Risorse

Siamo sempre in Avvento!

L'Avvento è un tempo di gioiosa attesa in cui ci prepariamo, insieme a Maria, ad accogliere Cristo nella nostra vita.

Alberto Sánchez León-6 dicembre 2022-Tempo di lettura: 3 minuti
Luci di Natale

Una ghirlanda di luci natalizie (Foto: Unsplash / Joanna Kosinska)

Il motto dell'Avvento è ben noto: Dio viene! E potremmo dire che Dio non può non essere con i suoi figli umani, per questo è rimasto con noi per sempre, ma in modo sacramentale. Dio è con noi nel EucaristiaMa allo stesso tempo verrà, non più sacramentalmente, ma nel suo corpo glorioso e trionfante... Ed è ovvio che la sua venuta definitiva si avvicina sempre di più. Noi cristiani non smettiamo mai di implorare la sua venuta con un bellissimo atto di fede. Vogliamo che Cristo venga e regni. Lo diciamo nel "Padre nostro": "Venga il tuo regno".

Dio ha già stabilito il suo regno. Cristo stesso deve essere in ogni cristiano. San Paolo lo capì molto bene al momento della sua conversione, quando Cristo stesso disse a Saulo, quando gli fu chiesto chi fossi: ".... sei un cristiano.Io sono Gesù che voi perseguitate" (At 9, 5).. Da quel momento, Saulo cominciò a capire che la fede dei cristiani è la fede in una persona che già viveva in loro. 

Dio è vicino, Dio sta arrivando! Ma... come lo accogliamo? Le parole del prologo di San Giovanni sono dure quando scrive: "Venne dai suoi, ma i suoi non lo accolsero" (Gv 1,11-12). E in un altro passo del Vangelo, è lo stesso Gesù che "sfugge" con alcune parole enigmatiche e tristi nello stile di quelle del prologo di Giovanni: "Ma quando il Figlio dell'uomo verrà, troverà questa fede sulla terra?" (Lc, 18, 8).

L'Avvento è un tempo di gioiosa attesa. L'attesa segna la parte penitenziale di questo tempo e la gioia è l'esperienza della vicinanza di Dio, un Dio che vuole stare con gli uomini, perché "...".è mio diletto stare con i figli degli uomini" (Proverbi 8, 31).

La nostra fede è piena di contrasti: Dio ci dà salva da peccatoil luce nel buioil grano che matrici per dare fruttail morte necessario per il vitadove c'è abbondanza di peccato sovrabbondante grazia... Sono contrasti pieni di speranza. Perché il nostro Dio non si ferma mai"...misericordia".perché ci ha amati per primo, perché ha "primerea".... L'errore, la confusione e lo stupore nascono quando invece di vedere contrasti vediamo contraddizioni. E dalla contraddizione allo scoraggiamento c'è poca distanza da percorrere. Per questo l'Avvento è un tempo di luce. L'atteggiamento cristiano nei confronti della venuta di Dio, e non mi riferisco solo a una venuta futura, ma a una venuta quotidiana, a un Dio che non smette di venirci incontro ogni giorno, deve essere di accoglienza. Che tutta la nostra vita sia un Avvento. 

L'Avvento, una stagione mariana

Il tempo dell'Avvento è anche un tempo molto mariano. È Maria che rende possibile la prima venuta. Il grembo di Maria è il primo tabernacolo della storia; è Maria che non solo apre le porte del cielo (anche se le chiavi sono in mano a San Pietro), ma è la porta dell'eternità nel tempo. Maria, con il suo "fiat"rende possibile l'impossibile: la mescolanza, la coesistenza di Dio con gli uomini. Ma un Dio che allo stesso tempo si spoglia della sua divinità perché l'alleanza che vuole stabilire sia veramente un'alleanza tra uguali, tra uomini, superando le vecchie alleanze che non erano perfette perché c'era un'infinita sproporzione tra le parti. San Paolo ce lo ricorda nella sua lettera ai Filippesi: "Cristo, nonostante il suo status divino, non ha ostentato la sua condizione di Dio; al contrario, si è spogliato del suo rango e ha assunto la condizione di schiavo, passando per uno dei tanti." (Fil 2, 6-7). Nella Nuova Alleanza non c'è più distanza tra le parti. Ecco perché questa alleanza sarà definitiva e perfetta, perché Dio si allea con i suoi pari. Non solo si allea, ma ci coinvolge, ci coinvolge nella sua missione e ci rende co-protagonisti della sua alleanza. 

E dicevo che l'Avvento è una stagione mariana perché nostra Madre è l'Arca di questa bella alleanza, piena di contrasti, perché è un'alleanza di Sangue e di Vita. 

Quanto è meravigliosa la nostra fede! Con la fede, la nostra vita assume una luce nuova, speranzosa e missionaria. La missione è portare la gioia della fede su tutte le strade della terra. Pertanto, un cristiano senza luce è un ossimoro, un cristiano senza luce non è un contrasto, ma una contraddizione, ma una contraddizione che può essere riparata dalla penitenza. 

Vorremmo chiedere alla nostra Madre di insegnarci a attendere con fede a Amore, cioè insegnarci a vivere in un Avvento continuo. 

L'autoreAlberto Sánchez León

Per saperne di più
In collaborazione con
Volete notizie indipendenti, veritiere e pertinenti?

Caro lettore, Omnes riferisce con rigore e profondità sull'attualità religiosa. Facciamo un lavoro di inchiesta che permette al lettore di acquisire criteri sugli eventi e le storie che accadono in ambito cattolico e nella Chiesa. Abbiamo firme stellari e corrispondenti a Roma che ci aiutano a far emergere l'informazione di fondo dal rumore mediatico, con distanza ideologica e indipendenza.

Abbiamo bisogno di voi per affrontare le nuove sfide di un panorama mediatico in evoluzione e di una realtà che richiede riflessione, abbiamo bisogno del vostro sostegno.

In collaborazione con
Per saperne di più su Omnes
Newsletter La Brújula Lasciateci la vostra e-mail e riceverete ogni settimana le ultime notizie curate con un punto di vista cattolico.