Libri

Mons. CamisascaGiussani era un genio della fede e dell'umanità".

"Oltre ad essere un genio della fede e dell'umano, Giussani è stato anche un genio della Chiesa", ha detto monsignor Massimo Camisasca, vescovo emerito di Reggio Emilia, presentando a Madrid la sua biografia di don Luigi Giussani, fondatore di Comunione e Liberazione. Mons. Camisasca ha sottolineato a Omnes che don Giussani ci ha aiutato "a vedere la traccia, il segno del divino, dentro il genio dell'uomo".

Francisco Otamendi-15 dicembre 2022-Tempo di lettura: 5 minuti
Camisasca

Il vescovo Camisasca alla presentazione del libro (Mercedes Laviña)

Giussani, fondatore di Comunione e Liberazione (CL) negli anni Sessanta in Italia, è morto il 22 febbraio 2005 a Milano, dopo aver vissuto un cristianesimo "essenziale" - come sottolineeranno decenni dopo Papa Benedetto XVI e Papa Francesco, ha sottolineato il suo biografo - e aver diffuso il movimento in circa 90 Paesi nei cinque continenti.

Il 15 ottobre, nel centenario della sua nascita nel 1922, migliaia di membri di CL hanno riempito Piazza San Pietro per un incontro con Papa Francesco. Il Santo Padre ha espresso, tra le altre cose, la sua "personale gratitudine per il bene che mi ha fatto, I libri di Giussani, quando ero un giovane prete; e lo faccio anche come Pastore universale per tutto ciò che egli ha scritto. sapeva seminare e irradiare ovunque per il bene della Chiesa...".

Lo scorso fine settimana, monsignor Massimo Camisasca ha approfondito il carisma del fondatore nella presentazione dell'edizione spagnola del suo libro, intitolato "Padre Giussani. La sua esperienza dell'uomo e di Dio".in un evento moderato da Manuel Oriol, direttore di Edizioni EncounterHa partecipato anche lo storico Ignacio Uría.

La copertina del libro scritto da Massimo Camisasca

Come spiega in questa intervista a Omnes, Mons. Camisasca ha incontrato il Servo di Dio Luigi Giussani nel 1960, quando aveva 14 anni, ed è stato al suo fianco per i successivi 45 anni della sua vita. È quindi un biografo particolarmente autorevole per parlare della vita e del pensiero del fondatore di Comunione e liberazionedi cui ha parlato in Omnes qualche mese fa. Davide ProsperiPresidente ad interim di Comunione e Liberazione.

Prima di offrire le sue risposte, riprendiamo uno spunto che monsignor Camisasca ha lanciato durante la presentazione: "Oltre a essere un genio della fede e dell'umano, Giussani è stato anche un genio della Chiesa. Egli portò coloro che lo seguivano a identificarsi con il metodo di manifestazione di Dio nel mondo: Dio si rivolge ad alcuni per parlare a tutti, inizia con un piccolo seme, un piccolo gregge, ma vuole che tutti gli uomini siano salvati e arrivino alla conoscenza della verità. Per Giussani, l'esperienza dell'elezione, che era al centro del suo metodo educativo, non era mai l'affermazione di un recinto, ma il centro affettivo di un'apertura ecumenica.

Quando ha pensato di scrivere questa biografia di padre Guissani, ha avuto modo di incontrarlo e di conoscerlo? Quali sono state le sue prime impressioni quando l'ha incontrato? Era già sacerdote e vescovo o ancora laico?

- Ho conosciuto don Giussani quando avevo quattordici anni, nel 1960. Giussani, che era stato ordinato sacerdote quindici anni prima e aveva lasciato l'insegnamento della teologia in seminario, iniziò a insegnare religione per stare a contatto con i giovani e favorire la rinascita della fede cristiana nei loro cuori.

Sono stato al fianco di don Giussani per i successivi quarantacinque anni della sua vita. Naturalmente, in modi diversi: prima come studente, poi incaricato di seguire la nascita del Movimento che muoveva i primi passi; poi, come sacerdote, incaricato di seguire i rapporti con la Santa Sede e soprattutto con Giovanni Paolo II a Roma; infine, su sua richiesta, come fondatore della Fraternità Sacerdotale dei Missionari di San Carlo.

Quando don Giussani morì, pensai subito di raccogliere una sintesi del suo pensiero in un piccolo libro. Così è nato questo testo in cui, seguendo un ordine cronologico, cerco di esprimere in modo semplice ma completo le riflessioni più importanti che ha espresso nel corso della sua vita.

