America

Visita del Santo Padre in Perù, dal 18 al 21 gennaio

Omnes-16 gennaio 2018-Tempo di lettura: 3 minuti

Il viaggio pastorale del Papa a Il Perù inizia a Lima. Dopo l'arrivo nella capitale il 18, il giorno seguente si recherà a Puerto Maldonado, dove c'è grande interesse per ascoltare il suo messaggio. Quest'area della giungla peruviana soffre della piaga dell'estrazione mineraria illegale e del traffico di esseri umani, per cui non è un caso che qui il Papa si recherà al Ostello del Piccolo PrincipeIl Santo Padre incontrerà anche le popolazioni indigene dell'Amazzonia e celebrerà una liturgia a Puerto Maldonado. A Puerto Maldonado, il Santo Padre incontrerà anche le popolazioni indigene dell'Amazzonia e celebrerà una liturgia presso la Istituto Tecnologico Statale Jorge BasadreLuis Garpar riferisce.

Un giorno dopo, il Papa visiterà la città settentrionale di Trujillo. Lì celebrerà la Messa sulla spianata della località balneare di Huanchaco e visiterà la zona conosciuta come Buenos Aires, dove porterà le sue parole di incoraggiamento a coloro che sono stati colpiti dalle piogge e dalle inondazioni causate dal fenomeno costiero El Niño tra gennaio e marzo di quest'anno.

In questa città del nord, il Santo Padre incontrerà sacerdoti, religiosi e seminaristi delle 11 giurisdizioni ecclesiastiche del Perù settentrionale. Concluderà con un incontro mariano con la Vergine Immacolata della Porta nella Plaza de Armas di Trujillo. Il 21 gennaio è l'ultimo giorno di presenza del Papa in Perù e in Sudamerica, e il commiato avverrà da Lima. Il Papa si recherà al santuario di Las Nazarenas per visitare l'immagine del Signore dei Miracoli, patrono della città, e incontrerà le monache di clausura, che in un atto senza precedenti lasceranno i loro conventi in modo straordinario e viaggeranno da diverse città del Perù fino a Lima per stare con il Successore di Pietro.

Al termine di questo incontro, Sua Santità si recherà nella cattedrale di Lima dove venererà le reliquie del Santi peruviani. Si recherà inoltre al Palazzo Arcivescovile per un incontro con i vescovi del Perù. L'attività centrale e finale di questa visita sarà la Santa Messa che verrà celebrata sulla spianata della base aerea di Las Palmas; l'entusiasmo per partecipare a questa celebrazione eucaristica è traboccante. È così che il Perù attende il Papa, unito nella speranza.

Compleanno del Papa

Domenica 17 dicembre, Papa Francesco ha compiuto 81 anni e la festa è stata celebrata in tutto il mondo cattolico. In Perù, forse in modo particolare. Migliaia di fedeli delle parrocchie, delle confraternite, dei movimenti cattolici e della Guardia del Papa si sono riuniti nella Plaza Mayor di Lima per festeggiare il suo compleanno, in un incontro che ha visto la partecipazione di artisti come Julie Freundt, Pelo D'Ambrosio, i bambini della scuola Gioia nel Signore, Luis Alcázar e i musicisti cattolici, ecc. Erano presenti anche gli alunni della Scuola Santa Anita che hanno vinto il concorso Bienvenido Francisco con il loro brano "Pellegrino della speranza".

Il popolo peruviano sta rispondendo ai preparativi per la visita del Papa. Don Luis Gaspar sottolinea l'attesa risposta del popolo peruviano all'imponente Messa che Papa Francesco celebrerà domenica 21 gennaio nella base aerea di Las Palmas: "Il calore della fede del popolo peruviano è meraviglioso. C'è un fervore tra la gente per partecipare agli eventi del Papa. Al termine della prima e della seconda fase [prima di Natale] 300.000 persone si sono iscritte personalmente in parrocchie, scuole, università e movimenti ecclesiastici. Siamo molto soddisfatti, il Perù è in piedi", dice il direttore della visita.

Gioia ed entusiasmo

L'arcivescovo di Lima, il cardinale Juan Luis Cipriani, ha detto di aver registrato lui stesso il video per portare un messaggio da Roma a tutto il popolo peruviano, e che riflette la gioia, la speranza, la preghiera, l'entusiasmo del Papa per essere venuto in Perù:

"L'ho trovato di ottimo umore e in ottima forma fisica. La verità è che ero molto felice. Come sempre, è stato molto affettuoso. E parla sempre di "Siete una terra di santi". È una questione che gli sta molto a cuore. Dio ha voluto che il Perù contribuisse a questa nuova evangelizzazione in Sud America. Dio si è avvicinato molto a questo Paese e ha voluto che l'America Latina fosse una luce che illumina gli altri Paesi, che illumina con la gioia, con la pace, con il desiderio di aiutare gli altri, che non è qualcosa che nasce da te, è qualcosa che Dio mette nel tuo cuore. Che gioia essere stati con il Papa e che gioia averlo ascoltato.

Il Papa è molto entusiasta di andare in Perù, perché conosce il Perù e conosce il popolo peruviano. "Credo che questo video, che spero diventi molto conosciuto, sia un gesto di affetto molto personale. Sta sognando, sta già percorrendo le nostre strade, con quell'atmosfera pastorale di padre, di amico, di uomo vicino che porta Dio", Ha assicurato il cardinale Cipriani.

Per saperne di più
In collaborazione con
Volete notizie indipendenti, veritiere e pertinenti?

Caro lettore, Omnes riferisce con rigore e profondità sull'attualità religiosa. Facciamo un lavoro di inchiesta che permette al lettore di acquisire criteri sugli eventi e le storie che accadono in ambito cattolico e nella Chiesa. Abbiamo firme stellari e corrispondenti a Roma che ci aiutano a far emergere l'informazione di fondo dal rumore mediatico, con distanza ideologica e indipendenza.

Abbiamo bisogno di voi per affrontare le nuove sfide di un panorama mediatico in evoluzione e di una realtà che richiede riflessione, abbiamo bisogno del vostro sostegno.

In collaborazione con
Per saperne di più su Omnes
Newsletter La Brújula Lasciateci la vostra e-mail e riceverete ogni settimana le ultime notizie curate con un punto di vista cattolico.