Risorse

Il miracolo del pesce con la moneta in bocca

Alfonso Sanchez Lamadrid e Rafael Sanz analizzano l'episodio della tassa sul Tempio nel Vangelo di Matteo.

Alfonso Sánchez Lamadrid Rey e Rafael Sanz Carrera-13 marzo 2022-Tempo di lettura: 7 minuti
pesce miracoloso

Introduzione

Matteo è l'unico evangelista a narrare tre eventi molto importanti nella vita di San Pietro: il suo camminare sulle acque (14,28-31); la solenne promessa che Gesù gli fa di essere il fondamento della sua futura Chiesa (16,17-19); e l'episodio della tassa sul Tempio (17,24-27) che stiamo studiando qui. In questo modo Matteo vuole sottolineare il ruolo rilevante e simbolico che Pietro ha per la Chiesa ed è in questo quadro che lo analizziamo.

Gesù Cristo mostra il dominio sui pesci in questo miracolo in cui Pietro prende un pesce con la moneta in bocca, come il Signore aveva predetto. Questo miracolo è un'immagine della missione redentrice della vita di Gesù, che si dona - come la moneta nel pesce - per il nostro riscatto salvifico.

S. Matteo lo racconta nel modo seguente: 

"Quando giunsero a Cafarnao, quelli che riscuotevano la tassa di due dracme si avvicinarono a Pietro e gli chiesero: "Il tuo Maestro non paga le due dracme?". Lui rispose: "Sì. Quando arrivò a casa, Gesù gli chiese: "Che ne pensi, Simone? A chi impongono tasse e imposte i re del mondo, ai propri figli o agli stranieri? Rispose: "Agli stranieri". Gesù gli disse: "Allora i bambini sono esenti. Tuttavia, per non dare loro un cattivo esempio, andate al mare, gettate un amo, prendete il primo pesce che lo prende, apritegli la bocca e troverete una moneta d'argento. Prendeteli e pagateli per me e per voi" (Mt 17,24-27).

Con questo articolo intendiamo spiegare un'ipotesi plausibile di come si sia verificato questo miracolo e altri dettagli come la tassa che doveva essere pagata, l'attrezzatura usata per catturare il pesce, la specie di pesce pescato e la moneta che il pesce poteva avere in bocca, oltre a offrire una spiegazione teologica del miracolo.

Monete in Israele al tempo di Gesù

Al tempo di Gesù esistevano almeno tre tipi di monete, pesi e misure. Per quanto riguarda le monete che avremmo:

Monete Romani dell'impero che all'epoca dominava la Palestina. Tra questi: il denario, il quadrante, l'assarion, ecc.

Monete Greci che rimase attivo anche dopo il periodo ellenistico e che sarebbe stato adottato dai Romani. È proprio a queste monete che si riferisce il testo originale greco di Matteo: δίδραχμα (v.24; didragma = 2 dracme) e στατῆρα (v.27; statere = 4 dracme o 1 tetradracma). 

Infine, c'erano anche monete più antiche, che tradizionalmente erano state fagioliTra questi, il siclo - la principale moneta del Tempio di Gerusalemme - e il siclo, il geras e il bekam. Questo spiega l'esistenza dei cambiavalute nel Tempio, per adattare le varie valute alle varie frazioni di shekel o alle altre valute del Tempio. 

La moneta che Gesù dice a Pietro di trovare nella bocca del pesce che prenderà è molto probabilmente uno statere (Fig. 1). Sebbene esistessero diverse coniazioni di questa moneta, è molto probabile che lo statere a cui si riferisce il testo originale di Matteo fosse uno statere tirolese o un tetradramma, in quanto era la moneta d'argento più comune di quel valore. Il tetradramma ha il valore esatto della tassa che doveva essere pagata per due adulti, come Gesù Cristo aveva indicato a Pietro di fare con la moneta trovata nella bocca del pesce. Altri autori ritengono che possa trattarsi anche di un tetradramma di Antiochia, sebbene fosse molto meno utilizzato.

Fig. 1 Statere d'argento

La pesca con l'amo al tempo di Gesù

Il luogo in cui fu pescato il pesce era probabilmente vicino alla casa di San Pietro a Cafarnao, le cui fondamenta sono state scoperte durante gli scavi del secolo scorso. In questa casa sono stati trovati resti archeologici di reti e ganci dell'epoca. La data del miracolo è difficile da determinare, poiché Matteo sembra organizzare il suo Vangelo più in modo didattico che cronologico. 

