Mondo

Rémi Brague

Intervista con il pensatore francese Remi Brague (Parigi, 1947), professore emerito di filosofia alla Sorbona. Lo scorso novembre ha partecipato al Congresso Cattolici e vita pubblica organizzato dall'Asociacion Catolica de Propagandistas e dalla CEU. Nella conversazione con Omnes abbiamo parlato di filosofia, di opposizione alle lingue classiche e di libertà. Con un sorriso, Brague afferma con fermezza: "Il mondo è buono nonostante tutto". Secondo lui la grande tentazione è quella della disperazione".

Rafael Miner-20 dicembre 2021-Tempo di lettura: 6 minuti
Rémi Brague.

Testo originale dell'articolo in spagnolo qui
Traduzione: Martyn Drakard

È stata una conversazione di mezz'ora, ma ha lasciato il segno. Come un "lontano discepolo di Socrate(Prof. Elio Gallego), il filosofo Remi Brague " (Prof. Elio Gallego), il filosofo Remi Brague ".è in grado di raccontare verità con enfasi e impatto come qualcuno che racconta a un bambino la favola della buonanotte, in modo silenzioso ma efficace", ha scritto il professor Jose Perez Adan.

 "Nel programma del Congresso vengo presentato come uno storico, ma questo non è del tutto vero perché sono un filosofo che legge opere storiche, e vedo intorno a me un'interpretazione del mondo moderno che è quella di cancellare il passato e ripartire da zero, proprio come fa l'Internazionale." è il suo commento iniziale.

 "Sono un filosofospecifica, "ed è molto lusinghiero per tutti i miei colleghi essere considerati pericolosi, persone che potrebbero essere sovversivi solo perché sono alla ricerca della verità", dice.

 Per quanto riguarda la sua presentazione, lei afferma che la "cultura dell'annullamento" appartiene più al mondo del giornalismo e della comunicazione che a quello della filosofia.

-Quello che intendevo dire è semplicemente che la storia può apparire come una storia dopo l'altra, che fornisce materiale utile ai giornalisti che non sanno bene cosa dire. Non sono un giornalista, sono solo un filosofo che è costretto a vedere le cose da un punto di vista filosofico, e questo movimento attuale merita di essere esaminato sia da un punto di vista filosofico che storico.

 Nel programma del Congresso mi presentano come uno storico, il che non è vero perché sono un filosofo che ama leggere opere storiche. La storia mi interessa nella misura in cui è un'indicazione di qualcosa di più ampio, e quindi nella mia spiegazione parto da alcuni fatti straordinari per poi procedere a qualcosa di più ampio e completo, e la mia conclusione è che il mondo moderno sta cercando di ricominciare da zero, di cancellare il passato proprio come il Internazionale. Ma questo approccio risale a molto prima. Inizia con la lotta contro gli antichi pregiudizi, che Cartesio pone sul piano individuale: "Devo liberarmi dei miei pregiudizi infantili". E dal piano individuale si diffonde a quello collettivo in quello che conosciamo come l'apice dell'Illuminismo. E poi con la Rivoluzione francese, e così via.

 Nella sua spiegazione ha fatto riferimento a quei movimenti che si oppongono alle lingue classiche. In Spagna, la filosofia è stata eliminata come materia obbligatoria nelle scuole superiori. Cosa pensate che significhi?

Significa due cose. In primo luogo, per quanto riguarda le lingue classiche. Hanno un ruolo molto importante nella storia culturale del mondo occidentale, in Europa e nei territori d'oltremare. Per la prima volta nella storia, una civiltà si è proposta di formare le proprie élite attraverso lo studio di un'altra cultura.

 Per esempio, la cultura cinese si basa sullo studio dei classici cinesi, mentre la civiltà europea ha formato le sue élite attraverso lo studio del greco antico, e questo avviene a Salamanca, Parigi, Oxford, Cambridge, Uppsala e ovunque.

 Alle élite è stato insegnato a considerarsi degenerate rispetto alla civiltà greca, che è stata idealizzata. I greci erano brutali e ingannevoli come tutti gli altri. Un esempio interessante. C'è un autore arabo del 10th Al-Razi, che scrive: "I Greci non erano minimamente interessati a questioni di sessualità", perché per lui i Greci significavano Aristotele, e questo era tutto. Non aveva idea degli scritti di Aristofane, per non parlare dei bagni pubblici. Lo studio del greco ha avuto il vantaggio di dare alle menti degli europei, nonostante tutta la loro arroganza, un sano complesso di inferiorità.

 E la soppressione della filosofia?

  Sono un filosofo ed è molto lusinghiero che i miei colleghi filosofi siano considerati pericolosi, un gruppo di persone che possono essere sovversive solo perché cercano la verità. Il peggior nemico della falsità è la verità. È molto interessante che queste persone, forse inconsapevolmente, ammettano di non volere la filosofia. Quello che stanno dicendo in realtà è: non vogliamo cercare la verità.

 Lei dice che in un modo o nell'altro la nostra cultura dovrebbe tornare a una sorta di Medioevo.

 Ripeto quello che ho detto all'inizio. Non idealizzo il Medioevo. Ciò che mi interessa di questo periodo sono i suoi pensatori, i miei "colleghi del passato", se volete: i filosofi. Potevano essere giudeo-cristiani, ma anche cristiani o musulmani. Per esempio, ci sono molte cose interessanti in Maimonide, uno dei miei grandi amori, come direbbe la grammatica francese...

