Attualità

Incontri tra giovani e anziani. Collegare le generazioni

Quanti giovani oggi credono che gli anziani abbiano qualcosa di significativo da apportare alla loro vita? I problemi ora sono diversi, il mondo si muove molto velocemente... Il progetto Collegare le generazioniIl progetto, che fa capo alla diocesi di Orense, ha aiutato i giovani a scoprire l'immensa ricchezza che le esperienze degli anziani possono apportare alla loro vita.

Arsenio Fernández de Mesa-4 aprile 2020-Tempo di lettura: 5 minuti
Collegare le generazioni

Gli anziani sono spesso considerati con rispetto ma con una certa distanza, come se fossero una reliquia dei tempi passati che torna dal passato e non ha nulla da dire alla società di oggi. Ebbene, il progetto Collegare le generazionidella diocesi di Orense e cofinanziato dalla Xunta de Galicia e il Amici della Fondazione BarrieraL'obiettivo del progetto è quello di realizzare una serie di incontri tra adolescenti e adulti per costruire legami di relazione e di affetto basati sull'esperienza. 

Questa iniziativa, che ha appena celebrato la sua terza edizione, offre agli studenti degli ultimi anni dell'ESO (Istruzione Secondaria) e del Baccalaureato l'opportunità di un volontariato sociale che li arricchisce come persone. Per gli anziani, invece, offre l'opportunità di essere ascoltati e valorizzati contribuendo con la cosa più preziosa che hanno, ovvero la loro esperienza di vita. 

In questi incontri le parole non vengono portate via dal vento, perché con le storie raccontate i ragazzi si occupano di mettere insieme un libro che raccoglie gli aspetti biografici di cui sono stati resi partecipi. Un libro che per questi adolescenti travolge i loro orizzonti a volte ristretti e li mette in contatto con valori umani profondi che li arricchiscono.

Partecipanti

Il primo compito consiste nel selezionare gli studenti. Per trovare i partecipanti, viene indetto un concorso pubblico, invitando le scuole a proporlo agli alunni del 3° e 4° anno dell'ESO e del 1° anno del Bachillerato che siano disposti a trascorrere alcuni giorni come volontari sociali e che abbiano determinate competenze letterarie. Viene selezionato anche il gruppo di anziani, che va dagli immigrati ai residenti di una casa di riposo, oltre ai nonni degli stessi alunni. L'intenzione degli organizzatori del progetto è che nella prossima edizione i protagonisti siano sacerdoti anziani. 

Affinché l'attività raggiunga i risultati attesi, viene posto un limite alla partecipazione, in modo da gestire gruppi di dieci-venti giovani e dieci-venti anziani. Una volta effettuata la selezione, i ragazzi vengono formati in laboratori rigorosi e ben preparati, che includono nozioni di volontariato sociale - insegnando loro ad ascoltare o a fare domande - e aspetti letterari, che comprendono la spiegazione di come scrivere una biografia, le diverse prospettive di approccio alla storia della vita di una persona, come strutturare i diversi tempi o come coinvolgere se stessi nella narrazione.

Negli incontri con i bambini più grandi, con una merenda intermedia, si presta particolare attenzione affinché tutti siano a proprio agio e felici. L'obiettivo non è renderlo un progetto meccanico, ma un'esperienza indimenticabile, un incontro che distrugge ogni possibile pregiudizio iniziale degli adolescenti nei confronti dei più grandi e facilita l'apertura di questi ultimi a ricevere i valori di cui i loro predecessori sono custodi. Dopo aver tenuto i laboratori e aver stabilito i primi contatti, viene effettuato un sorteggio, in stile FIFA, in cui ogni giovane viene abbinato a una persona anziana. Da quel momento iniziano le giornate di incontri e di esperienze di scrittura. 

Alla fine, i testi originali presentati dagli alunni vengono plasmati, tutto viene raccolto in fotografie e filmati e viene pubblicato un libro con tutte le biografie, le fotografie di ciascuno dei biografi e delle biografe e persino, in alcune occasioni, le illustrazioni prodotte dai ragazzi stessi. Nell'atto finale, in cui sono presenti le famiglie dei giovani e dei più grandi, viene presentato il risultato del lavoro e viene consegnato il libro a ciascuno, con un momento di condivisione di alcune esperienze.

Esempi che hanno un impatto

"Il nostro obiettivo è quello di concentrarci sull'intenzione esemplare, perché vogliamo che sia una strada da percorrere, sottolineando e rendendo visibile l'importanza di contare sugli anziani e di valorizzarli".José Manuel Domínguez Prieto, direttore della Istituto per la famiglia della diocesi di Orense. "Gli anziani non sono un ostacolo, ma una ricca fonte di cultura e saggezza".dice. 

