Iniziative

P.R.A.Y. Stazione. Vedere ciò che Dio vuole e come lo vuole.

Conoscere le diverse vocazioni per poter rispondere alle preoccupazioni sulla chiamata di Dio nella vita e accompagnare il discernimento vocazionale nei giovani che ne sono interessati. È così che è nato, a Bilbao, Stazione P.R.A.Y.un progetto di pastorale vocazionale  che è radicata nella vita dei giovani di oggi. 

Maria José Atienza-4 settembre 2021-Tempo di lettura: 4 minuti
Immagine dal sito web di P.R.A.Y. Stazione.

PROGETTO VOCAZIONALE DIOCESANO

BILBAO (SPAGNA)  

Fermare, ricaricare, ospitare e... ecco come viene presentato Stazione P.R.A.Y.un progetto vocazionale, lanciato nella diocesi di Bilbao e che ha completato il suo primo anno accompagnando persone con situazioni molto diverse nel processo di discernimento vocazionale, che sia per il laicato, il sacerdozio, la vita consacrata o l'ingresso in una congregazione religiosa. 

Come sottolinea il sacerdote Borja Uriarte, uno dei responsabili di questo progetto nella diocesi di Bilbao, "P.R.A.Y Station" nasce dal desiderio di proporre e lavorare sulla dimensione vocazionale tra i giovani della diocesi di Bilbao.

In modo più stretto e contemporaneo, curando la comunione tra le vocazioni. L'idea originale era di avere lo stesso progetto nelle parrocchie. E in questo modo, accompagnare i gruppi in cui possono essere presenti le preoccupazioni di ogni vocazione nella Chiesa.

Sapendo che abbiamo una vocazione comune come battezzati. E da lì poter condividere la testimonianza e la preghiera.

Un progetto con una doppia dimensione: di gruppo e personale che, pur essendo stato originariamente pensato soprattutto per i giovani dai 16 ai 35 anni, serve anche, e questa è stata l'esperienza, a rispondere alle domande che altre persone, magari più grandi, possono porsi sulla vocazione e sul loro percorso all'interno della Chiesa. In questo senso, sottolinea Uriarte, "Durante il corso e le diverse sessioni, abbiamo incontrato adulti che volevano partecipare a questi incontri. Certamente il discernimento vocazionale non deve avere un'età. La vocazione è sempre presente, così come la possibilità di crescere in essa. All'inizio questo progetto era dedicato solo ai giovani. E l'idea è che continui a essere dedicato a loro. Tuttavia, è aperto a coloro che vogliono approfondire la propria vocazione".

Stazione P.R.A.Y. è organizzato in una serie di incontri mensili della durata di un'ora e mezza. Quest'anno, a causa della pandemia, questi incontri si sono svolti virtualmente e, a volte, il sacerdote sottolinea, "A un certo punto abbiamo potuto sperimentarlo di persona". con tutte le misure sanitarie pertinenti. 

Nonostante la difficoltà degli incontri online, come sottolinea Borja UriarteSiamo riusciti a creare spazi in cui si condividono le testimonianze di persone che vivono le diverse vocazioni nella Chiesa e a poter pregare con ciò che ci hanno proposto. Ogni testimonianza era legata a un momento di preghiera, e poter pregare con la testimonianza di un padre di famiglia, di un diacono permanente, di un sacerdote, di una suora e di tante persone che hanno condiviso la loro vocazione è stato un dono di Dio". 

Durante il corso, i partecipanti di Stazione P.R.A.Y. Hanno potuto conoscere e riflettere sulle varie vocazioni all'interno della Chiesa: matrimonio e famiglia, religiosa, missionaria. Particolarmente interessante, ad esempio, è stata la testimonianza di una suora mercedaria di un convento della diocesi che ha condiviso in prima persona la sua esperienza di membro della vita contemplativa al momento attuale. All'iniziativa ha preso parte anche Mons. Joseba Segura, vescovo di Bilbao, che ha parlato della vita missionaria, opera che lui stesso ha svolto tra il 2006 e il 2017 in Ecuador, lavorando pastoralmente a Quito.

