Mondo

Un attore francese convertito dall'Islam

Intervista a Mehdi-Emmanuel Djaadi, attore francese di 35 anni. Nominato nel 2016 al César per l'attore più promettente per il suo ruolo in "Je suis à vous tout de suite" di Baya Kasmi, dopo la sua conversione dall'Islam, ora vuole essere un ponte tra le persone, tra il suo pubblico e Dio.

Bernard García Larraín-4 gennaio 2022-Tempo di lettura: 5 minuti
attore francese convertito

Traduzione dell'articolo in inglese

Ci incontriamo una fredda sera di dicembre nel caffè "Le café qui parle", nel quartiere parigino molto artistico di Montmartre, vicino alla Basilica del Sacro Cuore. Mehdi-Emmanuel Djaadi, attore francese di 35 anni, ha appena terminato il suo spettacolo al teatro Galabru, a pochi metri di distanza. Il bar è pieno e l'aria è molto allegra. Quasi tutti i presenti hanno partecipato alla mostra. Fanno parte delle 150 persone che da diversi mesi riempiono questo teatro ogni giovedì e venerdì per vedere Mehdi. Non a caso, da gennaio lo spettacolo si svolgerà in una sede più ampia, al Teatro Petit Montparnasse.

L'attore si aggira da un tavolo all'altro chiacchierando, scherzando, condividendo impressioni. È come uno sposo sorridente che saluta gli invitati al pranzo di nozze. Il suo interesse va oltre la conoscenza di queste persone; vuole che il suo lavoro aiuti il pubblico a comprendere la sua fede. Dopo un po', l'attore riesce a sedersi tranquillamente con me per cenare e conversare. Sua moglie, Anne, si unisce alla nostra conversazione. La nostra cena è continuamente interrotta dal suo pubblico che viene a fargli domande, a salutarlo, a ringraziarlo.

C'è grande entusiasmo, il suo carisma facilita il contatto, l'autenticità della relazione: una coppia di protestanti lo invita a essere testimone nella loro comunità, una ragazza lo invita a partecipare alle visite che organizza nella famosa prigione La Santé (l'unica prigione di Parigi all'interno delle mura), un ragazzo omosessuale gli pone una domanda esistenziale, il cantante Ekoué, che vive in questo quartiere, lo saluta. Mehdi-Emmanuel, nominato nel 2016 al César per l'attore più promettente per il suo ruolo in "Je suis à vous tout de suite" di Baya Kasmi, vuole essere un ponte tra le persone, tra il suo pubblico e Dio. "Coming Out", il suo spettacolo in cui racconta la sua conversione al cattolicesimo dall'Islam in un monologo comico di oltre un'ora, sta suscitando grande scalpore. Le Figaro gli ha dedicato un articolo elogiativo nel mese di ottobre con il titolo "La risata del convertito" e, secondo quanto riportato dalla rivista New York TimesLo spettacolo "rompe gli stereotipi". 

- Nel suo spettacolo racconta il suo incredibile viaggio verso la fede, la sua conversione al cattolicesimo dall'Islam. Cosa può dirci di più sulla sua storia personale? 

Sono nato nel 1986 a Saint-Etienne (Francia sud-orientale) in un sobborgo di immigrati di diverse origini, dominato dagli anni Duemila dalla presenza di un Islam rigido e comunitario. Da bambino, praticavo la religione musulmana con grande convinzione e, allo stesso tempo, con gli amici del mio quartiere, commettevamo alcuni reati. È stato impersonando altre persone per rubare che ho scoperto la mia capacità di imitare altre persone, la mia vocazione artistica e teatrale. Ho studiato teatro a Valence (Francia) nel 2007 e poi, nel 2010, sono entrata all'École Supérieure d'Art Dramatique di Losanna (Svizzera). 

I miei genitori sono algerini, mio padre è un operaio e mia madre una tata. Mi iscrissero a una scuola cristiana dove andavo durante la settimana. Nei fine settimana andavo alla scuola coranica per studiare l'Islam. A 18 anni, quando ero con gli amici, siamo entrati in una chiesa protestante per curiosità. Il pastore ci ha accolto molto calorosamente e ci ha detto l'essenziale: che Gesù ci ama. E ci ha dato una Bibbia. Ho iniziato a leggerlo di nascosto, mi ha interessato molto e mi ha fatto riflettere. I cattolici sono abituati a sentirsi parlare di fraternità, di amore reciproco. Per me è stato qualcosa di totalmente nuovo, un messaggio radicale che non mi ha lasciato indifferente.

