Risorse

Un tesoro riscoperto nel periodo natalizio

Santiago Populín Such scrive per Omnes questo breve racconto sul Natale, molto adatto per essere letto ai più piccoli della famiglia.

Santiago Populín Tale-24 dicembre 2022-Tempo di lettura: 5 minuti
Storia di Natale

Una storia di Natale per tutta la famiglia (Unsplash / Gareth Harper)

Era un freddo pomeriggio di dicembre, la neve ricopriva il parco giochi e le tranquille altalene invitavano a giocare. Mancavano cinque minuti al suono della campanella, le vacanze di Natale erano ormai alle porte. Tutti gli alunni del quarto anno della scuola primaria guardavano il vecchio e rumoroso orologio sopra la lavagna. All'improvviso, l'insegnante interruppe i loro sguardi e disse a voce alta: 

- Il compito di questo Natale è che scrivano cosa sognano di fare da grandi. L'elaborato più apprezzato - che sarà votato da diversi insegnanti - vincerà due biglietti per la pista di pattinaggio sul ghiaccio.

Detto questo, l'orologio passò in secondo piano; la mente degli alunni era ora rivolta alla pista di pattinaggio. La campanella suonò e Thomas si affrettò a raggiungere l'auto dove la madre lo stava aspettando. Salì in macchina con i suoi quattro fratelli e disse alla madre con grande ansia: 

- Ciao, mamma! Non sai il premio che il professor Luis darà a chi vincerà il miglior racconto su ciò che sogniamo di fare da grandi? 

La madre e i fratelli lo guardarono incuriositi e risposero: 

- Qual è il premio?

- Chi vincerà questo saggio riceverà due biglietti per la pista di ghiaccio!

- Impressionante", disse la madre in tono sorpreso. - Sapete già di cosa scriverete? L'anno scorso sognavi di fare l'archeologo, come Indiana Jones. 

I suoi fratelli maggiori, Lucía e Paco, si misero a ridere. Arrossendo, Tomás rispose:

- Beh, non più, mamma, l'anno scorso ero un bambino, ora sono più grande, mi piacciono altre cose. Per esempio, mi piacerebbe essere un ingegnere, come papà; o un medico, per guidare un'ambulanza; o un insegnante, per non dover dare i compiti ai bambini; o forse mi piacerebbe essere un avvocato e avere un ufficio con una grande sedia come lo zio Manuel.

Maria, la sorella di cinque anni, lo interrompe con la voce di una vecchia imperatrice: 

- Potresti fare il pompiere, ti piace molto il fuoco... vero, mamma? 

Marta, la madre, si mise a ridere.

- Non so... come ho detto, ci sono molte professioni che mi attraggono. Quello di cui sono sicuro è che voglio fare qualcosa di importante", ha continuato Tomás.

Pochi secondi prima di arrivare a casa, Tomás chiese a Marta:

- Mamma, qual era il tuo sogno da bambina e l'hai realizzato?

Marta rimase senza parole alla domanda e, dopo alcuni secondi che al ragazzo sembrarono un'eternità, rispose:

- Beh, fammi pensare. Oh, eccoci qui, entriamo perché fa molto freddo e facciamo una bella merenda, ho preparato dei churros ripieni di dulce de leche! 

- Bene! - gridarono tutti, festeggiando il delizioso spuntino.

Martha era un po' angosciata dalla domanda. Prima che si sedessero tutti a tavola, si sentì il rumore della porta e lei aggiunse:

- Papà è qui! 

Dopo aver mangiato tutti insieme, Marta disse a Giovanni, suo marito: 

- Tesoro, vado un attimo a casa di mio padre per portargli delle medicine, ha il raffreddore. Tornerò verso le 20.00. 

Juan l'aveva notata un po' strana durante lo spuntino pomeridiano, ma pensò di chiederle cosa le fosse successo dopo cena, quando sarebbero stati più rilassati per parlare. 

Non appena Marta entrò dalla porta, suo padre notò che aveva un aspetto un po' strano.

- Ciao, papà, sono qui, ti ho portato le medicine. Come va il raffreddore?

- Figlia mia, ora sto meglio, ma vorrei piuttosto chiederti: come stai? Vedo che sei angosciata.

- Niente, papà, perché dici così?

- Hai una faccia... Dai, ti conosco, cosa c'è che non va?

- Oh, papà, ti rendi conto di tutto, di come mi conosci, non posso ingannarti.

- Sediamoci un attimo", disse il padre.

Martha, facendo un respiro profondo, disse: 

- Sono andata a prendere i bambini a scuola e Tomás ci ha parlato del compito che gli era stato assegnato per Natale: scrivere cosa sognano di fare da grandi. 

- Beh, non è questo che ti preoccupa, vero? 

