America

Il Papa con il popolo Mapuche

Omnes-1 febbraio 2018-Tempo di lettura: 5 minuti

TESTO - Pablo Aguilera, Santiago del Cile

"E vedrete come vogliono in Cile" sono versi di una canzone tradizionale familiare a tutti i cileni. Sono passati trenta lunghi anni dalla ricordata visita di San Giovanni Paolo II nel nostro Paese. Da allora, il Paese andino è cambiato molto. La popolazione è passata da 11,3 milioni a 17,5 milioni; il PIL è aumentato da 22,26 miliardi di dollari nel 1987 a 247 miliardi nel 2016. La percentuale di cattolici è diminuita dal 75 % al 59 % della popolazione, mentre le denominazioni evangeliche sono aumentate dal 12 % al 17 %. Colpisce il forte aumento di coloro che si dichiarano atei o agnostici, passati da 5 % (anno 1992) a 19 % (anno 2013). Se nel 1987 c'erano 2,59 bambini nati per donna in età fertile, ora ce ne sono 1,79, e nel 1987 c'erano 80.479 migranti residenti, che sono passati a 465.319 nel 2016.

Nel giugno dello scorso anno è stata annunciata ufficialmente la visita di Papa Francesco in Cile, su invito della Conferenza episcopale e del governo. Il comitato organizzatore ha iniziato a lavorare sodo per preparare tre grandi eventi a Santiago, Temuco e Iquique. Il Papa sarebbe arrivato la sera di lunedì 15 gennaio e sarebbe ripartito per il Perù giovedì 18.

Martedì 16, Francisco ha incontrato di buon mattino le autorità governative presso il Palacio La Moneda, guidate dalla Presidente Michelle Bachelet. Va ricordato che a novembre il Congresso ha approvato una legge sull'aborto - presentata dal governo - che permetteva l'interruzione della gravidanza in tre casi (grave malattia della madre, malattia letale del feto e stupro). Per questo motivo, Francesco, nel suo discorso, ha fatto riferimento alla vocazione del popolo cileno: "Il popolo cileno ha una vocazione: essere capace di essere una "famiglia".che chiede un'opzione radicale per la vita, soprattutto in tutte le forme in cui è minacciata". Ha anche colto l'occasione per fare riferimento a una questione che ha ferito la Chiesa cattolica nell'ultimo decennio: "... la Chiesa cattolica è stata in uno stato di crisi.E qui non posso non esprimere il dolore e la vergogna, la vergogna che provo per il danno irreparabile causato ai bambini dai ministri della Chiesa. Vorrei unirmi ai miei fratelli nell'episcopato, perché è giusto chiedere perdono e sostenere le vittime con tutte le nostre forze, e allo stesso tempo dobbiamo impegnarci affinché ciò non si ripeta.".

Di fronte alle dimissioni

Dal Palacio de La Moneda il Papa si è diretto verso il Parco O'Higgins, un'ampia spianata dove avrebbe celebrato la sua prima Messa in terra cilena, che aveva per tema Per la pace e la giustizia. Circa 400.000 fedeli si sono radunati lì per accogliere Francesco con grande entusiasmo mentre percorreva il sito in papamobile.

Nella sua omelia, ha commentato le beatitudini: "Gesù, dicendo beato il povero, colui che ha pianto, l'afflitto, il paziente, colui che ha perdonato... viene a estirpare l'immobilismo paralizzante di chi crede che le cose non possano cambiare, di chi ha smesso di credere nella potenza trasformatrice di Dio Padre e nei fratelli, soprattutto nei fratelli più fragili, nei fratelli scartati. Gesù, annunciando le beatitudini, viene a scuotere quella prostrazione negativa chiamata rassegnazione che ci fa credere di poter vivere meglio se fuggiamo dai problemi, se fuggiamo dagli altri; se ci nascondiamo o ci chiudiamo nelle nostre comodità, se ci culliamo in un consumismo tranquillizzante.".

Nel pomeriggio di martedì 16 gennaio, il direttore della Sala Stampa della Santa Sede, Greg Burke, ha riferito: "....Il Santo Padre ha incontrato oggi presso la Nunziatura Apostolica di Santiago, dopo il pranzo, un piccolo gruppo di vittime di abusi sessuali da parte di sacerdoti. L'incontro era strettamente privato e non era presente nessun altro: solo il Papa e le vittime. In questo modo, hanno potuto raccontare le loro sofferenze a Papa Francesco, che li ha ascoltati, ha pregato e pianto con loro.".

In seguito, il Pontefice ha incontrato sacerdoti, religiosi e seminaristi nella cattedrale. Ha espresso la sua vicinanza a loro perché, a causa degli abusi commessi da alcuni ministri della Chiesa, stanno subendo insulti e incomprensioni. "So che a volte hanno subito insulti in metropolitana o camminando per strada; che essere vestiti da sacerdote in molti luoghi è molto costoso."Il Papa ha detto, invitandoli a pregare Dio: "Dobbiamo chiedere a Dio di aiutarci.La lucidità di chiamare la realtà con il suo nome, il coraggio di chiedere perdono e la capacità di imparare ad ascoltare ciò che Lui ci dice.".