Tre anni dopo quell'incontro sono stato battezzato come protestante e ho scelto il nome Emmanuel. Non ho mai sentito il pastore che ha avuto un'influenza così importante sulla mia vita. Durante un ritiro che ho fatto nel 2011, in un'abbazia, ho avuto un'esperienza molto profonda e personale con Cristo. Ho capito che dovevo entrare nella Chiesa cattolica. Mi commuovo quando ricordo quel momento.

- Ci vuole coraggio per convertirsi al cattolicesimo come figlio di immigrati algerini. Come hanno reagito amici e familiari alla sua conversione? 

Ho perso molti amici e i miei fratelli non mi parlano più. L'incomprensione e il rifiuto sono stati molto forti. Grazie a Dio, mi sono riconciliato con i miei genitori, anche se sono profondamente feriti dal percorso che ho intrapreso. Nonostante ciò, non credo che dovremmo avere paura; spesso smettiamo di agire, paralizzati dalla paura. Dobbiamo avere più fiducia nella Provvidenza. 

- In Francia, i temi dell'identità francese, dell'Islam e dell'immigrazione sono stati al centro del dibattito pubblico per molti anni. In questo contesto, qual è l'obiettivo del vostro lavoro? 

Figlio di immigrati algerini, mi sento completamente francese senza dimenticare le mie radici dall'altra parte del Mediterraneo. Amo la Francia. Mio nonno algerino ha combattuto per la Francia durante la Seconda guerra mondiale. Oggi, il tema dell'immigrazione è effettivamente una questione politica importante, in particolare per quanto riguarda l'Islam. Di fronte a questo bivio, noi cattolici dobbiamo essere migliori, più ferventi, più consapevoli della nostra fede e delle radici cristiane del nostro Paese. Ho imparato ad amare la Francia camminando, vedendo i suoi grandi monumenti, le sue chiese e i suoi monasteri che si trovano in ogni angolo del nostro Paese.

Quindi vedo il mio lavoro come un'opportunità per un'ampia varietà di persone di entrare in contatto con la fede. Il mio obiettivo è generare questi incontri, queste occasioni per poter condividere ciò che ho dentro. In breve, cerco di essere come un "ponte" tra due mondi molto diversi, l'Islam e il Cristianesimo, perché per me l'incontro precede il dialogo. 

- Oltre a "Coming Out", quali altri progetti ha in mente? 

Da un lato, sono coinvolto nella missione "Ismérie", un'iniziativa laica che cerca di accogliere e accompagnare i convertiti dall'Islam all'interno della Chiesa. Nell'Islam, un cambiamento di religione non è tollerato e i convertiti sono spesso visti come traditori del loro ambiente. In Francia, ogni anno vengono battezzati circa 300 musulmani (10% dei catecumeni). Il governo francese ha pubblicato una "carta dei principi dell'Islam" in cui chiede di non criminalizzare la rinuncia all'Islam, né di qualificarla come apostasia. Questa richiesta è stata respinta da tre federazioni musulmane. Allo stesso tempo, dobbiamo migliorare la qualità dell'accoglienza nella Chiesa per le persone provenienti dall'Islam. Spesso sono visti con diffidenza nella comunità cattolica. Non per niente nel mio spettacolo prendo in giro, in modo simpatico, alcuni gruppi cattolici.  

D'altra parte, voglio continuare a svilupparmi nell'ambiente teatrale dove il cattolicesimo non è di moda. Vorrei anche che "Coming Out" fosse riconosciuto per la sua qualità tecnica e artistica, e spero che grandi registi e produttori possano partecipare. Noi cattolici abbiamo la sfida di essere buoni professionisti in campo artistico per raggiungere un pubblico più ampio, al di là degli ambienti cattolici. Voglio continuare a provocare incontri con tutti i tipi di persone. 

L'autoreBernard García Larraín

Per saperne di più
In collaborazione con
Volete notizie indipendenti, veritiere e pertinenti?

Caro lettore, Omnes riferisce con rigore e profondità sull'attualità religiosa. Facciamo un lavoro di inchiesta che permette al lettore di acquisire criteri sugli eventi e le storie che accadono in ambito cattolico e nella Chiesa. Abbiamo firme stellari e corrispondenti a Roma che ci aiutano a far emergere l'informazione di fondo dal rumore mediatico, con distanza ideologica e indipendenza.

Abbiamo bisogno di voi per affrontare le nuove sfide di un panorama mediatico in evoluzione e di una realtà che richiede riflessione, abbiamo bisogno del vostro sostegno.

In collaborazione con
Per saperne di più su Omnes
Newsletter La Brújula Lasciateci la vostra e-mail e riceverete ogni settimana le ultime notizie curate con un punto di vista cattolico.