Vaticano

Dottrina sociale, Sant'Anna e San Francesco di Laval: seconda tappa del viaggio papale

Francesco ha cercato di infondere speranza agli indigeni, ottimismo ai sacerdoti e dottrina sociale ai politici, nella tappa francofona del suo pellegrinaggio penitente.

Fernando Emilio Mignone-29 luglio 2022-Tempo di lettura: 8 minuti

Foto: fine della Messa a Sant'Anna.

Papa Francesco continua la sua visita in Canada, che lui stesso ha definito un pellegrinaggio penitenziale. In questa seconda tappa nella provincia del Québec, il Papa ha incontrato le autorità canadesi, ha celebrato la Santa Messa per gli indigeni e altri pellegrini in un santuario a Beaupré e ha tenuto i vespri con il clero e gli operatori pastorali. Oggi conclude la sua visita in questa provincia in gran parte francofona e vola a Iqaluit.

Masterclass sulla dottrina sociale

Il Papa ha ascoltato prima il Primo Ministro Justin Trudeau e poi il Governatore Generale Inuit Mary Simon (in rappresentanza della Regina Elisabetta II e seduta alla destra del Pontefice - nel cuore del Quebec autonomista).

Francesco ha tenuto una masterclass sulla dottrina sociale della Chiesa. È successo il 27 luglio alle 17.00, prima che Bergoglio si tuffasse con la sua papamobile in un bagno di folla - le migliaia di appassionati che lo seguivano su un maxischermo nel parco storico della Piana di Abramo (dove nel 1759 gli inglesi sconfissero definitivamente i francesi). Il discorso del capo di Stato vaticano è stato pronunciato in un'atmosfera protocollare. Era chiaro che il Papa aveva fatto i compiti a casa. Voleva ispirarsi al simbolo canadese per eccellenza, la foglia d'acero.

Già "le popolazioni native estraevano dagli aceri la linfa da cui ricavavano sciroppi nutrienti. Nella loro operosità erano attenti alla salvaguardia della terra e dell'ambiente, fedeli a una visione armonica del creato... che insegna all'uomo ad amare il Creatore e a vivere in simbiosi con gli altri esseri viventi. C'è molto da imparare dalla loro capacità di ascoltare Dio, le persone e la natura. Ne abbiamo bisogno ... nell'odierno ... turbine ... caratterizzato da un costante "accelerazione"che ostacola uno sviluppo veramente umano, sostenibile e integrale (cfr. Laudato si'18), generando in definitiva una "società della stanchezza e della disillusione", che ha bisogno della contemplazione, del gusto genuino delle relazioni". 

"Le grandi foglie d'acero... assorbono l'aria inquinata e ripristinano l'ossigeno, si meravigliano della bellezza del creato e... i valori sani presenti nelle culture indigene sono un'ispirazione per tutti noi e possono aiutarci a guarire dalle abitudini dannose dello sfruttamento... del creato, delle relazioni, del tempo".

Si è scusato per l'ennesima volta, deplorando le passate politiche di assimilazione, disimpegno e deculturazione (il neologismo è mio). Ha ribadito che "è tragico quando alcuni credenti, come è accaduto in quel periodo storico, non si conformano al Vangelo ma alle convenienze del mondo". Era un sistema deplorevole promosso dalle autorità governative dell'epoca" e non dalle Chiese cattolica, anglicana e presbiteriana (si capisce). 

Inoltre, il professore di filosofia politica ha fatto due osservazioni. In primo luogo, i cristiani hanno fatto anche molto bene. La fede ha svolto un ruolo essenziale nella formazione dei più alti ideali canadesi. In secondo luogo, che le autorità di oggi possono peccare allo stesso modo. Naturalmente ha detto tutto in modo molto diplomatico, ma è risaputo che l'indice indica il dito medio, l'anulare e il mignolo.

Citando il suo amato Cara AmazoniaIl professore ha tenuto una lezione ai presenti, accusatori del passato, sull'attuale colonizzazione ideologica. Oggi "non mancano le colonizzazioni ideologiche che... soffocano il naturale attaccamento ai valori dei popoli, cercando di sradicare le loro tradizioni, la loro storia e i loro legami religiosi". È una mentalità che presume di aver superato "le pagine buie della storia"".

Ad esempio, in Québec si parla spesso di la grande noirceur prima del 1960. Questa mentalità dà origine alla cultura della cancellazione, che giudica il passato solo in funzione di alcune categorie attuali. Si afferma così una moda culturale che uniforma tutto e non tollera le differenze, che si concentra solo sul momento presente, sui bisogni e sui diritti dei singoli: trascura i doveri verso i più deboli e fragili: i poveri, i migranti, gli anziani, i malati, i non nati! Il Canada è l'unico Paese al mondo, per quanto ne so, a non regolamentare l'aborto, cioè a consentire la legge della giungla su questo tema. Non solo, ma si vanta di esportare l'aborto e quindi colonizza. Il Papa ha insistito sul fatto che questi deboli sono dimenticati dalle società del benessere e che "nell'indifferenza generale, vengono scartati come foglie secche da bruciare".