In questo primo anno di attività sono state fatte molte esperienze positive. Stazione P.R.A.Y.. "È stato un percorso che ci ha sorpreso", sottolinea Uriarte. "Abbiamo imparato man mano che le sessioni procedevano. Abbiamo riscontrato il desiderio di parlare di vocazione, di condividere testimonianze, di pregare in termini vocazionali... Siamo contenti dello spazio che si è creato, ora dobbiamo curarlo e mantenerlo vivo per poter raggiungere più persone a poco a poco". 

Stazione P.R.A.Y. vuole essere uno spazio per avvicinarsi alla vocazione in senso ampio e, successivamente, alle diverse modalità esistenti nella Chiesa, per "dare gambe" alla chiamata santificante di ogni cristiano. Nonostante la quantità di informazioni che possiamo trovare oggi sulla vocazione, anche oggi possiamo trovare troppi "compartimenti stagni" o ignoranza di questa ricchezza di carismi che costituiscono la Chiesa. Borja Uriarte sottolinea che, in effetti, "abbiamo riscontrato una certa mancanza di conoscenza. Uno degli obiettivi di questo progetto era quello di mettere in comunione tutte le vocazioni. Per mostrare che si accompagnano l'un l'altro e che sono tutti presenti nella Chiesa, e che la somma di tutti genera una ricchezza impressionante. Gran parte di ciò che abbiamo finito per condividere in ogni sessione è stato proprio quello che lei ha chiesto. Era sorprendente la concretezza di ogni vocazione. Soprattutto quelle che non siamo abituati a vedere quotidianamente, come la vita contemplativa e il diaconato permanente.

Dopo il primo avvio, gli organizzatori e i promotori di Stazione P.R.A.Y. Guardano al futuro con speranza ed entusiasmo. Come essi stessi sottolineano "Come in tutte queste cose, se sono da Dio, andranno avanti. Dobbiamo lavorarci e accompagnarlo. P.R.A.Y. Station vuole essere uno spazio nelle diverse parrocchie dove i giovani possano incontrarsi per approfondire e condividere la loro vocazione. Dove si può proporre un accompagnamento personale in base alla vocazione di ciascuno. Vuole essere un'esperienza con un inizio e una fine, in cui la persona attraversa in diverse sessioni tutte le feste presenti nella chiesa, dove si può pregare con la testimonianza di ogni vocazione e dove si può scoprire che la vocazione è un dono chiamato a metterlo al servizio degli altri".

Come partecipare a P.R.A.Y. Stazione? La realtà è che, sebbene il corso dell'anno scorso non sia stato molto pubblicizzato a causa delle circostanze, l'accoglienza da parte dei giovani della diocesi è stata molto positiva. Quest'anno, oltre a pubblicizzarlo maggiormente, stiamo progettando un'esperienza mista (faccia a faccia / online) per facilitare la partecipazione di chi è interessato. 

Sui social network sono presenti su Instagram e hanno anche una piccola sezione sul sito web della diocesi di Bilbao, dove è possibile trovare l'indirizzo e-mail per richiedere gli inviti alle sessioni.

Se volete saperne di più su P.R.A.Y. Stazione: 

Instagram: @praystationvocacion

twitter: @PRAYStation7

Mail: pastoralvocacional@bizkeliza.org

Web: https://zuzenean.bizkeliza.net/praystation/

Per saperne di più
In collaborazione con
Volete notizie indipendenti, veritiere e pertinenti?

Caro lettore, Omnes riferisce con rigore e profondità sull'attualità religiosa. Facciamo un lavoro di inchiesta che permette al lettore di acquisire criteri sugli eventi e le storie che accadono in ambito cattolico e nella Chiesa. Abbiamo firme stellari e corrispondenti a Roma che ci aiutano a far emergere l'informazione di fondo dal rumore mediatico, con distanza ideologica e indipendenza.

Abbiamo bisogno di voi per affrontare le nuove sfide di un panorama mediatico in evoluzione e di una realtà che richiede riflessione, abbiamo bisogno del vostro sostegno.

In collaborazione con
Per saperne di più su Omnes
Newsletter La Brújula Lasciateci la vostra e-mail e riceverete ogni settimana le ultime notizie curate con un punto di vista cattolico.