Evangelizzazione

Katie AscoughRead more : "L'Irlanda è in gran parte un paese molto anticattolico".

Katie Ascough ha un progetto in Irlanda, "Called to more", che ha una missione molto chiara: conoscere, amare e servire Dio. In definitiva, il suo obiettivo è quello di "ricordare alle persone che sono chiamate a vivere di più e a mettere Dio al primo posto".

Paloma López Campos-25 febbraio 2023-Tempo di lettura: 7 minuti
Katie Ascough Irlanda

Katie Ascough, fondatrice della piattaforma "Called to more".

Katie Ascough è una giovane donna chiamata a fare di più. Ha un progetto in Irlanda, "Chiamato a più"("chiamata a fare di più") che ha una missione molto chiara: conoscere, amare e servire Dio. Pubblicando contenuti che aiutano le persone a conoscere meglio la religione cattolica, Katie vuole ricordare a tutti noi che siamo chiamati a fare un passo in più.

"Chiamato a più"ha una moltitudine di risorse che possono essere guardate, ascoltate o lette. Tutti i contenuti sono gratuiti e rappresentano una boccata d'aria fresca per il loro carattere accessibile. Aiuta i fedeli e rende più comprensibili questioni complicate della vita cristiana.

Katie Ascough, la persona che sta dietro a tutto questo, ha parlato con Omnes del progetto, della formazione, della chiamata di Dio e della libertà di espressione. Ha spiegato candidamente la situazione dei cattolici in Irlanda e quanto sia essenziale conoscere Dio per amarlo meglio.

Qual è l'ispirazione di "Chiamato a più"?

-"Chiamato a più"è iniziata con me e il mio attuale marito dopo il referendum sulla aborto in Irlanda nel 2018. Ci siamo conosciuti lavorando per la causa pro-vita, facendo campagna affinché la gente votasse contro. Quando abbiamo perso il referendum, abbiamo dovuto sederci e pensare a come rendere più efficace il nostro prossimo passo.

Abbiamo pensato che, piuttosto che cercare di spegnere piccoli incendi, dovevamo partire dalla base, andare alla radice del problema. Pensavamo che parte del problema fosse che i cattolici non conoscono bene la loro fede e che, in generale, la gente non capisce la loro religione e ciò in cui credono.

Durante il periodo che ha preceduto il referendum, abbiamo visto persone presentarsi per ricevere la comunione con cartelli a favore dell'aborto. Era chiaro che c'era molta confusione anche tra i cattolici praticanti.

Volevamo davvero fare qualcosa che aiutasse essenzialmente, prima di tutto, i cattolici ad approfondire la loro fede, ad amare di più Dio e ad essere più efficaci, ad essere preparati a condividere la loro fede. Volevamo quindi fare un passo indietro e aiutare a costruire una formazione migliore dalle fondamenta.

In "Chiamato a più"Avete molte risorse per la formazione dei cattolici. Qual è, secondo lei, la parte più importante della formazione?

-Penso che, come cattolici, dobbiamo lavorare su noi stessi, me compreso. Quindi, prima di tutto, abbiamo un rapporto con Dio e possiamo migliorarlo? La risposta per tutti noi è sì, possiamo sempre migliorare il nostro rapporto con Dio. Dobbiamo avere una solida base nella preghiera, frequentare i sacramenti e avere un rapporto molto forte con Dio.

Dobbiamo anche conoscere Dio, capire cosa significa essere cattolici, cosa dice la Dottrina e, per quanto possibile, è bene avere una base di filosofia e teologia. Con tutto questo, possiamo essere molto più efficaci e sicuri quando condividiamo la nostra fede con gli altri. Tuttavia, penso che molti cerchino di iniziare con l'evangelizzazione, che è un'ottima intenzione e qualcosa che deve essere fatto, ma dobbiamo iniziare da noi stessi.

Tutto questo fa parte del progetto che state portando avanti, ma cosa significa essere chiamati a fare di più, come dice il nome dell'iniziativa?

-In sostanza, ciò significa che tutti noi, compresi i cattolici praticanti, siamo chiamati a fare di più. Questa chiamata può essere suddivisa in tre pilastri: siamo chiamati a conoscere di più Dio, ad amarlo di più e a servirlo di più. Naturalmente si tratta, in breve, di una chiamata al cielo. Vogliamo ricordare alle persone che sono chiamate a vivere di più e a mettere Dio al primo posto.

Lei è una giovane donna e una madre, e tutto ciò comporta alcune sfide. Come riesce a realizzare il suo progetto? Qual è l'ispirazione alla base di tutto?

-Prima di tutto, ho sempre voluto essere una moglie e una madre. Essendo la maggiore di sette fratelli, ho sempre sentito la chiamata a questa vocazione. Questo è ciò che viene prima di tutto nella mia vita.

