America

Matachines. Le ballerine della Vergine di Guadalupe

La solennità della Vergine di Guadalupe ha in Messico una tradizionale e curiosa manifestazione di amore e devozione alla Vergine. Sono le matachine: gruppi di danzatori che, con costumi e strumenti unici, si recano a ballare nel luogo di pellegrinaggio. 

Citlalli Sánchez e Pablo A. Zubieta-12 dicembre 2022-Tempo di lettura: 7 minuti
bulli

"Lui è Dio! grida Don Felipe con voce forte e chiara, mentre alza il bastone decorato con carta dai colori vivaci. Il gruppo di bambini, donne e uomini ripete lo slogan con la stessa forza, nonostante il freddo, la stanchezza, la pioggia leggera che comincia a farsi sentire. Sono pronti per iniziare il viaggio verso la Basilica di Guadalupe, ma mancano ancora diversi chilometri. 

"C'è chi esprime il proprio amore per la Vergine con i canti, o con le preghiere, c'è chi preferisce onorarla con la danza, donando il proprio corpo e il proprio spirito", dice Irma, che ha iniziato a partecipare al gruppo di Felipe 9 anni fa dopo essere sopravvissuta a un attacco di cuore. È il suo modo di ringraziare per un altro anno di vita. Si tratta del gruppo di matachine "Danzantes de María de Guadalupe", formato più di 30 anni fa dal padre di Don Felipe, che a sua volta faceva parte di un gruppo simile con suo padre. 

Non c'è dubbio che la tradizione del ballo sia di famiglia. 

Questa storia si ripete in tutto il Messico, dove la tradizione della danza ereditata dalle culture preispaniche si è mantenuta nei secoli, grazie al sincretismo religioso.

Le matachine sono un gruppo di danzatori, con una struttura e delle funzioni molto ben definite, il cui obiettivo è quello di compiere un pellegrinaggio - danzando - nel luogo in cui il Vergine di Guadalupe

Sebbene la danza, i ritmi - percussioni, arco a forma di violino, guaje a sonagli e, in alcune regioni, flauti di canna -, l'abbigliamento e i canti - anch'essi a seconda delle regioni - abbiano origine nelle danze di guerra eseguite prima o dopo la battaglia, l'evoluzione nel corso dei secoli coinvolge sia il processo di evangelizzazione sia i processi di acculturazione propri di qualsiasi sviluppo storico.

Giullari o guerrieri?

La diversità culturale del Messico si riflette fin dal periodo precolombiano, dove ogni gruppo etnico aveva il proprio modo di stabilire una relazione spirituale.

Queste particolarità di ogni popolo preispanico sono state elementi chiave per l'evangelizzazione del Messico, perché nel caso delle culture che avevano la danza come rituale, sono riuscite a integrare i loro rituali tradizionali con nuovi significati e obiettivi: hanno smesso di essere danze di guerra e sono diventate espressioni di amore e venerazione verso Dio che li ama e sua madre, Maria di Guadalupe, che protegge i loro passi.

L'origine della parola "matachín" potrebbe sembrare derivare da una lingua originaria del Messico. Tuttavia, autori come Ángel Acuña, ricercatore specializzato sull'argomento, indicano due possibili origini: da un lato, come derivato dello spagnolo "mata moros", oppure una seconda origine dall'italiano "mattaccino", o come è attualmente conosciuto, "matazin": un uomo vestito con colori ridicoli che, indossando una maschera, parodia antiche danze guerriere.

Preghiera danzante

Dopo aver gridato tre volte "Lui è Dio! Filippo ora chiede "Chi è? e il gruppo di teppisti risponde "La Vergine Maria!". 

Lungo la strada dove si riuniscono più di 20 gruppi di ballerini alla vigilia del 12 dicembre, questi slogan si sentono con le loro diverse varianti: alcuni accompagnati dal nome del gruppo, altri più come un canto melodico che come un grido di lotta, altri ancora come l'inizio di una breve preghiera prima di iniziare il pellegrinaggio, ma tutti come una manifestazione della fede guadalupana.

Sebbene le matachine siano una tradizione in tutto il Paese, il nord del Messico si è distinto per aver mantenuto sia le funzioni che i "cuadros" - come vengono chiamate le coreografie - e la musica, in un modo più vicino alle origini del XVII secolo. 

Allo stesso modo, a differenza di altre varianti come la matlachinesnel centro del paese, o il conchiglieLe matachine si preparano durante tutto l'anno, ma si concentrano sulla devozione alla Vergine di Guadalupe, e solo il 12 dicembre e nelle date precedenti compiono il loro atto di preghiera mentre ballano.

