Mondo

L'impegno ecumenico di Papa Francesco

Papa Francesco opta per una cultura dell'incontro basata su gesti di vicinanza e amicizia personale con i leader delle diverse confessioni cristiane. I suoi viaggi e il suo pubblico lo confermano.

Andrea Gagliarducci-18 gennaio 2023-Tempo di lettura: 6 minuti
ecumenismo papa

Foto: Papa Francesco saluta il vescovo luterano Jukka Keskitalo di Oulu durante l'udienza con una delegazione ecumenica finlandese il 17 gennaio 2022. ©CNS photo/Vatican Media

Nel Angelus del 18 dicembrePapa Francesco ha chiesto una soluzione alla situazione nel corridoio di Lachin, l'unico punto di contatto tra il Nagorno-Karabakh (o Artsakh, secondo l'antico nome armeno) e l'Armenia.

Il blocco del corridoio da parte di alcuni attivisti minaccia di provocare una tragedia umanitaria, mentre le manovre nel corridoio, e nel Nagorno-Karabakh in generale, hanno da tempo sollevato interrogativi sul futuro del patrimonio cristiano della regione.

Tuttavia, quella chiamata aveva anche un altro significato. È stata una chiamata che è arrivata in soccorso di una Chiesa "sorella", la Chiesa apostolica armenae il Patriarca Karekin II, che ha incontrato più volte Papa Francesco e lo ha accolto in Armenia nel 2016.

Il l'ultimo incontro tra i due Nell'ottobre 2021, Karekin II è stato accompagnato dal capo dei diritti umani per denunciare i crimini in atto nella regione. I contatti, però, sono frequenti e l'appello rivolto cinque giorni fa ai leader di tutte le Chiese sorelle non è certo passato inosservato a Papa Francesco.

L'episodio è degno di nota perché racconta come Papa Francesco conduce l'ecumenismo. Più volte ha ricordato sorridendo una vecchia battuta secondo la quale se tutti i teologi fossero stati messi su un'isola, l'ecumenismo avrebbe subito seguito. Ma il Papa ha poi continuato dicendo che la teologia è effettivamente utile per il dialogo ecumenico. Lui, però, preferisce concentrarsi su altro: su gesti di vicinanza e amicizia personale.

Doni ecumenici

Quel che è certo è che l'intero pontificato di Papa Francesco è costellato di "doni ecumenici". La scorsa settimana, tre pezzi del Partenone conservati nei Musei Vaticani sono stati restituiti alla Grecia, direttamente all'arcivescovo ortodosso Ieronymos, che il Papa aveva incontrato un anno fa durante il suo viaggio nel Paese.

In precedenza, il 29 giugno 2019, Papa Francesco ha deciso improvvisamente di donare una reliquia di San Pietro al Patriarca ecumenico di Costantinopoli Bartolomeo.

E poi c'è il ecumenismo delle reliquie. L'esempio più grande è la reliquia di San Nicola prelevata dal corpo del Santo a Bari e portata alla venerazione dei fedeli in Russia nel 2017. Sempre nel 2017, le reliquie di San Filippo sono state inviate a Smirne, al Patriarcato ecumenico di Costantinopoli. 

La tunica insanguinata di Thomas Beckett, il vescovo inglese ucciso di spada nella Cattedrale di Canterbury, è stata prestata alla Chiesa anglicana e da St Mary Major restituita a Canterbury nel 2020, in occasione delle celebrazioni dell'850° anniversario del martirio del martire d'Albione. Sempre nel 2020, Papa Francesco ha donato le reliquie di San Clemente e San Potito al Patriarca Neofit di Bulgaria. 

Sono tutti gesti volti a incoraggiare gesti di distensione con le Chiese sorelle. Papa Francesco, infatti, lascia il compito di definire le questioni teologiche alla Dicastero per la promozione dell'unità dei cristiani. In generale, si basa sugli incontri, sulle relazioni personali, per realizzare un ecumenismo pratico che mostri chiese sorelle che lavorano insieme.