 "La Chiesa riconosce il suo genio pedagogico e teologico, dispiegato sulla base di un carisma donatogli dallo Spirito Santo per il bene comune", ha detto Papa Francesco di don Giussani a San Pietro. Lei si occupa di questi aspetti e del suo carisma?

- Deede allora. Il carisma di Giussani può essere colto solo seguendo la sua vita e i suoi scritti e conoscendo le persone che lo hanno seguito. In questo libro, dunque, si coglie la centralità del mistero dell'Incarnazione, dell'evento del Verbo di Dio fatto uomo, che spinse don Giussani, quando aveva quattordici anni, a vedere nella persona di Cristo il centro del cosmo e della storia, come dirà poi Giovanni Paolo II. Il cuore di ogni aspettativa umana, di ogni desiderio di felicità, bellezza, giustizia e verità.

Quando era ancora seminarista, questa percezione dell'Incarnazione come evento centrale nella storia del mondo colpì don Giussani a tal punto da diventare il cuore pulsante di tutta la sua vita, di tutta la sua riflessione e di tutto il suo lavoro educativo.

In fondo, non voleva essere altro che un grande testimone della pienezza umana che avviene in chi segue Cristo, in chi abbandona tutto per seguirlo e per trovare in Lui il centuplo delle cose che pensava di aver lasciato per sempre, purificate e rese eterne dall'amore.

Nello stesso incontro a Roma, il Papa ha fatto riferimento alla "passione educativa e missionaria" del fondatore del movimento. La sua biografia è presentata come "intellettuale" e "spirituale". Giusto?

- L'editore voleva cogliere i due aspetti principali della mia scrittura. È una biografia intellettuale, perché non si sofferma sugli eventi esteriori della vita di don Giussani, ma sull'itinerario e sulla maturazione del suo pensiero. È una biografia spirituale perché vuole mostrare il percorso che Cristo ha fatto in don Giussani e il percorso che don Giussani ha fatto nel mondo per rendere possibile l'incontro con Cristo alle giovani generazioni e poi agli adulti.

È stato sottolineato il grande desiderio di Giussani di "evangelizzare la cultura". Come si affronta questa preoccupazione del fondatore? L'allora cardinale Joseph Ratzinger ha osservato nel febbraio 2005 che "don Giussani è cresciuto in una casa, come lui stesso diceva, povera di pane, ma ricca di musica. Così, fin dall'inizio fu toccato, anzi ferito, dal desiderio di bellezza (...) Cercò la bellezza stessa, la Bellezza infinita".

- Don Giussani amava l'umano. Non solo l'uomo, ma anche tutto ciò che è opera dell'uomo. Amava la letteratura, la poesia, la musica. Amava, insomma, le espressioni della vita. Queste erano anche le vie attraverso le quali raggiungeva il popolo. Ha parlato di Cristo che suona un Brahms, un Beethoven o uno Chopin. Ha trovato tracce di Cristo, o almeno della sua attesa, nella poesia, ad esempio, di Leopardi. Ha citato innumerevoli grandi autori letterari di tutti i tempi, per aiutarci a vedere l'impronta, il segno del divino, all'interno del genio dell'uomo.

In questo modo ha aperto la vita di coloro che lo hanno seguito alla curiosità, a una sana curiosità verso tutto ciò che vive nell'Universo e ci parla del Mistero. Cultura, per Giussani, non significa affatto accumulo di conoscenze, ma, al contrario, capacità di relazionarsi con tutto ciò che è vivo e umano e che porta in sé la questione dell'infinito.

L'autoreFrancisco Otamendi

In collaborazione con
Volete notizie indipendenti, veritiere e pertinenti?

Caro lettore, Omnes riferisce con rigore e profondità sull'attualità religiosa. Facciamo un lavoro di inchiesta che permette al lettore di acquisire criteri sugli eventi e le storie che accadono in ambito cattolico e nella Chiesa. Abbiamo firme stellari e corrispondenti a Roma che ci aiutano a far emergere l'informazione di fondo dal rumore mediatico, con distanza ideologica e indipendenza.

Abbiamo bisogno di voi per affrontare le nuove sfide di un panorama mediatico in evoluzione e di una realtà che richiede riflessione, abbiamo bisogno del vostro sostegno.

In collaborazione con
Per saperne di più su Omnes
Newsletter La Brújula Lasciateci la vostra e-mail e riceverete ogni settimana le ultime notizie curate con un punto di vista cattolico.