Cultura

Scuola estiva di astrofisica... in Vaticano

Venticinque giovani astronomi di tutto il mondo potranno partecipare alla scuola estiva vaticana nel giugno 2023. È una delle iniziative di La Specola VaticanaL'osservatorio astronomico e centro di ricerca scientifica della Chiesa cattolica, che sta riaprendo i battenti dopo la pandemia.

Leticia Sánchez de León-2 agosto 2022-Tempo di lettura: 5 minuti
specola vaticana

Padre Gabriele Gionti S.J. indica un telescopio Zeiss del 1935 nella Specola Vaticana ©CNS photo/Paul Haring

Il Scuole estive -La Specola Vaticana, come viene chiamata, è tornata in funzione dopo la pandemia dopo cinque anni di inattività. stand by. Il prossimo corso di astrofisica (la diciottesima edizione, tra l'altro) è prevista per il giugno 2023 e ospiterà venticinque giovani astronomi da tutto il mondo per quattro settimane in una delle sedi della Specola a Castel Gandolfo, a due passi da Roma.

Che cos'è la Specola Vaticana

Il Specola ("specula" in latino, dal verbo italiano specere "guardare, osservare") Vaticano è l'Osservatorio astronomico e centro di ricerca scientifica della Chiesa cattolica e uno dei più antichi osservatori astronomici del mondo: la sua storia inizia a metà del XVI secolo, quando nel 1578 Papa Gregorio XIII fece erigere la Torre dei Venti e invitò numerosi astronomi e matematici gesuiti a preparare la riforma del calendario promulgata nel 1582.

Il prossimo giugno 2023, venticinque giovani astronomi si uniranno agli oltre 400 che sono già passati attraverso i programmi di ricerca scientifica del Vaticano. Quest'anno, il tema della VOSS (Scuola estiva della Specola Vaticana) è "Imparare l'universo: strumenti di scienza dei dati per le indagini astronomiche".

Con l'aumento della potenza dei telescopi e della sensibilità degli strumenti di misura, la quantità di dati astronomici che gli scienziati devono comprendere è cresciuta notevolmente. Le grandi indagini astronomiche hanno già effettuato migliaia di misurazioni. Grazie ai progressi tecnologici e computazionali, i nuovi osservatori, come l'Osservatorio Rubin, produrranno cataloghi di decine di miliardi di stelle e galassie e trilioni di misure diverse.

Scuola estiva 2023

Il Scuola estiva Il Concilio Vaticano 2023 si propone di aiutare il campo della scienza in questo senso: introducendo i concetti di Grandi dati y Apprendimento automaticoInoltre, verrà esplorata un'esperienza pratica di analisi dei dati delle osservazioni, consentendo agli studenti di utilizzare questi dati per i propri progetti astronomici. Inoltre, le scuole estive sono sempre tenute da astronomi di spicco provenienti dai più prestigiosi osservatori e università del mondo, come Vera Rubin e Didier Queloz, vincitore del Premio Nobel per la Fisica 2019.

La Summer School è aperta a studenti di astronomia di livello avanzato e a dottorandi di tutto il mondo. La maggior parte degli studenti selezionati proviene da Paesi in via di sviluppo. Le lezioni sono gratuite e un ulteriore sostegno finanziario è fornito dai benefattori attraverso il programma Fondazione Osservatorio Vaticanoche garantisce la partecipazione di tutti gli studenti ammessi.

Le Scuole estive della Specola Vaticana si tengono dal 1986 e sono una delle iniziative più importanti della Specola. Dalla loro fondazione, quasi 40 anni fa, hanno sempre ricevuto il massimo sostegno da parte dei Papi e i partecipanti hanno sempre potuto salutare il Pontefice durante il loro soggiorno in Italia. Oltre al Scuole estiveLa Specola ospita inoltre regolarmente conferenze accademiche ed eventi di sensibilizzazione del pubblico.

La storia della Specola

La fondazione della Specola Vaticana è avvenuta ufficialmente con il motu proprio. Ut mysticam di Leone XIII del 14 marzo 1891. Dopo la fondazione, l'osservatorio fu dotato di una prima cupola rotante di tre metri e mezzo, alla quale ne furono aggiunte altre tre nel giro di pochi anni, insieme a strumentazioni più moderne acquisite grazie a donazioni. Due anni dopo, la Specola fu dotata di un eliografo per fotografare il Sole, collocato sulla terrazza dei Musei Vaticani (poi spostata sulla terrazza dell'attuale Monastero Mater Ecclesiae, dove risiede Benedetto XVI). Nel 1909 fu collocato un grande rifrattore in cima alla torre adiacente alla Palazzina Leone XIII, protetto da una cupola di oltre otto metri.