I viaggi ecumenici di Papa Francesco

Parte di questa strategia è il "viaggio ecumenico" programmato da tempo per Sud Sudandove sarà affiancato dall'arcivescovo di Canterbury Justin Welby, primate anglicano, e dal moderatore della Chiesa di Scozia Iain Greenshields. Papa Francesco sarà in Sud Sudan il 4-5 febbraio 2023, al termine di un viaggio che lo porterà nella Repubblica Democratica del Congo dal 31 gennaio al 3 febbraio.

Il viaggio era stato programmato da tempo e i rapporti con il primate anglicano Welby si erano fatti più stretti in vista del viaggio. L'11 aprile 2019, l'arcivescovo Welby ha partecipato anche all'incontro di preghiera per le autorità civili e politiche del Sud Sudan voluto da Papa Francesco in Vaticano.

Era il periodo precedente alla pandemia, e Papa Francesco aveva programmato non meno di due viaggi ecumenici nel 2020. Oltre a quello in Sud Sudan, è stato programmato anche un viaggio più lungo in Grecia, sulle orme di San Paolo, con l'obiettivo di far conoscere la storia del Sudan. Patriarca Bartolomeoche ha sempre dimostrato la sua vicinanza a Papa Francesco, al suo fianco.

A causa della pandemia, il viaggio in Grecia non ha potuto svolgersi come previsto nel 2020. Quando si svolse nel dicembre 2021, le condizioni erano diverse e si decise di fare un viaggio con una sosta ad Atene e una rapida deviazione a Lesbo, dove il Papa era già stato.

Tuttavia, il fatto che sia stato fatto la dice lunga sulla direzione che Papa Francesco vuole dare al dialogo ecumenico. Basti pensare che la maggior parte delle nazioni visitate da Papa Francesco in Europa sono a maggioranza ortodossa: nel 2019 è toccato a Bulgaria, Macedonia del Nord e Romania. Nel 2021, Cipro e Grecia.

È prevista una visita in Serbia, dove è stato offerto anche un incontro tra Papa Francesco e il Patriarca di Mosca Kirill. Terreno difficile per l'opposizione del locale Patriarcato ortodosso alla canonizzazione del cardinale Aloizije Stepniac, arcivescovo di Zagabria negli anni della Seconda guerra mondiale, considerato dagli ortodossi un collaborazionista dei nazisti - per questo il Papa ha anche istituito una commissione cattolico-ortodossa che non ha portato a conclusioni definitive.

Inoltre, sono stati effettuati viaggi in Paesi a maggioranza protestante. Nel 2016, in Svezia, Papa Francesco si è recato a commemorare il 500° anniversario della Riforma protestante, lanciando una dichiarazione congiunta tra Caritas Internationalis e Lutheran World Service.

E non dobbiamo dimenticare la visita di Papa Francesco in Svizzera, prima al Consiglio Mondiale delle Chiese e poi a Bossey nel 2018, sottolineando ancora una volta il desiderio di essere presenti.

Il rapporto con il Patriarcato di Mosca

Non sorprende, quindi, che il Papa cerchi incontri personali piuttosto che grandi discorsi. Ha avuto colloqui con il suo "caro fratello" Bartolomeo sia durante il suo ultimo viaggio in Bahrein, nel novembre 2022, sia durante il suo viaggio in Kazakistan, nel settembre 2022. E non sorprende che i Paesi che più si sforzano di mostrare il loro impegno nel dialogo e di scrollarsi di dosso un'immagine difficile (Kazakistan e Bahrein, ma anche Emirati Arabi Uniti e Iraq) abbiano sempre invitato il Papa a incontri interreligiosi dove poter avere anche "bilaterali ecumenici".

