Vaticano

Papa Francesco: "Cristo vuole abbracciarvi".

Papa Francesco, che si trova ad Asti, si è rivolto oggi ai fedeli nella Solennità di Cristo Re durante il Vangelo domenicale e il commento all'Angelus.

Paloma López Campos-20 novembre 2022-Tempo di lettura: 2 minuti
Papa Francesco ad Asti

Papa Francesco ad Asti durante la sua visita pastorale (Foto: CNS)

Prendendo spunto dal Il Vangelo di oggiIl 20 novembre, il Romano Pontefice ha ricordato che Cristo ribalta il titolo di "re" e si mostra come "nostro re, a braccia aperte". Se Cristo si è fatto uomo e re per abbracciare tutte le realtà della nostra vita, ha sottolineato il Santo Padre, dobbiamo chiederci se "questo re dell'universo è il re della mia esistenza".

Francesco ha sottolineato che Cristo non guarda la nostra vita per un solo momento, ma "rimane lì", evidenziando che quando guarda ogni persona Cristo "vuole abbracciarti, rialzarti e salvarti".

Il Santo Padre ha ricordato che la salvezza ci viene incontro se ci lasciamo amare dal Crocifisso, che è sempre pronto a perdonarci. Francesco ha voluto sottolineare che "non abbiamo un Dio sconosciuto che sta lassù in cielo, potente e lontano, ma un Dio vicino, tenero e compassionevole, le cui braccia aperte confortano e accarezzano".

Per smettere di essere spettatori di fronte a questa manifestazione dell'amore di Dio, il Papa ha detto che "dobbiamo cominciare a fidarci, a chiamare Dio per nome, proprio come fece il buon ladrone".

Dopo la celebrazione della Santa Messa, il Papa si è rivolto alla città di Asti, ringraziando tutti gli intervenuti per l'accoglienza riservatagli. Ha parlato dei giovani, invitando tutti a partecipare alla prossima GMG di Lisbona e ha detto che "abbiamo bisogno di giovani trasgressori, non conformisti". 

Francesco ha anche fatto eco ai conflitti che si stanno verificando in tutto il mondo. Ha invitato i fedeli a ricordare le persone che soffrono per queste situazioni, dicendo che "il nostro tempo sta vivendo una carestia di pace, sforziamoci e continuiamo a pregare per la pace".

Infine, il Papa ha menzionato la Vergine Maria, rivolgendosi a lei come Regina della Pace, e ha affidato tutti i presenti alla Madre di Dio. Dopo queste parole, è iniziata la preghiera dell'Angelus.

Per saperne di più
In collaborazione con
Volete notizie indipendenti, veritiere e pertinenti?

Caro lettore, Omnes riferisce con rigore e profondità sull'attualità religiosa. Facciamo un lavoro di inchiesta che permette al lettore di acquisire criteri sugli eventi e le storie che accadono in ambito cattolico e nella Chiesa. Abbiamo firme stellari e corrispondenti a Roma che ci aiutano a far emergere l'informazione di fondo dal rumore mediatico, con distanza ideologica e indipendenza.

Abbiamo bisogno di voi per affrontare le nuove sfide di un panorama mediatico in evoluzione e di una realtà che richiede riflessione, abbiamo bisogno del vostro sostegno.

In collaborazione con
Per saperne di più su Omnes
Newsletter La Brújula Lasciateci la vostra e-mail e riceverete ogni settimana le ultime notizie curate con un punto di vista cattolico.