Mondo

Cura pastorale negli angoli più freddi del mondo. I tabernacoli dell'Antartide

Una pastorale unica al di là delle periferie. Questo è il lavoro pastorale dei cappellani dell'esercito argentino che portano Dio negli angoli più freddi del mondo. 

Javier García-17 novembre 2022-Tempo di lettura: 5 minuti
antartide

Nella storia del cristianesimo ci sono sempre stati aneddoti curiosi. Ad esempio, quando l'astronauta cattolico americano Mike Hopkins ha portato l'Eucaristia nello spazio durante una missione nel 2013. Hopkins ha chiesto alla diocesi di Galveston-Houston, in Texas, il permesso di portare a bordo della navicella delle forme consacrate per poter ricevere la comunione la domenica durante i sei mesi di missione sulla stazione spaziale internazionale. È senza dubbio un aneddoto che passerà alla storia e chissà se diventerà un evento regolare se i viaggi spaziali e la colonizzazione della Luna o di altri pianeti aumenteranno. 

Un'altra di queste presenze eucaristiche molto speciali si trova a sud del 60° parallelo, dove inizia il territorio antartico. Per questo rapporto abbiamo contato sette cappelle cattoliche, cinque appartenenti all'arcivescovado militare argentino, un'altra all'episcopato militare cileno e l'ultima alla diocesi cilena di Río Gallegos. Padre Luis María Berthoud, uno dei cappellani argentini, ha commentato in un'intervista che nella pastorale dell'Antartide, "... la cappellania cattolica in Antartide è una parte molto importante della pastorale dell'esercito cileno".se siamo più Chiesa all'uscita... cadiamo dalla mappa!". 

Oltre alla presenza cattolica, vi sono anche una chiesa della Chiesa anglicana norvegese, una chiesa della Chiesa ortodossa bulgara e una chiesa della Chiesa ortodossa bulgara. Chiesa ortodossa russaTuttavia, potrebbero esserci altre cappelle nelle basi di altri Paesi. Ad esempio, una delle basi americane ha una cappella multiconfessionale che viene frequentata due mesi all'anno da un cappellano. In ogni caso, è difficile sapere quante cappelle ci possano essere in Antartide, poiché la cura pastorale non è centralizzata e dipende dalle diocesi dei diversi Paesi con una presenza in Antartide. 

Tabernacoli al Polo Sud

Come ha fatto la fede a raggiungere questi luoghi? Con le spedizioni scientifiche al Polo Sud, molte delle quali sponsorizzate dagli eserciti di diversi governi. Fu così che il 20 febbraio 1946 il gesuita Felipe Lérida - che in gioventù aveva sopportato il freddo della sua nativa Soria - celebrò la prima Messa nel territorio antartico, dopo aver eretto una croce di 8 metri nella base scientifica argentina. Sale giochiIl primo ad essere stato fondato sul continente antartico, nel 1904. 

Dopo aver celebrato la funzione religiosa, alla mezzanotte del 20 febbraio 1946, padre Lérida inviò questo telegramma a Papa Pio XII: "Prima Messa celebrata, Croce eretta, culto della Vergine Maria stabilito, Continente Antartico, Isole Orcadi, Repubblica Argentina. Padre Lérida, gesuita, Buenos Aires, chiede la benedizione.". Non sono le parole di Armstrong quando ha messo piede sulla Luna, ma sono ugualmente memorabili. 

La presenza umana sul continente ha continuato a crescere e oggi ci sono 43 basi permanenti, provenienti da 20 Paesi diversi, che ospitano una popolazione invernale di circa 1100 persone, anche se nei mesi estivi il loro numero quasi quadruplica.

Masse congelate

L'inverno 2022 si preannuncia più freddo del solito, poiché l'aumento dei prezzi del carburante causato dalla guerra in Ucraina ci porterà ad accendere il riscaldamento meno degli anni precedenti. Tuttavia, questo freddo non è nulla in confronto a quello che si prova ad assistere alla Messa in una delle cappelle del continente antartico. Infatti, anche se non sembra, esistono luoghi di culto anche in posti così lontani. 

La maggior parte delle costruzioni in cui sono ospitate queste cappelle sono molto rudimentali, basate su container da costruzione e altri semplici modelli prefabbricati. A causa delle condizioni climatiche estreme, le strutture dei poli sono spesso piccole, soprattutto perché il numero di fedeli che partecipano alle celebrazioni liturgiche è molto ridotto. 

La cappella di Nuestra Señora de las Nieves, la più a sud del pianeta, si trova presso la base argentina di Belgrano II e la messa si svolge a meno 18 gradi Celsius, quindi le cerimonie non dovrebbero durare a lungo. Certo, il freddo è tollerabile perché è molto secco. Gli altri luoghi di culto dispongono di un certo riscaldamento, che può essere ridotto al minimo.  

Tra tutte le cappelle dell'Antartide, quella di Las Nieves è senza dubbio la più spettacolare, poiché si trova all'interno di un ghiacciaio e tutto l'interno è fatto di ghiaccio. È forse il santuario più a sud del mondo. La fotografia che illustra questo rapporto ne mostra la bellezza. All'interno la temperatura rimane costante, ma all'esterno può arrivare a -35°C in estate... 

