Vaticano

Il cardinale Marc OuelletRead more : "La vera causa degli abusi non è il celibato, ma la mancanza di autocontrollo e lo squilibrio emotivo".

In questa intervista per Omnes, il cardinale Marc Ouellet, prefetto della Congregazione per i Vescovi, sostiene che il celibato non è la causa degli abusi, ma la mancanza di autocontrollo e lo squilibrio affettivo di alcuni sacerdoti. Egli sostiene che il celibato si giustifica in una visione di fede: è una confessione di fede nell'identità divina di Cristo che chiama, e una risposta alla sua chiamata d'amore.

Maria José Atienza / Giovanni Tridente-17 febbraio 2022-Tempo di lettura: 4 minuti
celibato ouellet

Foto: Cardinale Ouellet ©CNS photo/Paul Haring

Giovedì 17 febbraio inizia in Vaticano un Simposio sulla vocazione battesimale. Per una teologia fondamentale del sacerdozio. Il discorso inaugurale è stato pronunciato da Papa Francesco, che ha riflettuto sulla Fede e sacerdozio nel nostro tempo. Nel corso dei lavori, che proseguiranno fino a sabato, si parlerà anche di sacramentalità, missione, celibato, carismi e spiritualità.

L'iniziativa è dovuta personalmente al cardinale Marc Ouellet, prefetto della Congregazione per i Vescovi, che ha fondato nel 2020 la Centro di Ricerca e di Antropologia e VocazioniIl Centro di ricerca, antropologia e vocazioni, indipendente dalla Santa Sede, ha sede in Francia.

In questa intervista a Omnes, il cardinale Ouellet riflette su vari aspetti del sacerdozio e della vocazione battesimale, e su altri temi che saranno affrontati nel corso del Simposio dei prossimi giorni.

Al Simposio presenterete il sacerdozio in una prospettiva trinitaria. Al contrario, percepiamo una concezione più "umana" o addirittura "funzionalista" del sacerdote. È questa la radice di alcune proposte, come nel Cammino sinodale tedesco?

-Il sacerdozio si riferisce al rapporto dell'uomo con Dio. Nel cristianesimo, Cristo è l'unico mediatore di questa relazione, che è un'alleanza d'amore. Il sacerdote rappresenta sacramentalmente Cristo come mediatore e può essere compreso solo in questa luce. Non possiamo accontentarci di un punto di vista sociologico che consideri la distribuzione del potere, né limitarci alle prospettive dei media.

Un'idea ricorrente è quella dell'ordinazione femminile. L'apertura dei ministeri laici alle donne è stata vista anche come un passo verso il diaconato, o forse anche verso il sacerdozio. Il diaconato e/o il sacerdozio per le donne è una possibilità aperta?

-Questa domanda riflette una mentalità maschile funzionale che equipara le donne al ruolo maschile e trascura la loro dimensione carismatica. I cambiamenti nella Chiesa devono essere molto più profondi di una ripartizione dei ruoli che mantiene le donne in una posizione subordinata rispetto agli uomini. È tempo che la teologia rifletta sul mistero femminile in sé e nella reciprocità con il maschile.

La "teologia fondamentale del sacerdozio", oggetto del Simposio, fa parte di una teologia della Chiesa. Ma la Chiesa è compresa oggi?

-Una teologia fondamentale del sacerdozio pensa innanzitutto al battesimo come prima partecipazione al sacerdozio di Cristo, perché il battesimo ci comunica la grazia della sua filiazione divina che è il fondamento del suo sacerdozio e della nostra partecipazione ad esso come membri del suo Corpo. Il ministero ordinato presuppone il battesimo e consiste in un successivo carisma di rappresentazione di Cristo Capo, posto al servizio della crescita del sacerdozio filiale dei battezzati. Pertanto, la Chiesa non deve essere ridotta alla sua gerarchia, perché è soprattutto la comunità dei battezzati intorno alla Madre di Dio.

La vita della Chiesa è radicata nell'Eucaristia. Il sacerdozio nasce dall'Eucaristia e vive per l'Eucaristia, ma come possiamo promuovere l'identità eucaristica di tutti i battezzati? 