In secondo luogo, la mia vocazione di giornalista. Ho sempre saputo di voler usare la mia carriera per aiutare gli altri a incontrare Dio. Quando ho incontrato mio marito, Edward, avevamo entrambi una chiara visione dell'apostolato personale. La sua esperienza lavorativa è nel marketing e nella gestione dei marchi, la mia nel giornalismo, quindi era perfettamente logico per entrambi avviare una piattaforma online. Una cosa dopo l'altra, alla fine tutto ha funzionato bene, adattandosi alla mia visione del lavoro e a tutto l'aspetto lavorativo della mia vita. Oggi dirigo "Chiamato a più"Io lavoro a tempo pieno e mio marito fa ore di volontariato in aggiunta al suo lavoro regolare.

E onestamente, ciò che mi fa andare avanti sono le persone che interagiscono con i contenuti, che scrivono messaggi e lasciano commenti sui video. Proprio ieri ho ricevuto un'e-mail da un giovane americano che diceva che la serie che abbiamo con Padre Columba è ciò che lo aiuta a rimanere cattolico. Ha detto che ha incontrato molte persone che hanno cercato di imporgli le loro convinzioni e che, senza amore, hanno cercato di comunicargli la fede. Ma questo è impossibile, perché amore e verità vanno di pari passo.

Riceviamo continuamente messaggi di questo tipo. Molti provengono da giovani e famiglie. Recentemente anche un seminarista tedesco ci ha scritto dicendo che i nostri contenuti lo hanno aiutato a proseguire il suo cammino verso il sacerdozio, il che è una benedizione.

Basterebbe una sola di queste storie per andare avanti, ma è incredibile sentire da così tante persone l'impatto che hanno i nostri contenuti. È così facile continuare ad andare avanti.

Praticare il giornalismo in ambito cattolico può chiudere molte porte professionali in futuro. Vi spaventa l'idea di rimanere bloccati a produrre contenuti cattolici per il resto della vostra carriera?

-Sono molto felice della mia posizione e ho sempre voluto usare la mia carriera per qualcosa di buono. Penso che il bene più grande sia la nostra fede e aiutare le persone a incontrare Dio, quindi non scambierei il mio lavoro con nessun altro.

D'altra parte, se per qualche motivo in futuro volessi avere altre possibilità di carriera, sarei felice di lottare (di nuovo) per la libertà di espressione. Credo fermamente in questo diritto e ne ho parlato molte volte. Ho avuto la fortuna di tenere conferenze sulla libertà di espressione, sono stata intervistata in TV e alla radio per un fatto che mi è accaduto quando ero all'università e che ha fatto notizia a livello internazionale.

Credo che dovremmo essere in grado di avere qualsiasi credo, qualsiasi fede, senza essere puniti per questo. Se posso fare un cambiamento, per quanto piccolo, in questo campo, e se questo significa parlare apertamente di ciò in cui credo e lottare per il mio diritto di avere le mie convinzioni, cosa che ho fatto in passato e che farei di nuovo, allora per me va bene.

L'Irlanda è un Paese molto anticattolico. Questo rende qualsiasi tipo di iniziativa cattolica una lotta in salita.

A proposito di libertà di parola e di difesa delle proprie convinzioni, lei è stato estromesso dopo la sua elezione a presidente dell'Associazione studentesca di Università di Dublino (UCD). Che cosa è successo?

-Sono andato a UCDSono stata eletta Presidente dell'Associazione degli studenti, la più grande università d'Irlanda, e sono stata nominata Presidente dell'Associazione degli studenti, il che è incredibile. Sono stato molto grato di essere stato eletto. Ma poi, pochi mesi dopo aver assunto l'incarico, un piccolo gruppo di studenti arrabbiati ha iniziato una campagna per rimuovermi... perché sono a favore della vita.

La storia ha avuto risonanza internazionale e ho avuto l'onore di ricevere premi in Irlanda e a Londra. Ricordo di aver affittato un Airbnb a Chicago pochi mesi dopo il licenziamento e il padrone di casa conosceva la mia storia perché l'aveva letta sul giornale "Wall Street Journal". Il caso era esploso. Ricevevo messaggi dall'Australia, da tutta l'Europa, dall'America... Letteralmente da tutto il mondo. La stragrande maggioranza erano messaggi di sostegno e incoraggiamento.

Penso anche che sia stata una battuta d'arresto per coloro che volevano licenziarmi, perché alla fine è stata un'opportunità per me di parlare dell'ingiustizia del licenziamento, della libertà di parola e delle ragioni per cui sono a favore della vita. Ho potuto parlarne in numerose interviste ai media di tutto il mondo.

Devo dire che ho ricevuto molto sostegno e preghiere. La mia famiglia mi ha sostenuto molto e ha incoraggiato altre persone a pregare per me. C'erano due gruppi WhatsApp chiamati "Pregate per Katie" e sono sicura che quelle preghiere mi hanno dato molta forza.