 Ciò che trovo particolarmente interessante, se devo scegliere una sola cosa, è l'adattabilità delle proprietà trascendentali dell'essere. Il mondo è buono. Tecnicamente sì, certo; ma si può anche esprimere molto semplicemente: il mondo è buono nonostante tutto. È un atto di fede. Perché quando ci si guarda, ci si accorge di non essere così belli come si pensava all'inizio.

 Ci spieghi questo atto di fede...

  • Sì. Come conseguenza di questo atto di fede, il mondo è opera di un Dio benevolo che ama il bene e ci ha dato i mezzi per risolvere i nostri problemi personali. Per cominciare, ci ha dato intelligenza e libertà e ci ha reso capaci di desiderare il bene, di volerlo davvero. Dato che non siamo in grado di raggiungerla con i nostri mezzi, ci ha dato l'economia della salvezza. Ma questo è il punto in cui Dio interviene, in cui abbiamo veramente bisogno di Lui, nell'economia della salvezza.

Questo è importante perché non abbiamo bisogno che Dio ci dica: "Lascia i baffi così come sono o tagliati la barba". Non abbiamo bisogno che Dio ci dica: "Non mangiate carne di maiale" o "Signore, indossate il velo". Abbiamo parrucchieri, barbieri e sarti. Siamo abbastanza intelligenti da decidere come vestirci, cosa mangiare, ecc. Nel cristianesimo, Dio interviene solo quando deve farlo, quando è veramente necessario. Dio non si intromette, non si intromette, non si impone e non ci dice: "Fai questa o quella o quell'altra cosa", ma ci fa vedere che siamo capaci di capire cosa è bene per noi.

Parliamo ancora un po' della cultura classica. Ne ha parlato nella sua presentazione.

Molto spesso le persone contrarie allo studio delle lingue classiche si collocano a sinistra dello spettro politico. Per loro il latino e il greco sono il tratto distintivo delle classi colte, cioè di coloro che possono permettersi di imparare solo per amore della cultura, rispetto alle classi lavoratrici, ecc. Naturalmente, c'è un fondo di verità in questo.

 Tuttavia, questa linea di ragionamento mostra solo un lato della verità, che è molto più complessa. In primo luogo, alcuni pensatori che possono essere considerati tra i precursori più radicali delle rivoluzioni della storia e del pensiero dell'Occidente moderno hanno ricevuto un'educazione classica, il che non ha impedito loro di essere i principali agitatori, ciascuno a suo modo. Karl Marx e Sigmund Freud avevano studiato nei cosiddetti "ginnasi classici" (in contrapposizione ai ginnasi scientifici). Charles Darwin studiò in università dove la conoscenza del latino e del greco era data per scontata. Per non parlare di Nietzsche, forse il più radicale di tutti, che era professore di filologia classica.

Naturalmente, si potrebbe obiettare che sono diventati ciò che sono diventati non a causa di la loro formazione classica, ma nonostante it.

 Può dare all'uomo moderno qualche parola di ottimismo e di speranza quando si accorge che tutte queste idee lo rendono depresso? Forse è una questione piuttosto teologica...

 Desidero cambiare marcia e passare alla marcia teologica superiore. Parlerò del diavolo. La nostra immagine del diavolo è spesso quella diffusa dal dipartimento di pubbliche relazioni dell'inferno. Purtroppo, è quello dato da quello che probabilmente è il secondo più grande poeta inglese dopo Shakespeare, cioè John Milton. Il diavolo come una sorta di ribelle che voleva prendere il posto di Dio. Sarebbe strano per me passare il tempo a chiacchierare con il diavolo; sarebbe un grosso errore chiamare il diavolo al telefono. Il diavolo è abbastanza intelligente da capirlo e quindi è un'immagine ingannevole, prometeica. D'altra parte, nella Bibbia il diavolo appare come colui che fa credere all'uomo di non meritare che Dio si interessi a lui, di non essere abbastanza degno. Ad esempio, i primi capitoli del libro di Giobbe sono esattamente questo.

 Nel Nuovo Testamento. Nel quarto Vangelo, il diavolo è un bugiardo, colui che vorrebbe farci credere che Dio non ci perdona, che la sua misericordia è finita. La grande tentazione è la disperazione.

 E la Chiesa ci dà un sistema ben costruito, cioè i sacramenti, la confessione, l'Eucaristia... Se prendiamo questo sul serio, la palla è nel nostro campo, e ora sta a noi.

Per saperne di più
In collaborazione con
Volete notizie indipendenti, veritiere e pertinenti?

Caro lettore, Omnes riferisce con rigore e profondità sull'attualità religiosa. Facciamo un lavoro di inchiesta che permette al lettore di acquisire criteri sugli eventi e le storie che accadono in ambito cattolico e nella Chiesa. Abbiamo firme stellari e corrispondenti a Roma che ci aiutano a far emergere l'informazione di fondo dal rumore mediatico, con distanza ideologica e indipendenza.

Abbiamo bisogno di voi per affrontare le nuove sfide di un panorama mediatico in evoluzione e di una realtà che richiede riflessione, abbiamo bisogno del vostro sostegno.

In collaborazione con
Newsletter La Brújula Lasciateci la vostra e-mail e riceverete ogni settimana le ultime notizie curate con un punto di vista cattolico.