Spagna

Settori laicisti stanno cercando di privare la Chiesa della proprietà delle sue proprietà

Omnes-2 Giugno 2017-Tempo di lettura: 4 minuti

Per motivi ideologici e con argomentazioni legali quasi inesistenti, alcuni gruppi stanno approfittando dell'immatricolazione della proprietà della chiesa per generare una controversia artificiosa.

-Diego Pacheco

A metà maggio, il giudice del Tribunale amministrativo n. 5 di Saragozza ha sospeso il processo di immatricolazione della Cattedrale di San Salvador (La Seo) e della chiesa della Magdalena da parte del Comune. Ha così annullato un accordo del 27 marzo con cui il Comune di Saragozza stabiliva l'avvio di azioni amministrative e giudiziarie per ottenere la proprietà di questi templi e annullare così l'immatricolazione di queste proprietà già effettuata a favore della Chiesa.

Il magistrato sostiene nella sua decisione che la relazione presentata dal Comune non contiene un solo ragionamento sulla fattibilità di quanto si intende realizzare. E soprattutto, "Il rapporto non contiene neppure la minima indicazione di eventuali diritti che il Comune di Saragozza potrebbe vantare sulle suddette chiese, al fine di intraprendere le azioni menzionate nell'accordo". Inoltre, la relazione legale che deve accompagnare questo tipo di accordo comunale, richiesta dalla legge, non è sufficiente secondo il giudice. "in modo che i membri dell'ente comunale abbiano una conoscenza accurata delle circostanze del caso".Quindi l'adozione da parte del giudice di tale ingiunzione provvisoria: per garantire che le autorità locali facciano un uso ponderato delle azioni giudiziarie.

Proprietà indiscussa

Pertanto, il tentativo della giunta di Saragozza di sottrarre La Seo - che è la cattedrale di Saragozza, il tempio principale di una diocesi - alla Chiesa, e il suo progetto di sequestro affinché questi due templi diventino proprietà pubblica, sono stati per il momento abortiti.

Il responsabile della comunicazione dell'arcivescovado di Saragozza, José Antonio Calvo, ha indicato che l'arcivescovado ha preso l'accordo municipale con calma, poiché "La legalità e la giurisprudenza ci sostengono". Calvo esprime la sua fiducia nel fatto che il sistema giudiziario "ci darà ragione". nel caso in cui il concistoro della capitale aragonese decida di adire i tribunali. Lo suggerisce la recente risoluzione del giudice del V tribunale contenzioso-amministrativo di Saragozza. "Se rivendicano la proprietà pubblica, dovranno dimostrarlo, ma è impossibile.", perché entrambi la cattedrale di La Seo e la parrocchia di Santa María Magdalena "sono istituzioni ecclesiastiche dalla loro nascita alla fine dell'XI secolo". e il dominio della Chiesa su questi beni "è stato pacifico, incontestato e noto". nel tempo. Jlegalmente, queste proprietà appartengono alla Chiesa. "per ben 800 anni; pertanto, è indiscutibile".. E così è per molti altri templi, che appartengono alla Chiesa da tempo immemorabile.

Il registro viene successivamente

Calvo ha aggiunto che queste proprietà sono più antiche del catasto, creato nella seconda metà del XIX secolo. Y come "era così noto" che appartenevano al patrimonio della Chiesa, come nel caso dei beni dei comuni e di altre amministrazioni, "Siamo stati esentati dalla possibilità di registrarli".. Per questo motivo, una sentenza del La Corte Suprema afferma "che non è incostituzionale per la Chiesa cattolica immatricolare i beni, ma che è stata privata di questa possibilità per decenni". E Lo scopo di immatricolare queste proprietà è stato quello di "per dare pubblicità a una proprietà che già esisteva, non per prenderne possesso in quel momento".perché il registro Essa "rende visibile ciò che è già una proprietà, ma non la conferisce".

Calvo ha anche assicurato che la registrazione è stata legale e che in nessun caso c'è stata frode legale, dato che all'epoca dell'immatricolazione delle due proprietà (nel 1987 e nel 1988) la normativa stabiliva un'eccezione all'immatricolazione per i templi destinati al culto cattolico, a causa della loro notorietà. L'obiettivo era quello di dare "trasparenza nella situazione di beni che sono nostri da sempre, senza alcuna contestazione e con tutte le dovute evidenze".perché la Chiesa "è un'istituzione più antica dello Stato". e quindi "A volte non abbiamo i titoli di proprietà".perché non c'era un ente che li emettesse.

