparsi delle attività abituali del santuario.

La soluzione proposta dall'Opus Dei per aggiornare l'accordo è la trasformazione di Torreciudad in un santuario diocesano, con la nomina del rettore da parte del vescovo dopo che la Prelatura dell'Opus Dei ha presentato una lista di tre candidati.

La questione economica 

Le informazioni includono anche spiegazioni sulle finanze del santuario. Vengono descritte in dettaglio le spese di gestione del santuario e il modo in cui vengono affrontate. Si sottolinea che l'attività ordinaria genera entrate sufficienti a coprire solo circa 30 % delle spese, mentre l'Associazione del Consiglio di amministrazione di Torreciudad si sforza di trovare il resto.

Nel 1962 l'ente incaricato dello sviluppo del santuario è stato obbligato a versare una somma alla diocesi come riconoscimento quasi simbolico della proprietà. Secondo i media, una delle questioni sollevate è stata la richiesta del vescovo di aggiornare questa somma a una cifra molto più alta: si parla di circa 600.000 euro. In ogni caso, l'importo richiesto, secondo la nota, "è considerato sproporzionato". L'attività annuale per coprire i 70 % dei costi che non vengono coperti in via ordinaria è già di per sé molto difficile; se a questo si aggiungesse una quota come quella richiesta dalla diocesi, il sostegno del santuario sarebbe improponibile".

Cronologia

1962: Accordo tra l'Opus Dei e la diocesi di Barbastro-Monzón per il restauro dell'antico eremo di Torreciudad con l'obiettivo di promuovere la devozione a Nostra Signora, con l'Opus Dei che si occupa della cura pastorale e di tenerlo aperto al culto. Firma del contratto enfiteutico.

1966: Accordo per la costruzione di una nuova chiesa in cui si sarebbe venerata l'immagine di Toreciudad. È stato concordato con la diocesi che l'intero complesso - che comprende, tra gli altri edifici, l'eremo e la nuova chiesa - costituisca un unico recinto opportunamente recintato. Il suo status è quello di oratorio semi-pubblico.

Nella testimonianza notarile firmata dal vescovo della diocesi, egli accetta che l'immagine della Vergine possa essere collocata nella nuova chiesa per la venerazione dei fedeli.

1975: San Josemaría consacra l'altare principale e la nuova chiesa viene inaugurata.

1983: Pubblicazione del Codice di Diritto Canonico. Include la configurazione dei santuari nei canoni 1230-1234 (libro IV, parte III, titolo I, capitolo III).

2020: L'Opus Dei chiede al vescovato di Barbastro Monzón di rivedere e aggiornare lo status giuridico di Torreciudad.

2023

17 luglio: Il vescovo di Barbastro-Monzón nomina il parroco di Bolturina-Ubiergo, José Mairal Villellas, rettore del Santuario di Torreciudad, con l'obiettivo di "assumere la responsabilità della cura pastorale e ministeriale fino alla regolarizzazione della situazione canonica esistente tra le due istituzioni".

18 luglio: L'Opus Dei esprime la sua sorpresa, dal momento che lo status canonico di Torreciudad è ancora quello di un oratorio semipubblico e "comprende che non spetta al vescovo effettuare questa nomina", ma al Vicario regionale della Prelatura.

22 luglio: La diocesi chiede un atto di conciliazione con la Prelatura dell'Opus Dei presso il tribunale di Barbastro.

31 agosto: L'Opus Dei ha inviato alla diocesi di Barbastro Monzón una proposta di accordo, che comprende sia questioni legali che pastorali, e propone che la nuova chiesa sia considerata un santuario canonico diocesano. 

3 ottobre: L'entità Desarrollo Social S.A., proprietaria dell'eremo e dell'immagine di Nuestra Señora de Torreciudad, si è costituita nel procedimento di conciliazione presso il tribunale di Barbastro.

2 dicembre: L'Opus Dei in Spagna ha ricevuto una notifica dai tribunali di Barbastro per l'atto di conciliazione con la Prelatura. L'Opus Dei non si presenta all'atto, fissato per il 20 dicembre 2023, in quanto ritiene che il contratto del 1962 sia stato stipulato in conformità alla legge vigente. Sostiene inoltre che "sono in corso colloqui tra le due parti per risolvere la questione di comune accordo".

Per saperne di più
Newsletter La Brújula Lasciateci la vostra e-mail e riceverete ogni settimana le ultime notizie curate con un punto di vista cattolico.
Banner pubblicitari
Banner pubblicitari