Mondo

Il cardinale Erdő: "La Chiesa cattolica ha una sua identità, al di là del nazionalismo".

Il cardinale Péter Erdő, arcivescovo di Esztergom-Budapest e primate d'Ungheria, dà il benvenuto a Omnes in occasione del Congresso eucaristico internazionale e della visita del Santo Padre a Budapest nel settembre 2021.

Alfonso Riobó-2 agosto 2021-Tempo di lettura: 8 minuti
Il cardinale Erdo

Fotografie: ©2021 Omnes.

Con generosa disponibilità, il cardinale Péter Erdő, arcivescovo di Esztergom-Budapest, ha ricevuto Omnes durante le sue vacanze estive in una casa situata nei boschi che circondano il monte Gerecse, non lontano da Esztergom, e costruita negli anni '30 dal suo predecessore cardinale Serédy. 

La conversazione è durata diverse ore. Il tema immediato è il prossimo Congresso Eucaristico Internazionale di settembre, con la presenza del Santo Padre, ma comprende anche argomenti come la situazione della Chiesa in Ungheria, i dibattiti in Europa sui valori cristiani o la figura emblematica del cardinale József Mindszenty.

Pubblichiamo ora la prima parte della conversazione. Tra qualche giorno pubblicheremo la seconda parte della conversazione.

Il 12 settembre il Papa sarà a Budapest per il Congresso Eucaristico Internazionale. Può commentare i dettagli del programma?

Per riassumere a grandi linee il programma, sappiamo che il Papa arriverà di buon mattino domenica 12 settembre, per chiudere il Congresso Eucaristico Internazionale con una Santa Messa in Piazza degli Eroi. Prima, al Museo di Belle Arti, incontrerà il Presidente della Repubblica János Áder e il Primo Ministro Viktor Orbán. 

Successivamente incontrerà l'intera Conferenza episcopale. Saluterà personalmente ciascuno dei vescovi e si rivolgerà loro. In seguito incontrerà anche i rappresentanti del Consiglio ecumenico delle Chiese in Ungheria e le più importanti comunità religiose ebraiche. Li cito al plurale, perché l'ebraismo è rappresentato in Ungheria da diverse correnti. Alla Messa sono invitati anche i rappresentanti delle altre comunità religiose, molto numerose in Ungheria. Per quanto riguarda i rappresentanti ecumenici, non sappiamo ancora con precisione quanti parteciperanno.

Come sapete, questo Congresso avrebbe dovuto tenersi nel 2020, ma la pandemia ha costretto a rinviarlo. Posso ora sottolineare la presenza al Congresso dell'arcivescovo di Quito e di una decina di vescovi dell'Ecuador, dove si svolgerà il prossimo Congresso nel 2024. Vi aspettiamo con affetto.

Programma del Papa in Ungheria, domenica 12 settembre 2021

    06:00 Partenza da Roma per Budapest
    07:45 Arrivo a Budapest e ricevimento ufficiale
    08:45 Incontro con il Presidente della Repubblica e il Primo Ministro, presso il Museo di Belle Arti di Budapest
    09:15 Incontro con i vescovi
    10:00 Incontro con i rappresentanti del Consiglio ecumenico delle Chiese e di alcune comunità ebraiche.
    Ore 11:30 Santa Messa in Piazza degli Eroi
    14:30 Cerimonia di saluto in aeroporto e partenza per Bratislava

Come si stanno preparando i cattolici ungheresi?

Si stanno preparando spiritualmente in molti modi. Ci sono diverse attività e convocazioni con forza simbolica, alcune delle quali sono persino legate personalmente al Papa. Mi riferisco, ad esempio, al viaggio che la Croce Missionaria sta compiendo in tutto il bacino dei Carpazi, sia in Ungheria che nei Paesi limitrofi.