Uso religioso a rischio

Per l'Arcivescovado di Saragozza, l'iniziativa del Comune costituisce, sotto la bandiera di un malinteso laicismo, un'iniziativa che non ha nulla a che vedere con l'idea di un'Europa che non ha mai avuto un'influenza sul mondo, "un oltraggio ai diritti civili delle istituzioni e alla legittima libertà". "Vogliono privare la Chiesa dei suoi beni", quando è la Chiesa che "ha creato, mantiene e conserva la vita e il suo stesso scopo". di questi edifici, che sono un luogo di "raduno di cristiani". e, allo stesso tempo, "espressione religiosa". Se il comune dovesse rilevare la proprietà di questi due templi, il Comune non potrebbe fare a meno di fare un passo indietro, "lo scopo principale per cui sono stati creati diventerebbe secondario"."perché anche se "Si dice che rimarrebbero luoghi di culto, i conflitti sarebbero assicurati".

Per Calvo, si tratta di "a conflitto creato artificialmente da cause ideologiche e laiciste che vogliono espellere la Chiesa dalla societàdella vita pubblica e cercano il confronto". E se l'iniziativa comunale dovesse andare avanti, conclude, "Saragozza sarebbe un luogo meno libero".

Il problema, dice il portavoce dell'arcivescovo, è che l'iniziativa del consiglio comunale potrebbe diventare, se non viene fermata dai tribunali, un'iniziativa di tipo "legale". "processo sistematico di sequestro e confisca dei beni"..

L'avvocato della diocesi, Ernesto Gómez Azqueta, dubita "che il Consiglio comunale abbia la necessaria legittimità". per avviare tali iniziative; "corrisponderebbe, in ogni caso, al Governo di Aragona o al Governo della nazione"..

Da parte sua, il vice-segretario per gli affari economici della Conferenza Episcopale Spagnola, Fernando Giménez Barriocanal, ha dichiarato di non conoscere la situazione del paese. "Perché vogliono privare i cattolici della proprietà che spetta loro di diritto? e ha anche sottolineato che "Alcuni di questi consigli comunali che dicono che la Chiesa si sta appropriando di questi beni non capiscono per quale scopo e quale uso se ne stia facendo, che è un uso religioso".

Ha aggiunto che "Se il sindaco di Saragozza vuole andare a pregare nella Seo, può andarci, e se vuole usare qualsiasi altra risorsa pubblica, può farlo".

Barriocanal ha ribadito che l'immatricolazione della proprietà "non è una procedura irregolareNon si tratta di saccheggiare o rubare, ma di mettere a disposizione dei cittadini beni che forniscono un servizio enorme".. Ricorda inoltre che ci sono "meccanismi di sfida". "SSe il Comune ha il titolo di proprietà di La Seo, può dimostrare che è il Comune ad averla costruita. e il proprietario potrà intraprendere le stesse azioni di quando qualsiasi altro cittadino scopre che un immobile di sua proprietà risulta al catasto intestato a un altro".

Contribuire alla società

Giménez Barriocanal insiste inoltre sul fatto che i beni della Chiesa sono sempre aperti alla società e "Portano grandi benefici sociali ed economici. Ogni cattedrale rappresenta in media 140 milioni di euro di ricchezza per l'economia spagnola".. Inoltre, questi beni generano 1.500 posti di lavoro.

Resta ora da vedere quale azione intraprenderà il Comune di Saragozza, anche se secondo gli esperti si tratterebbe di un clamoroso fallimento. 

In collaborazione con
Volete notizie indipendenti, veritiere e pertinenti?

Caro lettore, Omnes riferisce con rigore e profondità sull'attualità religiosa. Facciamo un lavoro di inchiesta che permette al lettore di acquisire criteri sugli eventi e le storie che accadono in ambito cattolico e nella Chiesa. Abbiamo firme stellari e corrispondenti a Roma che ci aiutano a far emergere l'informazione di fondo dal rumore mediatico, con distanza ideologica e indipendenza.

Abbiamo bisogno di voi per affrontare le nuove sfide di un panorama mediatico in evoluzione e di una realtà che richiede riflessione, abbiamo bisogno del vostro sostegno.

In collaborazione con
Per saperne di più su Omnes
Newsletter La Brújula Lasciateci la vostra e-mail e riceverete ogni settimana le ultime notizie curate con un punto di vista cattolico.