Letture della domenica

Onestà e sincerità. Seconda domenica di Avvento (A)

Joseph Evans commenta le letture della seconda domenica di Avvento e Luis Herrera propone una breve omelia video.

Giuseppe Evans-2 dicembre 2022-Tempo di lettura: 2 minuti

Normalmente ci aspettiamo che l'Antico Testamento sia piuttosto duro e che il Nuovo Testamento sia più morbido e gentile. Ma le letture di oggi sembrano essere esattamente il contrario. La prima lettura è un testo delizioso che ci mostra il nuovo ordine che il Messia porterà: gli animali vivranno in pace tra loro, anche quelli che spesso mangiano o fanno del male agli altri. I lupi saranno in pace con gli agnelli, i bambini con i serpenti velenosi. E conclude: "Nessuno potrà fare del male o distruggere sul mio monte santo.

Invece, il Vangelo sembra più un duro passo dell'Antico Testamento. San Giovanni Battista avverte i governanti ebrei del castigo, del giudizio con la punizione che verrà. L'ascia è posizionata alla base dell'albero ed è pronta per iniziare a tagliarla, perché "Ogni albero che non porta frutti buoni viene tagliato e gettato nel fuoco".. Cristo è descritto come un agricoltore pronto a separare il grano buono dalla pula, che è il suo rivestimento esterno. Il grano verrà portato nel granaio di Dio, dove "brucerà la pula con un fuoco che non si spegnerà".

Perché il Vangelo è così difficile? Dobbiamo ricordare che il Battista sta parlando ai governanti ebrei, spesso ipocriti. E le poche volte che vediamo Gesù parlare così duramente è quando si rivolge a loro. In effetti, sembra che le uniche cose che fanno arrabbiare Cristo siano l'ipocrisia, la durezza di cuore e l'arroganza. A Gesù non interessa la debolezza. A Lui interessano i cuori duri e orgogliosi.

Giovanni avverte gli scribi e i farisei di pentirsi e dice loro: E non giustificatevi interiormente, pensando: "Abbiamo Abramo come padre". Perché in verità vi dico che Dio è in grado di suscitare figli per Abramo da queste pietre".. Un monito contro l'arroganza presuntuosa, che è una malattia spirituale comune, anche tra i cattolici. "Sono ben collegato. Vengo da una nota famiglia cattolica. Mio zio è un sacerdote.

Giovanni insegna che Gesù battezza con lo Spirito Santo e con il fuoco. Se cerchiamo di essere onesti con Cristo e con noi stessi, questo è un fuoco purificatore, come il fuoco che brucia le imperfezioni dell'oro. Le prove e le difficoltà della vita possono essere un fuoco purificatore. Quanto meglio li sfruttiamo, tanto meno abbiamo bisogno di passare attraverso il fuoco del purgatorio. Quindi non fuggiamo o rifiutiamo le difficoltà della vita. Facciamo un uso spirituale migliore di loro.

In definitiva, il Vangelo ci parla dell'importanza dell'umiltà e della sincerità. Essere onesti con noi stessi, con Dio, con gli altri e con i rappresentanti di Dio. Per non dare una falsa impressione di noi stessi. Rifiutare ogni spettacolo. Lo facciamo soprattutto attraverso la confessione e la direzione spirituale, in cui affrontiamo e accettiamo la nostra miseria. In questo modo ci apriamo alla guarigione e alla grazia di Dio.

L'omelia sulle letture della seconda domenica di Avvento

Il sacerdote Luis Herrera Campo offre il suo nanomiliauna breve riflessione di un minuto per queste letture.

In collaborazione con
Volete notizie indipendenti, veritiere e pertinenti?

Caro lettore, Omnes riferisce con rigore e profondità sull'attualità religiosa. Facciamo un lavoro di inchiesta che permette al lettore di acquisire criteri sugli eventi e le storie che accadono in ambito cattolico e nella Chiesa. Abbiamo firme stellari e corrispondenti a Roma che ci aiutano a far emergere l'informazione di fondo dal rumore mediatico, con distanza ideologica e indipendenza.

Abbiamo bisogno di voi per affrontare le nuove sfide di un panorama mediatico in evoluzione e di una realtà che richiede riflessione, abbiamo bisogno del vostro sostegno.

In collaborazione con
Newsletter La Brújula Lasciateci la vostra e-mail e riceverete ogni settimana le ultime notizie curate con un punto di vista cattolico.