Mondo

Dennis Petri: "Molti cristiani si censurano inconsciamente".

La libertà religiosa sembra essere sempre più minacciata in molte parti del mondo. Per approfondire l'argomento, abbiamo parlato con Dennis P. Petri, uno dei principali ricercatori al mondo sull'argomento e a capo di un istituto che si occupa di questo tema.

Javier García-14 agosto 2022-Tempo di lettura: 8 minuti

Omnes intervista Dennis P. Petri, direttore dell'Istituto di ricerca sulla salute e l'ambiente. Istituto internazionale per la libertà religiosaIl Centro per i diritti umani e la democrazia, un centro di ricerca per lo studio approfondito di questo diritto umano fondamentale in tutto il mondo. L'istituzione ha più di 15 anni di esperienza e ha sviluppato un gran numero di studi accademici.

A quali progetti sta lavorando presso l'Istituto? 

Tra le altre cose, pubblichiamo la nostra rivista accademica, la "Rivista internazionale per la libertà religiosa. Pubblichiamo anche libri e rapporti di ricerca, organizziamo corsi di formazione, forniamo consulenza ai politici che cercano di promuovere la libertà religiosa e agli accademici che cercano di integrare questo tema nei loro programmi educativi e di ricerca.

Attualmente, uno dei nostri progetti in fase di espansione è la Database degli incidenti violenti. È uno strumento per raccogliere, registrare e analizzare gli episodi di violenza legati alle violazioni della libertà religiosa. Con questi dati cerchiamo di influenzare le politiche pubbliche nei vari Paesi che monitoriamo.

Per il momento, il personale del Osservatorio della libertà religiosa in America Latina (OLIRE), un programma che ho fondato nel 2018, gestisce questo database per l'America Latina. Di recente abbiamo fatto il primo passo per trasformarlo in un progetto globale, iniziando a raccogliere dati in Nigeria e in India.

Qual è il suo giudizio complessivo sulla libertà religiosa nel mondo? Stiamo migliorando?

Oggi esiste un'ampia varietà di strumenti di misurazione della libertà religiosa. Tutti, senza eccezione, confermano che la discriminazione religiosa nel mondo è in aumento. Si tratta di una tendenza globale che interessa tutte le religioni e le aree geografiche, compreso il mondo occidentale. Mentre in alcuni Paesi si registrano miglioramenti, in media si registrano peggioramenti in molti altri luoghi.

C'è ancora molta strada da fare prima che la libertà religiosa sia pienamente garantita nel mondo. Molti Paesi stanno iniziando a riconoscere e a comprendere cosa significhi realmente garantire la libertà religiosa. Non si tratta più solo di inserire questo diritto nelle loro costituzioni politiche, ma di sviluppare politiche pubbliche che integrino la diversità religiosa dei loro Paesi su un piano di parità. 

In un mondo sempre più globalizzato e polarizzato, la diversità religiosa rimane una sfida per la cultura e la governance di molti Paesi. Allo stesso tempo, rappresenta un'opportunità per rafforzare la democrazia o un rischio per essa se questa dimensione dell'uomo viene ridotta solo alla sfera privata e relegata dal suo ruolo sociale.  

Quali paesi la preoccupano particolarmente in questo momento?

Un paese del mondo che mi preoccupa in modo particolare è Nigeria. È un Paese estremamente complesso. La situazione della libertà religiosa è molto difficile da interpretare perché sono molti i fattori e gli attori coinvolti. Non è chiaro se il conflitto sia una disputa tra agricoltori e pastori per le risorse naturali o se ci sia dell'altro. Credo che il dibattito non sia se sia l'uno o l'altro, ma entrambi.

In ogni conflitto sono sempre coinvolti molteplici fattori, quindi possiamo discutere per anni se si tratta di un conflitto religioso o meno, ma credo che non sia il dibattito giusto. A mio avviso, dovremmo riconoscere che, oltre a essere un conflitto religioso, è anche un conflitto politico, culturale, economico, etnico e di risorse. Che siano religiosi o meno, i gruppi religiosi stanno soffrendo, e questo è ciò che dovremmo sottolineare.

