Mondo

La "Lourdes" ceca, simbolo di riconciliazione

Omnes-17 maggio 2018-Tempo di lettura: 3 minuti

Il santuario mariano di Filipov, nella Repubblica Ceca, noto come la "Lourdes" della Repubblica Ceca, è un simbolo della sollecitudine della Madonna e della riconciliazione tra cechi e tedeschi. Il numero di pellegrini è in crescita.

Testo - Gustavo Monge, Praga

Il santuario ceco di Filipov ha recentemente celebrato i 150 anni dall'apparizione della Madonna, in un luogo che testimonia la speciale sollecitudine della Madre di Dio per coloro che soffrono per malattie o persecuzioni.

Filipov è un santuario mariano a Jiřikov, un villaggio di 3.700 abitanti nella parte settentrionale della Repubblica Ceca, nei Sudeti, a pochi metri dal confine con la Germania. A seguito di un evento senza precedenti, l'apparizione della Vergine Maria a una donna malata terminale, alla fine del XX secolo è stata consacrata qui una chiesa per i pellegrini. Il luogo divenne presto un fulcro della devozione mariana, con processioni fino a 6.000 persone, e venne conosciuto come la "Lourdes della Boemia settentrionale".

Nel corso dei decenni, Filipov è stato anche il simbolo dell'avvicinamento di due nazioni, i cechi e i tedeschi, che nel XX secolo erano profondamente in contrasto a causa del nazionalismo. Come il resto dei Sudeti, Filipov fu annesso da Adolf Hitler nel 1938 e, dopo la Seconda Guerra Mondiale, fu ripreso dalla Cecoslovacchia e tutti i suoi ex abitanti furono espulsi.

La storia di Maria Kade

All'origine del santuario c'è la storia di Maria Magdalena Kade (1835-1905), una tessitrice che, come la stragrande maggioranza degli abitanti di questo angolo della monarchia austro-ungarica, apparteneva alla minoranza di lingua tedesca. Molti lavoravano nelle fabbriche tessili oltre il confine, nella vicina città di Ebersbach-Neugersdorf.

A Kade, in cattive condizioni di salute dall'età di 19 anni, furono infine diagnosticate polmonite e meningite. Cominciò a soffrire di crisi spasmodiche e tutto il suo corpo si ricoprì di ulcere. All'età di 29 anni fu costretta a letto, dove ricevette l'Unzione degli Infermi, e i medici dissero che aveva i giorni contati.

Nella notte tra il 12 e il 13 gennaio 1866, alle quattro del mattino, la Madonna apparve a Kade, che era molto devota alla Madre di Dio, e - come raccontò in seguito - le disse in tedesco: "Figlia mia, da oggi sarai sana". La donna, che si pensava fosse morta, saltò giù dal letto e da quel giorno iniziò a vivere una vita normale, tra lo stupore dei vicini. I medici certificarono che ciò era inspiegabile.

Sul sito della casa di Kade fu costruita una piccola cappella che, dopo l'ampliamento, è stata incorporata nell'attuale basilica minore di Maria Ausiliatrice. Questo luogo ha visto il suo periodo di massimo splendore, ma la sua attività è stata messa a tacere durante la persecuzione comunista nella seconda metà del XX secolo (1948-1989). Nonostante gli sforzi del regime totalitario per impedire l'arrivo dei pellegrini, sono sempre riusciti a mantenere accesa la fiamma. Una fiamma a cui le comunità religiose hanno dato un contributo decisivo.

La verità è che "la catena di Messe nell'anniversario dell'apparizione non è mai stata interrotta", ha detto Marketa Jindrová, che spiega come i comunisti bloccarono la porta della chiesa e lasciarono il luogo all'interno di una striscia di confine appositamente sorvegliata, il che significava che si dovevano superare molti ostacoli per raggiungere il santuario, compresi gli interrogatori della polizia.

L'intercessione della Madonna, particolarmente sentita a Filipov, ha ispirato anche iniziative per il rinnovamento spirituale della nazione ceca. Oggi questo luogo riceve numerosi fedeli da entrambi i lati del confine, con messe celebrate in tedesco e ceco. Inoltre, Filipov è un luogo di pellegrinaggio preferito dai cattolici della Serbia-Lusazia, una minoranza di origine slava che vive nella Sassonia tedesca e che conserva la propria fede romana. In occasione delle feste mariane di maggio, i fedeli tedeschi sono molto numerosi. La processione della Candelora è molto tipica.

Monsignor Jan Baxant, vescovo di Litoměřice, racconta a Palabra che "uscire di casa nel cuore della notte in inverno per andare in questa basilica ghiacciata a Filipov è come una mini-Compostela o una mini-Everest per noi. Spesso riceviamo vescovi tedeschi", aggiunge Jozef Kujan, parroco salesiano e rettore della basilica.

In collaborazione con
Volete notizie indipendenti, veritiere e pertinenti?

Caro lettore, Omnes riferisce con rigore e profondità sull'attualità religiosa. Facciamo un lavoro di inchiesta che permette al lettore di acquisire criteri sugli eventi e le storie che accadono in ambito cattolico e nella Chiesa. Abbiamo firme stellari e corrispondenti a Roma che ci aiutano a far emergere l'informazione di fondo dal rumore mediatico, con distanza ideologica e indipendenza.

Abbiamo bisogno di voi per affrontare le nuove sfide di un panorama mediatico in evoluzione e di una realtà che richiede riflessione, abbiamo bisogno del vostro sostegno.

In collaborazione con
Per saperne di più su Omnes
Newsletter La Brújula Lasciateci la vostra e-mail e riceverete ogni settimana le ultime notizie curate con un punto di vista cattolico.