Vaticano

Messaggio di Papa Francesco per la 2ª Giornata mondiale dei nonni e degli anziani

La giornata è stata istituita nel 2021 e viene celebrata ogni anno in tutta la Chiesa la quarta domenica di luglio, intorno alla festa di San Gioacchino e Sant'Anna, i "nonni" di Gesù. Quest'anno si svolge il 24 luglio.

Maria José Atienza-20 luglio 2022-Tempo di lettura: 6 minuti
festa dei nonni

Il Papa ha indirizzato un messaggio per questa occasione in cui invita i nonni e gli anziani a continuare a portare frutto e propone loro di vivere in modo particolare la dimensione della preghiera. Ha inoltre incoraggiato tutti ad andare a trovare gli anziani più soli, nelle loro case o nei residence in cui vivono.

Nella vecchiaia continueranno a dare frutti". (Il sale 92,15)

Cara sorella, caro fratello:

Il versetto del Salmo 92 "nella vecchiaia continueranno a portare frutto" (v. 15) è una buona notizia, un vero e proprio "vangelo", che possiamo annunciare al mondo in occasione della seconda Giornata Mondiale dei Nonni e degli Anziani. Questo è in contrasto con ciò che il mondo pensa di questa età della vita; e anche con l'atteggiamento rassegnato di alcuni di noi anziani che vanno avanti con poche speranze e non si aspettano più nulla dal futuro.

La vecchiaia spaventa molte persone. La considerano una sorta di malattia con cui è meglio non entrare in contatto. Gli anziani non ci interessano, pensano, ed è meglio che stiano il più lontano possibile, magari insieme tra di loro, in strutture dove sono assistiti e dove noi siamo risparmiati dal doverci occupare delle loro preoccupazioni. È la "cultura dell'usa e getta", quella mentalità che, mentre ci fa sentire diversi dai più deboli e ignari delle loro fragilità, ci autorizza a immaginare percorsi separati tra "noi" e "loro". Ma, in realtà, la lunga vita - come insegna la Scrittura - è una benedizione e gli anziani non sono degli emarginati da cui allontanarsi, ma segni viventi della bontà di Dio che concede la vita in abbondanza. Beata la casa che si prende cura di una persona anziana! Beata la famiglia che onora i nonni!

In effetti, la vecchiaia non è una stagione facile da capire, anche per chi la sta già vivendo. Anche se arriva dopo un lungo viaggio, nessuno ci ha preparato ad esso e sembra quasi che ci colga di sorpresa. Le società più sviluppate investono molto in questa età della vita, ma non ci aiutano a interpretarla; offrono piani di assistenza, ma non piani di esistenza. . Per questo è difficile guardare al futuro e intravedere un orizzonte verso cui volgersi. Da un lato, siamo tentati di esorcizzare la vecchiaia nascondendo le rughe e fingendo di essere per sempre giovani; dall'altro, sembra che non resti che vivere senza speranza, rassegnati a non avere più "frutti da dare".

La fine del lavoro e l'indipendenza dei figli possono ridurre i motivi per cui abbiamo speso tante energie. La consapevolezza che le nostre forze stanno diminuendo o l'insorgere di una malattia possono mettere in crisi le nostre certezze. Il mondo - con i suoi tempi accelerati, di fronte ai quali facciamo fatica a stare al passo - sembra non lasciarci alternative e ci porta a interiorizzare l'idea dello scarto. È questo che porta il salmista a esclamare: "Non respingermi nella mia vecchiaia, non abbandonarmi quando le forze mi vengono meno" (71,9).

Ma lo stesso salmo - che scopre la presenza del Signore nelle diverse stagioni della vita - ci invita a continuare ad aspettare. Quando invecchieremo e ingrasseremo, lui continuerà a darci la vita e non permetterà che il male ci sconfigga. Confidando in Lui, troveremo la forza di lodarlo sempre di più (cfr. vv. 14-20) e scopriremo che invecchiare non è solo il naturale deterioramento del corpo o l'ineluttabile passare del tempo, ma il dono di una lunga vita. Invecchiare non è una condanna, è una benedizione!

Per questo motivo, dobbiamo vigilare su noi stessi e imparare a condurre una vecchiaia attiva anche dal punto di vista spirituale, coltivando la nostra vita interiore attraverso la lettura assidua della Parola di Dio, la preghiera quotidiana, la pratica dei sacramenti e la partecipazione alla liturgia. E, insieme al rapporto con Dio, il rapporto con gli altri, soprattutto con la famiglia, i figli e i nipoti, ai quali possiamo offrire il nostro affetto e le nostre cure; ma anche con i poveri e gli afflitti, che possiamo avvicinare con l'aiuto concreto e la preghiera. Tutto questo ci aiuterà a non sentirci semplici spettatori nel teatro del mondo, a non limitarci a "guardare dal balcone", a guardare dalla finestra. Affinando i nostri sensi per riconoscere la presenza del Signore. saremo come "ulivi verdeggianti nella casa di Dio" (cfr. Il sale 52,10), e possiamo essere una benedizione per chi ci vive accanto.

La vecchiaia non è un tempo inutile in cui ci si mette da parte, lasciando i remi in barca, ma è una stagione per continuare a portare frutto. Una nuova missione ci attende e ci invita a guardare al futuro. "La particolare sensibilità di noi anziani, della vecchiaia per le attenzioni, i pensieri e gli affetti che ci rendono più umani, dovrebbe tornare a essere una vocazione per molti. E sarà una scelta d'amore degli anziani verso le nuove generazioni". . È il nostro contributo alla rivoluzione della tenerezza Una rivoluzione spirituale e pacifica in cui vi invito, cari nonni e anziani, a svolgere un ruolo di primo piano.