La pesca con l'amo e la lenza è molto antica ed è stata utilizzata dalle popolazioni costiere del Mediterraneo e di Israele per secoli prima della nascita di Gesù. Più recentemente, all'inizio del XX secolo, è stato descritto un sistema di pesca con lenze e ami utilizzato all'epoca sul lago di Galilea. Una lenza con un peso e un amo non innescato viene attaccata all'estremità di una canna, lanciata in acqua in mezzo a un banco di pesci e ritirata rapidamente, agganciando occasionalmente un pesce all'amo. Questo è noto come "rubare un pesce". 

Da un punto di vista legale, la pesca con gli ami era libera e consentita a tutte le tribù di Israele.

Le specie di pesci pescati da San Pietro

Tradizionalmente, è conosciuto come il musht, Sarotherodon galilaeuQuesto pesce è riprodotto in un modo che potrebbe spiegare la presenza della moneta nella sua bocca. Il musht ha un ciclo annuale con due stagioni distinte, una dedicata all'alimentazione e l'altra alla riproduzione. Durante la prima, si riuniscono in banchi nei mesi invernali e all'inizio della primavera nella parte settentrionale del lago per motivi di alimentazione: nei pressi di Taghba, i corsi d'acqua calda confluiscono nel lago, dove crescono facilmente alimenti che attirano i pesci, soprattutto tilapia e sardine di lago. Questi pesci si nutrono del plancton più abbondante in questa zona del lago. Durante la stagione riproduttiva, le coppie nidificanti si disperdono. La fecondazione avviene per via esterna delle uova in una buca praticata in un'area rocciosa e, una volta schiusi, gli avannotti vengono difesi dai genitori. Non appena si schiudono, uno dei genitori se ne prende cura, usando la sua bocca come rifugio, e la coppia si separa. Al momento dell'indipendenza, il genitore espelle i giovani dalla bocca strofinandovi dentro delle pietre prese dal fondo. In alcuni casi, sono state trovate anche monete cadute sul fondo quando sono state pescate. 

Fig. 2 Sarotherodon galilaeus. Nome comune musht o il pesce di San Pietro.

Per Mastermann, la tecnica del furto del pesce è quella che Pietro ha usato per catturare il pesce in questa occasione, catturando una musht. Num, tuttavia, si oppone a questa idea, sostenendo che il metodo di rubare un pesce sembra inadatto a un pescatore professionista come Peter, e dato che il musht è un planktivore, questo pesce non abbocca all'amo, il pesce catturato doveva essere un barbo, una specie molto abbondante nel lago, predatrice e che si nutre sul fondo. Per noi, Peter, abile pescatore, avrebbe potuto catturare un pesce con questo sistema piuttosto intuitivo. 

Teologia del miracolo

Fatte queste precisazioni preliminari, passiamo all'analisi esegetica del testo per scoprirne lo sfondo teologico.

Una lettura superficiale potrebbe far pensare che Gesù metta in discussione il pagamento della tassa del Tempio, ma non è così. Gesù, lungi dall'essere ostile al Tempio, voleva pagare questa tassa insieme a Pietro. Cosa sta cercando di far capire Gesù dicendo che "i bambini sono esenti"? Egli sta mettendo la tassa sul Tempio nella sua vera dimensione religiosa, come spieghiamo di seguito.

