Vocazioni

Il cardinale Lazzaro You: "Perché ci siano buoni pastori, bisogna usare tutti i mezzi".

Sono molte le dimensioni del sacerdozio che richiedono la diligente attenzione della Chiesa. Nell'opinione pubblica, le prospettive sono spesso negative: calo delle vocazioni, concezioni controverse del sacerdozio, comportamenti poco esemplari... Il cardinale Lazzaro You affronta tutti questi aspetti in questa intervista.

Alfonso Riobó-15 marzo 2023-Tempo di lettura: 11 minuti
lazzaro

Il cardinale Lazzaro You Heoung Sik, coreano, è stato nominato da Francesco prefetto del Dicastero per il Clero nel 2021. È una persona gioviale, che irradia affetto e simpatia. Nella conversazione informale che ha accompagnato questa intervista a Omnes a Roma, si è definito come un "tifoso (sostenitore entusiasta) dei sacerdoti. Poche espressioni potrebbero indicare meglio ciò che si desidera in chi svolge questo compito.

Lei è entrato a far parte del Dicastero come Prefetto poco più di un anno fa. Qual è il significato della nomina di un vescovo coreano a questo compito?

-È la prima volta che un coreano viene nominato prefetto di un Dicastero della Santa Sede. Lo vedo come un dono reciproco. Non è che io abbia molto da dare, ma vorrei offrire molto. Allo stesso tempo, è un arricchimento per me.

Permettetemi, all'inizio di questa intervista, di ricordare qualcosa che il Santo Padre ha scritto ai giornalisti nel suo Messaggio per la Giornata mondiale delle comunicazioni sociali Il tema di quest'anno: l'importante è "parlare con il cuore". Se si parla con il cuore, ciò che si dice arriva, perché il cuore assomiglia al Signore. Con il cuore, funziona; senza il cuore, non funziona. Perciò, in risposta al messaggio di Papa Francesco e per metterlo in pratica, cercherò di parlare con il cuore.

Come viene attuato Praedicate Evangelium nel Dicastero?

-La Costituzione Apostolica Praedicate Evangelium ha riformato la Curia romana. Il Papa l'ha preparata fin dall'inizio del suo pontificato; già nell'aprile 2013, a poco più di un mese dall'inizio del suo pontificato, ha formato il Consiglio con gli otto cardinali provenienti da diversi continenti, e ha studiato insieme a loro tutta la vita della Chiesa; questa è la Chiesa in modalità sinodale. Inoltre, è significativo che questi cardinali siano pastori nelle rispettive diocesi; quindi, la Costituzione è fatta da pastori, il che è molto importante. Forse gli esperti possono fare qualche osservazione dal punto di vista del diritto canonico, ma si tratta di un testo elaborato da una prospettiva pastorale.

Nella Costituzione, il Papa ha voluto mettere in primo piano l'evangelizzazione, ed è per questo che il Dicastero per l'Evangelizzazione è al primo posto. Ciò significa che il primo compito della Chiesa è quello di annunciare la Parola di Dio, la buona notizia; questa è una cosa molto bella. Annunciamo la buona novella con la nostra testimonianza; senza di essa non c'è evangelizzazione. E poi viene la Carità, che nella Chiesa è il primo compito. Praedicate Evangelium è diventato il terzo Dicastero, quello del Servizio della Carità.

Questo è ciò che dobbiamo fare anche noi sacerdoti e pastori: è necessario annunciare la Parola, e questo richiede che viviamo sempre la Parola, e con essa mettiamo in pratica la Carità, un amore reciproco e concreto. Per questo motivo, nel Dicastero per il Clero, è importante formare i sacerdoti secondo Praedicate Evangelium. Non è un compito da svolgere in un solo giorno, ma una visione, un cammino da percorrere in avanti, a partire da noi, da me stesso: io sono il primo a convertirmi.

Come funziona il Dicastero?

-Come lei ha detto, siamo qui da poco tempo e molti dei responsabili del Dicastero sono nuovi. La nostra preoccupazione principale non è quella di cambiare le strutture di questo organismo, ma di mettere cuore e anima nel lavoro quotidiano. Senza cuore non si può andare avanti. Questo è il nostro compito.

