Evangelizzazione

Le anime del Purgatorio: l'importanza della preghiera

Il giorno di Ognissanti si celebra il 2 novembre. Novembre è quindi tradizionalmente il mese in cui si prega in modo particolare per le anime del Purgatorio.

Loreto Rios-2 novembre 2023-Tempo di lettura: 6 minuti

Foto di Veit Hammer su Unsplash

Nel mese di novembre si prega in modo particolare per le anime del Purgatorio. La tradizione di pregare per i morti risale all'Antico Testamento e molti santi hanno ricevuto la visita di anime che chiedevano loro preghiere per poter entrare in Paradiso.

"L'anelito a Dio", il più grande tormento

Santa Faustina Kowalska, la santa che diffuse la devozione alla Divina Misericordia, spiegò così la sua visita al Purgatorio: "Allora chiesi a Gesù: Per chi devo ancora pregare? Egli mi rispose che la notte successiva mi avrebbe fatto sapere per chi avrei dovuto pregare.

Vidi l'Angelo custode che mi disse di seguirlo. In un attimo mi sono trovata in un luogo nebbioso, pieno di fuoco, dove c'era una moltitudine di anime sofferenti. Queste anime pregavano con grande fervore, ma senza efficacia per loro stesse, solo noi possiamo aiutarle. Le fiamme che le bruciavano non mi toccavano. Il mio Angelo custode non mi ha abbandonato un solo istante. Ho chiesto a queste anime qual era il loro più grande tormento? Mi hanno risposto all'unanimità che il loro più grande tormento era la nostalgia di Dio. Ho visto la Madre di Dio visitare le anime del Purgatorio. Le anime chiamano Maria "la stella del mare". Lei porta loro sollievo. Volevo parlare ancora con loro, ma il mio Angelo custode mi fece cenno di andarmene. Siamo usciti da quella prigione di sofferenza. [Ho sentito una voce interiore che mi diceva: "La mia misericordia non lo desidera, ma la giustizia lo esige". Da quel momento mi sono unita più strettamente alle anime sofferenti" (Diario, 20).

Santa Faustina vide anche l'inferno, di cui disse, dopo averlo descritto: "Sarei morta (...) se non fossi stata sostenuta dall'onnipotenza di Dio. Lo scrivo per ordine di Dio, affinché nessuna anima possa giustificarsi [dicendo] che l'inferno non esiste e che nessuno vi è stato o sa com'è (...) Quello che ho scritto è una debole ombra delle cose che ho visto (...) Quando sono rientrata in me stessa non ho potuto riprendermi dall'orrore (...). Perciò prego ancora più ardentemente per la conversione dei peccatori, invoco incessantemente la misericordia di Dio per loro" (Diario, 741).

Mentre l'inferno è uno stato irreversibile, le anime del purgatorio sono salve e arriveranno alla presenza di Dio dopo un processo di purificazione. Per questo si parla di tre "Chiese": la Chiesa trionfante, che è già alla presenza di Dio; la Chiesa purgante, composta da coloro che stanno subendo la purificazione del Purgatorio prima di andare in Paradiso; e la Chiesa militante o pellegrina, composta da coloro che stanno ancora camminando sulla terra.

Pertanto, la preghiera della Chiesa militante ha un frutto per il purgante, e i vivi possono pregare per le anime del Purgatorio.

Che cos'è il Purgatorio?

Il catechismo definisce il Purgatorio come segue: "Coloro che muoiono in grazia e amicizia di Dio, ma imperfettamente purificati, pur essendo sicuri della loro salvezza eterna, subiscono dopo la morte una purificazione, per ottenere la santità necessaria per entrare nella gioia del cielo" (Catechismo, 1030); "La Chiesa chiama questa purificazione finale degli eletti "purgatorio", che è del tutto distinto dalla punizione dei dannati. La Chiesa ha formulato la dottrina di fede sul purgatorio soprattutto nei Concili di Firenze (cfr. DS 1304) e di Trento (cfr. DS 1820; 1580)" (Catechismo, 1031).

