Possiamo superare la polarizzazione sociale sul tema dell'aborto?

29 giugno 2022-Tempo di lettura: 5 minuti

Venerdì 24 giugno la Corte Suprema ha annullato la sentenza di Roe contro Wadeche dal 1973 proteggeva il "diritto" all'aborto negli Stati Uniti. All'annuncio della decisione, migliaia di persone sono scese in strada per festeggiare, mentre molte altre sono scese in piazza per protestare. 

L'aborto è forse la questione morale più controversa in Occidente da oltre cinquant'anni. 

Le richieste dei pro-vita sembrano ragionevoli, nella misura in cui ritengono che siano in gioco vite umane. Tuttavia, i favorevoli all'aborto sono altrettanto convinti che si tratti di un diritto umano delle donne, in quanto ritengono che gli embrioni o i feti non siano persone con diritti. 

Personalmente sono contrario all'aborto ma, in queste righe, non voglio entrare nel merito delle argomentazioni delle due parti. Voglio sottolineare il fatto che siamo chiaramente in disaccordo. Se tutti riconosciamo questo, la cosa successiva che possiamo considerare è come procedere insieme per chiarire la questione. 

È vero che si può pensare che sia impossibile raggiungere un accordo sulla questione. Ci sono buone ragioni per questo: Le posizioni di entrambe le parti sono molto forti. Difficilmente ascoltiamo le ragioni dell'altro, ci sono molti interessi economici contrastanti, è una questione che ci coinvolge emotivamente, e così via. 

Ora, dopo tanti secoli di storia, mi chiedo se non sia possibile risolvere le nostre differenze in modo più razionale e pacifico. Nel corso della storia, gli esseri umani hanno risolto i loro disaccordi ricorrendo alla guerra, alle squalifiche personali e, ultimamente, alla cancellazione o alla condanna sociale. E la verità è che ha senso farlo, perché l'imposizione forzata delle proprie idee agli altri è stata spesso efficace. Ha funzionato in molte occasioni, impiantando una certa visione del mondo. 

Credo che questo sia il motivo per cui tutti noi possiamo essere tentati di imporre a maggioranza le leggi che consideriamo giuste. E poiché la violenza non è più socialmente accettabile, preferiamo non ricorrervi se non abbiamo altra scelta. 

Probabilmente sono un po' ingenuo, ma mi chiedo se non sia possibile avere un dialogo sereno su una questione morale controversa. Ovviamente non è facile, ma se non ci proviamo rischiamo di approfondire ulteriormente la polarizzazione che divide sempre più le nostre società. 

Con la decisione della corte americana, i pro-vita hanno ottenuto una grande vittoria, ribaltando una sentenza che sembrava inamovibile. Domani, tuttavia, saranno i pro-aborto a vincere la prossima battaglia. Ora, quello su cui penso che possiamo essere tutti d'accordo è che l'imposizione di leggi da parte di maggioranze ristrette non risolve le discrepanze sociali. Al contrario, sembra che le stia allargando.

Dovremmo quindi accettare tutti che si debba affrontare un dibattito morale complesso e scomodo. Michael Sandel, il famoso professore di Harvard e premio Principessa delle Asturie, ha dedicato gran parte del suo lavoro a spiegare perché la maggior parte dei dibattiti sociali su questioni morali controverse non hanno avuto luogo. La sua ricerca dimostra che non fa differenza che si tratti di aborto, eutanasia, matrimonio omosessuale o maternità surrogata: in nessuno di questi casi c'è stato un vero dialogo. Non c'è nemmeno alcuna differenza tra il modo in cui i processi decisionali sono stati gestiti in un Paese e in un altro. In tutti troviamo l'imposizione legislativa di alcune maggioranze rispetto ad altre. 

Quindi, se vogliamo rispettarci a vicenda e progredire come società, entrambe le parti devono cercare la verità su ogni questione, se vogliamo davvero risolverla. E come sarà possibile superare i disaccordi? È mia personale convinzione che su qualsiasi questione su cui non siamo d'accordo, ci sono molti aspetti della stessa questione su cui siamo d'accordo. Solo partendo da ciò che tutti accettiamo possiamo chiarire esattamente dove siamo in disaccordo. E, a quel punto, non ci resterà che chiederci come vivere insieme.

