America

Germogli di una nuova primavera tra i giovani del V Encuentro

Omnes-11 aprile 2018-Tempo di lettura: 7 minuti

Questo articolo del vescovo Gustavo García-Siller ha la doppia valenza, da un lato, di essere la diocesi di San Antonio una delle più segnate dall'inerzia dei latinos e, dall'altro, di essere il presidente del Comitato per la diversità culturale nella Chiesa della Conferenza dei vescovi cattolici degli Stati Uniti.

TESTO - Gustavo García-Siller, MSpS
Arcivescovo di San Antonio (Texas)

Nel proclamare il messaggio finale del Concilio Vaticano II, 52 anni fa, il Beato Paolo VI annunciò ai giovani di allora che avrebbero "vissuto nel mondo in un momento delle più gigantesche trasformazioni della sua storia" (8 dicembre 1965). Oggi non è difficile constatare che negli ultimi decenni sono avvenuti importanti cambiamenti che possono essere paragonati a quelli che sono serviti nello studio della storia per dividerla in epoche.

In effetti, il nostro Santo Padre Francesco ha sottolineato che "questo cambiamento epocale è stato determinato dagli enormi balzi qualitativi, quantitativi, accelerati e cumulativi dello sviluppo scientifico, delle innovazioni tecnologiche e delle loro rapide applicazioni nei vari campi della natura e della vita" (Evangelii Gaudium, n. 52). Nonostante questi aspetti positivi, il Papa sottolinea anche che "alcune patologie sono in aumento", come "l'economia dell'esclusione", "la nuova idolatria del denaro", "la disuguaglianza che genera violenza", "gli attacchi alla libertà religiosa", "nuove situazioni di persecuzione dei cristiani", nonché "una diffusa indifferenza relativistica, legata al disincanto e alla crisi delle ideologie che è stata provocata come reazione contro tutto ciò che sembra totalitario" (ivi, nn. 53-60).

Cambiamenti negli Stati Uniti

È chiaro che negli Stati Uniti, come nel resto del mondo, il consenso sui valori tradizionalmente accettati che regolavano la convivenza sociale si è più o meno frammentato. Le fonti culturali di certezza si stanno sgretolando; ne stanno emergendo di nuove e altre si stanno rinnovando. Tra l'altro, questo ha portato all'incapacità di trovare soluzioni a molti problemi sociali a tutti i livelli, che a sua volta ha generato sfiducia, indifferenza o indignazione nei confronti di tutte le figure autoritarie e delle istituzioni, compresa la Chiesa. Inoltre, scandali clamorosi hanno agito da catalizzatori in questo processo di decomposizione del tessuto sociale.

Solo negli ultimi 26 anni, la non affiliazione religiosa negli Stati Uniti è passata da 3 % a 25 %, evidenziando un netto aumento del numero di persone che affermano di credere in Dio ma rifiutano qualsiasi religione istituzionale. C'è una tendenza diffusa a sopravvalutare ed esaltare le esperienze sensoriali e l'emotività rispetto alla ragione, la conoscenza scientifica rispetto alla ricerca del significato dell'esistenza, l'espressione di sé rispetto ai contenuti e l'individualità rispetto alla collettività. "La paura e la disperazione si impadroniscono del cuore di molte persone... La gioia di vivere è spesso spenta, la mancanza di rispetto e la violenza sono in aumento, la disuguaglianza è sempre più evidente" (ibid., n. 52). Di fronte a questa realtà, il Papa ci esorta a riconoscere "che una cultura in cui ognuno vuole essere portatore della propria verità soggettiva rende difficile per i cittadini desiderare di essere parte di un progetto comune al di là dei propri vantaggi e desideri personali" (ibidem, n. 61).

Situazione dei giovani

Allo stesso tempo, assistiamo all'emergere di una generazione di giovani che non ha fiducia in se stessa e nelle proprie capacità. Molti hanno sofferto per l'assenza dei genitori, soprattutto perché entrambi sono stati costretti a lavorare per mantenere un tenore di vita decente. Altri sono stati iperprotetti dalle difficoltà di un mondo pieno di minacce e incertezze.
Entrambi i fenomeni determinano la fragilità del carattere. È una generazione iperconnessa e iperinformata, ma con una scarsa formazione di criteri etici e il cui uso prolungato delle nuove tecnologie informatiche ha ostacolato lo sviluppo della capacità relazionale. C'è un pessimismo generalizzato e una tendenza all'iper-opinione come tentativo di autoaffermazione, così come un diffuso atteggiamento di protesta, ma senza una sufficiente competenza propositiva, che rende gli individui facilmente manipolabili dagli interessi che guidano le colonizzazioni ideologiche. Soprattutto i giovani di oggi sono desiderosi di figure di riferimento credibili, congruenti e oneste che siano loro vicine.