Il Papa con il popolo Mapuche

La regione dell'Araucanía, nel sud del Paese, è stata vittima di violenze da parte di gruppi estremisti Mapuche nell'ultimo decennio. Questi gruppi chiedono la restituzione delle terre che sono state loro sottratte dallo Stato alla fine del XIX secolo per essere distribuite ai coloni. Hanno dato fuoco a macchinari agricoli e forestali, hanno aggredito i proprietari di aziende agricole e hanno persino ucciso una coppia di agricoltori. Hanno dato fuoco a decine di cappelle evangeliche e cattoliche e hanno persino sparato contro la polizia. Il governo ha dato loro 215.000 ettari di terra negli ultimi 20 anni, ma loro continuano i loro attacchi. 

Mercoledì 17, il Santo Padre si è recato nella città di Temuco, capitale di questa travagliata regione. Il Santo Padre ha incontrato 200.000 persone nella città di Temuco, capitale di questa travagliata regione. Messa per il progresso dei popoli in Araucanía, presso l'aerodromo militare di Maquehue. È stato un momento di preghiera che ha mescolato segni della cultura mapuche e del rito cattolico, impregnando l'atmosfera dell'identità di questa regione del Cile, segnata da splendidi paesaggi e teatro di dolore e ingiustizia.

"Mari, Mari", "Buongiorno" y "Küme tünngün ta niemün"., "La pace sia con voi", ha detto Francesco in lingua mapudungun, ricevendo un applauso da tutti coloro che hanno ascoltato con attenzione il suo messaggio, incentrato sull'appello all'unità dei popoli. "È necessario essere attenti alle possibili tentazioni che possono apparire e contaminare questo dono alla radice.", ha spiegato il Pontefice.

"Il primo è l'errore di confondere l'unità con l'uniformità.", che ha chiamato "sinonimi di falso". "L'unità non deriva e non deriverà dalla neutralizzazione o dal silenziamento delle differenze."La ricchezza di una terra - ha aggiunto - nasce proprio dal fatto che ogni parte è incoraggiata a condividere la propria saggezza con le altre, abbandonando la logica di credere che esistano culture superiori o inferiori. "Abbiamo bisogno l'uno dell'altro nelle nostre differenze", ha detto.

In secondo luogo, il Santo Padre ha chiarito che per raggiungere l'unità non si può accettare qualsiasi mezzo. In questo senso, ha espresso con forza che una delle forme di violenza si trova nell'elaborazione di accordi "belli" che non si realizzano mai. "Belle parole, progetti finiti, sì - e necessari - ma che se non diventano concreti finiscono per cancellare con il gomito ciò che è scritto con la mano". Anche questa è violenza, perché vanifica la speranza."Papa Francesco ha detto, tra gli applausi scroscianti.

Infine, ha condannato fermamente l'uso di qualsiasi tipo di violenza per raggiungere un fine. "La violenza finisce per rendere bugiardo il più giusto dei motivi.", ha detto Papa Francesco, e ha aggiunto: "Signore: rendici artigiani dell'unitàspiegando che la via da seguire è la non violenza attiva, come "stile di vita".stile di politica di pace".

L'ultimo giorno ha celebrato la Messa per l'integrazione dei popoli su una spiaggia di Iquique. Improvvisamente, il Santo Padre ha fermato la papamobile quando ha notato che una poliziotta ha perso il controllo del suo cavallo ed è caduta violentemente a terra. Visibilmente preoccupato, Papa Francesco si è avvicinato per controllare che la donna stesse bene, mentre le squadre di emergenza arrivavano per prestare i primi soccorsi. È stato un gesto significativo della sua attenzione per le singole persone. 

Per saperne di più
In collaborazione con
Volete notizie indipendenti, veritiere e pertinenti?

Caro lettore, Omnes riferisce con rigore e profondità sull'attualità religiosa. Facciamo un lavoro di inchiesta che permette al lettore di acquisire criteri sugli eventi e le storie che accadono in ambito cattolico e nella Chiesa. Abbiamo firme stellari e corrispondenti a Roma che ci aiutano a far emergere l'informazione di fondo dal rumore mediatico, con distanza ideologica e indipendenza.

Abbiamo bisogno di voi per affrontare le nuove sfide di un panorama mediatico in evoluzione e di una realtà che richiede riflessione, abbiamo bisogno del vostro sostegno.

In collaborazione con
Per saperne di più su Omnes
Newsletter La Brújula Lasciateci la vostra e-mail e riceverete ogni settimana le ultime notizie curate con un punto di vista cattolico.