E stiamo cercando di farlo in collaborazione tra di noi; quindi dobbiamo trovare una visione per il Dicastero, e lo stiamo facendo ascoltando tutti i Membri e i Consulenti, tra i quali ci sono esperti nei vari campi, provenienti da diversi Paesi.

Anche il nostro rapporto con gli altri Dicasteri è di collaborazione: il nostro è un lavoro di squadra.

Non dimentichiamo che il nostro compito è un servizio alle Chiese locali. È sempre stata una caratteristica della Santa Sede, ma ora il Papa ha sottolineato ancora di più che il nostro ruolo è quello di servire le Chiese locali e i vescovi e i sacerdoti di tutto il mondo. Siamo lì per servire, non per comandare, supervisionare o controllare. I vescovi che vengono qui per qualsiasi motivo lo sentono: si sentono bene, perché si sentono molto amati. 

Una novità è la competenza del Dicastero sulle prelature personali. Com'è il rapporto con la Prelatura dell'Opus Dei?

La competenza della Prelatura personale ci è giunta e l'abbiamo accolta con grande gioia. Con la Opus Dei Abbiamo avuto molti incontri e riunioni. 

Questo compito ci ricorda che siamo tutti per il Signore, siamo per la Chiesa. Apriamo dunque i nostri cuori. Parliamo. Ascoltiamoci a vicenda. Esaminiamo i problemi e arriviamo insieme dove Dio vuole che andiamo. Lo Spirito Santo ci porterà avanti. Questo è ciò che ho detto ai membri della Prelatura, e sono stati felici di sentirlo. 

Lo scorso novembre ho ordinato venticinque diaconi della Prelatura dell'Opus Dei. È stato molto bello. All'avvicinarsi della data, ho detto loro: per ordinare questi seminaristi, voglio prima conoscerli; e ho chiesto loro di venire a trovarmi. Abbiamo parlato per circa un'ora, conoscendo la storia di ciascuno di loro. Uno era ingegnere, un altro insegnante, o giornalista, o medico... ma con la chiamata al sacerdozio tutto è cambiato; hanno incontrato il Signore e hanno cambiato rotta. Che bello! Anche dopo l'ordinazione siamo stati insieme, in un'atmosfera molto familiare. 

Uno dei suoi compiti è quello di prendersi cura dei sacerdoti, per quanto riguarda la loro persona e il loro ministero pastorale. Non è una grande responsabilità oggi?

-Papa Francesco ha osservato che siamo in un cambiamento epocale, sia nella Chiesa che nella società stessa. Avendo parlato molto con lui, credo che la cosa importante sia chiedersi: quale Chiesa vuole Dio ora? E, dato che il sacerdozio è un servizio nella Chiesa, in questo contesto, quali sacerdoti sono necessari nella Chiesa?

Ora, poiché un sacerdote non cade dal cielo, ma richiede una formazione, dobbiamo chiederci: come formare un tale sacerdote? In definitiva, questo porterà alla possibilità di trovare vocazioni, quindi la domanda rimane: quale Chiesa, quali sacerdoti, quale formazione, quali vocazioni?

Sono convinto che Papa Giovanni Paolo II avesse ragione quando affermava in Tertio millennio adveniente che la Chiesa è una casa e una fonte di comunione. Francesco aggiunge che è sinodale, perché camminiamo insieme. A sua volta, camminare insieme significa vivere la Parola, altrimenti non si può camminare con gli altri. Vivere la Parola è molto importante, perché è un'esigenza che deriva dal fatto che siamo cristiani. Quando parla di Chiesa sinodale, il Papa si riferisce proprio a questo. Già in Evangelii Gaudium sottolinea l'importanza della Parola e ha istituito la celebrazione annuale della Domenica della Parola di Dio.

Gesù dice che chi vive la Parola e la mette in pratica costruisce la casa sulla roccia, chi non la mette in pratica costruisce sulla sabbia. La Parola ci porta all'amore; chi mette in pratica la Parola va verso gli altri e la sua vita diventa amore reciproco.

