Vaticano

Il volto inuk di Gesù Cristo. Fase 3, Nunavut

Una cronaca degli ultimi eventi di Papa Francesco in Canada. Il primo bilancio che si può fare di questo viaggio è molto positivo, sia per i cattolici del Paese che per l'opinione pubblica.

Fernando Emilio Mignone-30 luglio 2022-Tempo di lettura: 4 minuti

Foto: Il Papa a Iqaluit, la periferia della periferia. ©CNS photo/Vatican Media

Francis è arrivato in Canada ascoltare, per quanto possibile, gli 1,7 milioni di indigeni suddivisi in Prime Nazioni, Métis e Inuit (questi ultimi sono meno di 50.000). Molti di loro hanno subito molti abusi, soprattutto a causa di politiche educative sbagliate, e rimangono profondamente feriti. È venuto a chiedere il loro perdono. 

A Iqaluit

Missione compiuta. Sembra che molti canadesi siano soddisfatti. Nella sua ultima tappa, Iqaluit, ha incontrato un migliaio di Inuit, una folla per questo territorio del Nunavut, e ha trascorso più tempo del previsto ad ascoltare privatamente un centinaio di loro che hanno sofferto sotto il colonialismo. Questa capitale del Nunavut ha solo ottomila abitanti.

Nel suo discorso si è rivolto ai giovani Inuit, che hanno uno dei tassi di suicidio più alti al mondo. Con concetti chiari e bellissimi paragoni, ha incoraggiato i giovani Inuk ad andare avanti, a non scoraggiarsi, a chiedere consiglio agli anziani, a perseverare e a voler cambiare il mondo. Diede loro tre consigli: camminare verso l'alto, andare verso la luce e fare squadra.

Ha spiegato che cosa il libertàSe vogliamo essere migliori, dobbiamo imparare a distinguere la luce dalle tenebre... Si può iniziare chiedendosi: cos'è che mi sembra luminoso e seducente, ma poi mi lascia un grande vuoto dentro? Questa è l'oscurità! D'altra parte, cos'è che mi fa bene e mi lascia la pace nel cuore, anche se mi ha chiesto di lasciare certe comodità e di dominare certi istinti? Questa è la luce! E continuo a chiedermi: qual è la forza che ci permette di separare la luce dalle tenebre dentro di noi, che ci fa dire "no" alle tentazioni del male e "sì" alle occasioni del bene? È la libertà. Libertà che non è fare quello che mi pare; non è quello che posso fare a dispetto degli altri, ma per gli altri; è responsabilità. La libertà è il dono più grande che il Padre celeste ci ha fatto insieme alla vita".

Ricordando Giovanni Paolo II

Vent'anni dopo la Giornata Mondiale della Gioventù di Toronto, ha ripetuto loro una frase che San Giovanni Paolo II disse allora a 800.000 persone: "Non c'è forse oscurità più fitta di quella che entra nell'anima dei giovani quando i falsi profeti spengono in loro la luce della fede, della speranza e dell'amore".

Il discorso di oggi era rivolto a un numero di persone molto inferiore rispetto all'omelia del 2002. Che importanza ha? È la periferia. Riequilibrerà una Chiesa in uscita, una Chiesa che vuole incontrare ogni anima dove si trova. 

Il discorso era in spagnolo, tradotto a tratti dal sacerdote che ha fatto da interprete durante tutto il viaggio (il poliglotta franco-canadese Marcel Caron), e poi una seconda volta in Inuktituk da un interprete locale. 

Ecco come è finita: "Amici, camminate verso l'alto, andate ogni giorno verso la luce, fate squadra. E fare tutto questo nella vostra cultura, nella bellissima lingua Inuktitut. Vi auguro, ascoltando gli anziani e attingendo alla ricchezza delle vostre tradizioni e della vostra libertà, di abbracciare il Vangelo custodito e tramandato dai vostri antenati e di trovare il volto inuk di Gesù Cristo. Vi benedico di cuore e vi dico: 'qujannamiik' [grazie!