Il mondo sta vivendo un momento di grave prova, segnato prima dalla tempesta inaspettata e furiosa della pandemia, poi da una guerra che colpisce la pace e lo sviluppo su scala globale. Non è un caso che la guerra sia tornata in Europa in un momento in cui la generazione che l'ha vissuta nel secolo scorso sta scomparendo. E queste grandi crisi possono renderci insensibili al fatto che ci sono altre "epidemie" e altre forme diffuse di violenza che minacciano la famiglia umana e la nostra casa comune.

Di fronte a tutto questo, abbiamo bisogno di un cambiamento profondo, di una conversione che smilitarizzi i cuori, permettendo a tutti di riconoscersi come fratelli e sorelle. E noi, nonni e anziani, abbiamo una grande responsabilità: insegnare alle donne e agli uomini del nostro tempo a vedere gli altri con la stessa comprensione e lo stesso sguardo tenero che rivolgiamo ai nostri nipoti. Abbiamo affinato la nostra umanità prendendoci cura degli altri e oggi possiamo essere maestri di uno stile di vita pacifico e attento ai più deboli. Il nostro atteggiamento può forse essere scambiato per debolezza o sottomissione, ma è il mite, non l'aggressivo o il prevaricatore, che erediterà la terra (cfr. Mt 5,5).

Uno dei frutti che siamo chiamati a portare è quello di proteggere il mondo. "Siamo tutti passati attraverso le ginocchia dei nonni, che ci hanno portato in braccio". Ma oggi è il momento di tenere in ginocchio - con l'aiuto concreto o almeno con la preghiera - insieme ai nostri, tutti quei nipoti impauriti che non abbiamo ancora conosciuto e che magari fuggono dalla guerra o soffrono a causa di essa. Portiamo nel cuore - come San Giuseppe, padre tenero e premuroso - i piccoli dell'Ucraina, dell'Afghanistan, del Sud Sudan.

Molti di noi hanno maturato una coscienza saggia e umile, di cui il mondo ha tanto bisogno. Non ci si salva da soli, la felicità è un pane mangiato insieme. Testimoniamolo a coloro che si illudono di trovare la realizzazione personale e il successo nel confronto. Tutti, anche i più deboli, possono farlo. Anche lasciarsi accudire - spesso da persone di altri Paesi - è un modo per dire che la convivenza non è solo possibile, ma necessaria.

Care nonne e cari nonni, care vecchiette e cari vecchietti, in questo nostro mondo siamo chiamati ad essere gli artefici della rivoluzione della tenerezza. Lo facciamo imparando a usare sempre di più e meglio lo strumento più prezioso che abbiamo, e più adatto alla nostra età: la preghiera. "Diventiamo anche noi un po' poeti della preghiera: coltiviamo il gusto di trovare le nostre parole, rifacciamo nostre quelle che la Parola di Dio ci insegna". . La nostra invocazione fiduciosa può fare molto, può accompagnare il grido di dolore di chi soffre e può contribuire a cambiare i cuori. Possiamo essere "il "coro" permanente di un grande santuario spirituale, dove la preghiera di supplica e il canto di lode sostengono la comunità che lavora e lotta nel campo della vita".

Ecco perché la Giornata mondiale dei nonni e degli anziani è un'occasione per dire ancora una volta, con gioia, che la Chiesa vuole festeggiare con coloro ai quali il Signore - come dice la Bibbia - ha concesso "un'età avanzata". Festeggiamo insieme! Vi invito a proclamare questa Giornata nelle vostre parrocchie e comunità, ad andare a trovare gli anziani più soli, nelle loro case o nelle residenze in cui vivono. Cerchiamo di fare in modo che nessuno viva questo giorno da solo. Avere qualcuno da aspettare può cambiare il senso delle giornate di chi non si aspetta più nulla di buono in futuro; e da un primo incontro può nascere una nuova amicizia. Visitare gli anziani soli è un'opera di misericordia del nostro tempo.

Chiediamo alla Madonna, Madre della Tenerezza, di fare di tutti noi gli architetti della rivoluzione della tenerezzaInsieme, per liberare il mondo dall'ombra della solitudine e dal demone della guerra.

Che la mia Benedizione, con la certezza della mia amorevole vicinanza, raggiunga tutti voi e i vostri cari. E voi, per favore, non dimenticate di pregare per me.

L

In collaborazione con
Volete notizie indipendenti, veritiere e pertinenti?

Caro lettore, Omnes riferisce con rigore e profondità sull'attualità religiosa. Facciamo un lavoro di inchiesta che permette al lettore di acquisire criteri sugli eventi e le storie che accadono in ambito cattolico e nella Chiesa. Abbiamo firme stellari e corrispondenti a Roma che ci aiutano a far emergere l'informazione di fondo dal rumore mediatico, con distanza ideologica e indipendenza.

Abbiamo bisogno di voi per affrontare le nuove sfide di un panorama mediatico in evoluzione e di una realtà che richiede riflessione, abbiamo bisogno del vostro sostegno.

In collaborazione con
Per saperne di più su Omnes
Newsletter La Brújula Lasciateci la vostra e-mail e riceverete ogni settimana le ultime notizie curate con un punto di vista cattolico.