Trasformazione demografica

Questo già complesso scenario globale si è combinato negli Stati Uniti con una profonda trasformazione demografica, in particolare nella Chiesa, che rappresenta una grande sfida. Fortunatamente, il numero di cattolici nel Paese è in crescita e gli ispanici rappresentano il 71% dell'aumento della popolazione cattolica dal 1960, anche se circa 14 milioni di ispanici negli Stati Uniti non si identificano più come cattolici. Solo mezzo secolo fa, ogni 20 cattolici statunitensi, circa 17 erano bianchi, europei di lingua inglese, mentre oggi più di 40% sono di origine ispanica, principalmente dall'America Latina; circa 5TP3T sono asiatici, 4TP3T sono afroamericani e un quarto di tutti i cattolici negli Stati Uniti sono immigrati. La maggior parte degli ispanici sono adulti, ma solo un terzo sono migranti. In altre parole, gran parte della popolazione ispanica è nata negli Stati Uniti ed è molto giovane.

Circa il 58 % degli ispanici ha meno di 33 anni, il 60 % dei cattolici sotto i 18 anni nel Paese è ispanico e più del 90 % degli ispanici sotto i 18 anni è nato negli Stati Uniti. Tutto ciò indica, da un lato, che la Chiesa negli Stati Uniti è in fase di diversificazione e, dall'altro, che il suo nuovo volto è prevalentemente ispanico. Questa nuova diversità culturale si riflette, tra l'altro, nel fatto che il 40 % delle parrocchie del Paese celebra la Messa in lingue diverse dall'inglese. Stiamo anche passando dall'avere abbondanti risorse materiali all'essere una Chiesa relativamente povera.

Segni di speranza

Le prospettive sembrano certamente minacciose, ma sentendo il peso quasi schiacciante dei problemi e delle responsabilità, abbiamo voluto seguire l'esempio dell'apostolo San Giacomo e di San Juan Diego, per essere messaggeri docili, fiduciosi che, inviati dalla nostra Madre celeste, godremo della sua protezione tra le pieghe del suo manto. La nostra fede nel Signore risorto ci permette di riconoscere soprattutto gli aspetti positivi nelle nostre circostanze attuali e di vedere in essi segni di speranza. È il caso, ad esempio, di una rivalutazione dell'affettività e dell'amore umano, di una crescente sensibilità verso l'"altro" e di una nuova apertura spirituale.

Molti giovani hanno una grande e trasparente sete di Dio, ma allo stesso tempo una grande paura di essere delusi. Vogliono proposte espresse in modo nuovo e attraente, intellettualmente profonde e coerenti, che implichino un impegno radicale capace di dare un senso alla loro vita, ma soprattutto che siano dimostrate dalla testimonianza, dall'abnegazione e dall'amicizia sincera di chi le propone. In questo senso, i giovani di oggi non sono molto diversi da quelli del passato, ma hanno vissuto in un contesto che ostacola il loro senso di appartenenza e quindi, anche se non è facile convincerli, sono capaci di sorprenderci con la loro capacità di dedizione.

Trentacinque anni fa, San Giovanni Paolo II chiamò la Chiesa, a partire dall'America Latina, a un'evangelizzazione "nuova nel suo ardore, nei suoi metodi, nella sua espressione", coniando il termine "nuova evangelizzazione".Nuova evangelizzazione" (Discorso all'Assemblea del Celam, 9 marzo 1983, Port-au-Prince, Haiti). Papa Francesco, formatosi in quella Chiesa latinoamericana, con rinnovato fervore ha rilanciato questa chiamata all'impegno missionario che nasce dall'incontro con Gesù Cristo e da esso si alimenta. Non è una rievangelizzazione, ma un discepolato missionario che inizia con la conversione personale e pastorale, sempre e comunque, sostenuta dalla misericordia del Padre eterno, il cui volto è Gesù, il nostro Salvatore.

Un'opportunità storica

Questa è la portata della sfida che abbiamo deciso di raccogliere nel V Incontro nazionale di pastorale ispanica/latinache è il più grande compito pastorale mai intrapreso dai vescovi degli Stati Uniti nel loro insieme. Riconosciamo che ci troviamo di fronte a un'opportunità storica per ringiovanire la Chiesa negli Stati Uniti, in modo che il volto radioso del suo fondatore eternamente giovane sia più chiaramente visibile nella Chiesa. Abbiamo cercato di farlo in risposta all'appello di Papa Francesco e in linea con il suo zelo pastorale, il suo stile e il suo approccio accattivante alle sfide di oggi.

