Mondo

Il Papista Franziskus in Ungarn: Freude und politische Spekulationen vor dem Kurzbesuch

Il Santo Padre visita la straordinaria città di Budapest al termine del Congresso Eucaristico Mondiale. La "statio orbis"-Messe con lui sarà il punto più alto delle Glaubensereignisses. Tuttavia, nel mondo c'erano anche dei malintesi.

Daniela Sziklai-8 settembre 2021-Tempo di lettura: 3 minuti
budapest_congresso

Il 52° Congresso Eucaristico Mondiale nella capitale ungherese di Budapest è iniziato domenica con una comunità iniziale di 1.200 bambini. Tuttavia, il fulcro dell'evento sarà l'incontro al vertice con Papa Francesco nella Heldenplatz di Budapest, domenica mattina. Sarà concepita come una "statio orbis" - in altre parole, si basa sulla fredda tradizione cristiana della "statio urbis", in quanto il capo di una città celebra una festa unica, in cui si riflettono tutte le glorie della città. Al segnale del giorno di domenica, questa unione dei fedeli con il Santo Padre sarà celebrata nella chiesa stessa.

Il Papa Franziskus ha imposto a Budapest un saluto di qualche minuto, prima di passare a un altro saluto più importante, sempre nel medesimo giorno, presso la Slowakei.

La Chiesa cattolica di Ungarn ha ottenuto un grande successo alla conferenza, che in realtà avrebbe dovuto svolgersi già nel settembre 2020, ma è stata chiusa a causa della Pandemia della Corona. In un Paese relativamente popolato come l'Ungheria non è assolutamente possibile celebrare un'importante festa greca, che è fonte di ispirazione anche per i non cattolici e i non cristiani. Anche se un Papa viene a visitarla, è ancora più importante garantire che sia una fonte di ispirazione.

La Conferenza episcopale cattolica è stata quindi in grado di evitare un confronto con il Congresso eucaristico attraverso questioni politiche - cosa che, tuttavia, non è realmente accaduta in passato. Anfang Juni meldete das katholische US-Portal National Catholic Register, dass der Papst die Repräsentanten des ungarischen Staaten, insbesondere Ministerpräsident Viktor Orbán, nicht treffen wolle. I media polacchi seguiranno presto l'esempio: la politica migratoria restrittiva di Orbán, che non è nemmeno in linea con la linea papista, è la base per questo. Questo era anche il motivo per cui Franziskus avrebbe dovuto trascorrere solo poche ore in Ungheria, ipotizzò.

Queste notizie sono di grande importanza per la critica papale e sono state pubblicate da alcuni commentatori, che sono stati invitati dal governo ungherese di Fidesz. Letztlich musste die Bischofskonferenz selbst eingreifen und öffentlich betonen, dass "selbstverständlich" ein Treffen des Papstes mit den höchsten Repräsentanten des ungarischen Staates geplant sei. L'incontro del Santo Padre con Orbán e il Presidente János Áder dovrebbe ora avvenire al termine della Santa Messa nel Museo delle Belle Arti.

Dal 2010, il partito di governo Fidesz, di cui Orbán fa parte, governa con una maggioranza di due terzi nel Paese. Alcuni personaggi pubblici e aziende dei partiti dominano diversi settori della vita pubblica, dell'economia, della cultura e dei media. Il partito nazionalista di destra ha una visione conservatrice a livello mondiale e si dimostra molto conservatore nel suo approccio. Orbán, che è un membro della Chiesa riformata (calvinista), è sempre interessato alle istituzioni e alle liturgie cattoliche e si impegna pubblicamente per le sue convinzioni cristiane. Erst kürzlich war er in Rom bei einer Tagung katholischer Parlamentarier zugegen. Tuttavia, per quanto riguarda la politica migratoria, l'Ungheria è stata più volte oggetto di critiche alla linea del Papa - non da parte del governo stesso, ma del suo stesso popolo. 

Le speculazioni dei media sui rapporti tra il Vaticano e lo Stato ungherese non dovrebbero rendere più sicura la credibilità del Congresso e dei casi papali, come vorrebbero gli organizzatori. Per questo si è parlato di una cosa: durante i preparativi, a venticinque personalità di spicco della cultura e della scienza è stata data la possibilità di mostrare le loro fedi come "difensori" durante l'evento. All'inizio della Messa papale sulla Budapester Heldenplatz si tiene un doppio concerto, in cui i musicisti eseguono la loro devozione a Gesù Cristo. La croce missionaria, originariamente destinata alla missione del 2007, è stata decorata con una croce a forma di croce e con diverse reliquie di pellegrini ungheresi e di persone che si sono sacrificate e sono state portate nel Paese.

Un significato particolare dell'inno del congresso è che indica che un congresso eucaristico mondiale si è tenuto a Budapest già nel 1938. Si decise di utilizzare il maledetto inno, se non con un'orchestrazione moderna. Nel maggio del 1938 non ci fu la visita di un ex Papa nella capitale ungherese, il defunto Pio XII, che parlò al cardinale del Vaticano, Eugenio Pacelli, della morte di Pio XII. - die Eröffnungsrede. Negli ultimi anni è diventato un "torero" contro il comunismo e il nazionalsocialismo in Ungheria.Pochi anni prima della Seconda Guerra Mondiale, questo radicale cambiamento di atteggiamento fu chiaramente ribaltato dai conflitti politici: Adolf Hitler aveva introdotto a breve termine un visto speciale per tutti i tedeschi che volevano recarsi in Ungheria all'epoca del Congresso, al fine di impedire l'adesione della Chiesa cattolica tedesca. Da appena due mesi prima del Kongressbeginn zudem der "Anschluss" Österreichs an Deutschland stattfand, galt dies auch für die österreichischen Katholiken, die zuvor in großer Zahl erwartet worden waren. Alla fine, tuttavia, 50.000 visitatori internazionali si sono comunque recati a Budapest e molte centinaia di migliaia di persone sono state inviate ai festeggiamenti dopo le celebrazioni. Più di 75.000 persone si sono già registrate per l'evento papale in corso, e molti altri gruppi si formeranno.

L'autoreDaniela Sziklai

Per saperne di più
In collaborazione con
Volete notizie indipendenti, veritiere e pertinenti?

Caro lettore, Omnes riferisce con rigore e profondità sull'attualità religiosa. Facciamo un lavoro di inchiesta che permette al lettore di acquisire criteri sugli eventi e le storie che accadono in ambito cattolico e nella Chiesa. Abbiamo firme stellari e corrispondenti a Roma che ci aiutano a far emergere l'informazione di fondo dal rumore mediatico, con distanza ideologica e indipendenza.

Abbiamo bisogno di voi per affrontare le nuove sfide di un panorama mediatico in evoluzione e di una realtà che richiede riflessione, abbiamo bisogno del vostro sostegno.

In collaborazione con
Per saperne di più su Omnes
Newsletter La Brújula Lasciateci la vostra e-mail e riceverete ogni settimana le ultime notizie curate con un punto di vista cattolico.