Mondo

L'arcivescovo Jozef Haľko: "Lo scopo principale della visita del Papa è approfondire la nostra fede in Gesù Cristo".

Omnes parla con Mons. Jozef Haľko, Vescovo ausiliare di Bratislava, Slovacchia, in occasione della prossima visita pastorale del Papa nel Paese, dal 12 al 15 settembre 2021.

Alfonso Riobó-30 agosto 2021-Tempo di lettura: 7 minuti
jozef halko

"Dal 12 al 15 settembre prossimo, a Dio piacendo, mi recherò in Slovacchia per una Visita Pastorale", ha annunciato Papa Francesco. "Prima concelebrerò la Messa conclusiva del Congresso Eucaristico Internazionale di Budapest", ha aggiunto il Papa. "Ringrazio di cuore tutti coloro che stanno preparando questo viaggio e prego per loro. Preghiamo tutti per questo viaggio e per le persone che stanno lavorando per organizzarlo".

In occasione di questo viaggio, il secondo di Papa Francesco dopo la pandemia COVID-19, dopo la sua storica visita in Iraq, Omnes parla con Mons. Jozef Haľko, Vescovo ausiliare di Bratislava, Slovacchia.

L'annuncio della visita del Papa è stata una sorpresa per gli slovacchi? Non molto tempo fa sembrava irrealistico pensare a una simile possibilità...

Non ci ha sorpreso solo l'annuncio della visita, ma anche la sua durata, visto che durerà tre giorni. Tuttavia, non c'era tempo per sorprendersi, perché bisognava mettersi subito al lavoro per far sì che la visita andasse nel migliore dei modi e, soprattutto, che producesse buoni frutti spirituali.

San Giovanni Paolo II ha visitato brevemente la Slovacchia nel 1990, prima dell'indipendenza del Paese, e poi altre due volte, nel 1995 e nel 2003. Sarà la quarta visita di un Papa.

Le tre visite di Papa Giovanni Paolo II sono rimaste impresse nella storia della nuova Slovacchia post-comunista.

È interessante ricordare che già durante il comunismo, negli anni '80, fu condotta una grande campagna di raccolta firme per invitare Papa Giovanni Paolo II a venire in Slovacchia. I comunisti reagirono con molta rabbia, ma le firme arrivarono comunque a Papa Giovanni Paolo II, che si commosse.

Monsignor Jozef Haľko è vescovo ausiliare di Bratislava, in Slovacchia.

Non molto tempo fa, fino al 1989, la Slovacchia era sotto il totalitarismo comunista. La società è cambiata molto da allora. Quali sono le sfide attuali per la Chiesa?

Le sfide della Chiesa oggi sono quelle di costruire una società sana, basata su una famiglia sana e forte, in cui i bambini siano educati secondo i normali valori tradizionali. Allo stesso tempo, è molto importante affrontare i vari esperimenti nel campo delle relazioni in famiglia, nella coppia, nei bambini. È anche una grande sfida evangelizzare le giovani generazioni, anche attraverso i social network.

La sfida per la Chiesa oggi è quella di costruire una società sana, basata su una famiglia sana e forte, in cui i bambini siano educati secondo i normali valori tradizionali.

Monsignor Jozef HaľkoVescovo ausiliare di Bratislava

Il motto della visita papale è: "Con Maria e Giuseppe in cammino verso Gesù". Può spiegarlo?

Il motto della visita del Papa si ispira alla devozione mariana, molto diffusa in Slovacchia, e all'Anno di San Giuseppe che è stato proclamato, mentre l'obiettivo fondamentale della visita del Vescovo di Roma, del Papa e del Pastore Supremo della Chiesa rimane l'approfondimento della fede in Gesù Cristo come nostro personale Salvatore, Redentore e Protettore.

L'obiettivo fondamentale della visita del Vescovo di Roma, Papa e Pastore supremo della Chiesa, è l'approfondimento della fede in Gesù Cristo come nostro Salvatore.

Monsignor Jozef HaľkoVescovo ausiliare di Bratislava

La devozione mariana si esprime, ad esempio, nella patrona del Paese, la Madonna dei Sette Dolori, venerata a Šaštín. Qual è il significato della presenza del Papa al pellegrinaggio del 15 settembre?

La visita del Papa a Šaštín, e la sua presenza al santuario mariano nazionale dei Sette Dolori Vigren, ha un messaggio profondo, con vari aspetti: lì pregheremo insieme in unione con il successore di San Pietro, nella consapevolezza di avere una sola Madre, che è quindi "Madre della Chiesa", la Madre dei Sette Dolori. Lì sperimenteremo in modo molto speciale una comunione basata sulla pietà mariana, che è la via più sicura per arrivare a Gesù.

Un segno di vitalità è l'alto numero di persone che si confessano o i molti giovani che frequentano la Messa nei giorni feriali. Il 14 settembre il Papa incontrerà i giovani a Košice: quali frutti si aspetta?