Ci siamo resi conto che in questa nuova era non è più sufficiente predicare dal pulpito, aspettandosi che i fedeli si attengano all'autorità del parroco o del vescovo. Non è più sufficiente rendere nota una serie di obblighi e regole, con l'aspettativa che vengano rispettati. È necessario uscire e cercare le pecore, "pascolare" con loro, finché non ci sentiamo a nostro agio nell'odore di pecora. Stiamo facendo del nostro meglio come Chiesa per incontrare il Risorto nelle periferie, come i discepoli di Emmaus, per lasciarci commuovere dalla tenera misericordia che il Signore ha elargito su di noi e poi uscire con cuore ardente per incontrare tutti dove sono.

In questo modo, il V Encuentro ha riunito migliaia di discepoli missionari in incontri parrocchiali e diocesani. L'ultimo rapporto ricevuto sulla celebrazione del V Encuentro a livello diocesano ammonta a 135 diocesi. Le voci di tutti i partecipanti sono state ascoltate a livello regionale e saranno ascoltate all'Incontro nazionale.

Tra i programmi specificamente rivolti ai giovani, si è tenuto il Colloquio nazionale sulla pastorale giovanile, che ha riunito leader diocesani, vescovi, accademici, religiosi, ricercatori, leader parrocchiali, filantropi e responsabili di organizzazioni nazionali. Abbiamo anche avuto una domenica catechistica, che ha incoraggiato l'impegno dei genitori e di tutta la comunità a sostenere insieme la catechesi dei nostri bambini e ragazzi e ad accompagnarli nel loro cammino in modo gioioso e significativo. Abbiamo anche organizzato un concorso di video virali e altre iniziative.

Rinnovo

Durante il mio periodo di presidenza del Comitato per la diversità culturale della Conferenza episcopale, sono stato testimone della presenza dello Spirito Santo in questo processo. Ho scoperto che questa esperienza è stata edificante e positiva per molti dei nostri fratelli e sorelle nella fede. Con il favore di Dio stiamo superando le abitudini stantie per far posto alla compassione di Gesù. Il Signore sembra ispirare nuove espressioni di spiritualità, così come una rinnovata comprensione teologica e pastorale di alcune realtà che potremmo aver trascurato. Sono emersi molti nuovi leader, soprattutto laici, che stanno assumendo con rinnovata passione la loro responsabilità missionaria nella Chiesa e nel mondo. Stanno emergendo nuovi modi di esprimere la verità di Cristo in modo bello, mobilitando i cuori delle nuove generazioni all'amore autentico.

Ancora una volta noi ispanici siamo strumenti storici per la diffusione del messaggio evangelico. Stiamo riscoprendo la bellezza e la ricchezza della nostra fede e delle nostre tradizioni, mentre il nostro calore, la nostra gioia e la nostra vitalità stanno favorendo la unità nella diversità di una società che ha un enorme bisogno di curare le ferite. A metà di questa grande impresa e al fianco di Nostra Signora di Guadalupe, Stella della Nuova Evangelizzazione, oggi posso riecheggiare le parole che il nostro Santo Padre ha rivolto ai giovani a Rio de Janeiro: "Continuerò a nutrire un'immensa speranza nei giovani... attraverso di loro, Cristo sta preparando una nuova primavera in tutto il mondo". Ho visto i primi risultati di questa semina, altri si rallegreranno del raccolto abbondante" (discorso durante la cerimonia di commiato, 28 luglio 2013).

Per saperne di più
In collaborazione con
Volete notizie indipendenti, veritiere e pertinenti?

Caro lettore, Omnes riferisce con rigore e profondità sull'attualità religiosa. Facciamo un lavoro di inchiesta che permette al lettore di acquisire criteri sugli eventi e le storie che accadono in ambito cattolico e nella Chiesa. Abbiamo firme stellari e corrispondenti a Roma che ci aiutano a far emergere l'informazione di fondo dal rumore mediatico, con distanza ideologica e indipendenza.

Abbiamo bisogno di voi per affrontare le nuove sfide di un panorama mediatico in evoluzione e di una realtà che richiede riflessione, abbiamo bisogno del vostro sostegno.

In collaborazione con
Newsletter La Brújula Lasciateci la vostra e-mail e riceverete ogni settimana le ultime notizie curate con un punto di vista cattolico.