Cosa ci può dire della libertà religiosa in America Latina, in particolare in Nicaragua?

In America Latina, i Paesi a cui l'OLIRE presta particolare attenzione sono Messico, Cuba e Nicaragua. Messico, a causa di quanto abbiamo osservato negli ultimi anni, a causa della particolare vulnerabilità sperimentata dai leader delle comunità religiose che svolgono il loro lavoro pastorale o comunitario in aree colpite dal traffico di droga e dalla tratta di esseri umani. Questi sono chiari esempi di come la criminalità organizzata abbia condizionato la libertà religiosa di molte persone nel mondo. E, purtroppo, è venuto alla luce a livello globale dopo l'assassinio di sacerdoti e pastori nelle zone di confine con gli Stati Uniti.

In Nicaragua, la situazione si è aggravata in modo preoccupante negli ultimi sei mesi. Il ruolo svolto da diversi membri della Chiesa cattolica come difensori dei diritti umani li ha esposti in modo particolare alle azioni arbitrarie del regime di Daniel Ortega. Le azioni del governo sono aumentate non solo nel livello di censura della libera espressione della religione e delle opinioni di sacerdoti e parrocchiani, ma hanno anche raggiunto un livello di violenza seriamente preoccupante. Dai vari arresti, procedimenti giudiziari nei confronti di sacerdoti, espulsioni di religiosi e religiose dal Paese, al sequestro violento di varie strutture, come una stazione radio cattolica chiusa dal governo, l'assedio della polizia a sacerdoti critici nei confronti del governo, l'isolamento dei parrocchiani per impedire loro di partecipare alle loro celebrazioni, tra gli altri.

Queste azioni hanno intimidito non solo i vescovi e i sacerdoti, ma anche i parrocchiani, che cominciano a percepire come un rischio la partecipazione a una certa comunità parrocchiale, data la costante sorveglianza e le molestie da parte della polizia. 

C'è un politico, in qualsiasi Paese, che si distingue per la difesa e la lotta per la libertà religiosa? 

Ho avuto il privilegio di lavorare con un parlamentare olandese, il dottor Pieter Omtzigt, e con l'attivista per i diritti delle minoranze religiose Markus Tozman. Nel 2012 abbiamo organizzato una consultazione pubblica sulla situazione del millenario monastero siriaco ortodosso di Mor Gabriël, che stava per essere espropriato dal governo turco. Abbiamo fatto appello al Ministro degli Affari Esteri olandese affinché sollevasse la questione a livello internazionale. Purtroppo l'iniziativa non ha avuto molto seguito a causa delle realtà geopolitiche del mondo, anche se il Cancelliere della Germania, Angela Merkel, ha continuato a sollevare la questione.

Degni di nota sono anche i politici colombiani che hanno promosso la creazione della Politica pubblica globale sulla libertà religiosa nel 2017. Si tratta di un'iniziativa unica al mondo, che ha generato un quadro per la consultazione degli attori religiosi nel processo decisionale su questioni rilevanti. Ha avuto applicazioni molto positive in diverse amministrazioni locali, tra cui il Comune di Manizales e il Dipartimento di Meta.

Naturalmente, si può citare anche la legge sulla libertà religiosa internazionale approvata dal Congresso degli Stati Uniti nel 1998. In seguito agli sforzi di un'ampia coalizione di organizzazioni religiose e per i diritti umani, la libertà religiosa è diventata un obiettivo permanente della politica estera degli Stati Uniti.

Pensa che i credenti in Occidente siano sufficientemente consapevoli delle persecuzioni religiose in altri Paesi? 

Credo che in Occidente ci sia la percezione che la persecuzione religiosa sia qualcosa che si vive in regioni lontane come il Medio Oriente, l'Africa, l'India o la Cina. Tuttavia, l'Occidente sta affrontando altre forme di limitazione della libertà religiosa, molte delle quali i credenti occidentali stanno solo iniziando a riconoscere. Il secolarismo, l'intolleranza religiosa o i regimi dittatoriali sono alcune delle sfide che la libertà religiosa deve affrontare nei nostri Paesi. Ad esempio, in America Latina si ritiene che, essendo il continente a maggioranza credente, queste limitazioni all'espressione religiosa non dovrebbero verificarsi.