Per i credenti, ungheresi e non, questa croce ha un significato importante, perché contiene le reliquie dei santi martiri della nostra regione. Papa Francesco l'ha benedetta nel novembre 2017 nel Palazzo Apostolico. Non è stato facile portarlo lì, perché è alto tre metri e venti centimetri. È molto ben decorata e piena di simbolismi. È opera di Csaba Ozsvári, un ottimo artista ungherese, profondo credente. 

Particolare della Croce Missionaria dell'artista ungherese Csaba Ozsvári.

La Croce viene trasportata in un itinerario missionario e, ovunque arrivi, vengono organizzati incontri di preghiera e conferenze sulla vita dei santi le cui reliquie sono incise su di essa. Tra loro ci sono santi molto antichi, come San Martino di Tours, nato in Pannonia, e altri santi dell'epoca della cristianizzazione di queste terre, da Sant'Adalberto a Santo Stefano, oltre ai nuovi martiri del XX secolo, che sono molti. Ad esempio, contiene le reliquie dei sette vescovi martiri che Papa Francesco ha beatificato in Romania nel 2019, o del beato Zoltán Meszlényi, che fu vescovo ausiliare della nostra arcidiocesi, prima sotto il cardinale Seredy e poi sotto il cardinale Mindszenty, e che morì in carcere nel 1951; o di suor Sára Salkaházi. Questa suora fu assassinata alla fine del 1944 sulle rive del Danubio, per aver nascosto un gruppo di donne ebree nel suo convento di Budapest, insieme alle persone che aveva aiutato. 

La Croce Missionaria ha un significato importante, perché su di essa sono collocate le reliquie dei santi martiri della nostra regione.

Il cardinale Péter ErdőArcivescovo di Esztergom-Budapest

Nella misura in cui alcuni si sono conservati - cosa non facile nel caso di alcuni martiri moderni - le reliquie di tutte queste persone sono su quella Croce. Come riferimento per la missione, quindi, è molto importante.

Non molto tempo fa sono stato a Zreñanin, in Serbia, dove la Croce era esposta nella cattedrale; e più recentemente a Bácsfa-Szentantal, un luogo in Slovacchia dove c'era un raduno festivo degli ungheresi che vivono lì, dove la Croce era anch'essa esposta. C'erano alcuni computer a disposizione delle persone per iscriversi al Congresso Eucaristico e l'interesse era notevole.

La visita del Papa è "un segno di speranza" per l'Ungheria, ha detto. In che senso?

Nell'ultimo anno e mezzo è stato impossibile organizzare grandi riunioni religiose. Il fatto che ora abbiamo l'opportunità di partecipare in gran numero alla celebrazione eucaristica durante il Congresso è di per sé una grande festa.

I fedeli hanno già fame di Eucaristia. Lo abbiamo visto in vari modi. Grazie a Dio, quando ho ordinato nuovi sacerdoti e diaconi a Esztergom nel giugno di quest'anno, la basilica era piena. Ciò significa che le persone vogliono festeggiare insieme. Essi percepiscono bene la differenza tra una Messa trasmessa online e la partecipazione reale alla Messa. Naturalmente, durante la pandemia abbiamo esaminato la possibilità di trasmissioni via web, e quasi tutte le parrocchie le hanno organizzate, ma ora che possiamo di nuovo andare liberamente a Messa, raccomandiamo che le Messe e altri programmi religiosi non vengano più trasmessi. 

Tuttavia, abbiamo imparato molto su questo punto.

Il fatto che abbiamo già l'opportunità di partecipare in gran numero alla celebrazione eucaristica durante il Congresso è di per sé una grande festa. I fedeli hanno già fame di Eucaristia.

Il cardinale Péter ErdőArcivescovo di Esztergom-Budapest

Già nel 1938 si tenne a Budapest un Congresso Eucaristico... 