Il catechismo continua dicendo che "questo insegnamento è sostenuto anche dalla pratica della preghiera per i defunti, di cui parla già la Scrittura [...].... Fin dai tempi più antichi, la Chiesa ha onorato la memoria dei defunti e offerto suffragi in loro favore, in particolare il sacrificio eucaristico (cfr. DS 856), affinché, una volta purificati, possano raggiungere la visione beatifica di Dio.

La Chiesa raccomanda anche elemosine, indulgenze e opere di penitenza per i defunti: "Portiamo loro soccorso e commemoriamoli. Se i figli di Giobbe furono purificati dal sacrificio del loro padre (cfr. Gb 1,5), perché dovremmo dubitare che le nostre offerte per i defunti portino loro un po' di consolazione [...] Non esitiamo, dunque, a soccorrere i defunti e a offrire le nostre preghiere per loro" (San Giovanni Crisostomo, In epistulam I ad Corinthios homilia 41, 5)" (Catechismo, 1032).

Il Purgatorio nella tradizione della Chiesa

Già nell'Antico Testamento ci sono testimonianze di preghiere per i morti: "Poi raccolse duemila dracme d'argento tra i suoi uomini e li mandò a Gerusalemme per offrire un sacrificio di espiazione. Agì con grande rettitudine e nobiltà, pensando alla risurrezione. Se non avesse sperato nella resurrezione dei caduti, sarebbe stato inutile e ridicolo pregare per i morti. Ma, considerando che una magnifica ricompensa era in serbo per coloro che erano morti piamente, l'idea era pia e santa. Perciò commissionò un sacrificio di espiazione per i morti, affinché fossero liberati dal peccato" (2 Macc 12, 43-46).

Ci sono riferimenti al Purgatorio fin dai primi secoli della Chiesa. Tertulliano, nato nel II secolo d.C., in molti dei suoi scritti parla della purificazione dei peccati dopo la morte e dell'offerta di preghiere per i morti.

Santa Perpetua, martire del 203, vide nella sua cella, in attesa dell'esecuzione, il fratello defunto, Dinocrate, "soffocato dal caldo e assetato, con i vestiti sporchi e di colore pallido". La santa capì che il fratello "soffriva. Ma ero fiduciosa che ne sarebbe stato alleviato, e non smisi di pregare per lui ogni giorno, finché non fummo trasferiti nella prigione militare (...). E pregavo per lui, gemendo e piangendo giorno e notte, affinché per mia intercessione fosse perdonato.

VIII. Il giorno in cui rimanemmo ai ceppi, ebbi la seguente visione: vidi il luogo che avevo visto prima, e Dinocrate pulito di corpo, ben vestito e riposato (...). Allora capii che mio fratello aveva superato la punizione" (Atti dei martiriMartirio delle sante Perpetua e Felicita e delle loro compagne, VII e VIII).

Ma ci sono molti altri esempi: Clemente di Alessandria, Cipriano di Cartagine, Origene, Lattanzio, Efrem di Siria, Basilio Magno, Cirillo di Gerusalemme, Epifanio di Salamina, Gregorio di Nissa, Sant'Agostino, San Gregorio Magno....

Pregare per i morti: stabilito dagli Apostoli

San Giovanni Crisostomo (347-407) afferma che la consuetudine di offrire una messa per i morti è stata istituita dagli stessi apostoliNon senza motivo fu stabilito, con leggi stabilite dagli apostoli, che nella celebrazione dei sacri misteri si facesse memoria di coloro che sono passati da questa vita. Sapevano, infatti, che in questo modo i defunti avrebbero ottenuto molti frutti e grandi benefici" (Omelie sulla Lettera ai Filippesi 3, 4: PG 62, 203).