Costruire la speranza

Il santo canadese François de Laval (1623-1708) è paragonabile al santo peruviano Toribio de Mogrovejo (1538-1606). Entrambi furono vescovi missionari instancabili in un mondo nuovo. Il 28 luglio, nella cattedrale di Quebec dove è sepolto, Papa Francesco ha definito il suo omonimo, che fu il primo vescovo della Nuova Francia, un "costruttore di speranza". Il vescovo di Roma ha cercato di farlo visitando il secondo Paese più grande del mondo. Ha costruito la speranza.

Era già venuto qui, e Jorge Bergoglio non ha mai voluto essere un "vescovo da aeroporto". Non si è mai recato negli Stati Uniti fino a quando non ci è andato, come Papa, nel 2015. Ma era stato a Quebec City come arcivescovo. È stato invitato dal suo amico, l'allora arcivescovo della città, il cardinale Marc Ouellet. Bergoglio ha tenuto una conferenza nel 2008 al Congresso eucaristico di Québec, che si è svolto in occasione del 400° anniversario della città.

Ora se ne va stanco ma felice. È rimasto seduto per la maggior parte del tempo, a causa del ginocchio. Ma il suo sacrificio personale e le sue sofferenze sono stati ispirati quanto quelli del suo anziano e malato predecessore, Giovanni Paolo II, due decenni fa.

Missione compiuta

Lui, i vescovi canadesi e molti osservatori concordano sul fatto che questo percorso di riconciliazione tra gli indigeni indignati e la Chiesa in Canada è ancora agli inizi e richiederà molto tempo. Ma la reazione degli indigeni che lo hanno accolto è stata molto generosa.

Quel che è certo è che ancora una volta, provvidenzialmente, ogni nuvola ha un lato positivo. Nelle arti marziali, il movimento dell'avversario viene spesso utilizzato per abbatterlo. Una cosa del genere è appena accaduta qui. Proprio quando si pensava che la Chiesa sarebbe stata abbattuta, è arrivato Bergoglio e ne ha approfittato per evangelizzare. 

In questo Paese, negli ultimi anni, i media e i politici hanno voluto insegnare l'etica ai cristiani, ed ecco che il più noto cristiano del pianeta viene in Canada e parla di religione e moralità, con tanta umiltà, saper fareLa Chiesa è la vincitrice, la sottigliezza e la simpatia. I giornalisti non potevano crederci, ma i media non potevano fare il vuoto per il Papa. Non hanno avuto altra scelta che trasmettere gli eventi importanti della visita, i gesti e i messaggi di un grande comunicatore. Perché è venuto a visitare gli indigeni (che sono "di moda"), su loro richiesta. E perché Francesco è Francesco. Anche il suo stesso nome è attraente per gli uomini e le donne di oggi. Così come la sua persona e il suo messaggio perfettamente calibrato. Fa di tutto per essere sulla stessa lunghezza d'onda delle persone che visita.

Il Papa sa cucire. L'ago delle scuole residenziali indigene, una vera e propria tragedia (che deve ancora essere indagata a livello accademico, e questo richiederà decenni), gli ha permesso di inserire il filo di Cristo nel tessuto sociale canadese. 

In collaborazione con
Volete notizie indipendenti, veritiere e pertinenti?

Caro lettore, Omnes riferisce con rigore e profondità sull'attualità religiosa. Facciamo un lavoro di inchiesta che permette al lettore di acquisire criteri sugli eventi e le storie che accadono in ambito cattolico e nella Chiesa. Abbiamo firme stellari e corrispondenti a Roma che ci aiutano a far emergere l'informazione di fondo dal rumore mediatico, con distanza ideologica e indipendenza.

Abbiamo bisogno di voi per affrontare le nuove sfide di un panorama mediatico in evoluzione e di una realtà che richiede riflessione, abbiamo bisogno del vostro sostegno.

In collaborazione con
Per saperne di più su Omnes
Newsletter La Brújula Lasciateci la vostra e-mail e riceverete ogni settimana le ultime notizie curate con un punto di vista cattolico.