Cultura

Pablo DelclauxLa proprietà ecclesiastica genera 2,17% di PIL e 225.000 posti di lavoro".

Abbiamo intervistato Pablo Delclaux, che lavora nell'ufficio del patrimonio della Conferenza episcopale spagnola.

Javier García-5 agosto 2022-Tempo di lettura: 3 minuti

La sottocommissione episcopale per i beni culturali della Conferenza episcopale spagnola organizza ogni anno a giugno un giornate del patrimonio. Si rivolgono ai delegati diocesani, agli economi, ai direttori dei musei, in altre parole ai gestori del patrimonio ecclesiastico. Abbiamo parlato con uno degli organizzatori dell'incontro, Pablo Delclaux, che è anche il segretario tecnico della sottocommissione episcopale per il patrimonio della CEE.

Dal 27 al 30 giugno si è svolta a Barbastro la Conferenza dei Beni Culturali sul patrimonio ecclesiastico e lo sviluppo locale. Quali spunti evidenzierebbe dalle riflessioni di questi giorni?

- Il tema di quest'anno è una conseguenza dello spopolamento di alcune aree della Spagna. Abbiamo cercato i modi in cui il patrimonio ecclesiastico può contribuire alla crescita di queste località e l'uso che si può fare di questo patrimonio affinché non si deteriori.

Vorrei sottolineare che in Spagna abbiamo un grande patrimonio e, data la situazione attuale, non è facile gestirlo. Non è facile generalizzare le soluzioni, viste le differenze tra una città e l'altra. Per esempio, in alcuni luoghi ci sono visitatori e turisti e per altri è quasi impossibile. 

Parrocchie, diocesi e ordini religiosi, istituzioni private (alberghi, catering, artigianato) ed enti pubblici devono unire le forze per trovare la soluzione migliore per ogni luogo. 

In Spagna valorizziamo il patrimonio culturale che abbiamo?

- Abbiamo un grande patrimonio, ma forse non lo valorizziamo a dovere. In altri Paesi lo apprezzano di più, forse perché ne hanno meno e lo apprezzano di più. In ogni angolo della Spagna si trovano meraviglie di altissima qualità. 

La mentalità francese e italiana è più decorativa e dettagliata, mentre in Spagna siamo più austeri. In generale, l'arte italiana è molto teatrale, quella francese è molto elegante, quella tedesca è molto drammatica. L'arte spagnola si caratterizza per la profondità del suo significato. Questo significa che abbiamo un'arte con molto contenuto, anche se non è così decorativa. Mi sembra che potremmo essere più consapevoli del significato del nostro patrimonio, ci concentriamo di più sulla forma e meno sul contenuto. Credo che dovremmo sfruttare molto di più la parte contenutistica, in modo da vibrare maggiormente con essa. 

Negli ultimi mesi si è assistito a un certo clamore mediatico sulla questione del immatricolazioni. In relazione a questo tema, quale idea avrebbe voluto che il pubblico comprendesse meglio?

- È necessario chiarire diversi aspetti. In primo luogo, nel XIX secolo nacquero i catasti, il cui scopo era quello di chiarire i proprietari dei diversi possedimenti. Il punto era che le proprietà della Chiesa erano abbastanza chiare e non generavano particolari problemi legali. Per questo motivo non sono stati registrati da nessuna parte. Con il passare degli anni, tuttavia, sono sorti dubbi e cause legali sulle proprietà della Chiesa. Pertanto, per mettere ordine, lo Stato spagnolo chiese alla Chiesa di registrare le sue proprietà. 

Il problema è che molti edifici sono antecedenti alla creazione del registro, quindi non c'è documentazione che possa essere presentata. Il governo Aznar permise ai vescovi di certificare queste proprietà, in modo che questo documento fosse valido per registrarle presso l'autorità civile.

In molte zone della Spagna ci sono molte chiese che non hanno quasi nessuna attività. Cosa pensa di fare la Chiesa con queste chiese? 

- Innanzitutto, va detto che questo dipende da ogni diocesi e anche in questo caso ci sono molte sfumature. Ad esempio, i monasteri appartengono a ordini religiosi e quindi non rientrano nella giurisdizione episcopale. D'altra parte, le parrocchie chiuse in ambiente urbano possono essere trasformate in musei o archivi diocesani. 

In Spagna ci sono molti luoghi di culto che sono stati riutilizzati per scopi culturali. Abbiamo il caso del Spazio Pireneiche consiste nella conversione di una residenza gesuita in un centro espositivo e formativo a Graus. Abbiamo anche il Centro Studi Lebaniegosa Potes, che riutilizza la chiesa di San Vincenzo Martire. Oppure il Centro Culturale San Marcos, che adatta l'omonima chiesa di Toledo.

La Sagrada Familia o la Cattedrale-Mezquita di Cordoba sono molto visitate dai turisti. Esistono dati verificati o affidabili sulle entrate economiche che il patrimonio della Chiesa produce per lo Stato spagnolo? 

- Qualche anno fa, la conferenza episcopale ha presentato uno studio che ha quantificato questo tipo di aspetto. Il lavoro è stato condotto dalla società di revisione KPMG e ha concluso che il patrimonio della Chiesa ha generato 2,17% di PIL. Inoltre, i beni culturali cattolici sostengono 225.300 posti di lavoro, di cui 71% sono posti di lavoro diretti. Questo tipo di dati può essere consultato nella sezione portale della trasparenza della CEE. Come si può notare, il contributo è notevole. 

In collaborazione con
Volete notizie indipendenti, veritiere e pertinenti?

Caro lettore, Omnes riferisce con rigore e profondità sull'attualità religiosa. Facciamo un lavoro di inchiesta che permette al lettore di acquisire criteri sugli eventi e le storie che accadono in ambito cattolico e nella Chiesa. Abbiamo firme stellari e corrispondenti a Roma che ci aiutano a far emergere l'informazione di fondo dal rumore mediatico, con distanza ideologica e indipendenza.

Abbiamo bisogno di voi per affrontare le nuove sfide di un panorama mediatico in evoluzione e di una realtà che richiede riflessione, abbiamo bisogno del vostro sostegno.

In collaborazione con
Per saperne di più su Omnes
Newsletter La Brújula Lasciateci la vostra e-mail e riceverete ogni settimana le ultime notizie curate con un punto di vista cattolico.