Uno dei primi risultati scientifici di rilievo della Specola è stata la collaborazione al progetto internazionale Carte du Ciel, il primo atlante fotografico delle stelle. La Specola ha collaborato con altri 21 osservatori in tutto il mondo per completare la mappatura del cielo. Per portare a termine questo importante sforzo scientifico, è stato necessario dotare La Specola delle seguenti attrezzature con un grande telescopio. Ha sfruttato il vantaggio della Torre di San Juananch'esso situato all'interno delle mura della Città del Vaticano, dove è stata costruita una cupola rotante di 8 metri.

Cambio di sede

Alla fine degli anni Venti, la crescente illuminazione della città di Roma rese sempre più difficile l'osservazione del cielo. L'osservatorio fu trasferito nel Palazzo Papale di Castel Gandolfo. La nuova struttura, completata nel 1935, era dotata delle attrezzature più potenti, come un astrografo, laboratori per lo studio delle meteoriti e una grande biblioteca. Qualche anno dopo, è stato installato un Centro di Calcolo per ricerche astrofisiche sempre più avanzate.

Negli anni Settanta, lo stesso problema che aveva costretto la Specola a trasferirsi da Roma a Castel Gandolfo si ripresentò con l'aumento dell'illuminazione artificiale in città e nei dintorni. La Specola iniziò nuovamente la ricerca di un sito per ospitare un nuovo osservatorio, optando infine per Tucson, in Arizona. Il Vatican Advanced Technology Telescope (VATT) in Arizona è stato inaugurato nel 1993 ed è dotato di un telescopio avanzato e di una serie di laboratori astrofisici.

Obiettivo della Specola: servire la scienza

Qualcuno potrebbe chiedersi perché il Vaticano si interessi di astrofisica e se fosse davvero necessario "allestire" un intero osservatorio per studiare le stelle e i meteoriti. Su questa linea, in occasione dell'Anno dell'Astronomia (2009), il quotidiano vaticano L'Osservatore Romano ha realizzato un'intervista con il gesuita Guy J. Consolmagno, attuale direttore della Specola, che risponde ad alcune di queste domande: "Quando Papa Leone XIII creò la Specola Vaticana, una delle sue motivazioni era quella di mostrare al mondo che la Chiesa sostiene e promuove la vera scienza. Per adempiere a questo mandato, non siamo solo obbligati a svolgere il nostro lavoro scientifico, ma anche a renderlo pubblico e a condividerlo.

"La scienza -aggiunge- è esattamente la stessa. Obbediamo alle stesse leggi scientifiche e pubblichiamo sulle stesse riviste. La differenza sta nella motivazione. Non lavoriamo per guadagnare soldi o per il prestigio personale. Lavoriamo semplicemente per amore della scienza. E, naturalmente, questo è ciò che anche molti altri studiosi vorrebbero fare, ma è meraviglioso che qui, in Vaticano, possiamo realizzare questo desiderio senza dover affrontare tanti altri problemi.

Una scienza più libera

Può sembrare idilliaco e irrealistico, ma il fatto è che, in quanto istituzione vaticana, i ricercatori che lavorano alla Specola ottengono i finanziamenti per i loro progetti attraverso la Fondazione Osservatorio Vaticano per non dover competere con altri osservatori per i finanziamenti statali: "Non hanno bisogno di competere con altri osservatori per i finanziamenti statali.Chi lavora alla NASA deve riferire continuamente sui risultati e sui progressi della propria ricerca per non perdere i finanziamenti. Noi, invece, possiamo impegnarci in una ricerca scientifica a lungo termine, che richiede anche diversi anni di lavoro prima di raggiungere un risultato.". Inoltre, "possiamo lavorare su ciò che riteniamo più interessante e non su progetti che ci vengono imposti da potenziali finanziatori e impegnarsi in ricerche che possono durare cinque, dieci o addirittura quindici anni."

L'autoreLeticia Sánchez de León

In collaborazione con
Volete notizie indipendenti, veritiere e pertinenti?

Caro lettore, Omnes riferisce con rigore e profondità sull'attualità religiosa. Facciamo un lavoro di inchiesta che permette al lettore di acquisire criteri sugli eventi e le storie che accadono in ambito cattolico e nella Chiesa. Abbiamo firme stellari e corrispondenti a Roma che ci aiutano a far emergere l'informazione di fondo dal rumore mediatico, con distanza ideologica e indipendenza.

Abbiamo bisogno di voi per affrontare le nuove sfide di un panorama mediatico in evoluzione e di una realtà che richiede riflessione, abbiamo bisogno del vostro sostegno.

In collaborazione con
Per saperne di più su Omnes
Newsletter La Brújula Lasciateci la vostra e-mail e riceverete ogni settimana le ultime notizie curate con un punto di vista cattolico.