La giovane generazione è molto ricettiva e critica. Allo stesso tempo, sono alla ricerca di un significato per la loro vita e forse mai prima d'ora sono stati messi sotto pressione da così tante offerte alternative a questo proposito. Ecco perché la voce solenne del Sommo Sacerdote, Papa Francesco, sarà molto importante anche per loro. La gioventù slovacca ha un enorme potenziale spirituale che è importante non solo cogliere e risvegliare, ma anche sviluppare costantemente. 

C'è un enorme potenziale spirituale nella gioventù slovacca, ed è importante non solo catturarlo e risvegliarlo, ma anche svilupparlo costantemente.

Monsignor Jozef HaľkoVescovo ausiliare di Bratislava

Il Papa incontrerà sacerdoti, religiosi e catechisti a Bratislava. Nei primi anni dopo la caduta del comunismo, il numero di vocazioni era relativamente alto. Qual è la situazione della pastorale vocazionale oggi?

La pastorale vocazionale richiede un'attenzione costante ai giovani, a tutti i livelli di contatto che la vita naturalmente porta loro. La pastorale vocazionale non è pensabile senza la pastorale familiare, senza la pastorale e l'evangelizzazione anche nelle reti sociali, che sono le piattaforme di contatto dei giovani di oggi. Ad esempio, i campi per chierichetti organizzati dai seminaristi e sostenuti dalle diocesi sono di grande importanza. Lì i ragazzi vedono giovani uomini, vicini a loro per età, che hanno già deciso di fare il passo, di studiare teologia e di prepararsi spiritualmente al sacerdozio.

La Cattedrale di San Martino a Bratislava ospiterà l'incontro di Papa Francesco con vescovi, sacerdoti, religiosi, seminaristi e catechisti.

Una peculiarità della Slovacchia è la presenza di un numero significativo di greco-cattolici; ragioni storiche hanno fatto della Slovacchia un ponte tra Oriente e Occidente, ma sempre legato a Roma. Francesco incontrerà i greco-cattolici a Prešov.

Già in occasione di un incontro a Roma, Papa Francesco ha invitato i greco-cattolici slovacchi a preservare e mantenere la loro identità, compreso il loro specifico rito bizantino. L'incontro in Slovacchia continuerà senza dubbio su questa linea, e questa sarà una grande soddisfazione per i greco-cattolici che sono stati perseguitati ed esclusi per 18 anni durante l'era comunista: non gli è stato permesso di esistere.

L'incontro con la minoranza rom del distretto Luník IX porterà il Papa in una delle principali "periferie" della società slovacca, e in una sfida pastorale importante.

Il Papa invita i Rom a diventare un dono per la società con la loro cultura, per ricevere allo stesso tempo tutti gli aspetti positivi della società in cui vivono. La presenza del Papa al Luník di Košice sarà anche un grande incoraggiamento per coloro che lavorano ogni giorno per prendersi cura dei Rom.

Bratislava, la capitale, ha le sue peculiarità. Quali sono le priorità dell'arcidiocesi?

L'evangelizzazione di Bratislava, sia come capitale che come grande città, ha certamente i suoi aspetti peculiari.

È importante che i cattolici in tutti gli ambiti della vita civile testimonino apertamente il Cristo vivente, che il suo Vangelo possa essere vissuto nella realtà quotidiana. La città, ovviamente, presuppone l'evangelizzazione dell'ambiente studentesco, dell'ambiente imprenditoriale, dell'ambiente politico. Il Vangelo ha in sé il potere di ispirare ogni ambito della vita sociale.

La visita del Papa è legata al Congresso Eucaristico Internazionale di Budapest, da dove il Santo Padre arriverà in Slovacchia?

È possibile vedere una certa simmetria tra gli eventi del Congresso eucaristico di Budapest e la visita del Papa in Slovacchia. Il Congresso eucaristico di Budapest tratterà i temi degli zingari, degli ebrei, delle periferie e dei giovani in relazione all'Eucaristia, tutti temi che sono stati oggetto di diversi incontri del Papa in Slovacchia. Il fatto che il Papa chiuderà il Congresso Eucaristico con una Santa Messa solenne, dalla quale partirà immediatamente per la Slovacchia, crea un legame molto stimolante tra i due eventi.

Lei è responsabile della preparazione spirituale alla visita del Santo Padre: come si svolge questa preparazione?

L'obiettivo principale della preparazione spirituale è quello di vivere la presenza del Papa in Slovacchia come un evento altamente spirituale, dopo il quale saremo stati rafforzati nella fede dal successore di San Pietro. Con l'aiuto della preparazione spirituale, ci stiamo, per così dire, "sintonizzando" sulle "lunghezze d'onda" di Papa Francesco, per poterlo ascoltare con attenzione, senza essere distratti da domande irrilevanti o meno rilevanti, e per desiderare di essere rafforzati nella fede, nella nostra fede personale in Gesù Cristo.

