Vaticano

Papa Francesco: "C'è il pericolo di non accorgersi della venuta di Gesù".

Il Papa ha recitato l'Angelus dalla sua finestra in questa prima domenica di Avvento. L'inizio di questo tempo liturgico è servito al pontefice per ricordare che "nel nostro lavoro quotidiano, in un incontro casuale, nel volto di una persona bisognosa, anche quando affrontiamo giornate che sembrano grigie e monotone, il Signore è proprio lì, che ci chiama".

Maria José Atienza-27 novembre 2022-Tempo di lettura: 2 minuti
angelus avvento papa

A quattro settimane dalla solennità della Natività del Signore, l'inizio del tempo liturgico dell'Avvento dovrebbe essere per i cristiani un momento per chiedersi dove, come e quando cerchiamo e troviamo il Signore. Questa è stata la linea delle parole del Papa ai fedeli riuniti in Piazza San Pietro dopo la preghiera dell'Angelus.

Il Papa ha sottolineato che "il Signore viene, Dio viene sempre" e ha incoraggiato ad essere attenti affinché "distratti come siamo da tante cose, questa verità ci rimanga solo in teoria; oppure immaginiamo che il Signore venga in modo eclatante, magari attraverso qualche segno prodigioso". Infatti, ha sottolineato che "Dio si nasconde nelle situazioni più comuni e ordinarie della nostra vita. Non viene in eventi straordinari, ma nelle cose di tutti i giorni. E lì, nel nostro lavoro quotidiano, in un incontro casuale, nel volto di una persona bisognosa, anche quando affrontiamo giornate che sembrano grigie e monotone, il Signore è proprio lì.

Francesco ha messo in guardia dal "pericolo di non essere consapevoli della sua venuta e di non essere preparati alla sua visita" e ha fatto riferimento al Vangelo proprio di questa prima domenica di Avvento in cui "Gesù dice che quando verrà, 'ci saranno due uomini nell'accampamento: uno sarà preso e l'altro lasciato' (v. 40). Qual è la differenza? Semplicemente che uno era vigile, in grado di discernere la presenza di Dio nella vita quotidiana; l'altro era distratto, 'a parte', e ignaro di tutto".

Il Papa ha concluso le sue parole incoraggiando i presenti a scrollarsi di dosso il "letargo" e a chiedersi, sinceramente, se stanno "cercando di riconoscere la presenza di Dio nelle situazioni quotidiane, oppure sono distratto e un po' sopraffatto dalle cose". Il pontefice li ha anche incoraggiati a rivolgere lo sguardo alla "Vergine Santa, Donna dell'attesa, che ha saputo cogliere la presenza di Dio nella vita umile e nascosta di Nazareth e lo ha accolto nel suo grembo".

Per saperne di più
In collaborazione con
Volete notizie indipendenti, veritiere e pertinenti?

Caro lettore, Omnes riferisce con rigore e profondità sull'attualità religiosa. Facciamo un lavoro di inchiesta che permette al lettore di acquisire criteri sugli eventi e le storie che accadono in ambito cattolico e nella Chiesa. Abbiamo firme stellari e corrispondenti a Roma che ci aiutano a far emergere l'informazione di fondo dal rumore mediatico, con distanza ideologica e indipendenza.

Abbiamo bisogno di voi per affrontare le nuove sfide di un panorama mediatico in evoluzione e di una realtà che richiede riflessione, abbiamo bisogno del vostro sostegno.

In collaborazione con
Newsletter La Brújula Lasciateci la vostra e-mail e riceverete ogni settimana le ultime notizie curate con un punto di vista cattolico.