Spagna

Nuova campagna per promuovere il tema della religione

Omnes-2 maggio 2018-Tempo di lettura: 3 minuti

La Conferenza episcopale spagnola sta lanciando una nuova campagna per promuovere il tema della religione, con particolare attenzione ai giovani tra i 12 e i 17 anni.

Testo - José Ávila Martínez; insegnante di religione a Las Tablas-Valverde

Il 9 aprile, la Conferenza episcopale spagnola (CEE) ha presentato la campagna Mi iscrivo a ReligioneL'obiettivo del progetto è incoraggiare i giovani di età compresa tra i 12 e i 17 anni a interrogarsi sulla scelta della religione come materia di studio per l'anno accademico 2018/19.

È chiaro che nella scuola primaria sono i genitori a decidere, per la maggior parte, se i loro figli seguiranno o meno la materia di religione, mentre gli alunni della scuola secondaria e del Baccalaureato di solito prendono questa decisione da soli.

Lo slogan utilizzato "Se si mette in discussione tutto, perché non rivolgersi alla religione?"è molto attraente e accattivante. Non ha toni impositivi, anzi, aiuta i giovani che non frequentano o non hanno mai frequentato corsi di religione a riflettere in modo libero e personale.

Nonostante i numerosi canali di comunicazione oggi esistenti, non sempre si ricevono informazioni complete e veritiere, per cui il ricevente appare come un naufrago di fronte a tante informazioni, spesso incomplete, prive di rigore e con opinioni più o meno discutibili e con scarso giudizio. Infatti, uno degli obiettivi dell'educazione è quello di formare persone con capacità di giudizio.

La campagna fornisce diverse frasi che, nonostante la loro brevità, hanno un contenuto molto profondo e servono ad argomentare il motivo per cui uno studente sceglie la religione: conoscere la cultura degli altri e rispettarla. La religione trasmette conoscenze sulla storia, l'arte, i costumi dei popoli e delle civiltà, la cultura, ecc.

avere uno spazio per il dialogo e la riflessione. Nessuno dubita che nella nostra società manchi il dialogo, un dialogo arricchente che ci permette di capire gli altri e che è frutto della riflessione personale. conoscere per scegliere liberamente. Per chi non sa, o sa solo in parte, è molto difficile prendere le decisioni giuste.

Perché un'educazione con la religione è completa. Il tema della religione affronta molte questioni che hanno una rilevanza diretta per l'individuo.

Un chiarimento da tenere presente, anche se sembra che alcuni siano determinati a continuare a mantenere la confusione, è la differenza tra lezioni di religione e catechesi. La materia di religione è insegnata da persone laureate e le conoscenze (culturali, storiche, artistiche, ecc.) sono valutate, mentre la catechesi è la preparazione alla ricezione dei sacramenti (comunione, cresima, matrimonio, ecc.). In entrambi i casi, la partecipazione è gratuita, ma è richiesto un minimo di fede per frequentare la catechesi, poiché la persona vuole ricevere un sacramento per rafforzare la sua vita di grazia. Le lezioni di religione cattolica possono essere frequentate da studenti di altre religioni e credenze religiose, o senza alcuna credenza.

Il giorno successivo alla presentazione di questa campagna, la Corte Costituzionale ha ribadito l'importanza del tema della religione. Tra le altre cose, nella sua sentenza sulla LOMCE e sulla religione del 10 aprile 2018 afferma: "Alla base della religione ci sono valori umani o umanistici che sono gli stessi che oggi chiamiamo costituzionali. In questo senso, la CTS del 13 febbraio 1981, invocata dalla CTS 77/1985, è giunta ad affermare, in sintesi, che la necessaria neutralità dei centri educativi pubblici non impedisce l'organizzazione di un insegnamento di libero approfondimento al fine di rendere possibile il diritto dei genitori di scegliere per i propri figli l'educazione religiosa e morale conforme alle proprie convinzioni. E la libertà di scelta stabilita dalla LOMCE tra religione e valori sociali e civici in tutti i cicli di istruzione è in linea con questo principio.".

Come insegnante di religione, ritengo che questa campagna sia un grande successo e mi congratulo con la CEE per l'impegno profuso nel raggiungere i giovani, affinché siano davvero i principali protagonisti del tema della religione. Allo stesso tempo, incoraggio i miei colleghi dell'insegnamento della religione, circa 30.000, a proseguire con entusiasmo in questa appassionante missione educativa, che richiede lo stesso livello professionale delle altre materie.

Per saperne di più
In collaborazione con
Volete notizie indipendenti, veritiere e pertinenti?

Caro lettore, Omnes riferisce con rigore e profondità sull'attualità religiosa. Facciamo un lavoro di inchiesta che permette al lettore di acquisire criteri sugli eventi e le storie che accadono in ambito cattolico e nella Chiesa. Abbiamo firme stellari e corrispondenti a Roma che ci aiutano a far emergere l'informazione di fondo dal rumore mediatico, con distanza ideologica e indipendenza.

Abbiamo bisogno di voi per affrontare le nuove sfide di un panorama mediatico in evoluzione e di una realtà che richiede riflessione, abbiamo bisogno del vostro sostegno.

In collaborazione con
Newsletter La Brújula Lasciateci la vostra e-mail e riceverete ogni settimana le ultime notizie curate con un punto di vista cattolico.