Attualità

Ziarrusta, economo di Bilbao: "L'economia non è importante, ma è un mezzo necessario".

Abbiamo intervistato José María Ziarrusta, manager-economista della diocesi di Bilbao, una delle diocesi più trasparenti della Spagna. 

Diego Zalbidea-16 aprile 2021-Tempo di lettura: 3 minuti
ziarrusta nel suo ufficio

Foto: Bilboko Elizbarrutia Diocesi di Bilbao

In una nuova intervista per Sustainability 5G, parliamo con José María Ziarrusta Abásolo, manager-economista della diocesi di Bilbao dal 2008. Appassionato di lavoro di squadra, si è circondato di un gruppo molto numeroso di professionisti e volontari provenienti da tutti i settori e insieme hanno creato programmi che sono pionieri. Di recente hanno ottenuto il primo posto, condiviso con la diocesi di Burgos, in un classifica sulla trasparenza delle diocesi. 

Perché la diocesi di Bilbao, insieme a quella di Burgos, è la più trasparente di tutte?

La trasparenza è stata e continua ad essere uno dei progetti prioritari inclusi nel nostro piano strategico e vi abbiamo dedicato un grande sforzo, coinvolgendo diverse aree diocesane. La trasparenza ci sembra fondamentale in un'istituzione come la Chiesa, che si regge sull'impegno dei fedeli.

La trasparenza ci sembra fondamentale in un'istituzione come la Chiesa.

José María ZiarrustaResponsabile della Diocesi di Bilbao

Cosa fanno le parrocchie con le migliori performance finanziarie?

Vi segnalo alcuni punti chiave che mi ha detto un parroco, che è un riferimento per le buone pratiche:

Lavorare in gruppo e con buoni collaboratori.

Un lavoro sistematico che viene rivisto e migliorato.

Occhi e orecchie attenti a ciò che i fedeli chiedono e a ciò che gli altri fanno meglio di noi.

Accessibilità, faccia a faccia e anche via internet o in rete.

Conoscere i parrocchiani e identificarli in diversi gruppi: catechesi, coppie, giovani, anziani, ecc.

Comunicazione, sia su questioni spirituali ed economiche che su altre relative alla parrocchia. Avere canali di comunicazione per i diversi gruppi.

Trasparenza.

Chi sono i più generosi tra i fedeli?

Sono loro che conoscono meglio la vita e le esigenze delle parrocchie, per questo la comunicazione e la trasparenza sono fondamentali, perché facilitano l'impegno dei fedeli. È difficile che una persona si impegni se non sa quale sia il suo contributo e il valore del suo contributo, in termini di tempo, talento o denaro.

Cosa preoccupa un economo?

Ci preoccupiamo di avere buone informazioni, di pianificare, di imparare, di sviluppare strumenti di gestione, di coinvolgere persone che possano collaborare, di occuparci di ottenere risorse e di gestirle in modo adeguato, al servizio dell'attività pastorale della Chiesa. L'economia è uno strumento del compito pastorale.

Cosa sogna un economo?

Con molte cose, ma per dirne una che ha a che fare con la nostra visione economica, sarebbe l'autofinanziamento, cioè che possiamo essere una Chiesa sostenuta esclusivamente dai fedeli, anche se ogni altro aiuto è ben accetto, ma senza dipendere da loro.

Un libro?

Il libro più letto al mondo: la Bibbia.

Come vi siete reinventati quest'anno per servire i fedeli?

Questo anno di pandemia è stato un periodo di apprendimento accelerato e abbiamo avuto a disposizione alcune basi tecnologiche che ci hanno aiutato. Alcuni di essi sono fondamentali:

Comunicazione e trasparenza per coinvolgere le persone.

Assistenza nell'uso delle tecnologie digitali.

Digitalizzazione di documenti e applicazioni informatiche per il lavoro on-line.

Contatti e database per la comunicazione con i fedeli.

Utilizzo di media, social network, trasmissioni in streaming.

Riunioni, formazione online e telelavoro.

In generale, adattarsi alla nuova situazione in tutte le parrocchie e istituzioni diocesane, senza perdere il contatto personale con i più bisognosi.

Perché troviamo così difficile adattarci al cambiamento?

Perché il cambiamento crea insicurezza, ma è necessario per andare avanti. Spesso cambiamo perché siamo costretti a farlo dalle situazioni in cui viviamo, ma è meglio anticipare gli eventi in modo da essere pronti a rispondere alle nuove esigenze che si presentano.

Abbiamo difficoltà ad adattarci al cambiamento perché crea insicurezza, ma è necessario per andare avanti.

José María ZiarrustaResponsabile della Diocesi di Bilbao

Come fa un tesoriere a evangelizzare, sempre tra il materiale?

Come tutti gli altri, condividere la propria fede, a partire dalla pratica quotidiana. L'aspetto materiale o economico non è importante, ma è un mezzo necessario al servizio dell'evangelizzazione. Il modo in cui ottenete le risorse finanziarie e il modo in cui le gestite è anche un modo di vivere la vostra fede.

Dio ha bisogno di denaro per costruire il Regno?

Dio non ne ha certo bisogno, ma per gli uomini di oggi è necessario avere risorse finanziarie per sviluppare il compito pastorale ed evangelizzatore, e non solo con il denaro, ma anche con il nostro tempo e le nostre conoscenze. È un esercizio di corresponsabilità.

Cosa vi è piaciuto di più in questi mesi?

C'è una frase che mi piace: "Non sprecare una buona crisi". Le crisi ci fanno riflettere e credo che questa pandemia ci abbia insegnato molte cose. Oltre a ciò che abbiamo imparato, mi è piaciuto il coinvolgimento e l'impegno delle persone in tutte le aree. Spesso il comportamento irresponsabile di pochi nasconde il buon lavoro della grande maggioranza e abbiamo visto che una crisi come quella che stiamo vivendo ha attivato molte persone a collaborare per ridurne gli effetti, collaborando anche nell'aiutare gli altri.

Per saperne di più
In collaborazione con
Volete notizie indipendenti, veritiere e pertinenti?

Caro lettore, Omnes riferisce con rigore e profondità sull'attualità religiosa. Facciamo un lavoro di inchiesta che permette al lettore di acquisire criteri sugli eventi e le storie che accadono in ambito cattolico e nella Chiesa. Abbiamo firme stellari e corrispondenti a Roma che ci aiutano a far emergere l'informazione di fondo dal rumore mediatico, con distanza ideologica e indipendenza.

Abbiamo bisogno di voi per affrontare le nuove sfide di un panorama mediatico in evoluzione e di una realtà che richiede riflessione, abbiamo bisogno del vostro sostegno.

In collaborazione con
Newsletter La Brújula Lasciateci la vostra e-mail e riceverete ogni settimana le ultime notizie curate con un punto di vista cattolico.