Danzatori di Dio

Fernando Valle, vicario parrocchiale della cattedrale di Ciudad Juárez, Chihuahua, e cappellano dei Matachines, spiega che fin da piccolo, nella sua nativa Guadalajara, viveva molto vicino ai pellegrinaggi dove venivano eseguite le danze tradizionali. Con il passare del tempo, cominciò a formarsi alla via di Dio e, come sacerdote a Ciudad Juárez, trovò nelle Matachine il modo in cui i suoi parrocchiani mostravano una devozione più profonda. "Si identificano con la Chiesa danzando... ma questa danza dovrebbe portarli oltre, il loro stesso nome dice loro che sono Danzatori di Dio, si dovrebbe danzare verso Dio o fare la propria preghiera danzando... da lì con questa dinamica li ho portati, e fino ad oggi li ho portati in questa direzione".

Quando Irma si è ripresa dall'infarto nel 2013, la prima cosa che ha fatto è stata andare alla Basilica di Guadalupe a Città del Messico. Ha viaggiato, con le dovute precauzioni, dalla sua città al santuario e racconta di aver sentito in tutto il corpo quella sensazione di gioia per la nuova opportunità e di protezione da parte di Maria di Guadalupe, che dice di aver tenuto presente durante tutto il processo di guarigione e a cui si è affidata durante l'operazione a cuore aperto.

Fuori dalla basilica c'erano diversi gruppi di ballerini chiamati "concheros", che si caratterizzano per legare alle caviglie e ai polpacci una serie di "conchas" o oggetti che fanno rumore mentre ballano, e fu lì che pensò che oltre a compiere le sue azioni come cristiana, voleva impegnarsi e manifestare la sua fede in un altro modo.

Tornato nella sua città natale, cercò un gruppo di ballerini e incontrò Don Felipe, al quale chiese il permesso di partecipare e con il quale dovette impegnarsi a partecipare con la stessa devozione che si ha nel fare una preghiera. I Danzantes de María de Guadalupe sono diventati la sua famiglia e negli ultimi 9 anni ha aumentato le sue funzioni, poiché, oltre a danzare, collabora all'elaborazione dei costumi, partecipa all'organizzazione dei membri per le prove e cerca di prepararsi per essere in grado di essere capitano in qualsiasi momento sia necessario.. "Lo faccio perché Lei (la Vergine di Guadalupe) mi ha preso per mano e non mi ha mai lasciato andare, per questo sono qui, il minimo che posso fare è mostrare al mondo la testimonianza del suo amore e che non ci abbandona mai... Non so cantare, non ho imparato a pregare il Rosario, sono sempre stata molto felice, a ballare, a fare esercizio... e ho trovato nella danza delle matachine un modo per ringraziare.... e ho trovato nella danza delle matachine un modo per ringraziare... Sant'Agostino diceva che chi canta prega due volte, e sì, è vero, e credo che noi che balliamo preghiamo tre o quattro volte, perché diamo il nostro corpo".

Mesi di preparazione

La preparazione dei pellegrinaggi inizia con mesi di anticipo. In alcune città è comune vedere gruppi che provano nelle piazze dei quartieri o nei parchi pubblici già a luglio o agosto. 

Ogni gruppo di matachine segue rituali diversi, ma in generale, prima di iniziare la pratica, i ballerini pregano la Vergine di Guadalupe, chiedendo che la danza sia ben eseguita, che si raccolga il denaro necessario per i costumi e che tutti i partecipanti mantengano una buona salute e condizione fisica, in modo da poter arrivare al 12 dicembre senza problemi. 

Durante i mesi precedenti, oltre alla pratica delle tavole da presentare, si organizzano anche le funzioni di ciascuno: il capitano o organizzatore, che è colui che guida l'intero gruppo e assegna le posizioni e le attività che ciascuno deve svolgere, è normalmente la persona più anziana ed è quasi sempre colui che ha fondato il gruppo.

Vengono assegnati anche i "monarchi" o direttori, che guidano i danzatori e segnano i passi, la direzione da prendere, la coreografia da eseguire e gli slogan, le preghiere e i canti che vengono eseguiti durante il pellegrinaggio. 

Per diventare direttore o monarcoCi vuole pratica, naturalmente, ma anche impegno, come dice Don Felipe. Non si tratta di ballare bene, ma di farlo con devozione. 

Esiste anche la figura del "vecchio" che in alcune regioni è anche "il diavolo". A differenza degli altri danzatori, indossa un costume diverso, caratterizzato dall'uso di una maschera del personaggio indicato, e non segue i passi del quadro, ma usa una frusta o una corda per spaventare gli spettatori, e interagisce con loro come un gioco. Nel simbolismo, i ballerini portano questo "diavolo" a Dio, vogliono guidarlo sulla strada giusta, anche se alcuni altri gruppi dicono che è la rappresentazione di come il male possa essere sempre presente, ma le matachine hanno abbastanza devozione per non lasciarsi tentare e finire il loro viaggio fino a raggiungere Dio.

