Evangelizzazione

Cinque anni dopo la beatificazione di Guadalupe Ortiz de Landázuri

Il 18 maggio 2019, migliaia di persone hanno assistito alla beatificazione di Guadalupe Ortiz de Landázuri, professoressa, numeraria dell'Opus Dei e, dal 2024, patrona del Collegio Ufficiale dei Chimici di Madrid.

Paloma López Campos-18 maggio 2024-Tempo di lettura: 4 minuti
Guadalupe Ortiz de Landázuri

Guadalupe Ortiz de Landázuri (foto CNS / cortesia Ufficio comunicazioni Opus Dei)

Il 18 maggio 2019, migliaia di persone hanno affollato l'Arena Palacio Vistalegre di Madrid. Erano le nove del mattino, ma sorrisi gioiosi e voci eccitate circondavano la sede di Carabanchel per un unico motivo: la beatificazione di Guadalupe Ortiz de Landázuri.

Guadalupe Ortiz de Landázuri (Ufficio delle Cause dei Santi, Prelatura dell'Opus Dei)

Dottore di ricerca in chimica, professore di master industriale e professore numerario presso l'Università di Milano. Opus DeiGuadalupe si distingue, nelle parole di Papa Francesco, come esempio di "santità della normalità". A 44 anni dalla sua morte, cittadini di Singapore, Messico, Stati Uniti, Nigeria e altri Paesi si sono recati a Madrid per celebrare il grande passo nella causa di canonizzazione di questa donna.

Che cosa ha fatto Guadalupe per riunire così tante persone in un unico luogo? Non si tratta solo del fatto che è stata la prima laica beatificata appartenente all'Opus Dei. Per José Carlos Martín de la Hoz, postulatore diocesano della causa di canonizzazione della professoressa, una delle ragioni si trova nelle parole che Papa Francesco ha pronunciato su di lei. Il Pontefice l'ha definita "la santa della gioia, ma una gioia con contenuto, perché ha sempre cercato di amare Dio e gli altri, e in questo sta la fonte della pace che diffondeva intorno a sé".

Santo della gioia e della normalità

Il sorriso di Guadalupe è proprio quello che si poteva vedere su tutti i manifesti di Vistalegre. Chi ha partecipato all'evento ha incontrato il volto di una donna che ha brillato per la sua "virtù della pazienza", sottolinea il postulatore diocesano.

A Vistalegre si sono recati coloro che in un momento o nell'altro sono rimasti colpiti da questa "ricercatrice scientifica", "donna di laboratorio" e "insegnante paziente", una persona "dotata di una grande capacità di ascolto e di guida degli altri".

E se non c'è dubbio che Guadalupe Ortiz de Landázuri sia importante per chi è vicino all'Opus Dei, la sua vita ha qualcosa da dire anche a tutti i cattolici. Come sottolinea il postulatore della causa di canonizzazione, "stiamo attraversando una fase complessa nella storia della civiltà occidentale, perché siamo alla fine di una fase e all'inizio di un'altra. La nuova cultura della globalizzazione che sta nascendo sarà cristiana, e quindi in linea con la dignità della persona umana, se noi cristiani seguiremo gli esempi di vita e di entusiasmo dei santi".

Guadalupe Ortiz de Landázuri e l'Opus Dei

Esempi come Guadalupe, che San Josemaría Escrivá invitò a recarsi in Messico per promuovere l'opera dell'Opus Dei e condividere la fede con chi incontrava. Dopo aver guidato diversi progetti in Spagna, il fondatore dell'Opus Dei volle che lavorasse dall'altra parte dell'Atlantico. E così fece. Nel 1950 si recò in Messico per aprire la prima residenza per studenti universitari del Paese.

Da quel momento e per cinque anni, Guadalupe ha continuato a lavorare per le donne del Messico, aiutando contadine, giovani e adulte, non solo a livello spirituale, ma anche professionale e personale.

Nel 1956 San Josemaría chiese nuovamente il suo aiuto e, in questa occasione, la maestra si recò a Roma per assumere alcuni incarichi di governo nell'Opus Dei. A proposito del rapporto di collaborazione tra il fondatore dell'Opera e Guadalupe, José Carlos Martín de la Hoz afferma che "San Josemaría trattò sempre Guadalupe con particolare fiducia, poiché fu una delle prime donne a seguirlo dopo la guerra civile spagnola e, essendo una donna professionale e matura, poté contare su di lei".

Guadalupe Ortiz de Landázuri era ben consapevole della sua vocazione all'Opus Dei. Il suo impegno nel lavoro era legato, come spiega il postulatore diocesano, al "mandato della carità". Per questo motivo, Martín de la Hoz ritiene che "passerà senza dubbio alla storia come una donna che ha saputo essere attenta ai dettagli con tutti coloro che incontrava, e questo è il senso dell'Opus Dei: amare Dio e gli altri in mezzo al mondo".

In mezzo al mondo

Questa consapevolezza di essere al centro del mondo è ciò che hanno ammirato coloro che sono venuti a Vistalegre il 18 maggio 2019. È anche il motivo per cui il Associazione ufficiale dei chimici di Madrid ha fatto di Guadalupe la sua patrona ufficiale. Una decisione che il rettore, Iñigo Pérez-Baroja, giustifica "per il suo amore per la chimica, per le sue forti convenzioni cristiane, per il suo esempio di santità della normalità, per essere stata la prima imprenditrice espatriata di opere sociali, per la sua capacità di comunicare e diffondere le sue conoscenze scientifiche".

In questo sta parte dell'eredità di Guadalupe, che non voleva essere né una donna di scienza né una donna di fede. Come Santa Teresa, voleva tutto: Dio, il mondo, la contemplazione e l'azione....

Guadalupe Ortiz de Landázuri si è dedicata ad amare il mondo con passione, rispondendo all'invito di San Josemaría Escrivá. È questo che si è celebrato a Vistalegre, la gioia nella normalità. È stata la celebrazione di una donna le cui parole potrebbero essere pronunciate da qualsiasi cristiano di oggi: "Voglio essere fedele, voglio essere utile e voglio essere santa" (Lettera a San Josemaría Escrivá, 1 febbraio 1954).

Il 18 maggio 2019 si è celebrata a Vistalegre la vita di Guadalupe Ortiz de Landázuri, che "con la gioia che sgorgava dalla sua coscienza di figlia di Dio (...) mise le sue molteplici qualità umane e spirituali al servizio degli altri, aiutando in modo speciale altre donne e le loro famiglie bisognose di istruzione e sviluppo" (Lettera Papa Francesco al prelato dell'Opus Dei per la beatificazione di Guadalupe).

Palacio Vistalegre Arena durante la beatificazione di Guadalupe Ortiz de Landázuri (Flickr / Prelatura della Santa Croce e Opus Dei)
Per saperne di più
Newsletter La Brújula Lasciateci la vostra e-mail e riceverete ogni settimana le ultime notizie curate con un punto di vista cattolico.
Banner pubblicitari
Banner pubblicitari