Spagna

Sebastián Gayá. Il bambino nelle mani di Dio

La figura di Sebastián Gayá, uno degli iniziatori dei Cursillos nella cristianità, è di nuovo sotto i riflettori con l'apertura del processo di canonizzazione.

Pilar Turbidí-22 novembre 2022-Tempo di lettura: 3 minuti
gaya

Sebastián Gayá, uno dei tre iniziatori dell'iniziativa I cursillos nel cristianesimoLa Santa Sede riconosce che è stato il sacerdote che ha guidato il gruppo di giovani da cui è nato un movimento di Chiesa per il mondo - per opera dello Spirito Santo. Così è stato descritto da San Paolo. Paolo VI alla prima Ultreya mondiale del 1966: "I cursillos nel cristianesimo: È questa la parola, affinata nell'esperienza, accreditata nei suoi frutti, che oggi attraversa il mondo con una lettera di fiducia.dadanisulle strade del mondo".

La figura di Sebastián Gayá è stata rilanciata con l'apertura della fase diocesana del processo di canonizzazione del Servo di Dio. Inizia un percorso in cui la Chiesa fa luce sui suoi scritti e sulle testimonianze di chi lo ha conosciuto personalmente. Tutto questo per dimostrare che non si è mai allontanato dalla fede, che ha vissuto le virtù in modo eroico e che la sua fama di santità è autentica.

"L'uomo consapevole della missione", Ecco come, in poche parole, descriveremmo il nostro personaggio. Sebastian sapeva che una causa non vive finché qualcuno non è disposto a morire per essa. E la sua causa era... l'evangelizzazione. A questa impresa ha dedicato la sua vita. E lo strumento era... il Cursillo de Cristiandad; un metodo armonioso orientato all'incontro dell'uomo con se stesso, con Dio e con i fratelli.

Il mistero della croce ha presieduto alla sua vita. Non godeva di buona salute. Ha sopportato avversità, disaffezione e persino l'allontanamento dal cuore stesso della Chiesa. Tuttavia, di fronte al dolore, ha risposto con umiltà e mitezza, frutto della fede e della carità con cui ha vissuto tutte le seccature che gli sono capitate, e sono state molte. Forse, ogni rinuncia, ogni incomprensione, Sebastian l'ha offerta come oblazione per i frutti del Movimento Cursillo, e per molte altre intenzioni che l'indagine della Causa chiarirà a suo tempo.

Dio lo mise alla prova, dall'infanzia - nel 1913 dovette lasciare i genitori in Argentina e tornare da solo a studiare nel seminario di Maiorca - fino alla morte. E da ogni prova è uscito più forte. Dio lo ha benedetto con una voce ferma, uno sguardo ardente e una dedizione traboccante, fino allo sfinimento. Di fronte alla pigrizia, ripeteva sempre: "Non stancatevi di stancarvi".. Tale era la sua dedizione sacerdotale che, quando aveva più di settant'anni, alla chiusura di uno dei Cursillos disse, con enfasi: "Oggi vorrei avere di nuovo trent'anni per restituirli al Signore". 

Sebastián Gayá respingeva i "capillismos" ed era fermo nel suo amore per la Chiesa, incondizionatamente fedele alla Chiesa. Quando gli si chiedeva della spiritualità dei Cursillos nel cristianesimo, ripeteva sempre la stessa cosa: "Il proprio della Chiesa".

Sapeva di essere nelle mani provvidenti del Padre e questa convinzione rese Sebastiano un uomo coraggioso. Era la fiducia del figlio che è nelle mani del Padre. Per illustrarlo, ha fatto ricorso a un'esperienza che ha ricreato con vigore. Per qualche istante, Sebastiano è diventato un padre di famiglia che, mentre parlava della grandezza dell'essere figlio di Dio, è stato interrotto dal figlio piccolo. Quest'ultimo voleva solo giocare con il padre. Accortosi di ciò, il padre lo afferrò per le braccia, lo sollevò da terra, lo abbracciò davanti a tutti e lo baciò. Immediatamente lo staccò dal suo petto, fissò il suo sguardo pieno di tenerezza sugli occhi del bambino e... lo liberò gettandolo in alto, sopra la sua testa. Il ragazzo, lungi dall'essere spaventato, urlò: "Più in alto papà, più in alto...!". E il padre, felice, lo gettò di nuovo nel vuoto, ancora una volta, più in alto. E il bambino, ridendo, gridò di nuovo: "Più in alto, più in alto, più in alto, papà!"..

E così via. Sebastiano ha usato questa immagine per descrivere la relazione che il Padre ha con i suoi figli, i figli di Dio! "Sono" -Disse Sebastiano. il figlio di Dio". E il bambino non ha paura perché le braccia del Padre lo aspettano sempre; si fida di lui. Il vuoto non lo preoccupa, anzi, più è alto e meglio è. Perché il bambino ha... le garanzie del Padre. Può perdere il contatto, ma il bambino sa che il Padre è lì, con lui. Può gettarlo nell'abisso del mistero, ma il bambino sa che il Padre lo sostiene". -Sebastian ha insistito, deciso, con gli occhi umidi. Sebastian ha accompagnato molti come un padre. Un padre di una lunga serie di figli. Un padre che ha trasmesso certezze e liquidato falsi rispetti umani al grido di "Ultreya! Più in alto! Più in alto! Più in alto!".

Quando Sebastiano celebrò il suo sessantesimo anniversario sacerdotale, disse ai presenti: "Da sessant'anni so di non appartenere a me stesso. E così è stato, perché la sua vita era consacrata a Gesù Cristo. Per questo, nell'Ora Apostolica, un testo da lui scritto per incoraggiare i Cursillisti a lasciarsi conquistare dal Sacro Cuore di Cristo Re, Sebastiano scriveva: "Guardaci ai tuoi piedi, adorando la tua divina grandezza. [...] Vogliamo essere veramente tuoi, Signore; e con la mediazione della Beata Vergine, nostra Madre, ci consacriamo a te".

Per concludere: "Concedici, o Signore, di aprire a tutti gli uomini un'ampia strada verso la tua grazia. Riporta il mondo a te, anche a costo della nostra vita. Amen".. Questa vita dedicata ci viene mostrata oggi come una proposta radiosa per i Cursillos nella cristianità, per la Chiesa e per il mondo.

L'autorePilar Turbidí

Direttore della Fondazione Sebastián Gayá.

Per saperne di più
In collaborazione con
Volete notizie indipendenti, veritiere e pertinenti?

Caro lettore, Omnes riferisce con rigore e profondità sull'attualità religiosa. Facciamo un lavoro di inchiesta che permette al lettore di acquisire criteri sugli eventi e le storie che accadono in ambito cattolico e nella Chiesa. Abbiamo firme stellari e corrispondenti a Roma che ci aiutano a far emergere l'informazione di fondo dal rumore mediatico, con distanza ideologica e indipendenza.

Abbiamo bisogno di voi per affrontare le nuove sfide di un panorama mediatico in evoluzione e di una realtà che richiede riflessione, abbiamo bisogno del vostro sostegno.

In collaborazione con
Per saperne di più su Omnes
Newsletter La Brújula Lasciateci la vostra e-mail e riceverete ogni settimana le ultime notizie curate con un punto di vista cattolico.