Negli "Atti di Paolo e Tecla" (160) c'è anche un riferimento a un'anima del purgatorio, quando la figlia defunta di una donna appare a lui e gli diceAl mio posto avrai Tecla, la straniera abbandonata, a pregare per me, affinché io passi al luogo dei giusti".

Inoltre, nelle catacombe si sono conservate anche le iscrizioni richiesta di preghiera per i defuntiI primi cristiani si riunivano presso le tombe nell'anniversario della morte dei loro cari per pregare per loro.

Indulgenze

Oltre alle preghiere o alle opere di misericordia che si compiono per le anime del Purgatorio, un modo per intercedere per loro è l'applicazione del indulgenze che la Chiesa concede in relazione a determinate opere di pietà. Nella costituzione apostolica "Indulgentiarum doctrina"Paolo VI spiega: "Per i misteriosi e misericordiosi disegni di Dio, gli uomini sono uniti da vincoli soprannaturali, in modo che il peccato di uno nuoce agli altri, così come la santità di uno giova agli altri. In questo modo, i fedeli si aiutano a vicenda per raggiungere il fine soprannaturale. Una testimonianza di questa comunione è già evidente in Adamo, il cui peccato si estese a tutti gli uomini".

Inoltre, Paolo VI commentava: "I fedeli, seguendo le orme di Cristo, hanno sempre cercato di aiutarsi reciprocamente nel cammino verso il Padre celeste mediante la preghiera, l'esempio dei beni spirituali e l'espiazione penitenziale (...). È questo l'antichissimo dogma della comunione dei santi, secondo il quale la vita di ciascuno dei figli di Dio, in Cristo e per Cristo, è unita con un vincolo meraviglioso alla vita di tutti gli altri fratelli cristiani nell'unità soprannaturale del Corpo mistico di Cristo, formando una sola persona mistica... (...).

La Chiesa, consapevole di queste verità fin dall'inizio, ha avviato vari modi per applicare i frutti della redenzione di Cristo a ciascuno dei fedeli, e per far sì che i fedeli si adoperino per la salvezza dei loro fratelli (...).

Gli stessi Apostoli esortavano i loro discepoli a pregare per la salvezza dei peccatori; un'antichissima consuetudine della Chiesa ha conservato questo modo di fare, soprattutto quando i penitenti imploravano l'intercessione di tutta la comunità, e i defunti venivano aiutati con i suffragi, specialmente con l'offerta del sacrificio eucaristico".

In questo documento, l'indulgenza è definita come "la remissione davanti a Dio della pena temporale per i peccati, già perdonati per quanto riguarda la colpa acquisita dal fedele, opportunamente preparata, a certe e determinate condizioni, con l'aiuto della Chiesa, che, come amministratrice della redenzione, dispensa e applica con piena autorità il tesoro dei meriti di Cristo e dei santi".

Le indulgenze possono essere parziali o plenarie. L'indulgenza L'indulgenza plenaria (che richiede il compimento dell'atto per il quale viene concessa l'indulgenza, insieme alla confessione, alla comunione e alla preghiera per le intenzioni del Papa, nonché il rifiuto di ogni peccato mortale o veniale) implica la remissione totale della pena dovuta per i peccati, mentre la remissione parziale rimuove parte della pena.

Il 2 novembre, giorno di Ognissanti, si può ottenere l'indulgenza plenaria per un defunto in qualsiasi chiesa o oratorio pubblico. Ai fedeli che visitano devotamente il cimitero o pregano per i defunti viene concessa l'indulgenza plenaria (applicabile solo alle anime del purgatorio) in ciascuno dei giorni dal 1° all'8 novembre, e l'indulgenza parziale negli altri giorni dell'anno.

Per saperne di più
Newsletter La Brújula Lasciateci la vostra e-mail e riceverete ogni settimana le ultime notizie curate con un punto di vista cattolico.
Banner pubblicitari
Banner pubblicitari