Cultura

Javier ViverSe l'arte non genera comunione, sarà qualsiasi altra cosa, ma non arte".

Il fotografo e scultore Javier Viver, autore dell'opera Madre di Hakuna, o il Bella Pastoraè una delle figure di spicco dell'arte sacra contemporanea in Spagna. Dal 25 luglio al 30 luglio, dirigerà il Osservatorio dell'invisibilein cui un centinaio di studenti e professionisti di diverse discipline artistiche condividono esperienze creative e riflessioni nell'ambito del Monastero di Guadalupe. 

Maria José Atienza-25 luglio 2022-Tempo di lettura: 3 minuti
javier viver

Foto: Javier Viver ©Lupe de la Vallina

Dalle sue mani sono nate immagini mariane come la Madre di Hakuna, la Bella Pastora di Iesu Communio, la moglie di Lot o l'Angelo Custode che, da qualche giorno, si può ammirare nella Puerta del Ángel di Madrid. Javier Viver è uno dei punti di riferimento del arte sacra contemporanea in Spagna, ma è anche un prolifico autore di opere non religiose, sia scultoree che fotografiche.

Il Bella Pastora di Javier Viver

Dallo scorso anno promuove, attraverso la Fundación Vía, la Osservatorio dell'invisibile. Una scuola estiva per studenti di diverse discipline artistiche che, per una settimana, si immergono in un'esperienza di arte e spiritualità nella cornice del Monastero di Guadalupe a Cáceres.

In questo contesto, Viver sottolinea in questa intervista con Omnes quello che per lui è il ruolo dell'artista nella società di oggi: "offrire un frammento di speranza, un pezzo di paradiso, alla società".

La prima esperienza dell'Osservatorio dell'Invisibile è stata un successo e questo ha portato all'ampliamento e alla continuazione del bando. Cosa definisce questa scuola estiva?

- La possibilità di condividere la creazione artistica con una grande diversità di artisti di tutte le discipline e di tutte le età. Oltre 100 partecipanti, tra cui artisti e studenti. 

Perché ha scelto l'ambientazione del Monastero di Guadalupe?

- Il monastero è un centro storico di spiritualità e creazione artistica di primo ordine. Con capolavori di Zurbarán, El Greco e Goya.

Parlare dell'invisibile, che l'arte è la via per la materializzazione dello spirito 

Può esistere l'arte inanimata?

- No, l'arte aspetta un'anima che la interpreti, che la riattivi. 

L'artista crea per se stesso o per lo spettatore?

- Dal mio punto di vista crea per uno spettatore, per un lettore. L'arte come fenomeno culturale ha senso solo per una società. Se non genera comunicazione, comunione, sarà qualsiasi altra cosa, ma non arte.

Le opere più importanti sono quelle che collegano e risvegliano la contemplazione di altre anime, della loro generazione e di quelle a venire. In questo senso la loro proiezione è senza tempo, il loro pubblico universale e illimitato. L'arte a lungo termine è il miglior investimento. 

Tra le sue opere a tema religioso più conosciute ci sono le immagini mariane della Bella Pastora o della Madre di Hakuna. Come immagina la Vergine?

- La Vergine Maria è la Chiesa nascente, la fanciulla di Nazareth che ha iniziato questa emozionante avventura che chiamiamo Chiesa. Prima la Chiesa domestica di Nazareth, poi la Chiesa gerarchica. Lei è la tradizione vivente della Chiesa, trasformata in storie domestiche che avrebbe poi raccontato ai discepoli di Gesù e che questi avrebbero trascritto nei vangeli e in altri scritti. Inoltre, Maria è l'iniziatrice della Via dell'Arte, via pulchritudinis.

Come le grandi donne della storia, è stata la grande narratrice domestica della storia della salvezza e la grande tessitrice. Fu la madre di Gesù e divenne la madre dei discepoli di Gesù. 

L'arte è stata identificata, forse romanticamente, con gli outsider, i pazzi o i visionari... C'è del vero in questa identificazione?

- L'arte è sempre al limite, in quella regione dove appare il mistero, ciò che non si vede, ciò che non si capisce, ciò che rompe con il politicamente corretto.  

In una società divisa tra continue rotture e nuovi schemi, qual è il ruolo dell'artista?

- Quella di rendere tutto nuovo e tutto vecchio. Quello di offrire un barlume di speranza alla sua società, un pezzo di paradiso, quello di rendere visibile l'invisibile. 

In collaborazione con
Volete notizie indipendenti, veritiere e pertinenti?

Caro lettore, Omnes riferisce con rigore e profondità sull'attualità religiosa. Facciamo un lavoro di inchiesta che permette al lettore di acquisire criteri sugli eventi e le storie che accadono in ambito cattolico e nella Chiesa. Abbiamo firme stellari e corrispondenti a Roma che ci aiutano a far emergere l'informazione di fondo dal rumore mediatico, con distanza ideologica e indipendenza.

Abbiamo bisogno di voi per affrontare le nuove sfide di un panorama mediatico in evoluzione e di una realtà che richiede riflessione, abbiamo bisogno del vostro sostegno.

In collaborazione con
Newsletter La Brújula Lasciateci la vostra e-mail e riceverete ogni settimana le ultime notizie curate con un punto di vista cattolico.