L'esperienza di queste tre edizioni è che gli anziani si sono sentiti molto onorati e felici, mentre i giovani hanno sperimentato un forte impatto emotivo e personale. "È emozionante vedere le sessioni in cui le persone si incontrano".dice uno dei partecipanti al progetto, "I giovani si aprono a una vasta gamma di esperienze di vita, ascoltando le avventure dalla viva voce del protagonista, e gli anziani si commuovono sentendo che hanno molto da contribuire alla società di oggi".

Il successo di Collegare le generazioni ha portato a replicare l'iniziativa nelle altre diocesi della Galizia, cercando di creare legami straordinari attraverso incontri di qualità tra gruppi di persone così distanti per età.

Storie di cemento

Coloro che in un modo o nell'altro fanno parte di questo progetto sottolineano che la cosa più bella ed emozionante sono le storie concrete che nascono grazie a questi incontri. Storie che svelano un'intimità che non si sospettava nemmeno. Storie che cambiano la vita o che, almeno, ci fanno riflettere su ciò che è essenziale e ciò che è accessorio. A titolo di esempio, ecco un riferimento a due belle storie dell'arricchimento che questo tipo di contatto più profondo e intimo con una persona anziana può portare a un giovane. 

Una di queste persone era un immigrato, docente universitario in Venezuela e figura culturale molto importante, sposato e con figli. Doveva andare in Galizia assolutamente sola e povera, già vedova, dipendente dalla Caritas e con la sua vita e i suoi amici in Venezuela, così lontano, da non poter partire. Nonostante ciò, vive felicemente nella sua situazione, con una gioia contagiosa grazie alla sua fede cristiana. Questa gioia in mezzo alla sua precaria situazione di vita ha scioccato il suo intervistatore. "Per un giovane spagnolo, che vive con tutta la stabilità garantita da un sistema educativo e sanitario, scoprire l'esperienza di aver avuto tutto e aver perso tutto è qualcosa di eccitante e tremendo, che ti fa pensare due volte".afferma Domínguez Prieto. Il giovane che ebbe la fortuna di incontrare questa donna anziana finì per piangere a dirotto e non riuscì a scrivere nulla il primo giorno.

Un altro giovane, studente della maturità scientifica, molto reticente a questi incontri, è riuscito a entrare nell'intimità di un pensionato che gli ha aperto orizzonti insospettati. È venuto su invito della scuola, ma senza particolare entusiasmo. Quello che non sapeva è che la persona che aveva intervistato era, fino al suo pensionamento, una delle massime autorità mondiali nel campo della fisica nucleare, una persona molto semplice ma che aveva avviato importanti progetti nucleari in tutta Europa. Ora è un umile pensionato che si prende cura della moglie malata di Alzheimer. Quando il giovane ha scoperto chi era questo vecchio che, con una tale autorità mondiale, si dedicava alla cura della moglie e trovava in questo la sua felicità, ha subito un impatto vocazionale spettacolare che lo ha condizionato in modo definitivo. 

Gli anziani hanno molto da dire a questa società, anche se nella nostra fretta, nella nostra superficialità e nella nostra cultura tecnologica spesso trascuriamo la bellezza dell'incontro faccia a faccia con qualcuno, senza schermi in mezzo, che ha qualcosa da dirci per arricchire la nostra vita. Iniziative come Collegare le generazioni mostrare ai giovani quanto la condivisione dell'intimità con persone che hanno vissuto tante esperienze possa essere un grande arricchimento per la loro vita.

L'autoreArsenio Fernández de Mesa

In collaborazione con
Volete notizie indipendenti, veritiere e pertinenti?

Caro lettore, Omnes riferisce con rigore e profondità sull'attualità religiosa. Facciamo un lavoro di inchiesta che permette al lettore di acquisire criteri sugli eventi e le storie che accadono in ambito cattolico e nella Chiesa. Abbiamo firme stellari e corrispondenti a Roma che ci aiutano a far emergere l'informazione di fondo dal rumore mediatico, con distanza ideologica e indipendenza.

Abbiamo bisogno di voi per affrontare le nuove sfide di un panorama mediatico in evoluzione e di una realtà che richiede riflessione, abbiamo bisogno del vostro sostegno.

In collaborazione con
Newsletter La Brújula Lasciateci la vostra e-mail e riceverete ogni settimana le ultime notizie curate con un punto di vista cattolico.