Sebbene la parola "Tempio" non compaia in questo episodio (compare solo "didragma", v. 24), si tratta certamente della tassa sul Tempio inaugurata per ordine di Dio a Mosè, che per quarant'anni ha guidato il popolo d'Israele attraverso il deserto verso la Terra Promessa. Decisero di censire le persone che potevano non piacere a Dio. Ognuno avrebbe dato un riscatto di sei once d'argento affinché non venisse fatto loro del male quando sarebbero stati registrati (Esodo 30:11-16). Quindi l'imposta era chiaramente finalizzata al riscatto delle loro vite: dare un bene materiale di un certo valore affinché Dio rispettasse le loro vite. Si tratta quindi di un pagamento di espiazione per gli Israeliti; il riscatto della salvezza di tutto Israele davanti a Dio. E non è proprio questo che Gesù viene a fare?".Il Figlio dell'uomo non è venuto per essere servito, ma per servire e dare la sua vita in riscatto per molti."(Mt 20,28): l'intenzione del Figlio è di riscattarci con il dono della sua vita. Forse è per questo che, quando Gesù dice a Pietro di andare a pescare e di prendere la moneta dalla bocca del pesce e pagare "..." (Mt 20,28), l'intenzione del Figlio è quella di salvarci dando la sua vita.per me e per voi"È proprio Gesù - usando il pesce - a pagare il riscatto di Pietro. È lui che, con la sua passione, morte e risurrezione, pagherà il riscatto per tutti. In questo modo, Gesù stesso, con una visione profondamente contemplativa, interpreta il vero significato della tassa sul Tempio: il riscatto di Israele che - con lui - diventerà realtà. 

In tutti i racconti evangelici, questo è uno dei pochi miracoli che Gesù sembra fare per il proprio tornaconto. Ma in realtà non è così: la donazione della sua vita è la tassa che Dio ha imposto per riscattare il popolo d'Israele. Gesù ha voluto fondare la sua Chiesa come nuovo popolo d'Israele, che comprende tutti i battezzati. Pertanto, Gesù, in un certo senso, in questo passaggio, è la vera "tassa" che salva anche tutti i cristiani.

L'onniscienza di Gesù è stata spesso sottolineata perché sapeva ciò che Pietro aveva precedentemente discusso con gli esattori delle tasse. Così come la futura conoscenza del pesce che Pietro avrebbe poi pescato con una moneta in bocca. Ma ciò che è davvero impressionante è l'interpretazione profondamente teologica che Gesù dà mettendo in relazione tutto ciò che sta accadendo con la sua missione messianica e redentrice. Tutto ciò spiegherebbe meglio la reazione di Gesù in questa singolare storia. Anzi, tutto in essa sembra condurre alla confessione della fede che il cristiano, come Pietro, proclama: "...".In verità tu sei il Figlio di Dio" (Mt 14, 33). 

Ampliare le conoscenze:

  • Catechismo della Chiesa Cattolica. Associazione dei redattori del catechismo. 2005. n. 583-586.
  • Francia R. T. "Il Vangelo di Matteo", Wm. B. Eerdmans. 2007
  • Galili E., Zemer A. e Rosen B. "Antichi attrezzi da pesca e manufatti associati provenienti da esplorazioni subacquee in Israele - Uno studio comparativo"..  Archeofauna 22 (2013): 145-166
  • Gil, J.-Gil, E. "Huellas de nuestra fe". Gerusalemme 2019.
  • Harrington, D. J. "Il Vangelo di Matteo", Liturgical Press. 1991
  • Marotta, M. E. "Le cosiddette 'monete della Bibbia'".2001
  • Masterman, E. W. G. "La pesca della Galilea". Rendiconto trimestrale del Fondo di esplorazione della Palestina 40, n. 1 (gennaio 1908): 40-51.
  • Nun, M. "Il mare di Galilea e i suoi pescatori nel Nuovo Testamento". Ein Gev 1989.
  • Troche, F.D. "Il sistema della pesca nel lago di Galilea al tempo di Gesù. Indagine sulla base dei papiri documentari e dei dati archeologici e letterari". Bologna 2015.
L'autoreAlfonso Sánchez Lamadrid Rey e Rafael Sanz Carrera

In collaborazione con
Volete notizie indipendenti, veritiere e pertinenti?

Caro lettore, Omnes riferisce con rigore e profondità sull'attualità religiosa. Facciamo un lavoro di inchiesta che permette al lettore di acquisire criteri sugli eventi e le storie che accadono in ambito cattolico e nella Chiesa. Abbiamo firme stellari e corrispondenti a Roma che ci aiutano a far emergere l'informazione di fondo dal rumore mediatico, con distanza ideologica e indipendenza.

Abbiamo bisogno di voi per affrontare le nuove sfide di un panorama mediatico in evoluzione e di una realtà che richiede riflessione, abbiamo bisogno del vostro sostegno.

In collaborazione con
Per saperne di più su Omnes
Newsletter La Brújula Lasciateci la vostra e-mail e riceverete ogni settimana le ultime notizie curate con un punto di vista cattolico.