Intendiamo il sacerdozio in riferimento a Gesù, che è sempre sacerdote, ma in modo particolare quando muore sulla croce. Quando la morte si avvicinava, il Signore si sentiva abbandonato da Dio, perché non si mostrava come Padre ("Dio mio, perché mi hai abbandonato?".), e per gli uomini che per primi gridano "Osanna e poi gridano "Crocifiggilo. Lì, tra cielo e terra, quando Gesù soffre il dolore più grande, la sua morte ci apre il paradiso. Più grande è il dolore di Gesù, più grande è la grazia per l'umanità. Egli stesso diventa un sacrificio, un vero sacerdote. Io concepisco il mio sacerdozio sulla croce.

Quando sono stato ordinato sacerdote, il mio padre spirituale mi ha regalato questa croce. [il segno], e mi disse: éè il vostro coniuge, vivete tutta la vostra vita come tra marito e moglie, non importa chi vince, mettetevi sempre sotto l'altro, sotto il coniuge. Il Papa vuole che ci ascoltiamo a vicenda, che partecipiamo insieme, con l'aiuto dello Spirito Santo a discernere ciò che Dio vuole; non solo la Chiesa, ma ogni comunità, ogni diocesi, ogni movimento.

Come viene implementato nel Ratio Fundamentalis Institutionis Sacerdotalisil documento di base per la formazione dei sacerdoti?

-Il Rapporto fondamentale è uno strumento molto importante.

Nel Dicastero siamo consapevoli che le circostanze non sono le stesse in tutti i Paesi, e vediamo che le situazioni sono diverse, e anche all'interno di una nazione come la Spagna c'è diversità nelle diverse diocesi. Per questo motivo, è necessario preparare le linee guida per la formazione necessarie per ogni luogo, applicando i principi generali della Rapporto fondamentale incarnato nella Ratio nationalis

È vero che, in ogni diocesi, il vescovo è il primo responsabile del seminario; ma accanto a lui sono responsabili anche i formatori, i seminaristi, le famiglie, il popolo di Dio: tutti devono camminare insieme. Il seminario cammina anche come Chiesa sinodale. Se il vescovo agisce da solo, o il rettore del seminario, allora è sintomo che le cose non vanno bene.

Vediamo che il numero di vocazioni è oggi in forte diminuzione. Un tempo non era raro trovare seminari con centocinquanta o duecento seminaristi, o anche di più, mentre ora molti ne hanno solo cinque, dieci o quindici. Come possono questi seminari andare avanti?

E in Spagna, dove è in corso una visita a tutti i seminari?

-Quanto ha contribuito la Chiesa in Spagna all'evangelizzazione! In quanti luoghi del mondo ha portato la fede! È stato un bell'aiuto, anche per i seminari! Ma quanti seminaristi ci sono ora?

Dobbiamo riconoscere che è difficile formare bene la vita sacerdotale se si hanno solo dieci o quindici seminaristi; è una sfida oggi avere un buon numero di vocazioni sacerdotali, avere i formatori necessari, rendere i seminari finanziariamente sostenibili, rendere possibile la vita comunitaria. È difficile nonostante il buon desiderio, il santo desiderio di crescere. Per questo abbiamo chiesto ai vescovi spagnoli di studiare la questione, e loro stessi ci hanno detto che è opportuno farlo.

Ad essere onesti, devo dire che alcuni vescovi non sono in grado di farlo. Per questo è stata programmata la visita apostolica a cui lei fa riferimento, nella speranza che in futuro i seminari possano tornare a crescere.

Per la visita che si sta svolgendo in queste settimane sono state inviate le persone giuste, per vedere la situazione da vicino. Non tutti i vescovi spagnoli sono convinti della sua necessità, ma, tenendoli in considerazione, ho detto loro di fare le loro proposte, in modo da poterle studiare.

Si prevede quindi la chiusura di alcuni seminari spagnoli?