Prendiamo l'esempio della sentenza sull'aborto recentemente annullata. Le posizioni del presidente Joe Biden e dei vescovi statunitensi sono diametralmente opposte quando si tratta di giudicare la decisione della Corte Suprema. Tuttavia, entrambi hanno sottolineato l'importanza che non si verifichino episodi di violenza. Il fatto che alcuni Stati ora vietino l'aborto e altri lo rendano ancora più facile non risolve il problema di fondo. Siamo molto lontani dal vivere insieme pacificamente e dal creare le condizioni per un clima in cui la verità sull'origine della vita possa essere chiarita.

In questo senso, il trionfalismo pro-life non può essere revanscista: non basta vietare l'aborto in alcuni Stati se poi non si aiutano davvero tutte le madri che hanno difficoltà a crescere i propri figli. E anche sbattere in faccia la vittoria ai sostenitori pro-choice non servirà a molto (a prescindere dal fatto che facciano lo stesso quando hanno la meglio).

Comprendo le ragioni dei manifestanti pro-vita che sono scesi in piazza per festeggiare. È certamente un grande passo avanti per la loro causa. Tuttavia, la Corte Suprema degli Stati Uniti è stata ben lontana dal dire che l'aborto è la fine della vita di una persona. Ha semplicemente dichiarato che spetta ai singoli Stati americani decidere se legalizzarla o meno. In questo modo riconosce implicitamente che l'aborto non è l'uccisione di una persona innocente, perché se lo pensasse davvero, la legge americana lo vieterebbe in tutto il Paese. 

Dove voglio arrivare con tutto questo? Ebbene, che l'aborto sia legale o meno in un determinato Stato (e potremmo dire lo stesso di qualsiasi Paese), il vero problema è come raggiungere un accordo tra le due parti. Le leggi sono importanti e certamente danno forma alla cultura, ma quello che ho cercato di sottolineare in queste righe è che su certe questioni l'istituzione di una legge non pone fine alla controversia. Come possiamo andare avanti?

Il modo per risolvere questi problemi non è semplice, per cui molti pensano che l'unica cosa che resta da fare sia il battaglia culturale. Se intendiamo questo concetto come il mostrarsi in un dibattito pubblico per giustificare razionalmente le proprie convinzioni, allora sono d'accordo che è molto necessario. Tuttavia, se si mostra il proprio battaglia culturale significa accettare che nella società ci sono due lati di ogni questione controversa e che solo uno dei due può reggere, quindi non sono così entusiasta dell'idea. Non voglio eliminare coloro che la pensano diversamente e non voglio nemmeno imporre loro le mie convinzioni. Voglio una società in cui entrambe le parti abbiano l'opportunità di provare a convincere l'altro della propria posizione senza essere cancellate per aver tentato di farlo.

Perciò, anche se sono felice della cancellazione del Roe vs WadeNon ho un tono trionfalistico nei confronti dei pro-choicers. In realtà, ora si sentono attaccati e hanno più paura, quindi sono a priori non è così facile per loro ascoltare le ragioni della posizione opposta. Io, invece, voglio dialogare con loro, cercare di convincerli, non batterli in una votazione che oggi ho vinto e domani potrei perdere. E naturalmente sono anche disposto ad ascoltare le loro argomentazioni senza fare squalifiche personali e rispettando chi non la pensa come me. Forse in questo modo faremo dei veri progressi nel dibattito. 

L'autoreJavier García

Editore di Omnes. In precedenza ha collaborato con media come Aceprensa e vari siti web culturali. È stato insegnante di filosofia nei licei per 17 anni.

Per saperne di più
Newsletter La Brújula Lasciateci la vostra e-mail e riceverete ogni settimana le ultime notizie curate con un punto di vista cattolico.