Il Congresso eucaristico internazionale del 1938 fu un evento drammatico. Abbiamo conservato l'inno del Congresso, una canzone che divenne ben nota e fu cantata in ogni chiesa. Nel 2019, alla Messa con il Papa a Mercurea Ciuc (Csíksomlyó, Romania), una folla di centinaia di migliaia di persone l'ha cantata durante la Messa, conoscendo a memoria tutte le righe del testo. In altre parole, la memoria era rimasta nella comunità dei credenti. 

Qual è stata la grande forza di quell'anno? L'ultima frase dell'inno era una preghiera affinché Dio unisse tutti i popoli e le nazioni della terra nella pace. E questo già alla vigilia della Seconda Guerra Mondiale. Tanto che la Germania e l'Austria non potevano venire, perché Hitler aveva espressamente vietato la partecipazione. Gli ungheresi sapevano che molti cattolici avrebbero voluto venire ma non potevano. La Chiesa cattolica ha una propria identità, ben visibile al di là del nazionalismo. La centralità dell'Eucaristia era molto sottolineata e si poteva contare sulla simpatia e su una certa partecipazione degli altri cristiani del Paese. In questo senso, il Congresso del 1938 fu un evento unificante.

Manifesti preparatori del Congresso eucaristico internazionale all'ingresso della Cattedrale di Budapest. ©2021 Omnes.

Il motto del Congresso di settembre è tratto dal Salmo 87: "Tutte le mie fonti sono in te". Cosa indica?

Il Salmo 87 sottolinea la centralità dell'Eucaristia. Il Concilio Vaticano II ha sottolineato che la liturgia in generale, e in primo luogo l'Eucaristia, è "fons et culmen", fonte e culmine della missione della Chiesa e di tutta la vita cristiana. 

Il canto del Salmo 87 parla di Gerusalemme. Quando un cristiano legge questo testo, pensa senza dubbio alla Gerusalemme celeste, per cui l'intero testo assume un significato escatologico. Dice anche letteralmente che tutti i popoli vi convergeranno, anche quelli che sono nemici tra loro. Tutti diranno: "Anche noi siamo nati lì", e pieni di gioia canteranno e danzeranno insieme, proclamando: "Tutte le mie sorgenti sono in te". In altre parole, la grazia divina, l'Eucaristia, è la fonte della vita e della riconciliazione per tutti i popoli. In questo senso, la citazione del Salmo 87 ha un senso di attualità e un significato escatologico.

E come ricevono il Papa i non cattolici?

Direi positivamente. Lo dimostrano le numerose lettere che ho ricevuto. Tutti vogliono che il Papa visiti la loro casa, la loro chiesa, il loro evento, da qualche parte nel Paese. Naturalmente non è possibile per lui andare dappertutto, ma c'è interesse e desiderio di incontrarsi.

Parliamo dell'Ungheria che ospita il Papa. Nel Paese sembra esserci una religiosità concreta, ma anche una diffusa secolarizzazione: è così?

Negli ultimi decenni, i vescovi della nostra regione hanno riflettuto molte volte e, tra le altre cose, ci siamo posti la domanda su come la secolarizzazione si presenta qui. Siamo giunti alla conclusione che non si tratta solo di un fenomeno come la secolarizzazione in Occidente, ma che ha forme proprie. Naturalmente, la società dei consumi e dello spettacolo era presente anche qui, così come un allontanamento dal mondo religioso, ma allo stesso tempo c'erano manifestazioni tipiche dell'era comunista. Questa specifica secolarizzazione è stata forte negli ex Paesi socialisti dell'Europa centrale e ancor più nell'Unione Sovietica. 

È un approccio umano diverso, molto piatto, molto orizzontale, ma senza grandi ideologie. Più che una corrente di pensiero, ciò che condizionava molti era la superficialità materialistica. A questo approccio si è aggiunta la possibilità di consumare e l'ideologia ufficiale di Stato marxista-leninista è decaduta. Chi non aveva una forte convinzione ideologica personale - poiché averla è sempre stato un privilegio di pochi - e chi non era personalmente religioso, cadeva in un vuoto etico e ideologico.