- No, papà. È successo che Tomi ci ha raccontato quali sono i suoi sogni: diventare un grande ingegnere, o un medico, o un insegnante o un prestigioso avvocato. Poi mi ha chiesto cosa sognavo da piccola e se l'avevo realizzato. Questo è ciò che mi ha ferito e angosciato. Sai che ho sempre sognato di andare all'università, ma la vita si è complicata e non ho potuto realizzarlo. Non ho realizzato il mio sogno e ora sono una semplice casalinga senza alcuna professione.

Prima che Marta potesse parlare ancora, il padre la prese per mano e le disse:

- Marta, figlia mia, come mai non hai realizzato il tuo sogno? La tua famiglia, la tua casa, il tuo sogno non sono stati realizzati? E perché sei una semplice casalinga senza professione? Avete tutte le professioni che Tomasito sogna. Sei un ingegnere, perché hai costruito una grande cattedrale, la tua bella famiglia; sei un medico, la settimana scorsa hai curato Juan da quella brutta influenza grazie alle tue cure e ora stai curando me; sei anche un insegnante, gli amici dei tuoi figli non vengono a casa tua a fare i compiti perché tu glieli spieghi così bene; e sei un avvocato, perché li difendi dalle ingiustizie della vita. E soprattutto, fate in modo che Dio sia nella vostra casa, nella vostra cucina, alla vostra tavola, nella vita della vostra gente. 

E prima di vedere Marta scoppiare in lacrime, aggiunse:

-E ora prendiamo una tazza di tè caldo.

Erano le 20.00 e Marta si spaventò:

  • Oh, è così tardi! Papà, ora devo andare, devo preparare la cena. Grazie come sempre, è un piacere averti con noi! Papà, cosa farei senza i tuoi saggi consigli? 

Marta saluta il padre con un grande abbraccio e un grande sorriso. E così si incamminò verso casa, avvolta dal calore della gioia ritrovata, che annientava il freddo polare, e in questo modo la sua riscoperta la riportò a casa in un attimo. 

Quando aprì la porta di casa sua, trovò una scena accattivante: Juan, suo marito, che leggeva una storia al piccolo Pedro; María, che giocava con il bue e l'asino nel presepe; Tomás, che scriveva i suoi compiti per vincere i biglietti del pattinaggio, e un odore di salsa di pomodoro la condusse in cucina, dove trovò Paco e Lucía che preparavano delle pizze. In quel momento, dopo aver osservato con attenzione tutto ciò che aveva visto da quando era entrata nella porta, Marta si commosse, con gli occhi come vetro sotto la pioggia, ricordando le parole che suo padre le aveva detto solo pochi minuti prima.

- Mamma, cosa c'è che non va?", chiese Lucia.

Sorridendo, Marta disse:

-Tutto bene, non ho niente che non vada, figlia, vado a preparare la tavola, mi hanno già risparmiato abbastanza lavoro per preparare la cena.

Quando i sette si sedettero a tavola, Lucía prese la parola e, guardando Marta sorridente, disse in tono adolescenziale:

- Papà, la mamma ha qualcosa che non va e non vuole dircelo. È molto strana da quando è tornata a casa dal nonno.

John guardò Martha e disse: 

-Cosa c'è, tesoro?

Marta, sorridendo, disse con voce gentile: 

- Non preoccupatevi, va tutto bene. La verità è che sono molto felice perché ho già ricevuto il mio regalo di Natale.

In quel momento, il piccolo Pedrito si precipitò in salotto per vedere se c'era un regalo per lui sulla mensola del camino. 

- Mamma, che regalo hai ricevuto?", chiese Tomás incuriosito.

- Non è ancora il 6 gennaio", continua Maria con un'espressione sorpresa.

Mentre Paco mangiava tutta la pizza, Pedrito tornò nella sala da pranzo gridando con tono deluso:

- Mamma, mamma, non c'è nessun regalo per me nel camino! 

Marta, con una risata sorniona, prese Pedrito per mano e, guardando tutti, disse:

- Vediamo, il regalo di Natale che ho ricevuto siete voi, la mia famiglia, il mio sogno realizzato. 

A questo punto Pedrito, non capendo cosa stesse succedendo a tavola, chiese ancora una volta: 

-Mamma, papà, dov'è il mio regalo", e tutti scoppiarono a ridere.

L'autoreSantiago Populín Tale

Per saperne di più
In collaborazione con
Volete notizie indipendenti, veritiere e pertinenti?

Caro lettore, Omnes riferisce con rigore e profondità sull'attualità religiosa. Facciamo un lavoro di inchiesta che permette al lettore di acquisire criteri sugli eventi e le storie che accadono in ambito cattolico e nella Chiesa. Abbiamo firme stellari e corrispondenti a Roma che ci aiutano a far emergere l'informazione di fondo dal rumore mediatico, con distanza ideologica e indipendenza.

Abbiamo bisogno di voi per affrontare le nuove sfide di un panorama mediatico in evoluzione e di una realtà che richiede riflessione, abbiamo bisogno del vostro sostegno.

In collaborazione con
Per saperne di più su Omnes
Newsletter La Brújula Lasciateci la vostra e-mail e riceverete ogni settimana le ultime notizie curate con un punto di vista cattolico.