Inoltre, come ogni foglia di un albero è essenziale per il ricco e variopinto fogliame della foresta, così anche la società non deve essere uniforme ma aperta e inclusiva. Ogni famiglia è la cellula fondamentale della società e il futuro dell'umanità è forgiato nella famiglia. Tuttavia, è minacciata da tutti i tipi di fattori. "Che il male sofferto dai popoli indigeni, e di cui oggi ci vergogniamo, ci serva da monito oggi, affinché la cura e i diritti della famiglia non vengano messi da parte in nome di eventuali esigenze produttive e interessi individuali".

La foglia d'acero ha comunque dato al Papa la possibilità di tenere una lezione sull'ambientalismo (il Canada ottiene un voto molto alto, dice) e sulla follia della guerra e la necessità del disarmo (voto più basso, forse): "Non abbiamo bisogno di dividere il mondo in amici e nemici, di prendere le distanze e di armarci fino ai denti: non saranno la corsa agli armamenti o le strategie di deterrenza a portare pace e sicurezza". In un tweet, Trudeau ha dichiarato di aver parlato ieri con il Papa e il suo Segretario di Stato Pietro Parolin di questioni come l'Ucraina e l'insicurezza alimentare. Il governo del Partito Liberale di Trudeau dà talvolta l'impressione di seguire i sondaggi. Lo ha detto anche il Papa: "La politica non può rimanere prigioniera di interessi di parte. Dobbiamo saper guardare, come insegna la saggezza indigena, alle sette generazioni a venire, non alle convenienze immediate, alle scadenze elettorali o all'appoggio delle lobby. E anche per valorizzare il desiderio di fraternità, giustizia e pace delle giovani generazioni". Ha ricordato che la Chiesa cattolica si prende cura dei più fragili e opera a favore della vita umana in tutte le sue fasi, dal concepimento alla morte naturale.

Pellegrinaggio a Sainte-Anne-de-Beaupré

Nel 1658 la nave di alcuni marinai bretoni affondò al largo delle coste della Nuova Francia, l'odierno Quebec. Promisero a Sant'Anna che se si fossero salvati le avrebbero costruito una cappella, che fu all'origine dell'attuale Basilica, costruita nel secolo scorso. Gli indigeni si sono subito innamorati della nonna di Gesù, e questa mattina il Papa l'ha guardata a lungo, come un nipote devoto. Mentre lo faceva dalla sua sedia a rotelle alla fine della messa di riconciliazione, una donna indigena è salita spontaneamente sull'altare e gli ha messo in braccio il figlioletto visibilmente deforme. Momento iconico.

Omnes ha parlato oggi con due pellegrini che hanno visitato la Basilica per la prima volta, entrambi provenienti dalla provincia dell'Ontario con un viaggio in auto di oltre dieci ore. Tiffany Taylor, giovane assistente sociale di origine Ojibway, è andata con una dozzina di indigeni di una riserva della città di Sudbury, nessuno dei quali cattolico. "La mia lingua è conservata, ma non la parlo. Oggi viene insegnato nelle scuole, anche ai non nativi. Vicino a noi c'era un collegio cattolico. Mi fa male quello che hanno sofferto i miei antenati torturati". Settanta % dei presenti all'interno della Basilica erano autoctoni. Migliaia di altre persone, con biglietti gratuiti ma difficili da ottenere, si sono radunate all'esterno.

Tiffany Taylor, assistente sociale di origine Ojibway,

Padre Scott Giuliani, SOLT, è missionario canadese in Belize dal 2014. Si è recato a Sant'Anna dalla vicina Toronto. "Negli ultimi anni nell'area caraibica c'è stata una crescente influenza da parte dei Paesi ricchi che spingono per introdurre valori estranei alla popolazione. Nuove definizioni dei diritti umani basate su una nuova antropologia, non sul diritto naturale. L'ideologia di genere e le pressioni per modificare la legislazione locale sono esempi di colonizzazione ideologica in atto. Questa intrusione di idee causa molti danni alla cultura. In Belize, il governo canadese ha utilizzato alcuni dei suoi aiuti esteri per esportare valori ideologici".

Padre Scott è un missionario canadese in Belize

Il Papa, nel predicare, ha osservato che la sua omelia potrebbe essere intitolata: "Dal fallimento alla speranza". Ha commentato l'episodio alla fine del Vangelo di Luca in cui due discepoli disillusi di Gesù fuggono da Gerusalemme. Ha detto che Cristo risolve le nostre tragedie attraverso il suo mistero pasquale. È l'unico modo per andare avanti in situazioni come la storica colonizzazione dei popoli indigeni. Il risentimento non guarisce. Dobbiamo evitare di accusarci a vicenda, come Adamo ed Eva dopo il peccato, o di avere una discussione sterile, come i due camminatori. L'unica via d'uscita, se si vuole una vera riconciliazione, è quella che Gesù spiega ai suoi due discepoli. Cristo ci dà una via d'uscita dal labirinto della nostra storia. L'Eucaristia guarisce. Emmaus mostra la tentazione di fuggire - che è fuga, non risoluzione. Gesù è venuto a camminare con noi.