Tuttavia, ogni giorno le società occidentali sembrano capire che questo diritto non è qualcosa che si combatte solo nei territori in conflitto. Ciò avviene nella stragrande maggioranza dei nostri Paesi senza che ci rendiamo conto del livello di autocensura a cui siamo sottoposti da vari agenti esterni, come i gruppi ideologici o l'incomprensione dello Stato laico, tra gli altri. 

Qual è l'autocensura di cui parlano i vostri rapporti?

Per capire meglio cosa intendiamo per autocensura, dobbiamo innanzitutto comprendere cosa sia l'"effetto agghiacciante". Questo termine è stato sviluppato per la prima volta dalla Corte Suprema degli Stati Uniti. Questo fenomeno si verifica quando un individuo che gode della libertà di esprimersi liberamente decide di censurarsi per evitare le conseguenze negative dell'espressione della propria opinione in un determinato caso. 

L'"effetto agghiacciante" è un termine che, in relazione alla libertà di espressione e alla libertà di religione, può essere usato per riferirsi all'effetto deterrente che si verifica quando le persone temono le conseguenze dell'espressione delle proprie convinzioni religiose o anche del comportamento secondo le proprie convinzioni, che può in ultima analisi portare all'autocensura. Pertanto, "effetto agghiacciante" e autocensura sono due aspetti dello stesso fenomeno. 

Abbiamo osservato che questo fenomeno può verificarsi come conseguenza dell'attuazione di leggi e/o politiche che riducono indirettamente la libertà di espressione religiosa. Oppure quando un individuo percepisce un ambiente ostile o sospetta che esprimere le proprie convinzioni possa avere conseguenze negative.

A giugno abbiamo pubblicato un rapporto sull'autocensura dei cristiani intitolato "Percezioni sull'autocensura: conferma e comprensione dell'"effetto brivido". Dopo aver condotto interviste con cristiani in Germania, Francia, Colombia e Messico, abbiamo raccolto dati molto interessanti sui fattori che influenzano questo fenomeno. Tra le scoperte, c'è il fatto che molti cristiani spesso trovano necessario essere "prudenti", "auto-secolarizzarsi" o usare un "linguaggio democratico" per esprimere le proprie idee. Il costo sociale dell'essere trasparenti sui valori della fede è molto alto: essere censurati, squalificati o addirittura discriminati nella sfera sociale o addirittura lavorativa.

Inoltre, questo comportamento spesso non viene riconosciuto come autocensura dagli stessi individui. In breve, abbiamo osservato che molti cristiani si censurano inconsciamente.

Dopo l'11 settembre, si è diffusa l'idea che la religione generi violenza e che quindi dovremmo fare tutto il possibile per sopprimerla. Come risponderebbe a questa argomentazione?

Gli sfortunati eventi dell'11 settembre hanno segnato una svolta nel settore. Per gran parte del XX secolo, le scienze sociali sono state dominate dalla cosiddetta "teoria della secolarizzazione", che sosteneva che il mondo si stava secolarizzando. La religione non sarebbe mai scomparsa del tutto, ma il processo di secolarizzazione era inevitabile. Gli sfortunati eventi dell'11 settembre sono stati un campanello d'allarme per la comunità scientifica internazionale, perché hanno reso evidente che la religione è ancora un fattore rilevante da prendere in considerazione.

Il crescente interesse della comunità scientifica per la religione è significativo. Il problema è che l'11 settembre ha portato ad associare la religione al terrorismo e alla violenza, il che è molto preoccupante, perché oscura il ruolo positivo che gli attori religiosi hanno svolto e continuano a svolgere nella promozione dello sviluppo a molti livelli. 

È importante ricordare che il radicalismo di qualsiasi tipo, religioso, ideologico o politico, è estremamente rischioso e volatile. Gli attentati dell'11 settembre sono stati compiuti da individui specifici, con un'interpretazione radicalizzata della loro fede, che in definitiva non rappresentano la totalità dei musulmani nel mondo o in Medio Oriente. Purtroppo, la sofferenza e i disordini di milioni di persone in tutto il mondo ci hanno fatto perdere di vista i valori, i principi e i contributi pacifici che la maggior parte delle religioni presenti nella nostra civiltà hanno portato.