- La Chiesa fa l'Eucaristia e l'Eucaristia fa la Chiesa", ha detto padre de Lubac. La Chiesa compie il rito, ma è Cristo nell'Eucaristia che dà vita alla Chiesa, che è il suo Corpo costituito dal battesimo. La celebrazione eucaristica è un mistero nuziale in cui Cristo risorto dona il suo Corpo alla Chiesa, sua sposa, e attende la risposta personale di amore di ogni battezzato e membro dell'assemblea. Dobbiamo rievangelizzare il significato della domenica.

In che senso si parla di "cultura vocazionale"?

-Il Sinodo sui giovani ha parlato di cultura vocazionale nel senso, innanzitutto, di una risposta a Dio in tutti i servizi che noi, battezzati, rendiamo alla società. Ogni persona riceve un particolare dono dello Spirito Santo, che si concretizza nella scelta di uno stato di vita e quindi di un servizio specifico alla Chiesa e alla società. Una comunità ecclesiale deve preoccuparsi di risvegliare e accompagnare le vocazioni particolari che normalmente fioriscono dove c'è una coscienza vocazionale tra i battezzati.

Celibato e abusi

Lo scandalo degli abusi sui minori ha messo sotto i riflettori i sacerdoti. In un'ottica di prevenzione, come possono essere formati, soprattutto dal punto di vista emotivo?  

-I sacerdoti hanno bisogno di comprensione e solidarietà. Sono messi a dura prova dall'attuale situazione di abuso e hanno bisogno della comunità per vivere meglio il loro impegno. Questa esigenza riguarda anche la formazione dei sacerdoti, che non deve essere completamente isolata, ma deve avvenire in relazione e sinergia con le famiglie, le comunità locali, le persone consacrate e i laici. L'amicizia sacerdotale è sempre stata una risorsa preziosa per mantenere la spinta verso la santità.

Alcuni ritengono che l'abolizione del celibato sacerdotale contribuirebbe a fermare gli abusi.

-Alcuni pensano che il celibato sia la causa degli abusi, mentre gli abusi esistono in tutte le situazioni di educazione, vita familiare, vita sportiva, ecc. La vera causa non è lo stato di celibato consacrato, ma la mancanza di autocontrollo e lo squilibrio affettivo. È certamente necessario per migliorare il discernimento delle vocazioni al sacerdozio e per garantire l'equilibrio psico-affettivo e morale dei candidati.

Come si spiega oggi il celibato?

-Il celibato deve essere presentato nella prospettiva della fede. Cristo ha chiamato i suoi discepoli a lasciare tutto per seguirlo. Lo ha potuto fare in virtù della sua identità divina di Figlio eterno del Padre, venuto nella carne per portare la salvezza all'umanità. Seguirlo nel celibato è innanzitutto una confessione di fede in questa identità e un atto di amore in risposta alla sua chiamata.

I sacerdoti hanno un compito speciale nella missione della Chiesa. In che modo la missione, l'"invio", definisce il sacerdozio?

-Il sacerdozio fondamentale è la consacrazione battesimale che ci rende figli e figlie di Dio. Il ministero ordinato è al servizio della crescita dei battezzati attraverso l'annuncio della Parola e il dono dei sacramenti. Il sacerdote esercita così una paternità spirituale che può riempire il suo cuore di gioia apostolica se vissuta in spirito di santità.

Ci sono altri aspetti del Simposio che vorrebbe sottolineare?

-Sì, infatti. Forse la sorpresa del Simposio è vedere l'importanza e il ruolo della vita consacrata per la comunione delle due partecipazioni all'unico sacerdozio di Cristo, il sacerdozio battesimale e il ministero ordinato.

L'autoreMaria José Atienza / Giovanni Tridente

In collaborazione con
Volete notizie indipendenti, veritiere e pertinenti?

Caro lettore, Omnes riferisce con rigore e profondità sull'attualità religiosa. Facciamo un lavoro di inchiesta che permette al lettore di acquisire criteri sugli eventi e le storie che accadono in ambito cattolico e nella Chiesa. Abbiamo firme stellari e corrispondenti a Roma che ci aiutano a far emergere l'informazione di fondo dal rumore mediatico, con distanza ideologica e indipendenza.

Abbiamo bisogno di voi per affrontare le nuove sfide di un panorama mediatico in evoluzione e di una realtà che richiede riflessione, abbiamo bisogno del vostro sostegno.

In collaborazione con
Newsletter La Brújula Lasciateci la vostra e-mail e riceverete ogni settimana le ultime notizie curate con un punto di vista cattolico.