Letture della domenica

Gesù, ricordati di me! Solennità di Nostro Signore Gesù Cristo, Re dell'Universo

Andrea Mardegan commenta le letture della Solennità di Nostro Signore Gesù Cristo e Luis Herrera tiene una breve omelia video.

Andrea Mardegan-17 novembre 2022-Tempo di lettura: 2 minuti

Tutti gli evangelisti citano l'iscrizione sulla croce di Gesù, con il motivo della condanna. Si riferiscono a testi diversi, ma in tutti compaiono le parole "il re dei Giudei".

La scena del Calvario descritta da Luca, che leggiamo oggi, registra tre gruppi di derisione del "re dei Giudei": da parte dei capi del popolo, dei soldati e di uno dei malfattori.

Al contrario, Luca è l'unico evangelista che descrive il popolo come non partecipante alla critica: essi guardavano per capire il significato di ciò che stava accadendo.

Infatti, dopo la sua morte, "Tutta la folla che aveva assistito a questo spettacolo, quando vide le cose che erano accadute, si allontanò battendosi il petto".L'azione salvifica di Gesù stava già dando i suoi frutti. Le tre frasi di scherno, paradossalmente, sottolineano il ruolo di Gesù come salvatore: tu che hai salvato, salva!

I capi del popolo volevano appenderlo alla croce per dimostrare che non era da Dio, come è scritto in Dt 21, 22: "Uno appeso all'albero è una maledizione di Dio".. Gli dicono: "Che si salvi da solo, se è il Messia di Dio, l'eletto", parole che ricordano la tentazione demoniaca: "Se sei il Figlio di Dio, buttati giù".dal punto più alto del tempio.

La tentazione di usare la propria fede, la propria posizione davanti a Dio, per un guadagno personale. La richiesta dei soldati: "Se sei il re dei Giudei, salva te stesso", si appella al re inteso come potere politico e può essere paragonato alla tentazione del diavolo nel deserto, che gli offrì tutti i regni della terra in potenza. Quella del malfattore, "Salvate voi stessi e noi".è paragonabile alla tentazione di trasformare le pietre in pane per fame: propone a Gesù di usare il suo potere salvifico per una salvezza terrena condizionata e separata dalla giustizia. 

Con il suo silenzio, Gesù ribadisce ciò che aveva detto ai suoi: "Chi vuole salvare la propria vita la perderà".. Il malfattore che si converte ha capito che Gesù salva lui e tutti gli altri proprio offrendo a Dio, da innocente, la propria tortura. È l'unico personaggio di tutto il Vangelo che si rivolge a Gesù con il suo nome, senza alcun altro appellativo: "Gesù"Salvador. Con lui ha un rapporto semplice e di fiducia. Lei gli dice "Ricordati di me".come nel Salmo: "Ricordati di me con misericordia, per amore della tua bontà, o Signore". (25, 7). Ha capito che per Gesù questo è un passo verso il suo regno, che non è di questo mondo: "Quando verrai nel tuo regno"..

La presenza di Gesù con lui e al suo fianco è il modo per salvarlo, come era accaduto con Zaccheo e come accadrà con i discepoli sulla strada di Emmaus, e fin dall'inizio della sua vita. "oggi"diventa un essere eterno: "Sarete con me in paradiso".. Così Gesù è con noi, al nostro fianco, sempre, per essere con noi, sempre, in paradiso.

Omelia sulle letture della Solennità di Nostro Signore Gesù Cristo

Il sacerdote Luis Herrera Campo offre il suo nanomiliauna breve riflessione di un minuto per queste letture.

In collaborazione con
Volete notizie indipendenti, veritiere e pertinenti?

Caro lettore, Omnes riferisce con rigore e profondità sull'attualità religiosa. Facciamo un lavoro di inchiesta che permette al lettore di acquisire criteri sugli eventi e le storie che accadono in ambito cattolico e nella Chiesa. Abbiamo firme stellari e corrispondenti a Roma che ci aiutano a far emergere l'informazione di fondo dal rumore mediatico, con distanza ideologica e indipendenza.

Abbiamo bisogno di voi per affrontare le nuove sfide di un panorama mediatico in evoluzione e di una realtà che richiede riflessione, abbiamo bisogno del vostro sostegno.

In collaborazione con
Newsletter La Brújula Lasciateci la vostra e-mail e riceverete ogni settimana le ultime notizie curate con un punto di vista cattolico.