Cristiani perseguitati e anche ignorati

Dopo il recente attacco in Nigeria, in cui sono state uccise 50 persone, ci si chiede cosa possiamo fare per i cristiani perseguitati.

7 giugno 2022-Tempo di lettura: 2 minuti

Foto: feriti dell'attacco in Nigeria. © CNS photo/Temilade Adelaja, Reuters

In una chiesa in Nigeria 50 cristiani sono stati massacrati mentre celebravano la Pentecoste. I radicali hanno sparato contro di loro e hanno piazzato una bomba durante la cerimonia. Il presidente del Paese e il Papa hanno condannato gli attacchi ed espresso le loro condoglianze. I cittadini occidentali hanno visto la notizia, pubblicata su quasi tutti i giornali. 

Tuttavia, la persecuzione contro i cristiani non è un buon titolo per gli interessi di parte di alcuni gruppi. Il fatto che i cristiani possano essere presentati come una vittima ingiustamente presa di mira non rientra nei soliti cliché. I credenti sono piuttosto il capro espiatorio da incolpare per i maggiori mali dell'Occidente, dal patriarcato alla mancanza di libertà di parola. La reazione internazionale sarebbe stata maggiore se si fosse trattato di un reato di omofobia? Anche se ovviamente non si tratta di confrontare un'ingiustizia con un'altra, possiamo chiederci se la percezione della realtà non sia un po' distorta. 

I dati mostrano che, nell'ultimo decennio, il numero di cristiani uccisi ogni anno per la loro fede ha superato di gran lunga le 3500 vittime. Come è possibile che questo massacro non sia sulla bocca di tutti? Potremmo cercare spiegazioni nel processo di secolarizzazione delle nostre società, nell'indifferenza religiosa o nella discriminazione machiavellica nei confronti dei credenti. E deve esserci un po' di tutto questo.

Tuttavia, vorrei mettere da parte i sentimenti vittimistici e fare autocritica. Siamo credenti preoccupati per questo problema, preghiamo spesso per questa intenzione, condividiamo naturalmente la nostra preoccupazione con i nostri amici, colleghi o familiari? In una parola, è nella nostra mente? La mia impressione generale è che non molto.

È il mese di giugno e le grandi aziende occidentali stanno modificando i loro loghi per mostrare la bandiera arcobaleno. Forse si può anche fare un piccolo gesto e iniziare a parlare di più di questa realtà, vedi l'ultimo rapporto sulla libertà religiosa di Aiuto alla Chiesa che Soffre o iniziare a usare il segno dei cristiani perseguitati: ن. In breve, andare oltre le sterili lamentele. 

L'autoreJavier García

Editore di Omnes. In precedenza ha collaborato con media come Aceprensa e vari siti web culturali. È stato insegnante di filosofia nei licei per 17 anni.

Newsletter La Brújula Lasciateci la vostra e-mail e riceverete ogni settimana le ultime notizie curate con un punto di vista cattolico.