Dalla sua viaggio in Kazakistan Nel settembre 2022, Papa Francesco ha incontrato anche il Metropolita Antonij, che dirige il Dipartimento per le relazioni esterne del Patriarcato. Era prevista la presenza del Patriarca Kirill, che aveva confermato la sua partecipazione per poi disdire all'ultimo minuto. Con Antonij si era parlato di un possibile secondo incontro tra il Patriarca e il Papa, previsto per giugno in Terra Santa, poi annullato e reso difficile anche dalle dichiarazioni di Papa Francesco, che - parlando della videoconferenza tenuta con Kirill nel marzo di quest'anno - aveva lasciato intendere di aver intimato al Patriarca: "Non siamo chierici dello Stato".

E così la possibilità di un incontro è sfumata, sullo sfondo di una guerra in Ucraina che ha visto il Patriarca assumere posizioni molto chiare a favore della guerra, mentre il cardinale Koch, prefetto del Dicastero per la promozione dell'unità dei cristiani, non ha esitato a definire "eretiche" alcune di queste posizioni.

Per il Papa, tuttavia, l'incontro deve avvenire, sulla falsariga di quello del febbraio 2016 all'Avana. Lo sfondo della guerra in Ucraina rende tutto più difficile, compresa la valutazione dell'eventuale dichiarazione finale. Il termometro del relazioni tra la Chiesa ortodossa russa e la Chiesa cattolica sarà in grado di valutare la situazione a febbraio: si terrà all'Avana il consueto incontro commemorativo annuale e in quale forma? Questo è ancora da vedere.

Riconciliazione ecumenica in Ucraina

Nel frattempo, un'altra possibilità potrebbe esistere anche sul fronte ucraino, dove da 25 anni esiste un Consiglio delle Chiese e delle Organizzazioni Religiose di tutta l'Ucraina, che rappresenta le 95% delle Chiese e delle Organizzazioni Religiose. mosaico religioso dell'Ucraina.

Il Consiglio, che è anche molto attivo nel sostenere la popolazione locale, ha scritto una lettera al Papa, chiedendo la possibilità di un incontro, e la sua visita a Roma dovrebbe avvenire a gennaio, durante la Settimana per la promozione dell'unità dei cristiani.

Sarebbe una visita importante, un modo per cercare la pace anche attraverso il dialogo ecumenico. Ma sarebbe anche una visita da calibrare bene, negli incontri, nei modi e nei termini, tenendo conto che l'Ucraina è anche un campo di battaglia ecumenico. Lì, infatti, la dichiarazione di autocefalia (autonomia) della Chiesa ortodossa ucraina nel 2019 aveva innescato il cosiddetto "scisma ortodosso".

L'autocefalia era stata concessa da Bartolomeo, il primo della Sinassi delle Chiese ortodosse, ma aveva provocato la forte protesta del Patriarcato di Mosca, che si era anche ritirato da tutti gli organismi co-presieduti dal Patriarcato di Costantinopoli, compresa la Commissione teologica ortodosso-cattolica.

Mosca considerava l'Ucraina il suo territorio canonico e, tra l'altro, l'autocefalia era stata percepita proprio come un ulteriore allontanamento dell'Ucraina dalla Russia, cosa che ha influenzato anche la narrazione russa sulla guerra in corso.

In definitiva, tutto dipenderà da come si evolverà la situazione. Papa Francesco continua con la sua idea di cultura dell'incontro, lasciando il dibattito ai teologi. Sarà sufficiente?

L'autoreAndrea Gagliarducci

In collaborazione con
Volete notizie indipendenti, veritiere e pertinenti?

Caro lettore, Omnes riferisce con rigore e profondità sull'attualità religiosa. Facciamo un lavoro di inchiesta che permette al lettore di acquisire criteri sugli eventi e le storie che accadono in ambito cattolico e nella Chiesa. Abbiamo firme stellari e corrispondenti a Roma che ci aiutano a far emergere l'informazione di fondo dal rumore mediatico, con distanza ideologica e indipendenza.

Abbiamo bisogno di voi per affrontare le nuove sfide di un panorama mediatico in evoluzione e di una realtà che richiede riflessione, abbiamo bisogno del vostro sostegno.

In collaborazione con
Newsletter La Brújula Lasciateci la vostra e-mail e riceverete ogni settimana le ultime notizie curate con un punto di vista cattolico.