Mondo

Giorgio MarengoLa cosa più importante è la fedeltà al Signore".

Il futuro cardinale Giorgio Marengo, prefetto apostolico di Ulaanbaatar, capitale della Mongolia, guida una comunità che rappresenta 1% dei suoi concittadini. La chiave per la crescita della Chiesa in questo Paese di missione è, come egli sottolinea, l'accompagnamento dei convertiti e la coerenza di vita.

Federico Piana-23 luglio 2022-Tempo di lettura: 3 minuti
giorgio marengo

Il futuro Cardinale Marengo

"Pensare di nominare cardinale un vescovo che guida una Chiesa piccola e minoritaria è un grande gesto missionario". Padre Giorgio Marengo, prefetto apostolico di Ulaanbaatar, capitale della Mongolia, si trovava a Roma quando apprese, con sorpresa, della sua nomina a cardinale: "In quei giorni - racconta il missionario della Consolata - avevo accompagnato una delegazione di buddisti mongoli dal Santo Padre: era la prima volta che accadeva. Avevamo appena concluso questa bella e storica iniziativa di dialogo interreligioso quando, durante il Regina Colei di domenica 29 maggio, ho sentito il Pontefice chiamare il mio nome. In quel momento sono stato sopraffatto da una gioia fortissima e da un sentimento di profonda gratitudine e umiltà.

La Chiesa guidata da monsignor Marengo nel Paese dell'Asia orientale è molto piccola: 1.400 fedeli su poco più di tre milioni di abitanti, otto parrocchie e una chiesa pubblica non ancora riconosciuta come parrocchia.

"Qui la maggioranza della popolazione è di fede buddista, mentre i cattolici sono meno dell'1%. Diverso è il discorso per i cristiani protestanti - evangelici e pentecostali - che sono più numerosi dei cattolici", aggiunge Mons. Marengo.

Qual è l'opera di evangelizzazione della Chiesa cattolica in Mongolia?

- Rispondo con un'immagine poetica presa in prestito da un grande pastore salesiano, l'arcivescovo emerito indiano Thomas Menamparampil: cerchiamo di sussurrare il Vangelo al cuore della Mongolia. È un'espressione che parla del nostro impegno per una testimonianza costante del Vangelo: un annuncio discreto, non rumoroso.

Le 70% nostre attività sono opere di promozione umana: istruzione, salute, assistenza alle persone in difficoltà, ma anche conservazione della cultura mongola.

Poi, naturalmente, c'è la celebrazione dei sacramenti. La Chiesa è impegnata su molti fronti e cerca di avere come atteggiamento di base il desiderio di condividere la gioia del Vangelo in modo umile ma profondo.

giorgio marengo

Quest'anno ricorre il trentesimo anniversario della rinascita della Chiesa in Mongolia e del stabilimento del delle relazioni diplomatiche tra il Paese e la Santa Sede. In breve, cosa si può dire di questo trentesimo anniversario?

- Trent'anni non sono pochi, ma non sono nemmeno tanti. Tuttavia, è stato un periodo cospicuo in cui la Chiesa ha potuto presentarsi e mettere radici. Se oggi abbiamo nove comunità cattoliche nella zona, è segno che il Vangelo è stato accolto e viene vissuto nella pratica.

All'inizio, è stato un periodo segnato dal pionierismo in una nazione che ha visto improvvisamente crollare un regime caratterizzato dal comunismo e dall'ateismo di Stato e cadere in una fase di disorientamento e povertà. È in questo preciso momento storico che arrivarono i primi tre missionari, tra cui monsignor Wenceslao Selga Padilla, primo prefetto apostolico di Ulaanbaatar. Hanno iniziato a realizzare progetti concreti di amicizia e solidarietà, con l'obiettivo di creare relazioni di fiducia che durassero nel tempo.

 Ma cosa riserva il futuro alla Chiesa in Mongolia?

- C'è ancora molto da fare. Questo primo nucleo emergente di vita cristiana ha ancora bisogno di molte cure per continuare a crescere e per poter ottenere una dimensione missionaria all'interno del nostro Paese che sia il segno della sua evangelizzazione.

In questo senso, una delle sfide principali sarà quella della profondità: accompagnare chi è diventato cristiano permettendo alla fede di raggiungere le profondità della persona e, di conseguenza, della società stessa. Tuttavia, come dice il Papa, i piani e le strategie pastorali vanno bene, ma ciò che conta di più è la fedeltà al Signore praticata in una vita cristiana coerente.

La Prefettura apostolica di Ulaanbaatar, unica chiesa in tutta la Mongolia, è stata recentemente inclusa come membro della neonata Conferenza episcopale dell'Asia centrale. Come vede questa decisione?

- Prima di questa decisione, la nostra Chiesa locale non faceva parte di alcuna Conferenza episcopale. Il mio predecessore, il vescovo Wenceslao Selga Padilla, ha fatto riferimento, a titolo personale, alla Conferenza episcopale della Corea del Sud, con la quale continuiamo a mantenere ottimi rapporti anche oggi. Con il passare del tempo, e nella prospettiva sinodale tanto cara a Papa Francesco, è sembrato opportuno individuare un'assemblea più vicina a cui aderire per esercitare la collegialità in modo più concreto.

Come la Provvidenza ha voluto, nell'autunno dell'anno scorso il Conferenza episcopale dell'Asia centralel, a cui aderiamo con pieno accordo. Questa elezione è per noi un vero arricchimento perché, come per tutti i pastori delle Chiese locali, è bene avere un punto di riferimento collegiale.

L'autoreFederico Piana

 Giornalista. Lavora per la Radio Vaticana e collabora con L'Osservatore Romano.

In collaborazione con
Volete notizie indipendenti, veritiere e pertinenti?

Caro lettore, Omnes riferisce con rigore e profondità sull'attualità religiosa. Facciamo un lavoro di inchiesta che permette al lettore di acquisire criteri sugli eventi e le storie che accadono in ambito cattolico e nella Chiesa. Abbiamo firme stellari e corrispondenti a Roma che ci aiutano a far emergere l'informazione di fondo dal rumore mediatico, con distanza ideologica e indipendenza.

Abbiamo bisogno di voi per affrontare le nuove sfide di un panorama mediatico in evoluzione e di una realtà che richiede riflessione, abbiamo bisogno del vostro sostegno.

In collaborazione con
Newsletter La Brújula Lasciateci la vostra e-mail e riceverete ogni settimana le ultime notizie curate con un punto di vista cattolico.