-Non necessariamente. È vero che, se fosse conveniente creare un seminario interdiocesano, sarebbe necessario chiudere un seminario diocesano, altrimenti sarebbe impossibile, ma la visita non è finalizzata alla chiusura dei seminari.

I visitatori, una volta terminato il loro lavoro, discuteranno tutto con i vescovi e valuteranno insieme, se necessario, quali seminari specifici dovrebbero essere chiusi o riorientati; e alla fine sarà il Papa a decidere, dopo un attento discernimento di tutte le proposte.

Da parte nostra, siamo sempre pronti a servire. È importante capire che il compito di favorire le vocazioni è responsabilità di tutti, così come la formazione dei candidati al sacerdozio. Per andare avanti, tutto deve essere fatto nella chiave della Chiesa sinodale.

Per tutti questi motivi, penso che la visita sia un momento di grazia per tutti noi, per i vescovi, i seminaristi e le comunità cristiane. Il primo momento può essere un momento di difficoltà e di sofferenza, ma per il futuro sarà un momento di grazia.

Le visite ai seminari sono frequenti?

-Sì, certo. Ci sono, o ci sono state, altre visite di questo tipo in altri Paesi, a tutti i seminari del Paese o a quelli di alcune province o regioni.

Non dimentichiamo che il fine ultimo della formazione dei sacerdoti è quello di assicurare che ci siano buoni pastori, e a questo scopo bisogna fornire tutti i mezzi, perché è un compito molto importante, ed è compito della Santa Sede incoraggiare questo compito formativo dei seminari.

I dati indicano una diminuzione del numero di seminaristi nel mondo. Come vede l'evoluzione delle vocazioni a Roma?

-In generale, infatti, il numero dei seminaristi è in forte calo ovunque, e sono pochissimi i luoghi in cui aumenta. Un primo fattore importante è che ci sono pochi bambini e poche famiglie cristiane.

In secondo luogo, i sacerdoti devono essere incoraggiati a essere buoni pastori. Un sacerdote è un buon pastore quando assomiglia a Gesù: questa è una testimonianza necessaria e commovente.

Quando intorno ai sacerdoti c'è una comunità viva e bella, le vocazioni sono abbondanti.

Dobbiamo sempre tornare alla comunità primitiva, che si nutriva della Parola di Dio e dei Sacramenti, si amava, condivideva tutto...: questo è l'esempio di una Chiesa che è comunione, che è una vera comunità.

I sacerdoti sono ben distribuiti nelle aree in cui sono necessari?

-La distribuzione più appropriata dei sacerdoti avviene in diversi modi.

Penso, per esempio, ai sacerdoti che si muovono Fidei donum in altri Paesi, con la necessaria inculturazione, poiché devono conoscere e integrarsi nella mentalità del Paese, imparare a vivere con la gente del posto, ecc. Questo non è sempre facile, perché richiede di anteporre la cultura del nuovo luogo e l'annuncio del Vangelo alla propria mentalità e alle proprie tradizioni.

Per noi sacerdoti e per i seminaristi è molto importante avere uno spirito missionario. Nei cinque anni in cui sono stato rettore del seminario e nei diciotto anni in cui sono stato vescovo della diocesi - quindi per ventitré anni - ho posto a ogni seminarista questa domanda: sei disposto ad andare in qualsiasi parte del mondo? Alcuni dicevano che era difficile perché non sopportavano il freddo, il caldo o altro; altri dicevano di sì perché gli piaceva viaggiare. Ma non è per un viaggio, è per tutta la vita!

Dovete volere che le vostre ossa riposino lì; la vostra tomba deve essere lì". Allora tutti dissero di sì, erano pronti ad andare ovunque fosse necessario per Gesù, per la Chiesa. Molti me lo ricordano ancora: ci hai detto che dovevamo essere pronti ad andare ovunque! Sì, è vero, chi si sente chiamato a essere sacerdote deve essere pronto ad assumere questo atteggiamento missionario.

Quali sono le cause delle crisi professionali?

-I motivi possono essere molto diversi.

Una delle difficoltà è il problema della solitudine: ci sono sacerdoti che si sentono soli.