Possiamo dimenticare la dimensione religiosa?

La dimensione religiosa, spirituale o trascendentale dell'uomo è essenziale per la sua condizione umana, per questo è sempre stata e probabilmente sarà sempre presente nelle nuove generazioni. Le comunità religiose hanno dimostrato nel corso della storia il loro ruolo rilevante come agenti di coesione sociale, come mediatori di conflitti, fornitori di aiuti umanitari e collaboratori nella costruzione della pace e della giustizia. 

Sminuire i meriti delle varie comunità religiose nel campo del servizio umanitario, della difesa dei diritti umani e della promozione della dignità umana significherebbe trascurare un attore strategico fondamentale nella costruzione della pace. Sarebbe una grande perdita. Invece di aggiungere partner di pace, riduciamo l'analisi all'opinione che tutte le religioni portano alla violenza, quando la storia e i fatti ci hanno dimostrato che questa posizione sulla religione è sbagliata.

Molte religioni non accettano la visione di genere promossa dalle Nazioni Unite. Come pensa che si evolverà questa diversità di vedute e che la libertà religiosa sarà minacciata da questo problema?

È difficile prevedere come si svilupperà il dibattito su questo tema, ma credo che, per proteggere la libertà religiosa in queste arene internazionali, i sostenitori e i leader religiosi debbano difendere il rispetto per la diversità delle religioni e delle espressioni religiose. È in questa diversità, tutti insieme, che potrebbero chiedere alle agenzie internazionali di essere coerenti con il loro discorso di inclusione e diversità.

La diversità di opinione sul genere sarà una minaccia finché rinunceremo a chiedere il rispetto del valore della diversità culturale espressa dalla religiosità. Può sembrare ingenuo, ma è importante che i leader e i sostenitori religiosi non rinuncino a utilizzare il sistema di difesa dei diritti umani per affermare la loro voce come una voce che deve essere rispettata. 

L'argomento spesso usato in questi casi è che le religioni tradizionali impongono la loro visione egemonica sul genere. Tuttavia, sarebbe utile che le religioni maggioritarie fossero intese come parte di una diversità culturale che deve essere rispettata allo stesso modo delle altre religioni più "moderne", per così dire. È nella breve rinuncia all'individualità che le comunità religiose potrebbero consolidare un'unità delle varie religioni con un'idea simile di genere, per contrastare la minaccia di imposizioni arbitrarie in materia.  

Esistono università o altre istituzioni accademiche in cui i dati sulla persecuzione religiosa vengono studiati in modo approfondito e sono davvero rilevanti?

Negli ultimi anni, infatti, sono nati molti programmi di ricerca universitari interessati alla libertà religiosa. Il miglior esempio è il Religione e Stato guidato dal dottor Jonathan Fox dell'Università di Bar-Ilan in Israele. Questo progetto è il database più completo per l'analisi della discriminazione religiosa nel mondo. Con quasi 150 indicatori, è ora il "gold standard" per i dati sulla libertà religiosa nel mondo accademico. È stato utilizzato in oltre 200 pubblicazioni, tra cui libri, articoli accademici, tesi di dottorato e di laurea.

In collaborazione con
Volete notizie indipendenti, veritiere e pertinenti?

Caro lettore, Omnes riferisce con rigore e profondità sull'attualità religiosa. Facciamo un lavoro di inchiesta che permette al lettore di acquisire criteri sugli eventi e le storie che accadono in ambito cattolico e nella Chiesa. Abbiamo firme stellari e corrispondenti a Roma che ci aiutano a far emergere l'informazione di fondo dal rumore mediatico, con distanza ideologica e indipendenza.

Abbiamo bisogno di voi per affrontare le nuove sfide di un panorama mediatico in evoluzione e di una realtà che richiede riflessione, abbiamo bisogno del vostro sostegno.

In collaborazione con
Newsletter La Brújula Lasciateci la vostra e-mail e riceverete ogni settimana le ultime notizie curate con un punto di vista cattolico.