Spagna

I vescovi ausiliari di Madrid: "oranti e vicini".

Omnes-16 febbraio 2018-Tempo di lettura: 3 minuti

Il 17 febbraio sono stati ordinati i tre nuovi vescovi ausiliari di Madrid, nominati da Papa Francesco per assistere il cardinale Osoro, arcivescovo di Madrid, nel suo lavoro pastorale.

Testo - Testo - Testo - Testo - Testo - Testo - Testo - Testo - Testo - Testo - Testo - Testo - Testo - Testo - Testo  Rafael Miner

Il nuovo vescovi ausiliari di Madrid sono José Cobo (Jaén, 1965), Santos Montoya (Ciudad Real, 1966) e Jesús Vidal (Madrid, 1974). Tutto fa pensare che Papa Francesco abbia appoggiato pienamente la candidatura dell'arcivescovo Osoro, che ha cercato in particolare di "uomini di fede", ha dichiarato ai media il 29 dicembre.

Il Il cardinale Osoro ha ringraziato il Papa "per la risposta che hai dato" alla proposta che gli è stata presentata. Juan Antonio Martínez Camino rimane in diocesi, anche come vescovo ausiliare, e l'arcivescovo madrileno si è seduto accanto a lui durante la conferenza stampa e ha valutato la "ministero della santità". che svolge.

Ci sono altri Caratteristiche comuni i tre nuovi vescovi ausiliari di Madrid. Ad esempio, sono laureatiCobo, Diritto; Montoya, Chimica; e Vidal, Economia e Commercio. Il cardinale ha anche sottolineato il suo profilo pastoraleche hanno lavorato nelle parrocchie "al servizio del popolo". Jesús Vidal è rettore del Seminario conciliare di Madrid e Santos Montoya è stato direttore del Seminario minore di Madrid.

Perché ora e non prima o dopo? Il cardinale spiega che tre anni dopo "di essermi preso a calci per tutta la diocesi"è stato il è il momento di chiedere a Roma l'aiuto di nuove ausiliarie "per una diocesi grande come questa, con cinque milioni di persone". "Il vescovo deve essere un visitatore permanente delle comunità, al fine di "per rinvigorire la vita cristiana". E questo "Non può essere fatto da una sola persona", ha aggiunto l'arcivescovo di Madrid, che negli ultimi anni ha promosso un ambizioso progetto di Piano diocesano di evangelizzazione, che è stato riportato dal Rivista Palabra.

Genitori e fratelli

Cosa si aspetta il Papa dai nuovi vescovi ausiliari? E dal suo arcivescovo? E dai sacerdoti? E dai fedeli della diocesi? Sono domande legittime che ogni fedele può porre, anche se vescovi, sacerdoti e religiosi sono anch'essi fedeli, altrimenti sarebbero infedeli.   

Nel suo recente viaggio in Cile e Perù, Papa Francesco ha ricevuto gli episcopati di entrambe le nazioni. E uno dei punti principali del suo breve discorso ai vescovi è stato questo: "La paternità del vescovo con il suo presbiterio! Una paternità che non è né paternalismo né abuso di autorità. Un dono da chiedere. Siate vicini ai vostri sacerdoti nello stile di San Giuseppe".Il Santo Padre ha detto ai vescovi cileni qualche settimana fa.

Non è una novità. L'anno scorso, il successore di Pietro ha incontrato i membri della Congregazione per il Clero. Il giornale francese La Croix ha intitolato la riunione: "Papa Francesco chiede ai vescovi di essere "padri" dei loro sacerdoti". E l'ha raccontata cosìQuante volte ho sentito le lamentele di sacerdoti che non riescono a contattare il loro vescovo [...]. Ogni sacerdote "Deve sentire che ha un padre che gli è vicino", perché non si può "crescere e santificare un sacerdote senza la vicinanza paterna del vescovo".

In precedenza, nel 2014, in un lungo discorso alla Congregazione per i Vescovi del 27 febbraio, Papa Francesco aveva parlato di "vescovi oranti". e "vescovi pastori", e tracciato "il seguente profilo dei candidati all'episcopato: 'Che siano padri e fratelli; che siano miti, pazienti e misericordiosi; che amino la povertà: interiore come libertà per il Signore, e anche esteriore come semplicità e austerità di vita; che non abbiano una psicologia 'principesca' ....".

Questi sono i pastori che il Papa ci dà. Alcuni tratti combinati con ciò che ha sottolineato anche ai vescovi cileniLa mancanza di consapevolezza di appartenere al Popolo di Dio come servi, e non come padroni, può portarci a una delle tentazioni che più danneggiano il dinamismo missionario che siamo chiamati a promuovere: il clericalismo". "Il clericalismo dimentica che tutta la visibilità e la sacramentalità della Chiesa appartiene all'intero popolo di Dio (Lumen Gentium9-14) [...] I laici non sono le nostre pedine o i nostri dipendenti. [...] Guardiamoci da questa tentazione, soprattutto nei seminari e nell'intero processo formativo", ha aggiunto il Papa. n

Per saperne di più
In collaborazione con
Volete notizie indipendenti, veritiere e pertinenti?

Caro lettore, Omnes riferisce con rigore e profondità sull'attualità religiosa. Facciamo un lavoro di inchiesta che permette al lettore di acquisire criteri sugli eventi e le storie che accadono in ambito cattolico e nella Chiesa. Abbiamo firme stellari e corrispondenti a Roma che ci aiutano a far emergere l'informazione di fondo dal rumore mediatico, con distanza ideologica e indipendenza.

Abbiamo bisogno di voi per affrontare le nuove sfide di un panorama mediatico in evoluzione e di una realtà che richiede riflessione, abbiamo bisogno del vostro sostegno.

In collaborazione con
Per saperne di più su Omnes
Newsletter La Brújula Lasciateci la vostra e-mail e riceverete ogni settimana le ultime notizie curate con un punto di vista cattolico.