Decalogo per una Chiesa militante

Oggi, come la terra d'Asia verso cui salpò San Francesco Saverio, è la nostra terra a essere terra di missione.

22 giugno 2024-Tempo di lettura: 4 minuti

La nave che doveva salpare da Lisbona per le Indie era in fase di preparazione e il FranciscoIl cuore inquieto, divinamente impaziente, desiderava che questo momento arrivasse. Molti alla corte portoghese volevano che i giovani sacerdoti del nuovo ordine fondato dall'ex soldato di Guipuzcoa rimanessero a Lisbona.

C'era così tanto da fare lì! Sicuramente era molto più importante rinnovare lo spirito religioso in quella città, che era il centro di quel grande impero marittimo, che perdersi su un'isola in chissà quale mare. 

Francesco non ascoltò queste ragioni. Sapeva di avere una missione e non voleva ritardarne il compimento. José María Pemán mette in bocca a Francesco alcuni versi che esprimono molto bene il suo spirito:

Io sono più un amico del vento,

signora, quella della brezza...

E dobbiamo fare del bene in fretta,

che il male non perde tempo!

È vero. Il male non perde mai un'occasione. I figli delle tenebre sono più scaltri dei figli della luce (cfr. Lc 16,1) e il bene deve essere fatto in fretta. Non basta combattere il male, stare sulla difensiva. Non basta aspettare di essere chiamati a dare una mano. È necessario fare il bene, mettersi in moto, attivare uno stile di vita militante e impegnato.

Sono sicuro che San Francesco Saverio ci incoraggerebbe oggi a vivere così e ci darebbe alcune chiavi per vivere come missionari ovunque Dio ci metta nel mondo.

  1. Il sentimento con la Chiesa. Il primo atteggiamento interiore che dobbiamo coltivare è l'unità di cuore con la Chiesa, con il Papa, con i nostri vescovi. Dobbiamo essere significativi in questo amore per la Chiesa, anche nei momenti più difficili. E dobbiamo essere impeccabili in questo atteggiamento. Non c'è missione senza unità con i pastori. Francesco stesso è andato in missione come ambasciatore del re del Portogallo, ma anche come nunzio del Papa.
  2. Visione ecumenica ecclesialeLo stesso modo in cui San Francesco Saverio si sentiva dalle rive di Lisbona quando stava per intraprendere la sua missione. Senza capillismiNon siamo qui per fare il nostro lavoro, ma per servire la Chiesa. Non siamo qui per fare il nostro lavoro, ma per servire la Chiesa. Una Chiesa in cui tutti abbiamo bisogno gli uni degli altri. Nessun carisma ha tutto. Tutti noi formiamo un unico corpo con carismi che arricchiscono il resto.
  3. In prima lineaQualunque espressione usiamo, sappiamo che il nostro posto è in prima linea. E ognuno di noi sa qual è il suo posto. È più un atteggiamento che un luogo. Saper ascoltare il grido di aiuto di chi vive vicino a noi. Cercare sempre nuove strade per il Vangelo.
  4. Discernimento. Più che mai necessario in un mondo complesso, in continuo cambiamento e che sta perdendo i suoi punti di riferimento. Francesco ha dovuto faticare e ascoltare le nuove culture che gli hanno presentato sfide insospettate per l'evangelizzazione. Oggi ascoltiamo lo Spirito, per seguire le strade che dobbiamo iniziare ad aprire in questo nuovo mondo.
  5. Disponibilità. Atteggiamento di dedizione, per servire dove è necessario. Impegnati. Uomini di parola, che rispondono di ciò che devono fare. Uomini di cui ci si può fidare. Quasi niente! Perché senza questa dedizione e questo impegno incondizionati non c'è missione.
  6. Pratico. Il militante, il missionario, non si perde in riflessioni e discorsi, ma si mette in moto. Non pone ostacoli, li risolve. Allo stesso tempo, è consapevole dell'urgenza di una formazione che fornisca le chiavi dell'azione, che strutturi la mente e il cuore. 
  7. No allo spirito borghese. Il missionario sa vivere di una sana tensione interiore che gli impedisce di sentirsi a proprio agio. Non vive di sicurezza, ma di fiducia in Dio. Coltiva uno spirito che alimenta una necessaria forza e fortezza umana e spirituale. La stanchezza, la fatica e le persecuzioni sono parte essenziale della vita di ogni missionario. 
  8. Uomini di comunione. Ovunque si trovi, il missionario deve creare legami, costruire ponti, all'interno della Chiesa e nella società. Raggiungendo coloro che apparentemente non sono nostri, ma che sono nostri fratelli e sorelle, con i quali condividiamo il nostro destino nell'eternità. Non sarà facile. Spesso non saremo compresi. La comunione richiede un amore da martire.
  9. Creatività e iniziativa. Non siamo cecchini, ma dobbiamo avere l'iniziativa di contribuire alla missione comune. Iniziativa e docilità insieme. I tempi nuovi hanno bisogno di nuovi otri. San Francesco Saverio usò tutto il suo ingegno per raggiungere tutti. Dai poveri pescatori di perle assediati dalla terribile badagaspersino l'imperatore del Giappone. Sapeva come parlare a ciascuno di loro in modo completamente diverso.
  10. Preghiera di retroguardia. Viviamo di preghiera. La nostra azione nasce da essa. Ci affidiamo alla vita contemplativa. E noi stessi sappiamo che dobbiamo coltivare la vita di preghiera come la migliore leva per muovere i cuori e per ancorare i nostri nel Signore.

La nave che porterà Francesco nelle Indie, aggirando l'Africa, si sta avvicinando. Lui non lo sa, ma il viaggio durerà tredici mesi, di cui uno di sosta per mancanza di vento. Ma nei suoi occhi non c'è paura, solo un'illusione di attesa e un forte desiderio di partire subito.

Un ultimo ricordo del suo cuore vola verso le sue terre navarresi, verso l'altera torre del castello sferzata dal vento. E mentre la barca salpa e la costa si allontana, sulle labbra di Javier appare un sorriso che riecheggia quello del Cristo romanico davanti al quale ha pregato tante volte da bambino.

Restiamo nel porto, nella vecchia Europa, a guardare la nave che si allontana. Sappiamo che la nostra terra è anche terra di missione. 

Santa Maria, sii degna di me! -Madre nostra, prenditi cura di tutti noi che abbiamo sentito questa chiamata e ci siamo imbarcati nella missione di tuo Figlio; proteggici nelle acque tempestose che metteranno in pericolo la nostra vita; dacci il soffio dello Spirito per le nostre vele quando ci sembrerà di fermarci e di non avere più forza per andare avanti; dimostraci che sei nostra madre e che sei sempre vicina a noi, vegliando su di noi.

C'è una ragione per cui siamo vostri, di Santa Maria. E siamo al servizio di Gesù Cristo, re eterno e signore universale.

L'autoreMaria José Atienza

Caporedattore di Omnes. Laureata in Comunicazione, con oltre 15 anni di esperienza nella comunicazione ecclesiale. Ha collaborato con media come COPE e RNE.

Newsletter La Brújula Lasciateci la vostra e-mail e riceverete ogni settimana le ultime notizie curate con un punto di vista cattolico.