La secolarizzazione in Ungheria non è uguale a quella occidentale, ma ha forme proprie, con manifestazioni tipiche dell'epoca comunista. È un approccio umano diverso, molto piatto, molto orizzontale, ma senza grandi ideologie. Più che una corrente di pensiero, ciò che condizionava molti era la superficialità materialista.

Il cardinale Péter ErdőArcivescovo di Esztergom-Budapest

La conseguenza è stata che queste società hanno iniziato a criminalizzare. Quando non ci sono valori, non c'è una norma interiore e anche le norme esterne sono traballanti, e vogliamo vivere meglio sulla base dei beni materiali, cerchiamo di raggiungere questo obiettivo. In tutti questi Paesi la classe politica si è resa conto di dover fare qualcosa, e a tal fine ha deciso di tornare a sostenere le tradizioni dei diversi popoli, comprese quelle religiose. Si trattava di un ritorno all'ortodossia in Russia o in Romania, ad esempio, o ad altre religioni, nonché alle tradizioni e ai valori nazionali. Certo, anche i Paesi occidentali e i loro media hanno promosso con forza i sentimenti nazionali nel mondo comunista, perché pensavano che ciò avrebbe indebolito l'internazionalismo comunista. 

Il cardinale Erdő ha ricevuto Omnes in una casa risalente agli anni '30, costruita dal suo predecessore cardinale Serédy. ©2021 Omnes.

Dopo la caduta del comunismo, invece, si sono sentite altre voci dall'Occidente che dicevano: la religione, i valori, le tradizioni culturali... non interessano. Non tutti i popoli lo accettarono allo stesso modo e ci furono delle difficoltà. Ma è chiaro che in questi Paesi, soprattutto a est, ma anche nella nostra regione, la religione aveva un significato diverso da quello che aveva nel mondo occidentale.

La società ungherese è oggi fortemente secolarizzata, anche se forse meno che nella Repubblica Ceca o nell'ex Repubblica Democratica Tedesca. Le statistiche sulla ricezione dei sacramenti mostrano oggi cifre simili a quelle della metà degli anni Ottanta. La grande differenza è che oggi tutte le chiese, tutte le religioni, sono molto più forti a livello istituzionale. Sono state restituite loro diverse istituzioni, scuole, case di riposo, ecc. Ma questo ha richiesto molto lavoro ed è stata una grande sfida per noi. Nonostante tutti gli sforzi compiuti per il bene delle anime, non siamo riusciti a ottenere visibilmente (i frutti non possono essere misurati statisticamente) molto più di prima. È stato necessario assumerli a causa di un cambiamento delle strutture che non è stato deciso da noi, ma è stato determinato dalla politica dei diversi Paesi. In quella situazione, non potevamo desiderare ciò che pensavamo fosse meglio. 

Tuttavia, dobbiamo continuare a lavorare per raggiungere lo stesso obiettivo. Nel frattempo, naturalmente, la concorrenza è cresciuta nell'ambito della libertà religiosa.

In collaborazione con
Volete notizie indipendenti, veritiere e pertinenti?

Caro lettore, Omnes riferisce con rigore e profondità sull'attualità religiosa. Facciamo un lavoro di inchiesta che permette al lettore di acquisire criteri sugli eventi e le storie che accadono in ambito cattolico e nella Chiesa. Abbiamo firme stellari e corrispondenti a Roma che ci aiutano a far emergere l'informazione di fondo dal rumore mediatico, con distanza ideologica e indipendenza.

Abbiamo bisogno di voi per affrontare le nuove sfide di un panorama mediatico in evoluzione e di una realtà che richiede riflessione, abbiamo bisogno del vostro sostegno.

In collaborazione con
Per saperne di più su Omnes
Newsletter La Brújula Lasciateci la vostra e-mail e riceverete ogni settimana le ultime notizie curate con un punto di vista cattolico.