D'altra parte, anche la mia fede era una roccia solida in quel periodo. Non ero mai stata così impegnata, eppure la mia vita di preghiera non era mai stata migliore. Pregavo per ottenere l'aiuto di Dio e mi sentivo molto in compagnia di Dio. Mi sembrava che Lui fosse davvero con me. Lo rifarei di nuovo.

In base alla sua esperienza, quale ritiene sia l'importanza di ".Chiamato a più"è prodotto in Irlanda?

-In Irlanda c'è molto rifiuto della fede cattolica, perché la Chiesa era molto forte anni fa e, ad essere onesti, c'erano molte persone peccatrici a capo dell'amministrazione della Chiesa. Purtroppo ci sono stati molti scandali e questo ha allontanato le persone dalla fede, cosa che posso capire. Ma, allo stesso tempo, penso che la nostra fede non debba basarsi sulle persone che gestiscono la Chiesa, ma che si debba basare su Dio e riporre in Lui la nostra speranza.

A causa di tutto questo c'è un'atmosfera anticattolica. E in questo momento direi che l'Irlanda è un Paese molto anticattolico. Questo rende molto difficile qualsiasi tipo di impresa cattolica. Ma noi pensiamo che sia importante avere qualcosa di nazionale e irlandese. Un'azienda irlandese con contenuti cattolici, con un accento irlandese, con riferimenti culturali irlandesi, che aiutino gli irlandesi a identificarsi con i contenuti. Molte persone in questo campo sono in America, quindi molte delle risorse cattoliche su Internet provengono dall'America. È fantastico, possiamo imparare molto da loro, ma è anche bello avere qualcosa dall'Irlanda, in modo che le persone possano identificarsi e sentirsi ispirate da qualcosa che proviene dal loro Paese.

In senso ancora più ampio, la produzione di contenuti in Irlanda può contribuire a rendere i contenuti più diversificati, il che speriamo sia un vantaggio per tutti.

Quindi, è vero che dobbiamo formarci e che piattaforme come la "Chiamato a più"Pensa che ci siano errori e pregiudizi che potrebbero essere evitati se i cattolici fossero più istruiti?

-Mi piace usare l'analogia del matrimonio. Se non si conoscono le basi del proprio coniuge, non si può avere una relazione con lui. Conoscere bene una persona ci permette di amarla meglio. Così credo che conoscere la nostra fede ci aiuti ad amare di più Dio.

Conoscendo e amando meglio Dio, siamo meglio attrezzati per condividere la nostra fede. Credo che questo sia il nocciolo della questione. Mi spezza il cuore vedere persone che si allontanano dalla fede, non a causa della fede stessa, ma a causa di ciò che erroneamente credono che sia la fede. È un peccato che questo accada e lo vediamo accadere continuamente, soprattutto in Irlanda, dove la conoscenza della Chiesa proviene da quelle idee culturali di cui abbiamo parlato prima, quel modo di pensare che la Chiesa sia cattiva e sbagliata. Molte volte le persone rifiutano qualcosa che non capiscono e non si prendono il tempo di capirlo perché è tutto circondato da pregiudizi e, direi, da confusione.

Credo quindi che una migliore formazione possa giovare a tutti noi. Aiuterà i cattolici e anche coloro che si avvicinano alla Chiesa a capire meglio a cosa vogliono partecipare.

Pensa che ci sia qualcosa a cui noi cattolici dovremmo prestare maggiore attenzione?

-Oltre a ciò di cui abbiamo già parlato, penso che dobbiamo concentrarci maggiormente sulla comunità. Nella mia vita mi sono reso conto di quanto sia importante camminare insieme ad altre persone che condividono la tua fede.

Vogliamo incoraggiare le persone a impegnarsi con gli altri, soprattutto con coloro che vanno a Messa con loro. Questo è un aspetto su cui lavoreremo in una nuova serie di "Chiamato a più".

Per saperne di più
In collaborazione con
Volete notizie indipendenti, veritiere e pertinenti?

Caro lettore, Omnes riferisce con rigore e profondità sull'attualità religiosa. Facciamo un lavoro di inchiesta che permette al lettore di acquisire criteri sugli eventi e le storie che accadono in ambito cattolico e nella Chiesa. Abbiamo firme stellari e corrispondenti a Roma che ci aiutano a far emergere l'informazione di fondo dal rumore mediatico, con distanza ideologica e indipendenza.

Abbiamo bisogno di voi per affrontare le nuove sfide di un panorama mediatico in evoluzione e di una realtà che richiede riflessione, abbiamo bisogno del vostro sostegno.

In collaborazione con
Newsletter La Brújula Lasciateci la vostra e-mail e riceverete ogni settimana le ultime notizie curate con un punto di vista cattolico.