Durante il cammino verso la celebrazione della Vergine di Guadalupe, i gruppi di danzatori organizzano attività di raccolta fondi per acquistare costumi, copricapi, scarpe, strumenti, ornamenti e cibo non solo per i danzatori, ma anche per le famiglie e gli amici che accompagnano le matachine nei pellegrinaggi e che forniscono assistenza medica, riparano gli indumenti e fanno loro compagnia, impedendo agli spettatori e persino alle automobili di influenzare il percorso.

Un guardaroba pieno di significato

I costumi variano, poiché ogni parte del Paese ha i suoi elementi caratteristici, ad esempio ci sono ballerini che indossano pennacchi, o alti copricapi fatti di perline e nastri luccicanti, o semplicemente cappelli e sciarpe. Tuttavia, la "linea" "nahuillas"sono l'elemento tradizionale che si trova quasi ovunque in Messico. È costituito da due lunghi rettangoli di stoffa che vengono legati in vita e coprono le gambe davanti e dietro, al di sotto del ginocchio. nahuilla Si usano pantaloni di jeans o qualsiasi cosa sia disponibile. Questi nahuillas Sono decorate con canne, perline e nastri e lo scopo è quello di farle suonare durante la danza; funzionano come un altro strumento che accompagna i sonagli, i violini e i tamburi che accompagnano la danza.

Martha García, responsabile dei costumi dei Matachines di Ciudad Juárez, Chihuahua, spiega che ogni elemento ha anche un significato, poiché il costume è composto da 5 parti: "La testa, il centro, i piedi e i due bracci della Santa Croce, che è la stessa cosa della posa della palma, con cinque candele".. Sul petto o sulla schiena, i gruppi sono identificati con il loro stemma, che può essere l'immagine della Vergine di Guadalupe, accompagnata dal nome del gruppo.

Le calzature sono variabili, anche se tradizionalmente il ".scarpe da ginnastica"Sandali in cuoio utilizzati in Messico. A causa delle condizioni geografiche e climatiche, i ballerini hanno iniziato a indossare scarpe, scarpe sportive o addirittura scarpe fatte apposta per questo scopo.

Alla vigilia del 12 dicembre, è comune che i gruppi si incontrino nel pomeriggio per mangiare insieme e pregare prima del pellegrinaggio. Di solito si recitano uno o due rosari per pregare per la salute e la sicurezza dei ballerini e dei loro accompagnatori durante il viaggio. Una volta arrivate al punto di partenza, tutte le matachine convergono nel luogo in cui faranno parte del percorso che le porterà alla Basilica di Guadalupe nella propria città, o al tempio della Vergine che considerano proprio. Le matachine sono organizzate: un capitano in testa con lo stendardo della Vergine, e il resto dei partecipanti in due file, quelli davanti sono i monarchi. Tutti portano tamburi, archi e sonagli, e sono i monarchi a dare il ritmo della danza.

Non c'è età o sesso per essere un matachín. I gruppi vanno dai bambini di 8 anni agli adulti più anziani - di solito il capitano o la capitana - anche di 90 anni o più. Come dice Don Felipe: "Così come non c'è età per pregare, non c'è età per conoscere Dio, non c'è età per servirlo, un bambino ha la preghiera più preziosa e un anziano ha la preghiera più sincera... allo stesso modo non c'è età per essere un matachín, finché il corpo regge... Mio padre ha ballato ed è stato capitano per 40 anni, è morto quasi ballando, e anch'io, finché il corpo regge continuo a ballare.".

L'autoreCitlalli Sánchez e Pablo A. Zubieta

In collaborazione con
Volete notizie indipendenti, veritiere e pertinenti?

Caro lettore, Omnes riferisce con rigore e profondità sull'attualità religiosa. Facciamo un lavoro di inchiesta che permette al lettore di acquisire criteri sugli eventi e le storie che accadono in ambito cattolico e nella Chiesa. Abbiamo firme stellari e corrispondenti a Roma che ci aiutano a far emergere l'informazione di fondo dal rumore mediatico, con distanza ideologica e indipendenza.

Abbiamo bisogno di voi per affrontare le nuove sfide di un panorama mediatico in evoluzione e di una realtà che richiede riflessione, abbiamo bisogno del vostro sostegno.

In collaborazione con
Per saperne di più su Omnes
Newsletter La Brújula Lasciateci la vostra e-mail e riceverete ogni settimana le ultime notizie curate con un punto di vista cattolico.