Il seminario non è solo un'istituzione per formare i futuri sacerdoti, ma è la comunità di coloro che seguono Gesù. Gesù ti ama e tu diventi discepolo di Gesù. Si cerca di vivere la Parola, e intorno alla vita della Parola si forma la comunione. Tutto nella vita del seminario e durante il periodo di formazione deve essere una vita comunitaria.

Tuttavia, una volta che si è sacerdoti, cosa succede? Se si abbandona il senso della comunità o della vita sacerdotale, se si trascura la meditazione, se non c'è vita di adorazione, se il breviario comincia a mancare, se mi lascio prendere dalla fretta di lavorare, se la confessione scompare, se trascuro il rosario e la Messa, se il sacerdote va a letto tardi, resta sveglio fino a mezzanotte impegnato con il computer e si alza molto tardi... dov'è la vita giusta? Così il sacerdote difficilmente sentirà la gioia del Vangelo e cadrà in un sentimento di solitudine e delusione. In queste condizioni è logico sentirsi soli.

In mezzo a tanta attività, che posto ha la vita spirituale dei sacerdoti?

-Come dicevo prima, è necessario curare l'aspetto comunitario del sacerdote: che il sacerdote cerchi altri sacerdoti, curi le relazioni, incoraggi la comunione, si confessi e così via. Senza questo, è difficile anche avere una vita spirituale solida, nonostante le tante occupazioni.

Per esempio, oggi siamo molto presi dal telefono cellulare e dalle possibilità del mondo digitale, che sono buone in sé, ma... Oh, è terribile!

Dovete davvero stare svegli, non addormentarvi, cercare Dio con tutte le vostre forze, essere in Lui e anche aiutarvi a vicenda.

Qualche settimana fa ho tenuto un ritiro spirituale a circa cinquanta sacerdoti; è stato molto arricchente e ho parlato personalmente a coloro che me lo hanno chiesto, che erano un gruppo numeroso.

Molti mi hanno parlato delle loro attività in parrocchia e di come a volte debbano dedicare troppo tempo a questioni amministrative, a scapito del loro compito più diretto di pastori. Ma ci sono così tanti laici che potrebbero aiutare in questi compiti! E il sacerdote potrà agire di più come pastore.

La solitudine o il troppo lavoro influiscono sull'affettività?

-Un'affettività equilibrata è molto importante per il celibato. Come possiamo raggiungere questa maturità? Non è facile, ma è necessario coltivare il cammino che porta alla maturità umana, insieme al vivere la Parola.

Una persona non è mai sola se cerca di vivere in Dio. Il nostro Dio non è solitudine, è Uno e Trino. E noi non possiamo vivere da soli, nemmeno umanamente. 

Un altro aspetto della formazione è quello culturale e intellettuale.

-La lettura e lo studio sono molto importanti per un sacerdote. Prima di diventare rettore del seminario, sono stato anche insegnante nel seminario maggiore per quattro anni, e in seguito sono rimasto insegnante.

Ho notato che quando qualcuno dice "basta" alla vita intellettuale, l'intero tono generale della sua vita diminuisce. Non si tratta necessariamente di sapere molto, ma di raggiungere una saggezza che viene da Dio, e per questo bisogna essere ben istruiti e studiare.

In collaborazione con
Volete notizie indipendenti, veritiere e pertinenti?

Caro lettore, Omnes riferisce con rigore e profondità sull'attualità religiosa. Facciamo un lavoro di inchiesta che permette al lettore di acquisire criteri sugli eventi e le storie che accadono in ambito cattolico e nella Chiesa. Abbiamo firme stellari e corrispondenti a Roma che ci aiutano a far emergere l'informazione di fondo dal rumore mediatico, con distanza ideologica e indipendenza.

Abbiamo bisogno di voi per affrontare le nuove sfide di un panorama mediatico in evoluzione e di una realtà che richiede riflessione, abbiamo bisogno del vostro sostegno.

In collaborazione con
Newsletter La Brújula Lasciateci la vostra e-mail e riceverete ogni settimana le ultime notizie curate con un punto di vista cattolico.