Pellegrini slovacchi festeggiano l'annuncio della visita del Papa nel Paese in Piazza San Pietro. Foto: ©2021 Catholic News Service / Conferenza dei vescovi cattolici degli Stati Uniti.

I vescovi hanno proposto tre intenzioni di preghiera in preparazione alla visita: per il Papa, per la Chiesa in Slovacchia e per tutti gli uomini sulla terra.

Naturalmente, la preghiera è un elemento essenziale e indispensabile della preparazione, perché senza di essa davvero "non possiamo fare nulla", come dice Gesù stesso. Queste tre preghiere hanno una loro logica: preghiamo per colui che verrà; preghiamo per coloro ai quali verrà; e, infine, preghiamo per tutti gli uomini, perché ogni visita del Romano Pontefice, cioè del costruttore di ponti, è anche per costruire ponti nelle relazioni umane e per edificare la grande famiglia dei fedeli di Cristo.

Per prepararci, preghiamo per colui che verrà; preghiamo per coloro ai quali verrà; e, infine, preghiamo per tutti gli uomini, perché ogni visita del Romano Pontefice serve anche a costruire ponti nelle relazioni umane e a edificare la grande famiglia dei fedeli di Cristo.

Monsignor Jozef HaľkoVescovo ausiliare di Bratislava

Per quanto riguarda il futuro del cattolicesimo nel Paese, in una lettera pastorale i vescovi ci hanno invitato a porci due domande: "Come appare la Slovacchia oggi" e "Come vogliamo che appaia domani"? Permettetemi di farvi queste stesse domande....

Queste due questioni sono inseparabili e costituiscono la dinamica dello sviluppo spirituale di ogni individuo e della società nel suo complesso. Infatti, se non chiamiamo veramente la realtà con il suo nome, compresi gli errori, i fallimenti e le mancanze, non possiamo procedere adeguatamente verso il futuro, nello sforzo di migliorare e approfondire ciò che è andato storto.

Quando Gesù disse al giovane ricco: "Ti manca ancora qualcosa", ripete la stessa cosa a tutti noi oggi. Non possiamo rimanere bloccati nel letargo e nella passività, ma - come dice Papa Francesco - dobbiamo essere in grado di sognare. E dobbiamo essere in grado di far scomparire gradualmente i sogni, facendoli diventare realtà.

Il programma del Papa in Slovacchia

    Domenica 12 settembre
    15.30 Arrivo a Bratislava da Budapest e ricevimento ufficiale
    16:30 Incontro ecumenico presso la Nunziatura Apostolica
    17:30 Incontro privato con i membri della Compagnia di Gesù

    Lunedì 13 settembre
    9:15 Cerimonia di benvenuto (Palazzo presidenziale, Bratislava)
    9:30 Visita di cortesia al Presidente della Repubblica
    10:00 Incontro con i rappresentanti dello Stato, della società civile e del corpo diplomatico (Palazzo presidenziale)
    10:45 Incontro con i vescovi, i sacerdoti, le persone consacrate, i seminaristi e i catechisti presso la Cattedrale di San Martino, a Bratislava.
    16:00 Visita privata al Centro Betlehem, Bratislava
    16:45 Incontro con la comunità ebraica in piazza Rybné námestie, Bratislava
    18:00 Incontro con il Presidente del Parlamento presso la Nunziatura Apostolica
    18:15 Incontro con il Primo Ministro presso la Nunziatura Apostolica

    Martedì 14 settembre
    9:00 Arrivo in aereo a Košice
    10:30 Divina Liturgia di San Giovanni Crisostomo nel Palazzetto dello Sport comunale di Prešov
    16:00 Incontro con la comunità rom di Luník IX. a Košice
    17:00 Incontro con i giovani allo stadio Lokomotíva di Košice
    18:30 Partenza per Bratislava

    Mercoledì 15 settembre
    9:10 Incontro di preghiera con i vescovi presso il santuario nazionale di Šaštín
    10:00 Santa Messa all'aperto presso il santuario di Šaštín
    13:30 Cerimonia di saluto in aeroporto e partenza per Roma.

In collaborazione con
Volete notizie indipendenti, veritiere e pertinenti?

Caro lettore, Omnes riferisce con rigore e profondità sull'attualità religiosa. Facciamo un lavoro di inchiesta che permette al lettore di acquisire criteri sugli eventi e le storie che accadono in ambito cattolico e nella Chiesa. Abbiamo firme stellari e corrispondenti a Roma che ci aiutano a far emergere l'informazione di fondo dal rumore mediatico, con distanza ideologica e indipendenza.

Abbiamo bisogno di voi per affrontare le nuove sfide di un panorama mediatico in evoluzione e di una realtà che richiede riflessione, abbiamo bisogno del vostro sostegno.

In collaborazione con
Per saperne di più su Omnes
Newsletter La Brújula Lasciateci la vostra e-mail e riceverete ogni settimana le ultime notizie curate con un punto di vista cattolico.