Rotazione dei sacerdoti

Quando non c'era carenza di clero, alcuni cappellani trascorrevano tutto l'anno nelle basi, ma da anni ormai possono prestare servizio solo durante la campagna estiva. Tuttavia, i cappellani antartici di tutte le chiese e denominazioni vengono ruotati ogni anno. Di solito i sacerdoti sono presenti in ogni base per alcuni giorni all'anno durante la campagna estiva, quando il sacerdote trascorre alcuni giorni nella base. Oltre alla celebrazione della Messa, si benedicono le persone e si prega per i defunti. Durante questi giorni, molte persone vengono a confessarsi o a chiacchierare con il sacerdote. Per raggiungere le basi, i cappellani di solito approfittano dei viaggi della rompighiaccio. Ammiraglio Irizar La Marina argentina, che sbarca in ogni base per portare cibo per tutto l'anno e raccogliere i rifiuti dell'anno precedente. 

Grazie a questi viaggi, i sacerdoti si recano in luoghi privi di clero per tutto l'anno e lasciano anche l'Eucaristia ai fedeli per ricevere la comunione durante tutto l'anno, poiché in ogni base c'è un ministro della comunione che la distribuisce la domenica. Alcune basi ricevono un sacerdote durante l'inverno, ma non è la norma. Quest'anno cercheremo di avere un sacerdote che passi l'inverno alla base. Base di speranza, e da lì si sposterà in altre tre basi argentine. In alcuni di essi sono presenti numerosi membri del personale di stanza e persino alcune famiglie. 

Quando i cappellani arrivano nelle basi, la loro attività si moltiplica. Ci sono solo pochi giorni a disposizione e molte persone da assistere. Ma nell'esercito, tutti hanno un lavoro e un programma impegnativo, e i sacerdoti aiutano a fare tutto ciò che è necessario: tagliare il ghiaccio, cucinare, pulire o aiutare gli altri nei loro compiti. 

Vivere la fede senza un pastore

Nelle sei basi dell'esercito argentino presidiate tutto l'anno c'è un tabernacolo con forme consacrate per chi desidera ricevere la comunione la domenica. La comunione viene distribuita e i fedeli sono raccolti in preghiera da un ministro della comunione opportunamente istruito, che è anche in frequente contatto con il cappellano dell'esercito incaricato della pastorale antartica. Fornisce loro materiale spirituale o celebra alcune Messe da seguire. online

La pratica della fede non è facile anche per la mancanza di tempo: le giornate lavorative lasciano poco tempo per fermarsi a pregare. Per questo motivo, i cappellani spesso incoraggiano le persone di fede che lavorano sul campo ad abituarsi a trasformare il loro lavoro in preghiera.

La vicinanza del Papa

Nell'aprile 2015, il maresciallo Gabriel Almada non poteva credere alle sue orecchie quando, alzando il telefono, ha sentito all'altro capo del filo nientemeno che Papa Francesco. Aveva ricevuto la richiesta di inviare alcune righe per congratularsi con le truppe di stanza alla base antartica di Marambio per la Pasqua. La cappella di base ospita una replica della Vergine di Luján, trasferita solennemente dal suo santuario nel 1995. Inoltre, da poco tempo, c'è una cassetta con un solideo di Papa Francesco e un rosario da lui benedetto. Arrivò lì per mano di padre Leónidas Torres, che la trasportò il Base Esperanza nel dicembre 2015. Ci sono parecchie famiglie di militari che trascorrono lì tutto l'anno, quindi a volte vi si celebrano anche le prime comunioni. 

Nel 2003 una montagna antartica alta oltre 1000 metri è stata dedicata a San Giovanni Paolo II come omaggio ai suoi 25 anni di pontificato. È contrassegnato dal toponimo Mons. Ioannis Pauli II nei registri internazionali. Il responsabile dei pellegrinaggi romani, monsignor Andreatta, organizzò una spedizione in Antartide per piantare una croce sul ghiacciaio della Horseshoe Valley, e poco dopo furono presi i provvedimenti per registrare il nome della montagna sulle mappe internazionali.

Per saperne di più
In collaborazione con
Volete notizie indipendenti, veritiere e pertinenti?

Caro lettore, Omnes riferisce con rigore e profondità sull'attualità religiosa. Facciamo un lavoro di inchiesta che permette al lettore di acquisire criteri sugli eventi e le storie che accadono in ambito cattolico e nella Chiesa. Abbiamo firme stellari e corrispondenti a Roma che ci aiutano a far emergere l'informazione di fondo dal rumore mediatico, con distanza ideologica e indipendenza.

Abbiamo bisogno di voi per affrontare le nuove sfide di un panorama mediatico in evoluzione e di una realtà che richiede riflessione, abbiamo bisogno del vostro sostegno.

In collaborazione con
Per saperne di più su Omnes
Newsletter La Brújula Lasciateci la vostra e-mail e riceverete ogni settimana le ultime notizie curate con un punto di vista cattolico.