"Non c'è niente di peggio, di fronte alle difficoltà della vita, che fuggire da esse. È una tentazione del nemico, che minaccia il nostro cammino spirituale e il cammino della Chiesa; vuole farci credere che la sconfitta è definitiva, vuole paralizzarci con l'amarezza e la tristezza, convincerci che non c'è niente da fare e che quindi non vale la pena di trovare un modo per ricominciare".

"Noi che condividiamo l'Eucaristia in questa Basilica possiamo anche rileggere molti eventi della storia. In questo stesso luogo c'erano già tre chiese, ma c'erano anche persone che non si sono tirate indietro di fronte alle difficoltà, e sono state capaci di sognare ancora nonostante i loro errori e quelli degli altri. Così, quando cento anni fa un incendio devastò il santuario, non si lasciarono sconfiggere, costruendo questa chiesa con coraggio e creatività. E tutti coloro che condividono l'Eucaristia dalla vicina Piana di Abramo (tramite schermo gigante), possono anche percepire lo spirito di coloro che non si sono lasciati rapire dall'odio della guerra, dalla distruzione e dal dolore, ma che hanno saputo progettare una città e un Paese nuovi". Si riferisce alla città di Québec e al Paese del Canada, costruiti pacificamente dal 1759.

Il Papa durante i vespri nella Cattedrale di Notre Dame de Québec ©FotoCNS/Paul Haring)

Iniezione di ottimismo per vescovi e sacerdoti

Infine oggi, nella Cattedrale di Notre-Dame di Québec, il Papa ha messo il dito sul più grande ostacolo alla rievangelizzazione del Canada - e in particolare del Québec, un tempo bastione del cattolicesimo dalla sua fondazione esplicitamente missionaria nel 1608 fino agli anni Sessanta. Francesco ha tenuto un'omelia durante i vespri a quasi un centinaio di vescovi, molti altri sacerdoti e altre persone, e ha parlato loro del secolarismo. Che non è vero che tutti i tempi passati erano migliori.

Il Papa ha ricordato che questa era la cattedrale della sede primate del Canada, il cui primo vescovo, San Francesco di Laval, aprì il Seminario nel 1663. Ha parlato loro della responsabilità del pastorale e dell'evangelizzazione, che porta sempre gioia. Non c'è bisogno di essere funzionari del sacro. Li ha incoraggiati a predicare un Gesù vivo in modo vivace, a essere testimoni credibili, a evitare a tutti i costi una tentazione diabolica molto attuale: quella del pessimismo negativo. La mondanità è cattiva, ma il mondo è buono. Ha parlato di umiltà e, in modo particolare, di fraternità.

La prima cosa è "far conoscere Gesù". Nei deserti spirituali del nostro tempo, generati dal secolarismo e dall'indifferenza, è necessario tornare al primo annuncio". Ha citato il filosofo di Montreal Charles Taylor: la secolarizzazione è "l'opportunità di ricomporre la vita spirituale in nuove forme e anche per nuovi modi di esistere". 

"In questo modo", ha proseguito Bergoglio, "mentre lo sguardo discernente ci fa vedere le difficoltà che abbiamo nel trasmettere la gioia della fede, ci stimola a riscoprire una nuova passione per l'evangelizzazione, a cercare nuovi linguaggi".

Ha concluso come segue. "Per favore, non chiudiamoci nella "regressione", andiamo avanti con gioia! Mettiamo in pratica le parole che abbiamo rivolto a San Francesco di Laval:

Sei stato l'uomo della condivisione,
visitare i malati, vestire i poveri,
lotta per la dignità dei popoli indigeni,
sostenere i missionari affaticati,
sempre pronto a tendere la mano a chi stava peggio di te.
Quante volte i vostri progetti sono andati in frantumi,
ma sempre, li rimettete in piedi.
Avevate capito che l'opera di Dio non è fatta di pietra,
e questo, in questa terra di sconforto,
era necessario un costruttore di speranza.

Vi ringrazio per tutto quello che fate e vi benedico di cuore. Per favore, continuate a pregare per me". È seguita un'ovazione davvero emozionante.

In collaborazione con
Volete notizie indipendenti, veritiere e pertinenti?

Caro lettore, Omnes riferisce con rigore e profondità sull'attualità religiosa. Facciamo un lavoro di inchiesta che permette al lettore di acquisire criteri sugli eventi e le storie che accadono in ambito cattolico e nella Chiesa. Abbiamo firme stellari e corrispondenti a Roma che ci aiutano a far emergere l'informazione di fondo dal rumore mediatico, con distanza ideologica e indipendenza.

Abbiamo bisogno di voi per affrontare le nuove sfide di un panorama mediatico in evoluzione e di una realtà che richiede riflessione, abbiamo bisogno del vostro sostegno.

In collaborazione con
Per saperne di più su Omnes
Newsletter La Brújula Lasciateci la vostra e-mail e riceverete ogni settimana le ultime notizie curate con un punto di vista cattolico.