Vaticano

"La fede in Gesù Cristo libera dalla Legge e allo stesso tempo la porta a compimento".

Papa Francesco ha ricordato all'uditorio generale che i comandamenti sono i "pedagoghi" che ci portano a Gesù, commentando la Lettera di San Paolo ai Galati.

David Fernández Alonso-11 agosto 2021-Tempo di lettura: 3 minuti
pubblico

Foto: ©2021 Catholic News Service / Conferenza dei vescovi cattolici degli Stati Uniti.

Il Santo Padre Francesco ha iniziato l'udienza generale salutando i fedeli riuniti nell'Aula Paolo VI, accolti da un grande applauso.

Nell'udienza di oggi, Papa Francesco ha poi commentato la Lettera di San Paolo ai Galati: "A che cosa serve la legge?Gal 3,19). È questa la domanda che, seguendo San Paolo, vogliamo approfondire oggi, per riconoscere la novità della vita cristiana animata dallo Spirito Santo. L'apostolo scrive: "Se siete guidati dallo Spirito, non siete sotto la legge" (Gal 5,18). Tuttavia, i detrattori di Paolo sostenevano che i Galati avrebbero dovuto seguire la Legge per essere salvati. L'apostolo era fortemente in disaccordo. Non è a queste condizioni che si era accordato con gli altri apostoli a Gerusalemme. Ricorda bene le parole di Pietro quando disse: "Perché dunque ora tentate Dio mettendo sul collo dei discepoli un giogo che né i nostri padri né noi eravamo in grado di portare? Le disposizioni che uscirono da quel "primo concilio" di Gerusalemme erano molto chiare e dicevano: 'Che noi e lo Spirito Santo abbiamo deciso di non imporvi altri pesi se non questi indispensabili: astenersi dalle cose sacrificate agli idoli, dal sangue, dagli animali strangolati e dall'impurità'".

"Quando Paolo parla della Legge, normalmente si riferisce alla Legge mosaica. Questo riguardava l'alleanza che Dio aveva stabilito con il suo popolo. Secondo diversi testi dell'Antico Testamento, il Torah - il termine ebraico per indicare la Legge - è l'insieme di tutte quelle prescrizioni e regole che gli israeliti devono osservare, in virtù della loro alleanza con Dio. Una sintesi efficace di ciò che il Torah si trova in questo testo del Deuteronomio: "Perché il Signore si compiacerà di nuovo della vostra felicità, come si compiacque della felicità dei vostri padri, se obbedirete alla voce del Signore vostro Dio, osservando i suoi comandamenti e i suoi precetti, che sono scritti nel libro di questa Legge, se vi rivolgerete al Signore vostro Dio con tutto il vostro cuore e con tutta la vostra anima" (30:9-10). L'osservanza della Legge garantiva al popolo i benefici dell'alleanza e il legame speciale con Dio. Nel stipulare l'alleanza con Israele, Dio le aveva offerto il Torah affinché potesse comprendere la sua volontà e vivere nella rettitudine. In più di un'occasione, soprattutto nei libri dei profeti, si nota che l'inosservanza dei precetti della Legge costituiva un vero e proprio tradimento dell'Alleanza, provocando la reazione dell'ira di Dio. Il legame tra l'alleanza e la legge era così stretto che le due realtà erano inseparabili.

"Alla luce di tutto ciò, è facile capire come i missionari infiltrati tra i Galati sarebbero stati ben disposti a sostenere che l'adesione all'Alleanza comportava anche l'osservanza della Legge mosaica. Tuttavia, è proprio su questo punto che possiamo scoprire l'intelligenza spirituale di San Paolo e le grandi intuizioni che ha espresso, sostenute dalla grazia ricevuta per la sua missione evangelizzatrice".

"L'Apostolo spiega ai Galati che, in realtà, l'alleanza e la legge non sono indissolubilmente legate. Il primo elemento su cui fa leva è che l'alleanza stabilita da Dio con Abramo era basata sulla fede nell'adempimento della promessa e non sull'osservanza della Legge, che non era ancora in vigore. L'Apostolo scrive: "E io dico: un testamento già fatto da Dio nella forma dovuta [con Abramo], non può essere annullato dalla legge, che viene quattrocentotrenta anni dopo [con Mosè], in modo tale da annullare la promessa. Infatti, se l'eredità dipendesse dalla Legge, non deriverebbe più dalla promessa, eppure Dio ha concesso ad Abramo il suo favore sotto forma di promessa" (Gal 3,17-18). Con questo ragionamento Paolo raggiunge un primo obiettivo: la Legge non è il fondamento dell'alleanza perché è venuta in successione".

"Un tale argomento fa vergognare coloro che sostengono che la Legge mosaica è una parte costitutiva dell'Alleanza. Il TorahInfatti, non è inclusa nella promessa fatta ad Abramo. Detto questo, non bisogna pensare che San Paolo fosse contrario alla Legge mosaica. Più volte, nelle sue Lettere, ne difende l'origine divina e sostiene che ha un ruolo ben preciso nella storia della salvezza. Ma la Legge non dà vita, non offre il compimento della promessa, perché non è in grado di realizzarla. Chi cerca la vita deve guardare alla promessa e al suo compimento in Cristo".

"Carissimi, questa prima esposizione dell'apostolo ai Galati presenta la radicale novità della vita cristiana: tutti coloro che hanno fede in Gesù Cristo sono chiamati a vivere nello Spirito Santo, che libera dalla Legge e al tempo stesso la porta a compimento secondo il comandamento dell'amore".

Alla fine, si è verificato un dettaglio molto particolare. Uno dei suoi collaboratori gli ha consegnato un telefono dove lo attendeva una telefonata, alla quale ha risposto proprio lì, nell'Aula Paolo VI, subito dopo la benedizione che ha concluso l'udienza generale.

Per saperne di più
In collaborazione con
Volete notizie indipendenti, veritiere e pertinenti?

Caro lettore, Omnes riferisce con rigore e profondità sull'attualità religiosa. Facciamo un lavoro di inchiesta che permette al lettore di acquisire criteri sugli eventi e le storie che accadono in ambito cattolico e nella Chiesa. Abbiamo firme stellari e corrispondenti a Roma che ci aiutano a far emergere l'informazione di fondo dal rumore mediatico, con distanza ideologica e indipendenza.

Abbiamo bisogno di voi per affrontare le nuove sfide di un panorama mediatico in evoluzione e di una realtà che richiede riflessione, abbiamo bisogno del vostro sostegno.

In collaborazione con
Per saperne di più su Omnes
Newsletter La Brújula Lasciateci la vostra e-mail e riceverete ogni settimana le ultime notizie curate con un punto di vista cattolico.